La cosa piú importante é la salute!?

Sprachen de en

Lesedauer 5 Minuten

Definizione di salute:

La definizione più nota di salute è stata descritta dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS): “La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo l’assenza di malattie e disturbi”.

Allo stesso tempo, ci sono varie altre definizioni di salute. Ecco alcuni esempi:

• Secondo T. Parson (sociologo medico): “La salute è uno stato di prestazione ottimale di un individuo, per l’adempimento efficace dei ruoli e dei compiti per i quali è stato socializzato (socializzazione = processo di classificazione nella società, adozione di norme e valori)”.

• Hurrelmann (1990) definisce la salute come: “Stato dello stato oggettivo e soggettivo dell’essere di una persona, che viene dato quando questa persona si trova nelle aree fisiche, psicologiche e sociali del suo sviluppo in conformità con le proprie possibilità e obiettivi e la data Condizioni di vita “.

• “La salute è un’abilità di risoluzione dei problemi e di regolazione emotiva che mantiene o ripristina una condizione mentale e fisica positiva – in particolare l’autostima positiva – e una rete di supporto delle relazioni sociali.”

La salute è molto importante ed è il più grande bene per molte persone. “La cosa principale è salutare”, “Resta sano”, “La salute è la cosa più importante” sono affermazioni che ascolti spesso, ad esempio quando nasce un bambino, alle feste di compleanno o nell’attuale crisi della corona.

Ma la salute è davvero la cosa principale? Diciamo che un gruppo di persone è seduto insieme e queste dichiarazioni sono ascoltate da qualcuno che non è sano. Come si sentirà questa persona? Manca la cosa principale, per così dire. Allora quanto vale la sua vita, qual è il suo significato? In quel momento, la persona interessata si sentirà probabilmente inferiore.

Nella Bibbia, nei Vangeli, leggiamo di molte delle guarigioni che Gesù fece. Possiamo leggere una storia del Vangelo di Marco che mi ha mostrato di cosa si tratta veramente nei capitoli 2.1-12:

Gesù guarisce un paralitico

 Pochi giorni dopo, Gesù tornò a Cafarnao. La notizia del suo arrivo si diffuse rapidamente in tutta la città. [1] 2 Non passò molto tempo prima che la casa in cui viveva fosse sovraffollata di visitatori, in modo che nessuno avesse più spazio, nemmeno fuori dalla porta. E annunciò la parola di Dio per loro. 3 Vi furono quattro uomini che trasportavano un uomo paralizzato su una stuoia. 4 Non potevano attraversare la folla verso Gesù, quindi coprirono il tetto sopra di lui. Quindi hanno lasciato il paziente sul suo tappetino attraverso l’apertura. 5 Quando Gesù vide la loro fede, disse all’uomo paralizzato: “Figlio mio, i tuoi peccati sono perdonati”. 6 Ma alcuni scribi che sedevano lì pensarono: 7 “Come può dire una cosa simile? È una bestemmia! Solo Dio solo può perdonare i peccati! ”8 Gesù sapeva cosa stava succedendo in loro e disse:“ Perché hai pensieri simili nel tuo cuore? 9 È più facile dire ai paralizzati: i tuoi peccati sono perdonati o si alzano, prendi il tappetino e vai? 10 Ti dimostrerò che il Figlio dell’Uomo ha l’autorità di perdonare i peccati sulla terra. “E si rivolse all’uomo paralizzato e gli disse: 11” Alzati, prendi la tua stuoia e vai a casa, perché sei guarito ! ”12 L’uomo balzò in piedi, prese il tappetino e si fece strada attraverso la folla stupita. Quindi tutti lodarono Dio. “Non abbiamo mai visto niente del genere!” Gridarono.

L’uomo nella storia era paralizzato e quindi limitato, non era capace, non poteva fare molte cose. Gli mancava la cosa principale? Era malato, ma aveva qualcosa di più importante. Aveva relazioni. Aveva quattro amici, ottimi amici. Non è solo. Lo portano da Gesù perché sapevano che solo Gesù poteva guarire. Superano tutti gli ostacoli e non possono essere fermati dalla folla, trovano una via per Gesù. Avevano una forte convinzione. Fantastico quando hai amici così.

Cosa fece Gesù quando ebbe il paralizzato davanti a sé? Vide la fede degli amici paralizzati. Gesù non guarì immediatamente la malattia, il danno fisico del paralizzato. La prima cosa che fece Gesù fu di perdonare il suo peccato. Il peccato significa separazione da Dio, e quindi il perdono ha ripristinato il rapporto tra Dio e il paralizzato. Molto più importante della malattia o della salute è la questione di essere o non essere sani per Gesù. La riconciliazione con Dio guarisce di nuovo il paralitico, anche se i suoi sintomi fisici sono ancora lì. La comunione con Dio viene ripristinata, e niente puo separare il paralizzato dall´amore di dio. Neanche malattia o morte. La malattia e la morte sono entrate nel nostro mondo attraverso il peccato, ma Gesù è morto sulla croce per il peccato umano e noi siamo guariti attraverso le sue ferite, anche se c’è ancora malattia e peccato. La fede nella sua opera di salvezza ci libera. La malattia e la morte non possono più farci del male, sappiamo che rimarremo collegati con Dio per sempre. Per Dio, la salute non è la cosa principale, vuole persone sane che hanno una relazione con lui. Sapere di essere amati incondizionatamente, di riconoscerlo, di essere salvato rende la vita di una persona preziosa e significativa, sia essa sana o malata.

Alla fine, Gesù libera il paralitico dalla sua malattia, fa un miracolo e lo guarisce. Quindi lo ha reso completamente sano. Possiamo aspettarci tutto da Gesù, ha il potere di perdonare e curare i peccati. In ogni caso, sperimentiamo la salvezza quando incontriamo Gesù, anche quando incontriamo la malattia e la sofferenza, la sua presenza ci rende salvezza. Non dobbiamo aver paura della malattia, anche se la malattia ci colpisce e moriamo nel peggiore dei casi, abbiamo la certezza che saremo insieme a Dio per sempre, cosa potrebbe essere più bello?

Vorrei mostrarvi la vita di Nick Vujicic dall’Australia come esempio. È nato senza braccia e gambe. Ha lottato contro la sua identità fino all’adolescenza e ha voluto suicidarsi più volte. Un incontro con Dio ha cambiato tutto e lo ha guarito. Non nel senso che lo ha guarito fisicamente, ma il rapporto con Dio significa molto più per lui della salute. Nick Vujicic dice:

“Un miracolo ha rivelato la forza di Dio nella mia debolezza. Perché è più potente vedere un uomo con le braccia e le gambe sorridere di qualcuno che è stato miracolosamente guarito ”.

“Se Dio mi desse la scelta di nascere senza braccia e gambe per salvare anche solo un’anima, direi: fallo!”

Nick Vujicic conduce oggi una vita profondamente riconoscente, felice e significativa ed è diventato una benedizione per molte persone attraverso le sue lezioni in cui racconta della sua vita e di Dio.

In conclusione, vorrei riassumere di nuovo: non la salute é la cosa principale, ma

L’importante è essere amati e amare
La cosa principale è essere riconciliati con Dio
La cosa principale é la relazione con Dio
La cosa principale é essere salvati


Ed é importante quando siamo riconciliati con dio, viviamo in relazione con lui, di non dimenticare i nostri simili. Diventiamo come gli amici del paralizzato che conducono il loro amico a Gesù. Nel nostro ambiente ci sono molte persone che non conoscono Gesù, che non conoscono la strada da lui, persone che non possono più credere a causa di brutte esperienze o che pensano di non aver bisogno di Dio. Ma hanno anche bisogno di guarigione e Gesù può guarirli. Possiamo pregare per loro, parlare di Gesù e portarli da Gesù.

“Perché prima eri morto a causa della tua colpa e perché il tuo vecchio io ti determinava [2]. Ma Dio ti ha reso vivo con Cristo. Ci ha perdonato tutti ”Colossesi 2:13

“Sono convinto che nulla può separarci dal suo amore. Né la morte né la vita, né gli angeli né i poteri, né le nostre paure nel presente né le nostre preoccupazioni per il futuro [8], nemmeno i poteri dell’inferno possono separarci dall’amore di Dio. 39 E se fossimo in alto sopra il cielo o se fossimo nelle profondità più profonde dell’oceano [9], nulla e nessuno in tutta la creazione può separarci dall’amore di Dio che è apparso in Cristo Gesù, nostro Signore. ”Romani 8 , 38-39

“Sul suo stesso corpo, ha portato i nostri peccati fino alla croce in modo che siamo morti per il peccato e che possiamo vivere per la giustizia. Sei stato guarito attraverso le sue ferite! ”1 Pietro 2:24

“Le asciugherà tutte le lacrime e non ci sarà morte, dolore, pianto, dolore. Perché il primo mondo con tutta la sua calamità è passato per sempre ”.“ Rivelazione 21: 4

Rispondi