Obiettivi

Lesedauer 3 Minuten

Avere obiettivi è importante. Nella vita ci poniamo sempre nuovi obiettivi, grandi e piccoli. Laurea, lavoro, iniziare una famiglia, obiettivi sportivi, costruire una casa o un appartamento – comprare – affittare, scalare una montagna, mangiare in modo sano ecc. Non importa quale sia, stabilire obiettivi in ​​tutte le aree della nostra vita ci dà orientamento e direzione. Dove voglio andare? Cosa voglio ottenere? L’obiettivo è la guida. Concentrarsi su un obiettivo mi aiuta a non distrarmi, a rimanere sintonizzato e a fare tutto il possibile per raggiungerlo.

Soprattutto, mi motiva ad avere un obiettivo in vista, perché poi so esattamente perché sto facendo qualcosa. Se uno studente ha fissato l’obiettivo di apprendere una determinata professione, sa perché deve andare a scuola e imparare ogni giorno. Se un athleta si è prefissato l’obiettivo di correre una maratona, sa perché deve allenarsi duramente. Se intendo essere in forma , so perché dovrei cambiare la mia dieta e muovermi.

Un chiaro obiettivo in mente ci aiuta a percorrere il sentiero. Questo ci facilita il superamento di difficoltà e ostacoli, la nostra motivazione è maggiore, agiamo in modo orientato agli obiettivi. I desideri e i sogni aumentano la nostra gioia di vivere, la mancanza di meta spesso porta all’insoddisfazione.

Oltre agli obiettivi mondani che l’uomo pone, esiste tuttavia un obiettivo più elevato, un obiettivo imperituro. Dio Padre, il nostro Creatore ci dà questo obiettivo. Ogni persona è creata da Dio e ha uno scopo dato da Dio, uno scopo specifico. Dio ci ha creati a sua somiglianza e Dio è essenzialmente una relazione. Dio è padre, figlio e spirito santo, legati l’uno all’altro. Ecco perche le persone sono fatte per le relazioni.

“Ancora prima della creazione del mondo , Dio ci ha fatto per amore per essere santi davanti a lui e ci ha liberati dalla colpa. Fin dall’inizio era il suo piano immutabile di accoglierci attraverso Gesù Cristo come suoi figli, e aveva una grande gioia in questa decisione ”Efesini 1: 4

L’obiettivo è la comunione con Dio, ecco perché siamo nel mondo. Il peccato ha causato la separazione da Dio. Peccato significa anche perdere l’obiettivo. L’uomo si allontanò da Dio e andò per la sua strada, perseguendo i propri obiettivi invece di vivere nel suo destino divino. Attraverso Gesù, che accettammo il peccato per noi umani e lo pagammo con la morte sulla croce, ognuno ha l’opportunità di riconciliarsi con Dio e di andare verso l’obiettivo della comunione con Dio. Paolo descrive questo obiettivo nei Filippesi:

“Mi è chiaro che non ho ancora raggiunto tutto questo e che non ci sono ancora. Ma faccio tutto il possibile per prenderlo perché sono toccato da Gesù Cristo. Come ho detto, miei cari fratelli e sorelle, so esattamente: non ho ancora raggiunto il mio obiettivo. Ma una cosa è certa: voglio dimenticare cosa c’è dietro di me e guardare l’obiettivo davanti a me. Corro con tutte le mie forze per vincere il prezzo della vittoria, la vita nella gloria di Dio. Perché Dio ci ha chiamato a fare questo tramite Gesù Cristo ”. Filippesi 3,12-14

Dio diede a Paolo un nuovo obiettivo nella sua vita: una vita nella presenza amorevole di Dio. Questo gli ha permesso di riallineare la sua vita e vivere per la gloria di Dio.

” Con (Gesù) Cristo l’obiettivo raggiunto dalla legge è stato raggiunto: tutti coloro che credono in lui sono dichiarati giusti. “(La Bibbia, Romani 10: 4)

E così posso impostare le mie priorità. Riallineare i miei obiettivi. Dove voglio andare, a cosa mi oriento? Tengo rivilti gli occhi su Gesù e toglio tutto ciò che mi distrae dal mio obiettivo. Vivere per lóbiettivo per il quale sono stato creata , riempie il mio cuore di una gioia interiore che nessuno può togliere da me e che non dipende da circostanze esterne,

“Rallegrati sempre di appartenere al Signore. E ancora una volta voglio dirlo: rallegrati! “Filippesi 4: 4

e con una pace che il mondo non conosce.

“La pace di Dio, che supera ogni nostra comprensione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti perché siete connessi con Gesù Cristo” Filippesi 4: 7

Dio scrive diritto su linee storte

Lesedauer 7 Minuten

Sappiamo, tuttavia, che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio, coloro che sono chiamati dopo la Sua decisione sono Romani 8:28


Soprattutto in situazioni difficili, spesso non sappiamo quale sia il piano di Dio per la nostra vita. Non capiamo il perché o il come, ma possiamo sapere che ci guida. Possiamo fidarci che Dio conosce la situazione e vede il tutto. Vediamo solo la piccola parte in cui ci troviamo. Dio vede oltre e ha una visione d’insieme.

Corrie ten Boom: “La nostra vita è come un enorme tappeto. È costantemente tessuto e lavorato. Colori e fili sono uniti in uno schema. Tuttavia, il problema è che vediamo questo tappeto solo da dietro. E non sta bene lì. I colori spesso non corrispondono, il modello non sembra essere giusto, ci sono alcuni nodi e fili appesi ovunque. Un tappeto da dietro: nessuno avrebbe messo una copia del genere nell’appartamento.
Fino al nostro limite di morte, possiamo solo vedere il nostro tappeto della vita da dietro. Ma poi, alla luce dell’eternità, diventa visibile al contrario. E all’improvviso cade dai nostri occhi come squame: è uno schema colorato, meravigliosamente sensibile. La schiena potrebbe averci confuso così tanto. All’improvviso, abbiamo un tutto che ha un senso “.

Per coloro che amano Dio, tutto funziona per il bene. Penso che amare Dio significhi voltarsi, venire alla sua presenza, fidarsi di lui, essere guidato da lui, vivere in connessione con lui. La fede riguarda una relazione con Dio. Ecco perché siamo stati creati, l’amicizia con Dio è il nostro destino principale. Possiamo amare Dio perché ci ha amato per primo. Il suo amore è mostrato in Gesù, che ha accettato la nostra colpa e ci ha dato il perdono per grazia e si è riconciliato con Dio. Se accettiamo questo dono per noi stessi, ameremo Dio con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra anima, con tutta la nostra mente e con tutte le nostre forze.

Senza sperimentare il suo amore, la nostra fede diventa una religione. Quindi si tratta solo di osservare i comandamenti e le regole per elaborare l’amore di Dio.

Non possiamo fare questo incontro con Dio noi stessi, ma possiamo cercarlo, chiederlo e prenderci del tempo nella vita di tutti i giorni per venire alla sua presenza.

Se mi cerchi, mi troverai; si, se mi chiedi sinceramente e con tutto il cuore, ti lascerò trovarmi “, dice Geremia 29, 13-14

Posso solo piegare le ginocchia davanti a Dio, al Padre, al Padre di tutto ciò che è nei cieli e sulla terra. Prego che ti dia la forza della sua grande ricchezza per diventare forte internamente attraverso il suo spirito. E prego che Cristo viva sempre di più nei vostri cuori attraverso la fede e che sia saldamente radicato nell’amore di Dio. Quindi puoi vedere l’intera estensione del suo amore con tutti i credenti. E puoi anche vedere l’amore che Cristo ha per noi; un amore più grande di quanto tu possa mai capire (Efesini 3: 14-19)

Ognuno ha le proprie opportunità ed esperienze, che li aiuta a concentrarsi su Dio.

Per me la fede non ha nulla a che fare con l’osservanza delle regole, la coltivazione di tradizioni e doveri religiosi, piuttosto è una relazione con Dio, il padre. Non ho a che fare con un dio che mi guarda in lontananza in cielo o che frequento una volta alla settimana in adorazione. L’ho vissuto come un Dio vivente che vive nel mio cuore ed è con me ogni giorno, in ogni situazione di tutti i giorni. Un Dio che mi ama incondizionatamente, che mi ha guarito e mi ha liberato da ogni colpa.

Ogni relazione ha bisogno di cure e nutrimento per sopravvivere. Non è diverso nel rapporto con Dio. Ogni giorno prendo nuove decisioni per vivere la relazione e crescere in essa. Vorrei condividere con voi alcuni punti che mi aiutano a coltivare e rafforzare la mia fede.

Tempo tranquillo con Dio e preghiera: dedico una certa quantità di tempo al giorno in cui posso essere indisturbato e leggere la Bibbia e pregare. Dio mi parla attraverso la sua parola e riempie i miei pensieri di amore e verità.

“Proprio come la pioggia e la neve cadono dal cielo e non ritornano lì, ma idratano la terra e la rendono fertile e lascia che cresca seminando e mangiando pane, così la parola che viene dalla mia bocca dovrebbe anche: non tornerà vuoto a me, ma farà quello che mi piace e riuscirà in quello a cui lo mando. Perché dovresti uscire con gioia ed essere guidato in pace ”. Isaia 55.10
Cammina con Gesù:

Sperimento particolarmente la presenza di Dio nella natura e nella creazione. Sono stupito dalla diversità e dalla bellezza che Dio ha creato e si è fermato. La creazione testimonia la gloria di Dio.

Lode: la lode è un’ottima opportunità per me di venire alla presenza di Dio. La lode non è solo musica. La lode è comunicazione con Dio. Lodo e lodo Dio per quello che è e per quello che ha fatto per noi umani, distolgo lo sguardo dalle preoccupazioni e dalla vita quotidiana e mi rivolgo alla gloria e alla grandezza di Dio. Adoro.

Le mie labbra e la mia anima che hai redento
dovresti essere felice e cantare lodi a te. Salmo 63, 4-5
Culto: il culto è importante per me ricevere insegnamenti, ma soprattutto a causa della comunità e dello scambio con i miei fratelli e sorelle. I circoli della casa, la partecipazione a eventi cristiani, i fine settimana della festa delle donne sono sempre molto costruttivi.

Perché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro. Matt. 18.20
Gratitudine: essere grato in ogni situazione, vedere il buono anche in situazioni difficili, mi aiuta a mantenere la pace. C’è sempre qualcosa per cui posso essere grato, anche se ciò che potrei desiderare non sempre accade. Ciò che mi aiuta è un diario di preghiera, in cui scrivo le risposte alla preghiera e alle esperienze con Dio. Quindi ricordo ancora molte cose dopo che altrimenti avrei dimenticato.

“Loda il Signore, anima mia, e ciò che è in me, il suo santo nome! Loda il Signore, anima mia, e non dimenticare ciò che ti ha fatto del bene ”Salmo 103, 1-2
Servi, fai del bene:
Dare è meglio che prendere. ”(Atti 20:35)
Se posso aiutare qualcuno con i miei soldi o il tempo che investo, mi rende sempre più felice. Se riesco a essere coinvolto nella comunità in ciò che mi diverte, mi avvantaggio e continuo ad imparare.

Come un tappeto tessuto (poesia di Astrid v. Knebel Doeberitz):
Come un grande tappeto
è così che Dio Padre tesse la mia vita.
I colori chiari e scuri sono in esso
Chiedo il significato di alcuni degli eventi. Triste, felice – gioia e dolore,
tutto è lì ai suoi tempi.
Vedo solo pezzi, fili intrecciati dal basso,
Corrie ten Boom si sentiva così anni fa, confrontando tappeto e vita, non mi lascia andare,
Penso che sia fantastico, semplicemente fantastico.
Un tappeto dal basso, sembra aggrovigliato
ma Dio guarda dall’alto e lo fa bene. Un giorno vedremo
perché abbiamo dovuto farlo. I nostri pensieri non ci credono quasi
ciò che Dio ha inventato per noi.
Quindi do con fiducia la mia vita nella sua mano,
sa meglio cosa vuole dare. Matureremo per necessità e difficoltà,
non attraverso la sicurezza umana.
Per cose gratificanti, posso essere tanto più grato
Non sono mai solo nella vita, quindi quando possiamo vedere il suo lavoro dall’alto,
sarà meraviglioso e non essere disprezzato.
Ogni tappeto è unico, incomparabilmente bello –
sarà costituito da fili chiari e scuri.
Allora capiremo
perché abbiamo dovuto farlo proprio ora, quindi non voglio più fare affidamento su me stesso ma su Dio ma fidarmi dell’amore di Dio completamente in Gesù Cristo.
Se considero:
Lui stesso ci dà il dono più grande.
Tutta la gloria è passata nella gloria di Dio
perché l’eternità con lui allora è iniziata.

Senza eccezioni, tutto funziona per il bene: il bullismo sul lavoro, il vaso rotto, la chiave della macchina fuori posto, la malattia inaspettatamente grave o l’aiuto amichevole del nostro vicino. Qualunque cosa incontriamo. In mezzo a tutte le aberrazioni ed errori umani, Dio ha un piano, un buon piano.

Puoi capire la vita all’indietro; ma devi viverlo in avanti.
Vogliamo fidarci di questa verità e dire della nostra vita:

Tu sei buono e fai del bene ”(Sal 119,68)


Esempi dell’Antico Testamento:
Fonte: www.bibelstudium.de

Joseph

Joseph fu venduto in Egitto dai suoi fratelli. Lì divenne il secondo uomo più potente, che anni dopo fornì con cura anche i suoi fratelli affamati e un posto dove stare. Quando il padre di Jakob morì, i fratelli temevano che Joseph potesse vendicarsi. Ma Joseph disse loro: “Avevi in ​​mente il male contro di me; Ma Dio aveva in mente di farlo bene, così da fare come è quel giorno per mantenere in vita un grande popolo ”(Gen. 50:20, 21). Giuseppe non vide il peccato dei suoi fratelli, ma pensò alla buona mano di Dio che ha funzionato dietro ogni cosa. Ciò gli ha dato la pace interiore e la forza per fare del bene.

Giobbe

Quando Dio diede Giobbe a se stesso e alle mani di Satana, Giobbe ebbe ore molto difficili (Giobbe 1:12; 2: 6). Si lamentava ora che il diavolo avesse distrutto la sua vita? No, gridò: “Il Signore ha dato e l’Eterno ha preso, il nome del Signore è lodato!” (Giobbe 1:21). E disse a sua moglie: “Dovremmo accettare il bene da Dio e non dovremmo accettare anche il male?” (Giobbe 2:10). Giobbe si rese conto che tutto ciò che lo aveva colpito aveva “superato” Dio stesso. Quindi in quel momento fu in grado di lodare Dio anche nel più grande bisogno.

Esther

Il libro di Ester è l’unico libro biblico in cui Dio non è menzionato. Ma è proprio lì che diventa chiaro come Dio lavora in segreto. L’incredulità vede una catena di coincidenze nella storia del libro di Ester, ma il credente sa che Dio guida tutto per il bene del suo popolo: il rifiuto di Vasti e la scelta di Ester da parte della moglie di Assuero (Est 1-2); La scoperta di Mordokai di un intrigo contro il monarca (Est 2); Los Hamans, che “pose fine” all’annientamento degli ebrei alla fine dell’anno (Est 3); il grande favore che Ester ottenne davanti al re (Est 4 – 5); la lettura appropriata quando il re non poteva dormire con Ester prima del decisivo secondo banchetto (Est 6); l’apparizione dell’orgoglioso Haman il giorno successivo (Est 6) … Come è conosciuta la storia. Il male Haman dovette onorare Mordokai e finì per appendere la forca che aveva raccolto per Mordokai. Mordokai venne in onore e il popolo degli ebrei ricevette luce, gioia, felicità e onore. Possiamo essere certi che Mordokai ed Esther hanno visto Dio dietro ogni cosa e lo hanno ringraziato con tutto il cuore.

Video: accetta ogni fase della tua vita (1)

Video: accetta ogni fase della tua vita (2)

Come incontri Dio nella vita di tutti i giorni, cosa ti aiuta a sperimentare la sua presenza?

Dio ha cambiato le circostanze della tua vita, a posteriori per il positivo?

La cosa piú importante é la salute!?

Lesedauer 5 Minuten

Definizione di salute:

La definizione più nota di salute è stata descritta dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS): “La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo l’assenza di malattie e disturbi”.

Allo stesso tempo, ci sono varie altre definizioni di salute. Ecco alcuni esempi:

• Secondo T. Parson (sociologo medico): “La salute è uno stato di prestazione ottimale di un individuo, per l’adempimento efficace dei ruoli e dei compiti per i quali è stato socializzato (socializzazione = processo di classificazione nella società, adozione di norme e valori)”.

• Hurrelmann (1990) definisce la salute come: “Stato dello stato oggettivo e soggettivo dell’essere di una persona, che viene dato quando questa persona si trova nelle aree fisiche, psicologiche e sociali del suo sviluppo in conformità con le proprie possibilità e obiettivi e la data Condizioni di vita “.

• “La salute è un’abilità di risoluzione dei problemi e di regolazione emotiva che mantiene o ripristina una condizione mentale e fisica positiva – in particolare l’autostima positiva – e una rete di supporto delle relazioni sociali.”

La salute è molto importante ed è il più grande bene per molte persone. “La cosa principale è salutare”, “Resta sano”, “La salute è la cosa più importante” sono affermazioni che ascolti spesso, ad esempio quando nasce un bambino, alle feste di compleanno o nell’attuale crisi della corona.

Ma la salute è davvero la cosa principale? Diciamo che un gruppo di persone è seduto insieme e queste dichiarazioni sono ascoltate da qualcuno che non è sano. Come si sentirà questa persona? Manca la cosa principale, per così dire. Allora quanto vale la sua vita, qual è il suo significato? In quel momento, la persona interessata si sentirà probabilmente inferiore.

Nella Bibbia, nei Vangeli, leggiamo di molte delle guarigioni che Gesù fece. Possiamo leggere una storia del Vangelo di Marco che mi ha mostrato di cosa si tratta veramente nei capitoli 2.1-12:

Gesù guarisce un paralitico

 Pochi giorni dopo, Gesù tornò a Cafarnao. La notizia del suo arrivo si diffuse rapidamente in tutta la città. [1] 2 Non passò molto tempo prima che la casa in cui viveva fosse sovraffollata di visitatori, in modo che nessuno avesse più spazio, nemmeno fuori dalla porta. E annunciò la parola di Dio per loro. 3 Vi furono quattro uomini che trasportavano un uomo paralizzato su una stuoia. 4 Non potevano attraversare la folla verso Gesù, quindi coprirono il tetto sopra di lui. Quindi hanno lasciato il paziente sul suo tappetino attraverso l’apertura. 5 Quando Gesù vide la loro fede, disse all’uomo paralizzato: “Figlio mio, i tuoi peccati sono perdonati”. 6 Ma alcuni scribi che sedevano lì pensarono: 7 “Come può dire una cosa simile? È una bestemmia! Solo Dio solo può perdonare i peccati! ”8 Gesù sapeva cosa stava succedendo in loro e disse:“ Perché hai pensieri simili nel tuo cuore? 9 È più facile dire ai paralizzati: i tuoi peccati sono perdonati o si alzano, prendi il tappetino e vai? 10 Ti dimostrerò che il Figlio dell’Uomo ha l’autorità di perdonare i peccati sulla terra. “E si rivolse all’uomo paralizzato e gli disse: 11” Alzati, prendi la tua stuoia e vai a casa, perché sei guarito ! ”12 L’uomo balzò in piedi, prese il tappetino e si fece strada attraverso la folla stupita. Quindi tutti lodarono Dio. “Non abbiamo mai visto niente del genere!” Gridarono.

L’uomo nella storia era paralizzato e quindi limitato, non era capace, non poteva fare molte cose. Gli mancava la cosa principale? Era malato, ma aveva qualcosa di più importante. Aveva relazioni. Aveva quattro amici, ottimi amici. Non è solo. Lo portano da Gesù perché sapevano che solo Gesù poteva guarire. Superano tutti gli ostacoli e non possono essere fermati dalla folla, trovano una via per Gesù. Avevano una forte convinzione. Fantastico quando hai amici così.

Cosa fece Gesù quando ebbe il paralizzato davanti a sé? Vide la fede degli amici paralizzati. Gesù non guarì immediatamente la malattia, il danno fisico del paralizzato. La prima cosa che fece Gesù fu di perdonare il suo peccato. Il peccato significa separazione da Dio, e quindi il perdono ha ripristinato il rapporto tra Dio e il paralizzato. Molto più importante della malattia o della salute è la questione di essere o non essere sani per Gesù. La riconciliazione con Dio guarisce di nuovo il paralitico, anche se i suoi sintomi fisici sono ancora lì. La comunione con Dio viene ripristinata, e niente puo separare il paralizzato dall´amore di dio. Neanche malattia o morte. La malattia e la morte sono entrate nel nostro mondo attraverso il peccato, ma Gesù è morto sulla croce per il peccato umano e noi siamo guariti attraverso le sue ferite, anche se c’è ancora malattia e peccato. La fede nella sua opera di salvezza ci libera. La malattia e la morte non possono più farci del male, sappiamo che rimarremo collegati con Dio per sempre. Per Dio, la salute non è la cosa principale, vuole persone sane che hanno una relazione con lui. Sapere di essere amati incondizionatamente, di riconoscerlo, di essere salvato rende la vita di una persona preziosa e significativa, sia essa sana o malata.

Alla fine, Gesù libera il paralitico dalla sua malattia, fa un miracolo e lo guarisce. Quindi lo ha reso completamente sano. Possiamo aspettarci tutto da Gesù, ha il potere di perdonare e curare i peccati. In ogni caso, sperimentiamo la salvezza quando incontriamo Gesù, anche quando incontriamo la malattia e la sofferenza, la sua presenza ci rende salvezza. Non dobbiamo aver paura della malattia, anche se la malattia ci colpisce e moriamo nel peggiore dei casi, abbiamo la certezza che saremo insieme a Dio per sempre, cosa potrebbe essere più bello?

Vorrei mostrarvi la vita di Nick Vujicic dall’Australia come esempio. È nato senza braccia e gambe. Ha lottato contro la sua identità fino all’adolescenza e ha voluto suicidarsi più volte. Un incontro con Dio ha cambiato tutto e lo ha guarito. Non nel senso che lo ha guarito fisicamente, ma il rapporto con Dio significa molto più per lui della salute. Nick Vujicic dice:

“Un miracolo ha rivelato la forza di Dio nella mia debolezza. Perché è più potente vedere un uomo con le braccia e le gambe sorridere di qualcuno che è stato miracolosamente guarito ”.

“Se Dio mi desse la scelta di nascere senza braccia e gambe per salvare anche solo un’anima, direi: fallo!”

Nick Vujicic conduce oggi una vita profondamente riconoscente, felice e significativa ed è diventato una benedizione per molte persone attraverso le sue lezioni in cui racconta della sua vita e di Dio.

In conclusione, vorrei riassumere di nuovo: non la salute é la cosa principale, ma

L’importante è essere amati e amare
La cosa principale è essere riconciliati con Dio
La cosa principale é la relazione con Dio
La cosa principale é essere salvati


Ed é importante quando siamo riconciliati con dio, viviamo in relazione con lui, di non dimenticare i nostri simili. Diventiamo come gli amici del paralizzato che conducono il loro amico a Gesù. Nel nostro ambiente ci sono molte persone che non conoscono Gesù, che non conoscono la strada da lui, persone che non possono più credere a causa di brutte esperienze o che pensano di non aver bisogno di Dio. Ma hanno anche bisogno di guarigione e Gesù può guarirli. Possiamo pregare per loro, parlare di Gesù e portarli da Gesù.

“Perché prima eri morto a causa della tua colpa e perché il tuo vecchio io ti determinava [2]. Ma Dio ti ha reso vivo con Cristo. Ci ha perdonato tutti ”Colossesi 2:13

“Sono convinto che nulla può separarci dal suo amore. Né la morte né la vita, né gli angeli né i poteri, né le nostre paure nel presente né le nostre preoccupazioni per il futuro [8], nemmeno i poteri dell’inferno possono separarci dall’amore di Dio. 39 E se fossimo in alto sopra il cielo o se fossimo nelle profondità più profonde dell’oceano [9], nulla e nessuno in tutta la creazione può separarci dall’amore di Dio che è apparso in Cristo Gesù, nostro Signore. ”Romani 8 , 38-39

“Sul suo stesso corpo, ha portato i nostri peccati fino alla croce in modo che siamo morti per il peccato e che possiamo vivere per la giustizia. Sei stato guarito attraverso le sue ferite! ”1 Pietro 2:24

“Le asciugherà tutte le lacrime e non ci sarà morte, dolore, pianto, dolore. Perché il primo mondo con tutta la sua calamità è passato per sempre ”.“ Rivelazione 21: 4

Versare il cuore

Lesedauer 2 Minuten

ll cuore è considerato la sede delle emozioni e della mente. Chiunque lo apra, da agli altri l’accesso ai suoi sentimenti e pensieri e li lascia partecipare, il che è anche un segno dell’affetto e della fiducia che mostri in loro. Ad esempio, quando riversiamo i nostri cuori su un amico o un coniuge, condividiamo le nostre emozioni, le nostre preoccupazioni, i nostri problemi, diciamo cosa ci muove, ciò che ci deprime. Versiamo il nostro cuore solo alle persone che ci sono molto vicine, di cui ci fidiamo e con cui intratteniamo buoni rapporti.

Essere in grado di fidarsi di qualcuno ci aiuta a sentirci meglio dopo, ci libera e ci offre una prospettiva diversa. Ci sentiamo sollevati e non più lunatici, possiamo lasciare pensieri negativi , è un bene per noi.

C’è qualcuno da cui possiamo venire in qualsiasi momento, che ci conosce meglio di tutti e di cui possiamo sempre fidarci. È il nostro Padre celeste che ci sta solo aspettando come suoi figli che veniamo da lui in preghiera e dirgli tutto ciò che ci commuove. Ascolta sempre e ha sempre tempo per noi. Non vuole che ci lamentiamo di emozioni e oneri che non ci fanno del bene e ci deprimono, se li trasciniamo in giro con noi per troppo tempo. Tutto ciò che ci grava – paure, preoccupazioni, sensi di colpa, tristezza, insoddisfazione, solitudine, dubbi, ecc. – possiamo portarlo e darlo via in preghiera e ricevere la sua pace e tranquillità.

“Vieni da me, tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesanti fardelli, voglio darvi riposo.” Matteo 11:28

Dio ci libera e ci dà facilità, buoni pensieri e una prospettiva diversa.

È positivo se continuiamo a riversare i nostri cuori davanti a lui e a lasciarci ripulire da lui in modo da poter proteggere e preservare i nostri cuori. Spesso non possiamo evitare che le cose negative entrino nei nostri cuori, attraverso difficoltà, circostanze, attraverso ciò che ascoltiamo e sperimentiamo, ma dobbiamo fare attenzione a mantenere il cuore e a disporre sempre di tutto ciò che non dovrebbe essere in esso con l’aiuto di Dio ,

“Soprattutto, tieni il tuo cuore al sicuro, perché il tuo cuore influenza tutta la tua vita” Proverbi 4:23

Dio ci ha amato per primo

Lesedauer 3 Minuten

La scorsa settimana durante la mia quiete con Dio mi sono dedicato al versetto sopra del capitolo 31 di Geremia. Questo verso mi ha attratto e mi ha toccato moltissimo. Durante la lettura ho sentito il cuore di Dio e il suo grande amore per noi umani. Un amore molto più grande di quanto possiamo mai immaginare, un amore che ci viene sempre per primo, un amore che sempre céra, un amore che non è legato alle condizioni. L’amore di Dio è un amore immeritato che non possiamo guadagnare con i nostri sforzi o buone azioni e opere. Dio ci ha sempre amato e ci amerà sempre nonostante i nostri errori e debolezze. Il nostro comportamento non cambia il suo amore.

In tutto il capitolo 31 di Geremia riconosco l’amore di Dio per il suo popolo, il suo desiderio per le persone e il suo desiderio di comunità e relazione, vuole attirare le persone a se stesso. Nonostante tutti i peccati e nonostante il fatto che le persone si siano allontanate da Dio, vuole essere misericordioso e perdonare. Sta solo aspettando che si voltino, lo riconoscano, si voltino verso di lui e chiedano perdono. Dio vuole stringere una nuova alleanza con il suo popolo scrivendo la legge nei loro cuori e riempiendola con lo Spirito Santo. Questa nuova alleanza si applica non solo al popolo di Israele, ma a tutti coloro che vivono una relazione personale con Dio. Le profezie di Geremia si riferiscono a Gesù Cristo, attraverso di lui abbiamo un nuovo inizio e riconciliazione con Dio. Con Gesù la nuova alleanza di Dio iniziò con noi umani.

Dio combatte per l’amore di ogni singola persona, perché la sua natura è l’amore, è l’amore stesso. Guardando indietro sulla mia vita finora, posso vedere tracce dell’amore di Dio ovunque, è sempre stato lì dall’inizio. Dio per primo mi ha amato senza che io abbia fatto nulla per questo. Anche nei momenti in cui mi sono allontanata da lui, vivevo senza di lui, non ero consapevole della sua presenza, era lì e mi ha cercato e mi ha tirato a se per pura gentilezza. Quando non l’ho riconosciuto, mi ha già visto e conosciuto. Riconoscere e incontrare l’amore di Dio è il dono più grande della mia vita, ho potuto sperimentare quanto sono preziosa per Dio e quanto incondizionato e il suo amore. Il suo amore per me è così grande che ha dato la sua vita in modo che io possa avere di nuovo accesso a mio padre in cielo e che non vi sia più alcuna separazione. Ha preso il peccato (= separazione da Dio) per me e per ogni persona che accetta questo dono di grazia.

L’amore di Dio cambia i cuori. Perché ci ama così tanto, anche noi vogliamo amare. Ci dà la volontà di trasmettere il suo amore ai nostri simili. Ci dà la forza di perdonare. Ci dà il suo punto di vista su persone e circostanze. Perché siamo amati, vogliamo fare del bene, essere generosi e compassionevoli. Perché Dio ci ama, vogliamo amarlo e vivere secondo la sua volontà. Perché Dio ci ama, vogliamo soddisfarlo. Perché Dio ci ama, siamo preziosi.

“Cari, amiamoci l’un l’altro; poiché l’amore viene da Dio e chi ama nasce da Dio e conosce Dio. Chi non ama non conosce Dio; poiché Dio è amore ”1 Giovanni 4: 7-8

“Questo è amore: non che abbiamo amato Dio, ma che lui ha amato noi e ha mandato suo figlio a riconciliarsi per i nostri peccati. Carissimi, se Dio ci amasse così, anche noi dovremmo amarci gli uni gli altri. Nessuno ha mai visto Dio. Se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e il suo amore è perfetto in noi ”1 Giovanni 4: 10-12

“Amiamoci, perché prima ci amava” 1 Giovanni 4:19

“Perché Cristo è morto per noi nel momento in cui eravamo ancora deboli. Ora quasi nessuno muore per il bene di uno solo; forse per il bene, osa la sua vita. Ma Dio mostra il suo amore per noi nel fatto che Cristo è morto per noi quando eravamo ancora peccatori ”Romani 5: 6-8

“Ma Dio, che è ricco di misericordia, nel suo grande amore con cui ci ha amato, ci ha anche resi morti in peccati vivi con Cristo – tu sei salvato per grazia – e ci ha portato con sé cresciuto e impegnato in cielo in Cristo Gesù in modo che nei prossimi tempi mostrasse la ricchezza esuberante della sua grazia attraverso la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù. Perché per grazia sei salvato dalla fede, e non da te: è un dono di Dio, non dalle opere, in modo che nessuno possa vantarsi. Perché noi siamo la sua opera, creata in Cristo Gesù per le buone opere che Dio ha preparato in anticipo affinché dovessimo camminarci dentro. ”Efesini 2: 4-10

Risoluto in un tempo agitato

Lesedauer 4 Minuten

Lo scorso fine settimana abbiamo celebrato la Pasqua, la festa della risurrezione di Gesù. Molti di noi ricorderanno sicuramente questa Pasqua. Era diverso dal solito. Molto di ciò che associamo a questa festa è scomparso quest’anno. Non erano ammessi i servizi pasquali, non c’erano grandi celebrazioni familiari e trascorrevamo i giorni di Pasqua a casa con la famiglia. E nonostante : Quello che Gesù ha fatto per noi 2000 anni fa è un dono valido oggi e per sempre per tutti coloro che lo accettano in fede.


“Perché Dio ha amato così tanto il mondo che ha dato il suo unico figlio in modo che chiunque crede in lui non sia perso, ma abbia la vita eterna.” Giovanni 3:16


Penso che quest’anno sia stata un’opportunità per affrontare in modo più consapevole il messaggio pasquale e pensare a cosa significhi personalmente la Pasqua per la nostra vita di oggi. Nel mezzo di questo momento difficile, in cui molte cose che ci promettono sicurezza, le basi del mondo sono scosse, tra incertezza, paure per il futuro, preoccupazioni, Dio ci dà gioia e speranza. L’opera di salvezza di Gesù crea un regno irremovibile che non può essere distrutto da nulla. Il mondo intero si è fermato e deve fermarsi. Tutto si ferma, siamo in una pausa forzata. Abbiamo l’opportunità di rallentare , fermarci e pensare alla nostra vita.

    In cosa investiamo il nostro tempo?
    Su cosa stiamo costruendo?
    Cosa è prezioso per noi?
    Cosa è permanente?
    Cosa è irremovibile?
    Su cosa possiamo fare affidamento?
    Cosa ha senso nella nostra vita?

È importante affrontare ogni tanto queste domande in modo da poter concentrare la nostra vita su ciò che è irremovibile e in modo da non perdere il nostro obiettivo. Dato che ci sono molte distrazioni in questo momento, cose mondane che possono catturare i nostri cuori, ora è l’opportunità di affrontare ciò che è veramente importante.


Una solida base

“Chi mi ascolta e agisce di conseguenza è intelligente e si comporta come un uomo che costruisce una casa su una solida roccia. 25 Anche se la pioggia scende dal cielo in torrenti, l’acqua trabocca e le tempeste scuotono questa casa, non collasserà perché è costruita su una roccia. 26 Ma chi mi ascolta e non ci agisce è uno sciocco; è come un uomo che costruisce una casa sulla sabbia. 27 Quando la pioggia e il diluvio arrivano e le tempeste scuotono questa casa, crollerà con un ruggito. “


Questi versetti ci ricordano l’importanza della nostra relazione personale con Dio. Una relazione viva in cui ci concentriamo su di lui, lo conosciamo sempre meglio, lo mettiamo al centro della nostra vita e crediamo in lui.


“Facciamo ciò tenendo gli occhi su Gesù, da cui dipende la nostra fede dall’inizio alla fine” Ebrei 12: 2


Se rafforziamo la nostra fede e fiducia in Gesù e cresciamo nel nostro rapporto con Lui cercando la sua presenza e vicinanza, possiamo ascoltare e agire sempre meglio alla sua voce. È così la nostra fede cresce e possiamo usare sempre più la sua parola, viverla e implementarla nella nostra vita quotidiana. Una vita centrata su Gesù Cristo sorge su solide basi. Il suo regno è imperituro e dura. È costruito su solide fondamenta. Il cielo e la terra passeranno, ma il suo regno durerà per sempre. La nostra casa si ergerà su una solida roccia e nessuna tempesta la abbatterà. Quindi non confidiamo in qualcosa di transitorio, ma costruiamo la nostra vita su Cristo e sul suo regno irremovibile.


“Ancora una volta scuoterò la terra e anche il cielo. Questo ancora una volta significa : tutto ciò che Dio ha creato, cambierà da zero. Rimarrà solo l’eterno, che non può essere scosso ”. Ebrei 12, 26-27


Tutto ciò che ci scuote nella vita, ogni crisi offre un’opportunità e ha il potenziale per tenere gli occhi sull’incrollabile.

L’amore di Dio, le sue promesse, la sua parola, la sua fedeltà e protezione, le sue benedizioni e la sua vittoria sulla morte e i poteri delle tenebre, tutto ciò è irremovibile.


“Quindi, poiché riceviamo un regno che non può essere scosso, vogliamo essere grati e rendere felice Dio servendolo in riverenza per Sua Santità.” Ebrei 12:28

“Signore, la tua parola rimane per sempre fino a raggiungere il cielo” Salmo 119,89

“Ecco perché vogliamo continuare a mantenere la speranza che confessiamo perché Dio è fedele alle sue promesse” Ebrei 10:23

“Io, il Signore, non cambio” Malachia 3,6

“Ma questa è la vita eterna che ti riconosceranno, chi sei il solo vero Dio e chi hai inviato, Gesù Cristo” Giovanni 17.3

“Gesù Cristo ieri e oggi e lo stesso per sempre” Ebrei 13: 8

“E Dio ha assicurato questo: ci ha dato la vita eterna, e questa vita è in suo figlio.” 1 Giovanni 5:11

“Nessuno è santo come l’Eterno, tranne te, e non è una roccia come lo è il nostro Dio.” 1 Samuele 2: 2

“Dio ti ha chiamato alla sua gloria eterna attraverso Cristo [4]. Dopo aver sofferto per un po ‘, ti costruirà, ti rafforzerà e ti rafforzerà; e ti metterà su un terreno solido ”. 1 Pietro 5:10

“E Dio aprirà le porte del cielo e ti farà entrare nell’eterno regno di Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore” 2 Pietro 1:11

“Che non vediamo il visibile, ma l’invisibile. Perché ciò che è visibile è temporale; ma ciò che è invisibile è eterno. ”2 Corinti 4:18

“E il mondo passa con la sua lussuria; ma chi fa la volontà di Dio rimane per sempre ”. 1 Giovanni 2:17

“Il tuo trono, o Dio, è per sempre e sempre” Ebrei 1: 8

“Signore, all’inizio hai gettato le fondamenta della terra, il paradiso è opera delle tue mani.
Andranno via, ma tu rimani per sempre. Diventeranno obsoleti come una veste.
Li cambierai come un indumento e se ne andranno. Ma tu rimani lo stesso per sempre; i tuoi anni non hanno fine ”. Ebrei 1, 10-12

Pasqua

Lesedauer < 1 Minute

La notte si trasforma in giorno

l’oscurità in luce,

la tomba è vuota,

Gesù dice:

“Sono la risurrezione e la vita. Chiunque crede in me vivrà anche se muore. ”Giovanni 11:25


La disperazione si trasforma in speranza

la debolezza diventa forza,

Gesù ci porta perdono e riconciliazione,

parla sulla croce:


“Tutto é compiuto” Giovanni 19:28

Il dolore si trasforma in gioia

la fine in un nuovo inizio,

la sua morte porta vita

Il piano di Dio fin dall’inizio.

“Poiché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita in Cristo Gesù, nostro Signore.” Romani 6:23

La via è chiara perché Gesù vive

in sua presenza e amore

tutta la nostra sofferenza passa

ha portato tutti i nostri pesi e malattie,

pieno di umiltà e senza lamentele.

“Il Padre ci ha salvato dal regno delle tenebre e ci ha messo nel regno di suo figlio, il suo amore, in cui abbiamo redenzione, attraverso il suo sangue il perdono dei peccati.” 1 Colossesi 1, 13-14

La via è chiara alla presenza di Dio,

il suo amore ha vinto.

Il potere del nemico si spezzò in due,

Gesù ha vinto il male.

Niente e nessuno può separarci dal suo amore adesso

la relazione ripristinata.

Se crediamo in lui nella fede,

superiamo il mondo insieme a lui.

Il suo regno rimane per sempre.

Volgiamo i nostri cuori a lui

L’amore di Dio non finirà mai

e trasformerà tutto per il bene.

Ha fatto tutto questo per grazia,

per tutti coloro che accettano il dono dal cuore con fede.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo figlio unigenito in modo tale che chiunque crede in lui non sia perduto, ma abbia la vita eterna. Giovanni 3:16

Sii grato in tutte le cose

Lesedauer 4 Minuten

Gratitudine cambia la prospettiva della vita. La gratitudine è uno stile di vita che possiamo praticare e allenare. C’è sempre, in ogni situazione, in ogni circostanza, in ogni crisi, almeno una ragione per cui possiamo essere grati. Possiamo prendere coscienza di ciò per cui tutti possiamo essere grati. Nulla può essere dato per scontato, tutto è un dono.

La gratitudine è abbastanza umile da ricevere qualcosa. L’orgoglioso prende solo ciò che gli è dovuto. Si rifiuta di ricevere un regalo. (Dietrich Bonhoeffer)

La Bibbia ci insegna ad essere grati, non solo quando sperimentiamo cose buone, ma anche in difficoltà . Un simile atteggiamento ci aiuta a gestire meglio le crisi e ad emergere più forti da esse. Quindi non circondiamo più il problema con i nostri pensieri, ma cerchiamo un significato per ciò che può derivare da questa situazione. Quindi ci sono diversi modi per gestire ciò che ci accade. Possiamo lamentarci, essere insoddisfatti, sentirci vittime e sprofondare nell’autocommiserazione. L’altra possibilità che abbiamo è di porsi le seguenti domande:

    Cosa vuole mostrarmi questa situazione?
    Cosa posso imparare da essa?
    Per cosa sono grato in queste circostanze?
    Cosa mi dà speranza?
    Cosa può essere buono, quali sono le opportunità?

Mi piace la storia nella Bibbia di Paolo e Sila in prigione:

“Dopo essere stati picchiati molte volte, i colonnelli li hanno mandati in prigione e hanno ordinato alla guardia di tenerli al sicuro. A questo comando, bloccò entrambi nella cella più interna e chiuse i piedi nel blocco.

Era circa mezzanotte quando Paolo e Sila pregarono e lodarono Dio. Gli altri prigionieri ascoltarono. All’improvviso la terra tremò così violentemente che persino le basi della prigione furono scosse. Allo stesso tempo, tutte le porte si aprirono e le catene caddero da tutti i prigionieri.
La guardia carceraria si è svegliata dal sonno. E quando vide aprire le porte della prigione, estrasse la spada e voleva uccidersi, pensando che i prigionieri fossero fuggiti.
Ma Paulo gridò più forte che poté: “Non farti del male! Siamo ancora tutti qui! ”La guardia chiese la luce, precipitò in prigione e tremò a terra davanti a Paolo e Sila.
Poi li condusse fuori e chiese: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Dissero: “Credi in Gesù, il Signore! Allora sarai salvato e tutta la tua famiglia con te. “
E proclamarono il messaggio del Signore a lui e a tutti coloro che vivevano nella sua casa. La guardia carceraria prese Paulo e Silas la stessa notte e lavò le loro strisce di sangue. Quindi fu battezzato con tutti coloro che vivevano nella sua casa. Quindi condusse i due a casa sua e fece sistemare il tavolo per loro. Lui e tutti coloro che gli appartenevano erano felicissimi di aver trovato fede in Dio. “Atti 16: 23-40


Paulo e Silas erano in prigione buia e avevano tutte le ragioni per essere disperati, lamentarsi, lamentarsi e perdere la speranza. Invece, hanno elogiato e ringraziato Dio e gli hanno cantato delle canzoni. Non guardarono alle loro circostanze, ma a Dio. Probabilmente hanno ringraziato Dio per quello che aveva fatto nella loro vita e hanno ricordato le sue promesse. Grazie alla loro gratitudine e lode, i loro cuori erano vicini a Dio e quindi avevano pace e fiducia. Dio stesso era la ragione della loro gioia. Erano fortemente collegati a Dio, avevano fiducia. La sua convinzione era così grande che un forte terremoto liberò persino i legami dai suoi piedi. La fede ha quindi cambiato non solo il loro atteggiamento, ma anche le circostanze. Sei stato rilasciato. E quello che penso sia la cosa migliore della storia è che Paulo e Silas non solo si sono aiutati attraverso i loro atteggiamenti, ma hanno anche toccato la guardia carceraria. Sperimentò la salvezza attraverso la testimonianza dei due e arrivò a credere in Gesù.

Nei momenti difficili, sono particolarmente grata di avere Gesù al mio fianco, di non dover affrontare le situazioni da sola. Essere una figlia di Dio e poter vivere in relazione con lui è il dono più grande della mia vita. Mi dà sostegno, conforto e il coraggio di andare avanti. Il suo amore mi porta e non mi lascia mai sola. Dà speranza in ogni situazione.
Quando guardo indietro, sono grata per i momenti difficili. Perché proprio in questi tempi Dio mi è stato molto vicino e il rapporto con lui è cresciuto.
Quindi non vedo più la crisi come una minaccia, no, è un’opportunità. La possibilità di prendere la mano amorevole di Dio e andare avanti con lui …

Sii sempre felice, prega incessantemente, sii grato in ogni cosa; poiché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per te. 1. Tessalonicesi 5, 16-18
Non preoccuparti di nulla, ma in ogni caso lascia che le tue richieste nella preghiera e nella supplica siano espresse con ringraziamento a Dio! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù Filippesi 4, 6-7
Sii persistente nella preghiera e guarda con ringraziamento! Colossesi 4.2
Ringrazio il Signore con tutto il cuore
e racconta tutti i tuoi miracoli. Salmo 9.2

La gratitudine cerca il donatore per il dono. Dietrich Bonhoeffer

Salmo di gratitudine (scritto personalmente)

Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il creatore del cielo e della terra, per te posso vivere. Mi hai dato la vita e posso essere tua figlia per vivere con te. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, il tuo amore mi avvolge, la tua luce mi circonda, il tuo potere mi protegge e la tua presenza veglia su di me. Mi hai creato a tua immagine per relazioni , mi hai messo di fianco persone preziose. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il donatore di tutti i buoni doni. Mi hai dato talenti per usarli per te e per i miei simili. Sei generoso e ricco. Sei il mio fornitore in ogni momento, ti prendi cura per me sempre. Sei un Signore gentile e potente, una roccia irremovibile per sempre. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio per la tua parola, che è la verità e mi mostra la via della vita e mi riempie il cuore di gioia. Sei fedele e sei la speranza del mondo. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, attraverso Gesù Cristo mi hai donato una nuova vita che non finirá per sempre e vincerà la morte. Gesù vive in me e lo Spirito Santo mi aiuta. Ti ringrazio mio signore e mio dio, hai pagato il mio debito, grazie a te sono libera. Nel mio bisogno più profondo eri con me e mi hai liberata dalla paura e dalla preoccupazione. Nelle sfide e nelle difficoltà sei qui e lasci che tutto si trasforma in bene. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio che salva, redime e libera. Beato chi ha le radici nel Signore, l’Eterno Dio, perché è al sicuro con te. Alleluia, loderò sempre il Signore!

Pulizie di primavera

Lesedauer 2 Minuten

Ho iniziato le pulizie di primavera questa settimana. Vorrei ora usare il tempo per creare nuovamente un ordine completo. Stanza per stanza, armadio per armadio, cassetto per cassetto devo prima togliere ciò che non è più necessario. Nel tempo, si accumula molto che posso smaltire e mettere via.

Voglio fare questa azione non solo nella mia casa, ma soprattutto nel mio essere interiore, nel mio cuore, nella mia anima, nel mio spirito. Molto può accumularsi anche lì, che deve essere smaltito. Queste possono essere cattive abitudini, schemi, pensieri / sentimenti negativi o convinzioni che non vanno bene per me. Brutte esperienze, ferite, sensi di colpa: tutte queste sono cose che mi gravano e che non voglio più portare con me.

“Proverbi 4: 23-24:” Proteggi il tuo cuore più di ogni altra cosa; perché la fonte della vita ne deriva. “

Ma dove andare con tutti i carichi? Nuove cose possono emergere solo se lascio andare tutti i pesi dell’anima. C’è qualcuno che vuole che io sia libero e scaricato.

“Cristo ci ha liberati per la libertà” Galati 5: 1

Posso lasciar andare, portare i miei pesi da Gesù alla croce. È così che mi libero. In modo che possa emergere qualcosa di nuovo. Pensieri negativi sono abbattuti. Dio vuole rinnovare i miei pensieri con la sua verità, con il suo amore incondizionato, con la sua pace.

Non devo aggrapparmi a ciò che non è buono per me, ma metterlo nelle mani di Dio e riallineare i miei pensieri: ripensare. Lasciami riempire con i buoni pensieri di Dio su di me. Gesù è colui che salva, libera, ripristina, guarisce.

Guarda; Sto facendo qualcosa di nuovo; sta già germogliando. Non lo vedi? Mi faccio strada attraverso il deserto e creo fiumi nelle terre desolate. Isaia 43:19

Con lui posso riversare il mio cuore e lasciarmi riempire di nuova speranza.


Lancia tutti i tuoi pesi su Dio, perché si prende cura di te 1 Pietro 5: 7

Venite da me tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesi grandi, vi darò riposo Matteo 11:28

Ogni giorno voglio dare a Dio nuovo spazio per vivere in me e avere lo sguardo su di lui. Gesú deve avere il primo posto nel mio cuore. Più forte è il rapporto con Dio, più sono nella sua presenza, più pace e tranquillità provo e più mi dà un cuore puro e costante.

“Sperimenterai la pace di Dio che è più grande di quanto la tua mente umana possa mai capire. La sua pace manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri nella fede in Gesù Cristo ”(Filippesi 4: 7)

Io vi dissi: “Non vi spaventate e non abbiate paura

Lesedauer 6 Minuten

Un virus sta attualmente mantenendo tutto il mondo sotto il suo controllo, tutti ne parlano,  i notiziari raccontano nuove notizie ogni ora. La malattia si è diffusa dalla Cina e ora ci ha raggiunto. Sempre più persone sono infette.

Ciò che si diffonde con questo virus è soprattutto la preoccupazione, la paura e il terrore e penso che questo sia molto peggio del virus stesso: il pericolo non è il virus, ma il panico che crea nelle persone. Il cibo viene accumulato a causa della paura e gli scaffali dei supermercati sono parzialmente vuoti. Maschere protettive e disinfettanti vengono acquistati in grandi quantità. Il tutto è alimentato dai media e, secondo me, presentato molto peggio di quello che è in realtà. Chi segue regolarmente le notizie può facilmente avere paura. Dubito che tutto sia vero. I politici adottano tutte le misure possibili per frenare la diffusione della malattia: scuole, asili nido, strutture per l’infanzia sono chiuse, eventi pubblici annullati, misure di sicurezza adottate. C’è molto che ha senso per  proteggere la popolazione, specialmente i malati e gli anziani. Penso che sia positivo per noi essere attenti e  rispettare le regole, ma non dovremmo lasciare che il panico e la paura ci infettino.

Ad esempio, la situazione qui in Alto Adige. Giovedì scorso, l’Alto Adige è stata classificata dal Robert Koch Institute come una zona a rischio di estinzione, a causa del fatto che ci sono stati solo due casi di due turisti dichiarati infetti in questo paese. Questo messaggio è stato poi ampiamente diffuso sui giornali, in modo che causerà sicuramente un grave danno economico, in particolare il turismo ne risentirà.

In uno dei giorni peggiori dallo scoppio del virus della corona, il 10 febbraio, 108 persone sono morte in Cina a causa della malattia. Certo, è terribile.

Ma … lo stesso giorno …

63.000 vite non ancora nate furono abortite, oltre 26.000 persone morirono di cancro,
24.000 di malattie cardiache,
circa 2200 persone si sono suicidate in questo giorno.
circa 3.600 persone furono uccise e 2.300 uccise da una puntura di zanzara.
E circa 3500 persone sono morte quel giorno a causa dell’eccessivo consumo di alcol. Potresti andare avanti con l’elenco, basti pensare alle molte persone che muoiono di fame e necessità, a innumerevoli persone che muoiono di guerre, incidenti, ecc.

Inoltre, va detto che il 95% delle persone colpite si è ripreso e il decorso della malattia è innocuo, con sintomi di naso che cola e febbre. Le persone che muoiono per il virus di solito hanno un sistema immunitario indebolito a causa di una malattia esistente. Le persone muoiono anche di normale influenza ogni anno.

Il pericolo rappresentato dal virus corona non è stato finora correlato. Naturalmente, non sappiamo tutti come si svilupperà la situazione in futuro e questo è esattamente ciò che penso crei incertezza.

    Paura dell’ignoto
    Paura di perdere il controllo
    Paura della malattia
    Paura della morte

Ciò che si può osservare è in primo luogo l’impotenza dell’uomo, quell’uomo, come spesso pensa, non può controllare tutto e avere tutto sotto controllo e quanto velocemente può perdere il terreno sotto i suoi piedi e la sua sicurezza e in secondo luogo anche l’egoismo e l’avidità delle persone, ad esempio quando leggo che i disinfettanti e i respiratori vengono rubati negli ospedali e mettono così le persone a rischio di vita che sono prive di questi utensili salvavita.

Cosa mi aiuta a mantenere la calma?

Posso dire che qualche anno fa avrei sicuramente reagito a una situazione del genere con paura. Sarei stato preoccupata e sicuramente sarei stata influenzata dai media e dall’allarmismo tra le persone. Oggi, credere in Dio mi dà l’opportunità di reagire in modo diverso e di affrontarlo in modo diverso. Guardo meno ciò che sta accadendo intorno a me e le circostanze, e invece mi concentro su Gesù. È lo stesso ieri, oggi e per sempre. Non ho ancora comprato cibo per  casa, non ho ancora comprato maschere respiratorie e esco anche con le persone senza esitazione .Io non ho paura. Che bene mi farebbe? Preoccupazioni o paure non mi aiutano.

“Tutte le tue preoccupazioni possono aggiungere un solo momento alla tua vita? No “Matteo 6.25

Mi sento al sicuro perché so di essere in mano di dio, qualunque cosa accada. È la mia protezione e il mio scudo. So di non avere nulla sotto controllo, ma mi fido di lui e voglio fare affidamento sulle sue promesse di dire la sua parola sulla mia vita. Quello che dico ha potere nella mia vita, i pensieri e le parole sono potenti, possono causare la vita o la morte. I pensieri di preoccupazione e paura mi paralizzeranno, mi faranno star male, prevengono la vita. I pensieri di fiducia e convinzione rafforzeranno, incoraggeranno e mi daranno vita.

“Le parole hanno potere: puoi scegliere tra vita e morte” Proverbi 18:21

Cosa posso fare personalmente contro la diffusione del virus corona? Posso pregare, mantenere uno stile di vita sano (dieta, esercizio fisico, bere molto) per rafforzare il mio sistema immunitario, attenermi alle precauzioni del governo e vivere una vita senza ansia e senza stress. Posso superare la mia paura attraverso la fiducia in Dio.


Gesù dice molto chiaramente: sperimenteremo situazioni che ci mettono nella paura, ma non dobbiamo rimanere nella paura, ma guardare chi ha vinto il mondo. Con lui divento anche un vincitore. Con lui sono dalla parte dei vincitori. Più profonda è la mia relazione con lui, meno paura ho, perché il suo amore fa scomparire tutte le paure.
L’amore perfetto di Dio dissipa la paura

“La paura non è nel amore, ma l’amore perfetto scaccia la paura” 1 Giovanni 4:18

“Quindi cosa potrebbe separarci da Cristo e dal suo amore? Sofferenza e paura forse? Persecuzione? Fame? La povertà? Pericolo o morte violenta? ”Romani 8.35

“Perché sono abbastanza certo: né la morte né la vita, né gli angeli né i demoni [, né presente né futuro né alcun potere, né alto né basso né qualsiasi altra cosa al mondo possono separarci dall’amore di Dio, che ci dà in Gesù Cristo nostro Signore. ”Romani 8: 38-39

La paura non viene mai da Dio, ma sempre dal nemico, l’avversario di Dio. Viene per derubarci e distruggere ciò che Dio vuole darci. È bugiardo sin dall’inizio, la Bibbia dice che è il padre delle bugie.

“Era un assassino sin dall’inizio e odiava sempre la verità. Non c’è verità in esso. Mentire corrisponde alla sua natura, perché è bugiardo e padre di bugie. “Giovanni 8.44

Raramente mi occupo di notizie mondane, quindi ne ho abbastanza del fatto che passo molto tempo sui social media. Non voglio essere invasa da notizie negative che non mi fanno bene. Preferisco occuparmi della verità che è nella Parola di Dio. Posso usare la Parola di Dio in questa situazione per me stessa. La sua parola è viva e mi parla. Dove c’è incertezza e disordine intorno a me, posso sperimentare la pace, una pace che il mondo non conosce perché credo alla sua parola quando dice:

“Ti lascio un regalo – la mia pace. E la pace che do non è come la pace che il mondo dà. Quindi non preoccuparti e non aver paura. “Giovanni 14:27

Posso scaricare tutto ciò che mi preoccupa e mi preoccupa da lui. Ha portato tutto per me sulla croce in modo che io possa essere libera.

La mia preghiera quotidiana contro il virus della corona è il Salmo 91:

“Chi vive sotto la protezione del più alto trova la pace all’ombra dell’Onnipotente. Disse al Signore: Tu sei il mio rifugio e il mio castello, il mio Dio, di cui mi fido. Perché ti proteggerà da tutti i pericoli e ti proteggerà in gravi difficoltà. Ti coprirà con le sue ali e troverai rifugio con lui. La sua lealtà ti protegge come un grande scudo. Non abbiate paura degli attacchi di notte e non abbiate paura dei pericoli della giornata, della peste che si nasconde nel buio, della malattia che vi colpisce in una giornata luminosa. Se migliaia muoiono accanto a te, se decine di migliaia cadono intorno a te, non può succedere nulla a te. Lo vedrai con i tuoi occhi, vedrai come Dio punisce i malvagi. Se il Signore è il tuo rifugio, se cerchi la massima protezione, allora il male non ti farà del male e nessuna disgrazia raggiungerà la tua casa. Perché comanda ai suoi angeli di proteggerti ovunque tu vada. Ti portano sulle mani in modo da non colpire il piede contro una pietra. Calpesterai leoni e serpenti velenosi, calpesterai i leoni selvaggi e i serpenti con i tuoi piedi! Il Signore dice: »Voglio salvare chi mi ama. Voglio proteggere chi si fida del mio nome. Quando mi chiama, voglio rispondere. Voglio aiutarlo nel bisogno, salvarlo e onorarlo. Voglio dargli una lunga vita e lasciargli ottenere il mio aiuto. “”

Sono sicura che Dio protegge i suoi figli.

Ecco perché non dobbiamo avere paura e non preoccuparci.

“Quindi non preoccuparti e non chiedere: ‘Avremo abbastanza da mangiare? E cosa beviamo? Cosa dovremmo indossare? ‹Solo le persone che non conoscono Dio possono essere determinate da queste cose. Il tuo Padre celeste sa che hai bisogno di tutto questo ”Matteo 6: 31-32 In questo tempo incerto, noi come cristiani credenti, possiamo essere testimoni di fede e fiducia, portatori di speranza e indicazioni e rendere le persone intorno a noi consapevoli che c’è un Dio che tiene il mondo intero nelle sue mani.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: