Il regalo più grande

Sprachen de en

Lesedauer 3 Minuten

Fare regali fa parte del Natale. Siamo felici quando riceviamo regali e anche quando possiamo rendere felici la nostra famiglia e i nostri amici. I regali sono un segno d’amore. I regali più belli non sono i più costosi, ma quelli che vengono dal cuore. Il tempo trascorso insieme, un buon pensiero e la consapevolezza che qualcuno sta pensando a me sono regali molto più preziosi per me di qualsiasi cosa materiale.

Ma da dove viene l’usanza di farci regali a Natale? Ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che Martin Lutero ha introdotto questa tradizione. In origine, il Natale non era associato al dare. San Nicolò di solito portava i regali il 6 dicembre. Lutero trasferì questa tradizione al Natale nel XVI secolo. Da un lato, perché, come è noto, non gli piaceva l’adorazione dei santi. D’altra parte, ha sottolineato che la nascita di Gesù Cristo nella stalla di Betlemme è il più grande dono di Dio per noi esseri umani. Lutero pensava che quando i bambini ricevono un regalo reale e tangibile per Natale, gli viene visibilmente ricordato il dono di Dio. Il messaggio diventa per loro “più tangibile”. Così è successo che oggi ci scambiamo regali a Natale.

La nascita di Gesù è il più grande dono di Dio per noi esseri umani. Dio si dona, si fa uomo, per incontrarci e per esserci vicino. Non gli siamo indifferenti, Dio è con noi. Gesù! In lui c’è amore, perdono, grazia, gioia, luce, guarigione, pace, riconciliazione, sicurezza, speranza e vita eterna. E possiamo solo accettare questo dono con il nostro cuore, accettarlo nei nostri cuori.

“E l’angelo disse loro: Non abbiate paura! Poiché, ecco, io vi dico una grande gioia, che sarà per tutto il popolo. Perché oggi ti è nato un Salvatore, che è il Signore Cristo nella città di Davide ”Luca 2:10

Il bambino nella mangiatoia sta crescendo e ha una missione da compiere. È il Salvatore e Redentore del mondo intero.

“Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché tutti coloro che credono in lui non periscano, ma abbiano la vita eterna” Giovanni 3:16

Il profeta Isaia ci predisse il suo dono più di 700 secoli prima della nascita di Gesù:

Il “meraviglioso consigliere”: Gesù ci guida e ci guida in ogni situazione e circostanza, è la nostra luce. Può persino fare miracoli per noi.

Il “Dio forte”: in Gesù riconosciamo l’essenza di Dio, la sua potenza, forza e onnipotenza.

L ‘”Eterno Padre”: Attraverso Gesù abbiamo la riconciliazione con Dio e l’accesso a Dio Padre.

Il “Principe della pace”: Gesù porta la pace tra Dio e l’uomo. Ci dà la sua pace che il mondo non conosce.

Infine, con un breve racconto natalizio, auguro a tutti un sereno Natale. Siamo consapevoli dell ‘amore di Dio e il suo dono inestimabile per noi.

Il sogno (autore sconosciuto)

Intorno a Natale un ragazzo ha fatto un sogno memorabile. In esso Gesù gli parlò e gli chiese tre regali. Il ragazzo gli ha subito offerto il suo nuovo capo di abbigliamento, il suo trenino elettrico e il suo bellissimo libro illustrato. “No”, rispose Gesù, “non ho bisogno di niente di tutto ciò. Vorrei qualcosa di diverso da te. Dammi il tuo ultimo saggio! ” – Il ragazzo era spaventato: “Ma l’insegnante ha dato a questo tema un cinque!” – «È proprio per questo che lo voglio. Portami tutto ciò che è firmato con fallito. “Dopo dammi la tua tazza della colazione” – “Ma l’ho rotta! “-” Vuoi darmi tutto ciò che è rotto e distrutto nella tua vita? ” “Ecco il mio terzo desiderio: voglio che tu mi porti la risposta che hai dato a tua madre quando ti ha chiesto di portarle quella tazza.” – “Ma ho mentito e affermato che era caduto, anche se l’avevo buttato giù deliberatamente.” – “Sì, lo so”, rispose Gesù. “Portami tutte le tue bugie, la tua disobbedienza, il male che hai fatto, in modo che io possa aiutarti, perdonarti, guarirti e cambiarti.” Quando il bambino si è svegliato da questo sogno, gli è stato improvvisamente chiaro perché Dio è diventato uomo e perché Cristo è nato come Salvatore del mondo: per essere in grado di cambiare tutto ciò che è fallito, distrutto e cattivo in noi, e per farci il meraviglioso dono della vita eterna.

Rispondi