Il regalo più grande

Lesedauer 3 Minuten

Fare regali fa parte del Natale. Siamo felici quando riceviamo regali e anche quando possiamo rendere felici la nostra famiglia e i nostri amici. I regali sono un segno d’amore. I regali più belli non sono i più costosi, ma quelli che vengono dal cuore. Il tempo trascorso insieme, un buon pensiero e la consapevolezza che qualcuno sta pensando a me sono regali molto più preziosi per me di qualsiasi cosa materiale.

Ma da dove viene l’usanza di farci regali a Natale? Ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che Martin Lutero ha introdotto questa tradizione. In origine, il Natale non era associato al dare. San Nicolò di solito portava i regali il 6 dicembre. Lutero trasferì questa tradizione al Natale nel XVI secolo. Da un lato, perché, come è noto, non gli piaceva l’adorazione dei santi. D’altra parte, ha sottolineato che la nascita di Gesù Cristo nella stalla di Betlemme è il più grande dono di Dio per noi esseri umani. Lutero pensava che quando i bambini ricevono un regalo reale e tangibile per Natale, gli viene visibilmente ricordato il dono di Dio. Il messaggio diventa per loro “più tangibile”. Così è successo che oggi ci scambiamo regali a Natale.

La nascita di Gesù è il più grande dono di Dio per noi esseri umani. Dio si dona, si fa uomo, per incontrarci e per esserci vicino. Non gli siamo indifferenti, Dio è con noi. Gesù! In lui c’è amore, perdono, grazia, gioia, luce, guarigione, pace, riconciliazione, sicurezza, speranza e vita eterna. E possiamo solo accettare questo dono con il nostro cuore, accettarlo nei nostri cuori.

“E l’angelo disse loro: Non abbiate paura! Poiché, ecco, io vi dico una grande gioia, che sarà per tutto il popolo. Perché oggi ti è nato un Salvatore, che è il Signore Cristo nella città di Davide ”Luca 2:10

Il bambino nella mangiatoia sta crescendo e ha una missione da compiere. È il Salvatore e Redentore del mondo intero.

“Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché tutti coloro che credono in lui non periscano, ma abbiano la vita eterna” Giovanni 3:16

Il profeta Isaia ci predisse il suo dono più di 700 secoli prima della nascita di Gesù:

Il “meraviglioso consigliere”: Gesù ci guida e ci guida in ogni situazione e circostanza, è la nostra luce. Può persino fare miracoli per noi.

Il “Dio forte”: in Gesù riconosciamo l’essenza di Dio, la sua potenza, forza e onnipotenza.

L ‘”Eterno Padre”: Attraverso Gesù abbiamo la riconciliazione con Dio e l’accesso a Dio Padre.

Il “Principe della pace”: Gesù porta la pace tra Dio e l’uomo. Ci dà la sua pace che il mondo non conosce.

Infine, con un breve racconto natalizio, auguro a tutti un sereno Natale. Siamo consapevoli dell ‘amore di Dio e il suo dono inestimabile per noi.

Il sogno (autore sconosciuto)

Intorno a Natale un ragazzo ha fatto un sogno memorabile. In esso Gesù gli parlò e gli chiese tre regali. Il ragazzo gli ha subito offerto il suo nuovo capo di abbigliamento, il suo trenino elettrico e il suo bellissimo libro illustrato. “No”, rispose Gesù, “non ho bisogno di niente di tutto ciò. Vorrei qualcosa di diverso da te. Dammi il tuo ultimo saggio! ” – Il ragazzo era spaventato: “Ma l’insegnante ha dato a questo tema un cinque!” – «È proprio per questo che lo voglio. Portami tutto ciò che è firmato con fallito. “Dopo dammi la tua tazza della colazione” – “Ma l’ho rotta! “-” Vuoi darmi tutto ciò che è rotto e distrutto nella tua vita? ” “Ecco il mio terzo desiderio: voglio che tu mi porti la risposta che hai dato a tua madre quando ti ha chiesto di portarle quella tazza.” – “Ma ho mentito e affermato che era caduto, anche se l’avevo buttato giù deliberatamente.” – “Sì, lo so”, rispose Gesù. “Portami tutte le tue bugie, la tua disobbedienza, il male che hai fatto, in modo che io possa aiutarti, perdonarti, guarirti e cambiarti.” Quando il bambino si è svegliato da questo sogno, gli è stato improvvisamente chiaro perché Dio è diventato uomo e perché Cristo è nato come Salvatore del mondo: per essere in grado di cambiare tutto ciò che è fallito, distrutto e cattivo in noi, e per farci il meraviglioso dono della vita eterna.

Essere luce

Lesedauer 3 Minuten

Accendere luci è una delle tradizioni prenatalizie. Le nostre strade e le nostre case sono illuminate e piene di luci. Ogni settimana accendiamo una nuova candela sulla corona dell’Avvento e anche l’albero di Natale è decorato con luci scintillanti.

Non dovremmo dimenticare qual è il significato dietro di esso ed essere consapevoli di ciò che la luce ci ricorda. Tutte le luci che accendiamo per Natale testimoniano Gesù, che è venuto nel mondo come luce. È la fonte della luce, la luce stessa, la luce del mondo che illumina le nostre tenebre. La sua luce risplende più brillante del sole e illumina il nostro cammino.

“La tua parola è una lampada ai miei piedi e una luce sulla mia strada. Salmo 119: 105

C’è luce in lui e non c’è oscurità in lui. Dio si fa uomo, si dona e riempie la nostra vita con la sua luce, il suo amore, la sua speranza, la sua pace. Pieni della sua luce, risplendiamo e possiamo diventare noi stessi luci.

“Eri l’oscurità; ma ora sei luce nel Signore. Camminate come figli della luce ”. Efesini 5: 8

In relazione con lui, se rimaniamo in lui, possiamo trasmettere la luce perché Dio ci fornisce in abbondanza. Nella sua presenza le nostre luci non si spegneranno, ma si accenderanno ancora e ancora. Se proviamo a essere e a dare luce per conto nostro, dopo un po ‘ci stancheremo, ci esauriremo e non avremo più energia. Proprio come una lampada deve essere collegata alla fonte di energia per brillare, così dobbiamo essere collegati alla fonte di luce di Dio. Quanto è importante questa connessione per noi, Gesù descrive nella parabola della vite e del tralcio:

Gesù disse ai suoi discepoli: “Io sono la vera vite. Resta in me, poi io resto in te. Come il tralcio da se stesso non può portare frutto, ma solo se rimane sulla vite, così neanche voi potete portare frutto se non rimanete in me; io sono la vite, voi siete i tralci. Chi rimane in me e nel quale io resto porta frutti ricchi; perché a parte me non puoi fare niente. Se rimani in me e se le mie parole rimangono in te, allora chiedi quello che vuoi: lo riceverai ”. E poi Gesù dice:“ Come il Padre ha amato me, anch’io ho amato te. Resta nel mio amore! Vi chiedo questo: amatevi l’un l’altro! “

Rimanere nel suo amore e trasmettere il suo amore è la missione che Gesù ci dà. Non nascondere la nostra luce, ma metterla su un candeliere in modo che tutti possano vederla. Come possiamo essere luce per gli altri? Possiamo essere luce donandoci come fece Gesù. Ecco una breve storia:

Storia di una candela “Adesso mi hai acceso e guardato nella mia luce. Ti rallegri della mia luminosità, del calore che ti do. E sono felice di poter bruciare per te. In caso contrario, potrei essere sdraiato in una vecchia scatola, inutile. Ottengo significato solo bruciando. Ma – lo so fin troppo bene – più a lungo brucio, più divento breve, più sono incline al mio fine. Dirai “bruciato” e getti via ciò che è rimasto di me. So che ci sono sempre queste due opzioni per me: o rimango nella scatola – intatta, dimenticata, al buio – oppure sto bruciando, diventando più corta, dando tutto ciò che ho a favore della luce e del calore. Quindi sto portando la mia fine. Eppure, penso che sia più bello e più sensato essere in grado di regalare qualcosa che stare al freddo e sdraiarsi nella scatola buia …

Con questo in mente, auguro a tutti un sereno Natale e auguro a tutti noi di diventare sempre più consapevoli che la luce di Gesù vive in noi. Quindi facciamola brillare anche per gli altri:

  • facciamo regali
  • offriamo un aiuto pratico
  • pregiamo l’uno per l’altro
  • beneditevi a vicenda
  • trasmettiamo buoni pensieri
  • incoraggiamo gli altri
  • regaliamo il nostro sorriso
  • offriamo il ​​nostro tempo
  • scriviamo una lettera / cartolina
  • visitiamo persone sole e malate
  • ci ascoltiamo a vicenda
  • Invitiamo qualcuno
  • parliamo di Gesù, la luce del mondo

“Alzati, sii luce; perché la tua luce sta arrivando e la gloria del Signore è su di te! ”Isaia 60: 1

“Sei la luce del mondo. La città su una collina non può essere nascosta. Matteo 5:14 “

“Poiché questo è il modo in cui il Signore ci ha comandato:” Ti ho fatto luce dei pagani, affinché tu sia la salvezza fino all’estremità della terra. ” Atti 13:47

“Ma tu sei una generazione eletta, un sacerdozio regale, un popolo santo, un popolo posseduto, che dovresti proclamare i benefici di colui che ti ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa.” 1 Pietro 2: 9

Avvento – aspettative

Lesedauer 2 Minuten

L’Avvento è iniziato, un periodo di grande attesa. Ci stiamo preparando per il natale e stiamo facendo del nostro meglio per renderlo il più bello possibile. Decoriamo, sforniamo biscotti, addobbiamo l’albero di Natale, compriamo regali, cerchiamo ricette per il perfetto menu di Natale e desideriamo avere un bel tempo con la famiglia. Ci aspettiamo anche un tempo contemplativo, pacifico e armonioso in cui possiamo fermarci e riposarci.

Quest’anno il periodo dell’Avvento e del Natale potrebbe essere diverso da quello che ci aspettiamo. I mercatini di Natale sono stati cancellati, i contatti sociali sono limitati, le grandi feste di Natale sono cancellate, i viaggi non sono consentiti.

Ma cos’è veramente importante? Di cosa parla veramente la stagione dell’Avvento? Avvento viene dal latino e significa “arrivo”. Ci stiamo preparando per l’arrivo di Gesù, il cui compleanno celebreremo la vigilia di Natale, e l’Avvento indica anche la futura venuta di Cristo.

“Preparate la via per il Signore” Isaia 40: 3

Gesù è al centro, il suo arrivo è il centro del messaggio di Natale. Con questo in mente, vorrei organizzare il periodo dell’Avvento e del Natale. Ricordami consapevolmente che Gesù sta cercando un luogo dove possa arrivare. Già 2000 anni fa a Betlemme, Maria e Giuseppe cercavano un alloggio dove poter stare. Molte persone li hanno respinti fino a quando non hanno finalmente trovato un posto in una stalla. Là nacque Gesù e Maria lo mise in una mangiatoia. Dio si fa piccolo, è nato in cattive condizioni. Dio si avvicina a noi esseri umani e mostra il suo amore. Dà se stesso.

Anche oggi Gesù sta ancora cercando un luogo dove possa arrivare. È alla ricerca di persone che accetteranno il dono del suo amore, che gli apriranno i loro cuori in modo che possa trasferirsi lì dentro. Non si aspetta un albero di Natale decorato, regali o un menu di Natale. Quello che vuole è l’incontro e la comunità, vuole trovar posto in te e in me. È Lui che ci dona il suo amore incondizionato, con la sua luce, con la sua speranza, con la sua consolazione, con la sua gioia, con la sua grazia e con la sua pace.

“Ecco, io vi porto una buona notizia di grande gioia, che sarà per tutte le persone” Luca 2:10

“Perché per noi è nato un bambino! Ci è stato dato un figlio! Lui prenderà il controllo. È chiamato “Consigliere meraviglioso”, “Dio potente”, “Padre eterno”, “Principe della pace” Isaia 9.5

Quest’anno in particolare, in cui il mondo ha bisogno di nuova speranza e nuova luce, è l’occasione, che il messaggio del Natale diventi sempre più importante per molte persone, per diventarne più consapevoli, per pensarci e per andare alla ricerca di Dio.

Quando penso alla storia del Natale, mi vengono in mente i tre saggi dell’Oriente. La Bibbia li chiama maghi, una combinazione di scienziati, filosofi e astronomi. Stavano cercando la verità. Hanno cercato Gesù, fatto domande, osservato e fatto tutto il possibile per ottenere risposte e così hanno raggiunto il loro obiettivo.

“Chiedete e vi sarà dato; cerca e troverai; bussate e vi sarà aperto. Perché chi chiede riceve; e chi cerca troverà; e chiunque busserà là sarà aperto ”. Matteo 7: 7-8

“Allora cercherai il Signore tuo Dio. E lo troverai se chiedi di lui onestamente e con tutto il tuo cuore ”Deuteronomio 4:29

Luce nell’ oscurità

Lesedauer 2 Minuten

La luce è vitale per noi umani, tanto importante quanto l’acqua e il cibo. La luce ci permette di percepire il nostro ambiente con i nostri occhi, controlla molti processi nel nostro corpo, il ritmo del sonno e della veglia (orologio interno), influenza il nostro stato d’animo e il nostro benessere. La luce solare ci fornisce vitamina D, che è responsabile della costruzione delle nostre ossa. Secondo gli ultimi studi scientifici, i raggi solari prevengono le malattie cardiovascolari in quanto abbassano la pressione sanguigna.

Adesso a novembre, quando le giornate si accorciano e si fa buio presto, notiamo quanto desideriamo ardentemente la luce. Durante questo periodo, sposto la mia passeggiata quotidiana a mezzogiorno o al primo pomeriggio in modo da poter ancora godermi gli ultimi raggi di sole. A casa la sera, mi piace mettermi a mio agio in soggiorno, accendere il fuoco e riscaldarmi sulla panchina vicino alla stufa. Mi piace accendere una candela e guardarne il bagliore. Una piccola luce in una stanza può illuminare l’intera stanza e dissipare l’oscurità.

Anche nel mondo ci sono oscurità, sofferenza, difficoltà, circostanze difficili e crisi. In tali situazioni ci manca la luce, non possiamo più vedere oltre, non abbiamo orientamento. L’oscurità ci deruba della gioia e ci spaventa.

Ma è proprio in questi momenti che possiamo vedere una luce. C’è una luce che illumina il mondo intero, non la può spegnere tutta l’oscurità del mondo.

“Sono venuto nel mondo come luce, cosi tutti quelli che credono in me, non restano nell’ oscurità”

Gesù è la luce che scaccia tutte le tenebre. L’oscurità deve cedere nella sua luce. Gesù porta la luce nelle buie giornate invernali, la sua luce risplende più brillante del sole. Gesù porta la luce nei nostri cuori, Gesù ci illumina la via. Guarda la luce, rivolgiti ad essa e lasciala risplendere nel tuo cuore. La luce di Gesù è più forte di tutto ciò che ti rende triste o ti spaventa. Con Gesù la vera luce è venuta nel mondo (Giovanni 1: 9-12).

“Poiché con te è la sorgente della vita, e nella tua luce noi vediamo la luce”. Salmo 36:10

“Le persone che vivono nelle tenebre vedono una luce splendente”. Isaia 9: 1

Dove incontriamo Gesù, la luce, il cambiamento, la guarigione, la restaurazione avvengono. In presenza della sua luce possiamo fiorire. Gesù scaccia tutte le tenebre. Anche in circostanze difficili la sua luce è per noi consolazione e salvezza. Con lui vediamo tutto sotto una luce diversa. Non dobbiamo rimanere nell’oscurità, la luce ci fa conoscere l’amore di Dio per noi.

Più viviamo nella sua luce, più splenderemo noi stessi e così possiamo diventare noi stessi piccole luci e trasmettere la luce di Gesù ai nostri simili. Non dovremmo tenerlo per noi, ma lasciarlo brillare per tutte le persone che sono all’oscuro.

Cristo dice: tu sei la luce del mondo. Quindi lascia che la tua luce risplenda davanti alle persone in modo che possano vedere le tue buone opere e lodare il tuo Padre celeste. Mt 5:14

Nessuno accende una luce e la mette in un luogo segreto, nemmeno sotto il moggio, ma sul candeliere, in modo che chi entra possa vedere la luce. Luca 11:33

Imperturbabile

Lesedauer 2 Minuten

C’è qualcosa di affascinante nelle montagne. Quando esploro le montagne in cui vivo, rimango sempre stupita. Durante le escursioni estive posso vedere le maestose alti monti, lasciar vagare lo sguardo in lontananza dall’alto e godermi il meraviglioso panorama. Mi piacciono i prati di montagna, i laghi limpidi e le valli profonde. Le vette sono ricoperte di ghiaccio e neve. Dopo una giornata in montagna, mi sento un po ‘più vicino al paradiso.

Nella Bibbia leggiamo spesso che le persone incontrano e sperimentano Dio sulla montagna. Anche Gesù si ritirò sui monti per pregare e per trovare riposo. Le dimensioni, la massa e l’altezza delle montagne sono enormi. Sono davanti a me irrevocabilmente e inamovibili. È impossibile spostare una montagna del genere, ha il suo posto permanente. È stabile per molti milioni di anni. Ecco una breve storia:

“Una volta ogni mille anni – solo ogni mille anni – un uccello arriva su una montagna. Si siede in cima alla vetta. Là sulla roccia questo animaletto agita il becco con un movimento breve e veloce. Quindi l’uccello vola via di nuovo. Quando l’intera montagna è stata scalfita, è passato solo un secondo di eternità. Questa è coerenza. “

Nella Bibbia, in Isaia 54:10, dice il Signore nostro misericordioso:

“Le montagne possono cedere e le colline possono ondeggiare, ma nulla può scuotere il mio amore per te e il patto della mia pace non cadrà.”

Che meravigliosa promessa. L’amore di Dio per noi è ancora più stabile e incrollabile di qualsiasi montagna sulla terra. Qualunque cosa accada, anche le montagne dovrebbero cedere, l’amore di Dio dura per sempre e non può essere scosso. Dio è la roccia eterna, il terreno su cui possiamo stare in sicurezza. La sua fedeltà è irrevocabile e la sua grazia non cessa mai. Possiamo costruire su di lui, possiamo contare sulla sua parola. Non abbandona mai chi lo ama.

Questo versetto rafforza la mia speranza, la mia fede e dà coraggio nell’incertezza e nelle difficoltà. Che le situazioni difficili mi appesantiscano, non ci sia certezza, i cambiamenti avvengano nella mia vita, il suo amore per me è ciò che rimane e non può essere scosso da nulla, qualunque cosa accada. Dio ha fatto un patto di pace con noi. Per mezzo di Gesù Cristo, che è venuto sulla terra come essere umano per pagare i nostri debiti e che ha dato la sua vita per noi, abbiamo pace, perdono e accesso a Dio.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna.” Giovanni 3:16

Alla fine un salmo:

Soccorso e protezione di Dio
1 Alzo gli occhi verso i monti… #Da dove mi verrà l’aiuto?
2 Il mio aiuto viene dal Signore, #che ha fatto il cielo e la terra.
3 Egli non permetterà che il tuo piede vacilli; #colui che ti protegge non sonnecchierà.
4 Ecco, colui che protegge Israele #non sonnecchierà né dormirà.
5 Il Signore è colui che ti protegge; #il Signore è la tua ombra; egli sta alla tua destra.
6 Di giorno il sole non ti colpirà, #né la luna di notte.
7 Il Signore ti preserverà da ogni male; #egli proteggerà l’anima tua.
8 Il Signore ti proteggerà, quando esci e quando entri, #ora e sempre. salmo 121

Prospettive sul futuro

Lesedauer 2 Minuten

Cosa porterà il futuro? I media non prevedono nulla di buono per noi, una notizia negativa segue l’altra. Un piccolo virus tiene il mondo intero sotto il suo incantesimo e cambia le nostre intere vite. Ogni giorno i media ci tengono davanti agli occhi le ultime cifre del corona, il numero di infetti, malati e morti. Ancora e ancora nuove misure e restrizioni per interrompere l’onda della malattia.

  • Come stai in questa situazione?
  • La rabbia, la paura, la preoccupazione o l’insicurezza vogliono diffondersi dentro di te?
  • Hai una sensazione non buona quando pensi al tuo futuro?
  • Ti chiedi se sarà mai come prima?
  • Ti preoccupi per la tua salute, per la salute della tua famiglia?
  • Hai paure esistenziali dovute ai vincoli economici?
  • Ti senti solo perché devi fare a meno dei contatti sociali?

Nessuno sa come sarà il futuro. Ci sono molte opinioni, previsioni diverse, ma alla fine nessuno può dirci cosa accadrà e per quanto tempo durerà questa crisi. Non ci porta oltre se ci concentriamo solo sui problemi e ci tormentiamo costantemente con pensieri negativi. Preoccupazioni e pensieri negativi non ci aiutano.

“Preoccuparsi è come sedersi su una sedia a dondolo. Ti tiene impegnato ma non ti porta da nessuna parte. ” Glenn Turner

Invece di ascoltare o guardare le ultime notizie più e più volte, è meglio chiedere chi ha in mano il nostro futuro. Lo conosci? È il Dio che ha creato il cielo e la terra e che ha in serbo un buon piano per il mondo e per noi umani. La sua verità è eterna e possiamo fare affidamento sulle sue promesse. È l’unico che può dire qualcosa sul tuo e sul mio futuro. Puoi leggere le sue promesse nella sua parola, nella Bibbia. Ci sono parole di speranza e di fiducia che scacciano le tue paure, preoccupazioni, risentimento e insicurezza e ti danno pace e nuove prospettive per il futuro.

Questo è ciò che Dio dice in Geremia 29:11: “Ho progetti per te pieni di futuro e speranza”

In Salmo 37: 5 è scritto: Confida nel Signore e non preoccuparti del tuo futuro. Lasciateli a Dio. Lo farà bene. “

Possiamo decidere ogni giorno di nuovo dove dirigere il nostro sguardo. Sulle nostre circostanze difficili o su Dio che ha tutto sotto controllo, che è onnipotente e onnicosciente e il cui amore per noi è infinito.

“Dio, il mio futuro è nelle tue mani”. Salmo 31:16

“Quindi non preoccuparti per il domani: il giorno dopo si prenderà cura di se stesso! È sufficiente che ogni giorno porti le proprie difficoltà. ”Matteo 6:34

Per questo dovresti concentrare la tua vita su Dio:

 Dio ti conosce per nome  (Isaia 43: 1)
 Dio pensa a te Salmo (139: 16)
 Dio è il tuo rifugio Salmo 62: 6-8
 Dio combatte per te  (Esodo 14:14)
 Dio è sempre con te (Matteo 28:20)
 Dio ti ama Giovanni (3:16)
 Dio è la tua protezione Salmo (119,114)
 Dio è la tua roccia Samuele (22:32)
 Dio è la tua fiducia e forza Salmo (46: 2)

Mantenere la pace

Lesedauer 3 Minuten

Quando il mio cuore si fida di te
e guardo il tuo amore per me
trovo la pace, posso sconfiggere tempesta e onde.
In mezzo a tempi turbolenti
la tua presenza sarà sempre con me.
Anche nella più grande incertezza
con te c’è sempre la pace.
Il mio cuore turbato si ferma
perché il Dio che custodisce la mia pace sei tu.
(Ulrike Nägele)


A proposito della pace, ho letto di recente la seguente storia:

“C’era una volta un re che voleva dare un premio all’artista che gli aveva dipinto il quadro più appropriato della pace. Molti artisti ci hanno provato. Il re guardò tutte le immagini, ma ce n’erano solo due che gli piacevano veramente; doveva scegliere tra loro.

In una foto c’era un lago calmo, in cui il pacifico paesaggio montano che torreggiava intorno ad esso si rifletteva perfettamente. Sopra di esso si stendeva un cielo azzurro con soffici nuvole bianche. Chiunque abbia guardato questa foto deve aver pensato che fosse una pace perfetta.

Nell’altra immagine c’erano anche montagne, ma erano aspre e spoglie, e sopra di esse un cielo infuriato con lampi lampeggianti e forti piogge. Sul retro della foto è caduta una cascata spumeggiante. Non sembrava tutto molto tranquillo. Ma dietro la cascata il re scoprì un piccolo cespuglio che cresceva in una fessura. Una mamma uccello aveva costruito il suo nido nella boscaglia. Là, in mezzo all’acqua impetuosa, la madre uccello sedeva perfettamente pacificamente nel suo nido.

Cosa pensi? Quale foto ha vinto il premio? Il re ha scelto la seconda immagine.

“’Perché pace non significa’, disse il Re, profondamente commosso, ‘trovarsi in un luogo di perfetta calma, libero dalla rabbia e dal lavoro stressante, ma rimanere calmi in tutto questo. Questo è il vero significato della pace. ‹”

Mi piace questa storia perché spiega così bene il vero significato della pace. La pace non significa che le circostanze esterne siano buone, che non ci siano difficoltà e problemi da superare, che non abbiamo sfide, ma piuttosto trovare la pace interiore in mezzo a circostanze stressanti, incertezze, caos e tumulti.

Guardando a Gesù possiamo arrivare a questa pace. In sua presenza c’è pace, sì, lui stesso è pace. La pace non è assenza di guai, ma presenza di Dio.

Niente e nessun altro può darci questa pace. La fiducia in Dio è la chiave per quella pace.


“Sono inquieto, ma con te c’è pace” (Dietrich Bonhoeffer)


“Nella frenesia quotidiana, nel nostro lavoro, in tutte le situazioni della vita naturale, ci appartiene: l’incrollabile, inviolabile pace di Gesù.” (Dietrich Bonhoeffer)


Ho trovato questa pace nella presenza di Dio, in un rapporto con Gesù. Lo vivo nella comunità e l’incontro con lui quando dirigo i miei pensieri su di lui invece di guardare le mie preoccupazioni o problemi. E voglio inseguire questa pace ancora e ancora, perché prima di quanto pensassi, la pace mi verrà di nuovo rubata. Per restare nella sua pace, mi è permesso di tornare ogni giorno a Gesù, che mi regala il suo dono di pace e lo accetto per me. Ogni giorno posso prendere la decisione di fidarmi completamente di lui, di concentrare il mio cuore su di lui, di lasciar andare tutto ciò che è difficile e di credere che lui manterrà la mia pace.

“Ti ho detto tutto questo perché tu avessi pace in me. Qui sulla terra vivrai molte cose difficili. Ma abbi coraggio, perché ho vinto il mondo. ”Giovanni 16:33

“Non preoccuparti di nulla, ma in ogni cosa lascia che le tue richieste siano rese note a Dio in preghiera e supplica con rendimento di grazie! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù. “Filippesi 4: 6-7

Fiducia

Lesedauer 3 Minuten

Cosa significa la parola fiducia? La fiducia è la ferma convinzione che accadrà qualcosa di positivo, la sensazione di una forte convinzione interiore che mi dice che andrà sempre avanti, anche quando qualcosa non va bene.

Se guardi agli eventi mondiali attuali, le previsioni non sono buone , molte persone si sentono meno sicure e cresce preoccupazione, dispiacere, perplessità e paura.

Oggi vorrei incoraggiare tutti coloro che attualmente si trovano in una situazione difficile, sia a causa del coronavirus che di altre circostanze che vogliono rubare la gioia della vita.

Hai paura di malattia?
Non sei sicuro di come continuare economicamente?
Hai paure esistenziali?
Ti senti isolato, solo, solo, ti mancano i contatti sociali?
Sei preoccupato per il futuro?
Ti senti una grande insicurezza?
Sei triste, depresso?

Forse ti sembra che Dio sia molto lontano, forse non lo senti più, tace e sembra non ascoltare le tue preghiere, ti senti vuoto e senza speranza. Sei tormentato dal dubbio che Dio abbia buone intenzioni per te.

Dio vuole incontrarti in mezzo a tutte le circostanze difficili. Lui ti è vicino. Puoi portare la tua sofferenza a lui e lamentarti, consegnargliela, ti aiuta a lasciarla andare passo dopo passo. Ti conforta. È il Dio di ogni conforto.

Lode a Dio, il Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre di misericordia e Dio di ogni consolazione, che ci conforta in tutte le nostre tribolazioni, in modo che possiamo anche confortare coloro che sono in tutte le tribolazioni con il conforto con cui noi stessi siamo confortati da Dio “2 Corinzi 1: 3-4

È lui che può darti di nuovo speranza e fiducia, che riporta la luce nell’oscurità.

Senza Dio potresti disperare per tante cose, ma hai fiducia in dio, che alla fine ha un buon piano, che sa tutto e tiene tutto nelle sue mani. Scegli di credere che Dio può far lavorare tutte le cose per il tuo bene.

“Ma sappiamo che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio” Romani 8:28

Dio ti vede, anche se tu non lo vedi
Dio ascolta le tue preghiere, anche se tu non lo senti adesso
L’amore di Dio ti avvolge, anche se non sempre lo senti

Dio è “Emmanuele”, che significa “Dio con noi”. Niente e nessuno può separarti dal suo amore. Tieniti alla promessa di Dio, alla parola di Dio. È con te tutto il tempo, specialmente quando sei nella valle oscura.

Perché sono certo che né la morte né la vita, né gli angeli né i poteri né i governanti, né il presente né il futuro, né l’alta né la profondità né qualsiasi altra creatura possono separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore. “Romani 8.38-39

Tieni la sua mano e lascia che ti guidi.


“Mi circondi da ogni parte e mi tieni la mano sopra” Salmo 139: 5


Credi a Dio, che fa miracoli. La tua fede in lui è più di un sentimento. È una ferma fiducia in ciò che speri e un non dubbiare su ciò che non vedi.

“Dio è la nostra fiducia e forza, un aiuto nei grandi bisogni che ci hanno colpito”. Salmo 46: 2

“Poiché tu sei la mia fiducia, una potente torre dai miei nemici”. Salmo 61: 3

“Con Dio è la mia salvezza, il mio onore, la roccia della mia forza; la mia fiducia è in Dio. “Salmo 62: 7

Sperate sempre in lui, care persone, aprite i vostri cuori davanti a lui; Dio è la nostra fiducia. “Salmo 62: 8

“Ma è mia gioia stare dalla parte di Dio e riporre la mia fiducia nel Signore” Salmo 73:28

“Ti coprirà con le sue ali e la tua fiducia sarà sotto le sue ali. La sua verità è uno scudo e uno scudo “. Salmo 91: 4

Ma il SIGNORE è la mia protezione; il mio Dio è il rifugio della mia fiducia “Salmo 94: 2

Dove è il tuo tesoro, lì è anche il tuo cuore

Lesedauer 3 Minuten

Ci sono numerose guide, riviste e libri, in cui puoi trovare suggerimenti per una vita felice e contenta. Molti autori e scienziati si occupano di questo argomento e hanno già acquistato molte importanti conoscenze al riguardo.

Soddisfazione, gratitudine, famiglia, contatti sociali, esercizio fisico, alimentazione sana, ecc. Sono tutti fattori che possono contribuire alla felicità personale. Ma mi manca il punto più importante in questa lista: mettere Dio al primo posto



“Felice è colui che confida in te” Salmo 84:13


Il tempo con Dio, incontrarlo ed essere in contatto con lui ci rende felici. Questo è ciò per cui siamo stati creati, la comunità e il rapporto con Dio, nostro Creatore, è il nostro scopo di vita.

Tuttavia, la nostra vita quotidiana è spesso sovraffollata di doveri, sfide, lavoro, consumi, tempo libero, shopping, igiene personale, attività sociali e culturali, sport, visite dal medico e molto altro, così che possiamo facilmente entrare nella routine quotidiana. Sempre lo stesso, giorno dopo giorno. In questa routine spesso non passiamo molto tempo con Dio e possiamo facilmente entrare nello stress quotidiano. Siamo sotto pressione, molte commissioni, una montagna di biancheria che ci aspetta, stress, rabbia, poco tempo. Inoltre, lavori di volontariato, compiti a casa con i bambini e altre cose che possono diventare un peso per noi.

Come posso interrompere questo ciclo?

Ho scoperto per me che questa routine, che porta a frustrazione e insoddisfazione, nasce quando dimentico una cosa: dare a Dio il primo posto

Se solo funziono, provo a fare tutto da sola, sono in azione e dimentico di ricaricare le batterie da mio Dio, di lasciare che il suo amore mi riempia, di portarlo nella mia vita di tutti i giorni, allora la mia gioia è persa.

Mi aiuta a pianificare momenti specifici con Dio, a iniziare e terminare la giornata con Dio, a leggere la Bibbia, ad ascoltare canti di lode mentre svolgo i lavori domestici, a fare una passeggiata con Dio o a prendere il sole per 10 minuti sul balcone durante la pausa pranzo Godersi il silenzio. Parlare con Dio, una preghiera. Dio non è mai più lontano di un pensiero . Ci sono molti modi per entrare in contatto con Dio.



“Pensa a lui ad ogni passo; ti mostra la retta via ”Proverbi 3,6


Ci sono spesso momenti in cui è difficile prendersi il tempo libero. Per me, ad esempio, è stato così durante la raccolta delle mele. Dalle 5:30 del mattino alle 9:00 di sera, il programma era pieno. Preparare la colazione per i lavoratori e preparare i bambini per la scuola, poi andare sul prato, distribuire il pranzo, la sera far da mangiare per tutti e fare il minimo indispensabile in casa. Alle 21:30 sono andata a letto stancha, dopo aver letto 2 o 3 frasi nella Bibbia ero già profondamente addormentata.


“Ai suoi lo dà nel sonno”. Salmo 127: 2


Ma dove ho ricaricato più forza ed energia per ogni giorno in questo periodo erano nei pensieri, brevi preghiere a Dio, nella consapevolezza della sua vicinanza e portandolo ovunque con me. Anche se non c’era tempo per la lettura della Bibbia, c’era una mancanza di servizi di chiesa e amicizia nel gruppo , Dio era sempre con me e quella era la mia felicità.


“Essere vicino a Dio è la mia felicità” Salmo 73:28


Più tempo trascorro con Dio, più sono equilibrata . Dio mi aiuta a stabilire correttamente le priorità, a distinguere ciò che è importante da ciò che non è importante, a riallinearmi internamente, a eliminare ripetutamente i ladri di tempo e le distrazioni, a usare il mio tempo correttamente.

Ho molti progetti, ma spesso è meglio lasciare che Dio mi interrompa, ascoltare la sua guida, la sua voce.


“Sii calmo e sappi che io sono Dio” Salmo 46:11


Forse oggi è più importante visitare qualcuno che pulire le finestre.

Forse oggi aiutare qualcuno è più importante che fare le mie commissioni.

Forse oggi è più importante ascoltare qualcuno che andare avanti velocemente in modo che i miei impegni non si confondano.

Forse oggi è più importante fare una passeggiata che stirare i vestiti.


“C’è un tempo per ogni cosa e c’è un tempo per ogni uomo nobile sotto il cielo”. Ecclesiaste 3: 1


Ci preoccupiamo molto, pensiamo a c’è da fare , a volte dimenticando che Dio è al nostro fianco. Con Dio sulla barca, non affonderemo così velocemente in un mare di preoccupazioni. Se lasciamo che partecipi alle nostre preoccupazioni, toglie tutte le nostre preoccupazioni e ci dà nuova forza e gioia nella vita di tutti i giorni. Con Dio, anche le pulizie di casa sono divertenti.



Prima cercate il regno di Dio e la sua giustizia. Quindi ti fornirà tutto il resto. Matteo 6:33



Felice il popolo il cui Dio è il SIGNORE! ” Salmo 144.15



Felici quelli che vivono nella tua casa. Ti loderanno sempre. Felice è la persona la cui forza è in te, che ti segue dal cuore. Salmo 84: 5-6

Felice è l’uomo che non ascolta i consigli dei malvagi, che non segue l’esempio della vita dei peccatori e non si burla. Con gioia fa la volontà del Signore [1] e medita sulla sua legge giorno e notte. È come un albero che ha radici sulla riva del fiume e porta frutti abbondanti anno dopo anno. Le sue foglie non appassiscono e tutto ciò che fa riesce nel Salmo 1: 1-3

Persistenza

Lesedauer 3 Minuten

Cos’è la persistenza? Persistenza significa immutabilità, affidabilità, stabilità e lealtà. La coerenza è una roccia forte, un’ancora sicura, una costante.

Ti sei mai chiesto chi in questo mondo è effettivamente permanente, cosa è permanente? Esiste davvero qualcosa di simile?

Il mondo cambia costantemente, niente rimane lo stesso. I tempi cambiano, le persone cambiano, i sentimenti cambiano ecc. E tuttavia le persone hanno sempre desiderato nei loro cuori di cercare ciò che rimane sempre.

“Ha posto nel cuore dell’uomo il desiderio di indagare su ciò che è eterno”. Ecclesiaste 3:11

Quando ripenso alla mia vita, questa ricerca e le domande di significato sono iniziate in giovane età. Se tutto cambia, tutto passa e niente rimane, niente ha senso. Da dove vengo? Dove vado? Perché sono qui? La nostra vita deve avere un significato più grande di quello che viviamo sulla terra per alcuni decenni e poi è tutto finito.

Allora non sapevo che la mia ricerca fosse fondamentalmente la ricerca di Dio. Solo lui è stato in grado di soddisfare questo desiderio in me, perché solo Dio è eterno e costante.

L’amore di Dio non cambia

“Perché sono abbastanza sicuro: né la morte né la vita, né gli angeli né i demoni [7], né il presente né il futuro né alcun potere, né l’alto né il basso o qualsiasi altra cosa al mondo possono separarci dall’amore di Dio, che ci dà in Gesù Cristo nostro Signore dà. “Romani 8: 38-39

Il carattere di Dio non cambia

“Io, il SIGNORE, non cambio” Malachia 3: 6

“Io sono il SIGNORE, il Dio misericordioso e benevolo. La mia pazienza è grande, il mio amore e la mia lealtà non hanno fine! Lascio che le persone sperimentino il mio amore per migliaia di generazioni. Perdono la colpa, l’ingiustizia e il peccato, ma non lascio tutto impunito. “Esodo 34: 5-7

Le buone qualità di Dio non cambiano

“Lodate il Signore, perché è buono e la sua grazia non finisce mai” 1 Cronache 16:34

Le promesse di Dio non cambiano

“Dio non è un uomo che mente, né un bambino umano che dovrebbe pentirsi. Dovrebbe dire qualcosa e non fare qualcosa? Dovrebbe parlare e non tenere qualcosa? ”Numeri 23:19

I piani di Dio non cambiano

“Dio fece anche un giuramento in modo che i destinatari di questa promessa potessero essere assolutamente certi che fosse immutabile. Quindi Dio ci ha dato sia la sua promessa che il suo giuramento, che non possono essere modificati perché Dio non mente. Per noi che abbiamo cercato rifugio in Lui, questo è un grande incoraggiamento, perché vogliamo raggiungere l’obiettivo che ci attende, il compimento della speranza, Ebrei 6: 17-18

I propositi di Dio non cambiano

“Tutti i doni buoni e tutti i doni perfetti discendono dall’alto, dal Padre della luce, con il quale non vi è alcun cambiamento, né cambiamento di luce e tenebre” Giacomo 1:17

Le vie di Dio non cambiano

“Ma ciò che il Signore vuole è per sempre, e ciò che intende è stabilito per sempre” Salmo 33:11

La verità di Dio non cambia

“La tua verità dura per e per” Salmo 119,90

La parola di Dio non cambia

“Ti assicuro: non la più piccola lettera della legge di Dio – nemmeno una riga di essa – perderà mai la sua validità finché esisteranno il cielo e la terra. Tutto deve essere adempiuto. ”Matteo 5:18

“Il cielo e la terra passeranno; ma le mie parole durano per sempre ”Matteo 24:35

Il Figlio di Dio non cambia

“Gesù Cristo ieri e oggi e lo stesso per sempre” Ebrei 13: 8

“Ma Gesù vive per sempre e il suo sacerdozio è quindi immortale. Ecco perché può salvare completamente e per sempre tutti coloro che si rivolgono a Dio attraverso di lui. Vive per sempre per difenderli con Dio ”. Ebrei 7: 24-25

“Tanto tempo fa hai creato tutto, cielo e terra sono opera delle tue mani. Passeranno, ma tu resterai. Come vecchi vestiti cadranno a pezzi, come un vestito logoro te li togli e li cambi. Ma tu rimani uno e lo stesso, i tuoi anni non hanno fine “Salmo 102: 26-28

L’amore costante di Dio è la mia roccia, la mia ancora, la mia presa. Puoi fare affidamento su di lui in ogni momento. È il mio rifugio di calma in un tempo che cambia e la mia sicurezza nell’eternità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: