Risoluto in un tempo agitato

Lesedauer 4 Minuten

Lo scorso fine settimana abbiamo celebrato la Pasqua, la festa della risurrezione di Gesù. Molti di noi ricorderanno sicuramente questa Pasqua. Era diverso dal solito. Molto di ciò che associamo a questa festa è scomparso quest’anno. Non erano ammessi i servizi pasquali, non c’erano grandi celebrazioni familiari e trascorrevamo i giorni di Pasqua a casa con la famiglia. E nonostante : Quello che Gesù ha fatto per noi 2000 anni fa è un dono valido oggi e per sempre per tutti coloro che lo accettano in fede.


“Perché Dio ha amato così tanto il mondo che ha dato il suo unico figlio in modo che chiunque crede in lui non sia perso, ma abbia la vita eterna.” Giovanni 3:16


Penso che quest’anno sia stata un’opportunità per affrontare in modo più consapevole il messaggio pasquale e pensare a cosa significhi personalmente la Pasqua per la nostra vita di oggi. Nel mezzo di questo momento difficile, in cui molte cose che ci promettono sicurezza, le basi del mondo sono scosse, tra incertezza, paure per il futuro, preoccupazioni, Dio ci dà gioia e speranza. L’opera di salvezza di Gesù crea un regno irremovibile che non può essere distrutto da nulla. Il mondo intero si è fermato e deve fermarsi. Tutto si ferma, siamo in una pausa forzata. Abbiamo l’opportunità di rallentare , fermarci e pensare alla nostra vita.

    In cosa investiamo il nostro tempo?
    Su cosa stiamo costruendo?
    Cosa è prezioso per noi?
    Cosa è permanente?
    Cosa è irremovibile?
    Su cosa possiamo fare affidamento?
    Cosa ha senso nella nostra vita?

È importante affrontare ogni tanto queste domande in modo da poter concentrare la nostra vita su ciò che è irremovibile e in modo da non perdere il nostro obiettivo. Dato che ci sono molte distrazioni in questo momento, cose mondane che possono catturare i nostri cuori, ora è l’opportunità di affrontare ciò che è veramente importante.


Una solida base

“Chi mi ascolta e agisce di conseguenza è intelligente e si comporta come un uomo che costruisce una casa su una solida roccia. 25 Anche se la pioggia scende dal cielo in torrenti, l’acqua trabocca e le tempeste scuotono questa casa, non collasserà perché è costruita su una roccia. 26 Ma chi mi ascolta e non ci agisce è uno sciocco; è come un uomo che costruisce una casa sulla sabbia. 27 Quando la pioggia e il diluvio arrivano e le tempeste scuotono questa casa, crollerà con un ruggito. “


Questi versetti ci ricordano l’importanza della nostra relazione personale con Dio. Una relazione viva in cui ci concentriamo su di lui, lo conosciamo sempre meglio, lo mettiamo al centro della nostra vita e crediamo in lui.


“Facciamo ciò tenendo gli occhi su Gesù, da cui dipende la nostra fede dall’inizio alla fine” Ebrei 12: 2


Se rafforziamo la nostra fede e fiducia in Gesù e cresciamo nel nostro rapporto con Lui cercando la sua presenza e vicinanza, possiamo ascoltare e agire sempre meglio alla sua voce. È così la nostra fede cresce e possiamo usare sempre più la sua parola, viverla e implementarla nella nostra vita quotidiana. Una vita centrata su Gesù Cristo sorge su solide basi. Il suo regno è imperituro e dura. È costruito su solide fondamenta. Il cielo e la terra passeranno, ma il suo regno durerà per sempre. La nostra casa si ergerà su una solida roccia e nessuna tempesta la abbatterà. Quindi non confidiamo in qualcosa di transitorio, ma costruiamo la nostra vita su Cristo e sul suo regno irremovibile.


“Ancora una volta scuoterò la terra e anche il cielo. Questo ancora una volta significa : tutto ciò che Dio ha creato, cambierà da zero. Rimarrà solo l’eterno, che non può essere scosso ”. Ebrei 12, 26-27


Tutto ciò che ci scuote nella vita, ogni crisi offre un’opportunità e ha il potenziale per tenere gli occhi sull’incrollabile.

L’amore di Dio, le sue promesse, la sua parola, la sua fedeltà e protezione, le sue benedizioni e la sua vittoria sulla morte e i poteri delle tenebre, tutto ciò è irremovibile.


“Quindi, poiché riceviamo un regno che non può essere scosso, vogliamo essere grati e rendere felice Dio servendolo in riverenza per Sua Santità.” Ebrei 12:28

“Signore, la tua parola rimane per sempre fino a raggiungere il cielo” Salmo 119,89

“Ecco perché vogliamo continuare a mantenere la speranza che confessiamo perché Dio è fedele alle sue promesse” Ebrei 10:23

“Io, il Signore, non cambio” Malachia 3,6

“Ma questa è la vita eterna che ti riconosceranno, chi sei il solo vero Dio e chi hai inviato, Gesù Cristo” Giovanni 17.3

“Gesù Cristo ieri e oggi e lo stesso per sempre” Ebrei 13: 8

“E Dio ha assicurato questo: ci ha dato la vita eterna, e questa vita è in suo figlio.” 1 Giovanni 5:11

“Nessuno è santo come l’Eterno, tranne te, e non è una roccia come lo è il nostro Dio.” 1 Samuele 2: 2

“Dio ti ha chiamato alla sua gloria eterna attraverso Cristo [4]. Dopo aver sofferto per un po ‘, ti costruirà, ti rafforzerà e ti rafforzerà; e ti metterà su un terreno solido ”. 1 Pietro 5:10

“E Dio aprirà le porte del cielo e ti farà entrare nell’eterno regno di Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore” 2 Pietro 1:11

“Che non vediamo il visibile, ma l’invisibile. Perché ciò che è visibile è temporale; ma ciò che è invisibile è eterno. ”2 Corinti 4:18

“E il mondo passa con la sua lussuria; ma chi fa la volontà di Dio rimane per sempre ”. 1 Giovanni 2:17

“Il tuo trono, o Dio, è per sempre e sempre” Ebrei 1: 8

“Signore, all’inizio hai gettato le fondamenta della terra, il paradiso è opera delle tue mani.
Andranno via, ma tu rimani per sempre. Diventeranno obsoleti come una veste.
Li cambierai come un indumento e se ne andranno. Ma tu rimani lo stesso per sempre; i tuoi anni non hanno fine ”. Ebrei 1, 10-12

Pasqua

Lesedauer < 1 Minute

La notte si trasforma in giorno

l’oscurità in luce,

la tomba è vuota,

Gesù dice:

“Sono la risurrezione e la vita. Chiunque crede in me vivrà anche se muore. ”Giovanni 11:25


La disperazione si trasforma in speranza

la debolezza diventa forza,

Gesù ci porta perdono e riconciliazione,

parla sulla croce:


“Tutto é compiuto” Giovanni 19:28

Il dolore si trasforma in gioia

la fine in un nuovo inizio,

la sua morte porta vita

Il piano di Dio fin dall’inizio.

“Poiché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita in Cristo Gesù, nostro Signore.” Romani 6:23

La via è chiara perché Gesù vive

in sua presenza e amore

tutta la nostra sofferenza passa

ha portato tutti i nostri pesi e malattie,

pieno di umiltà e senza lamentele.

“Il Padre ci ha salvato dal regno delle tenebre e ci ha messo nel regno di suo figlio, il suo amore, in cui abbiamo redenzione, attraverso il suo sangue il perdono dei peccati.” 1 Colossesi 1, 13-14

La via è chiara alla presenza di Dio,

il suo amore ha vinto.

Il potere del nemico si spezzò in due,

Gesù ha vinto il male.

Niente e nessuno può separarci dal suo amore adesso

la relazione ripristinata.

Se crediamo in lui nella fede,

superiamo il mondo insieme a lui.

Il suo regno rimane per sempre.

Volgiamo i nostri cuori a lui

L’amore di Dio non finirà mai

e trasformerà tutto per il bene.

Ha fatto tutto questo per grazia,

per tutti coloro che accettano il dono dal cuore con fede.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo figlio unigenito in modo tale che chiunque crede in lui non sia perduto, ma abbia la vita eterna. Giovanni 3:16

Sii grato in tutte le cose

Lesedauer 4 Minuten

Gratitudine cambia la prospettiva della vita. La gratitudine è uno stile di vita che possiamo praticare e allenare. C’è sempre, in ogni situazione, in ogni circostanza, in ogni crisi, almeno una ragione per cui possiamo essere grati. Possiamo prendere coscienza di ciò per cui tutti possiamo essere grati. Nulla può essere dato per scontato, tutto è un dono.

La gratitudine è abbastanza umile da ricevere qualcosa. L’orgoglioso prende solo ciò che gli è dovuto. Si rifiuta di ricevere un regalo. (Dietrich Bonhoeffer)

La Bibbia ci insegna ad essere grati, non solo quando sperimentiamo cose buone, ma anche in difficoltà . Un simile atteggiamento ci aiuta a gestire meglio le crisi e ad emergere più forti da esse. Quindi non circondiamo più il problema con i nostri pensieri, ma cerchiamo un significato per ciò che può derivare da questa situazione. Quindi ci sono diversi modi per gestire ciò che ci accade. Possiamo lamentarci, essere insoddisfatti, sentirci vittime e sprofondare nell’autocommiserazione. L’altra possibilità che abbiamo è di porsi le seguenti domande:

    Cosa vuole mostrarmi questa situazione?
    Cosa posso imparare da essa?
    Per cosa sono grato in queste circostanze?
    Cosa mi dà speranza?
    Cosa può essere buono, quali sono le opportunità?

Mi piace la storia nella Bibbia di Paolo e Sila in prigione:

“Dopo essere stati picchiati molte volte, i colonnelli li hanno mandati in prigione e hanno ordinato alla guardia di tenerli al sicuro. A questo comando, bloccò entrambi nella cella più interna e chiuse i piedi nel blocco.

Era circa mezzanotte quando Paolo e Sila pregarono e lodarono Dio. Gli altri prigionieri ascoltarono. All’improvviso la terra tremò così violentemente che persino le basi della prigione furono scosse. Allo stesso tempo, tutte le porte si aprirono e le catene caddero da tutti i prigionieri.
La guardia carceraria si è svegliata dal sonno. E quando vide aprire le porte della prigione, estrasse la spada e voleva uccidersi, pensando che i prigionieri fossero fuggiti.
Ma Paulo gridò più forte che poté: “Non farti del male! Siamo ancora tutti qui! ”La guardia chiese la luce, precipitò in prigione e tremò a terra davanti a Paolo e Sila.
Poi li condusse fuori e chiese: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Dissero: “Credi in Gesù, il Signore! Allora sarai salvato e tutta la tua famiglia con te. “
E proclamarono il messaggio del Signore a lui e a tutti coloro che vivevano nella sua casa. La guardia carceraria prese Paulo e Silas la stessa notte e lavò le loro strisce di sangue. Quindi fu battezzato con tutti coloro che vivevano nella sua casa. Quindi condusse i due a casa sua e fece sistemare il tavolo per loro. Lui e tutti coloro che gli appartenevano erano felicissimi di aver trovato fede in Dio. “Atti 16: 23-40


Paulo e Silas erano in prigione buia e avevano tutte le ragioni per essere disperati, lamentarsi, lamentarsi e perdere la speranza. Invece, hanno elogiato e ringraziato Dio e gli hanno cantato delle canzoni. Non guardarono alle loro circostanze, ma a Dio. Probabilmente hanno ringraziato Dio per quello che aveva fatto nella loro vita e hanno ricordato le sue promesse. Grazie alla loro gratitudine e lode, i loro cuori erano vicini a Dio e quindi avevano pace e fiducia. Dio stesso era la ragione della loro gioia. Erano fortemente collegati a Dio, avevano fiducia. La sua convinzione era così grande che un forte terremoto liberò persino i legami dai suoi piedi. La fede ha quindi cambiato non solo il loro atteggiamento, ma anche le circostanze. Sei stato rilasciato. E quello che penso sia la cosa migliore della storia è che Paulo e Silas non solo si sono aiutati attraverso i loro atteggiamenti, ma hanno anche toccato la guardia carceraria. Sperimentò la salvezza attraverso la testimonianza dei due e arrivò a credere in Gesù.

Nei momenti difficili, sono particolarmente grata di avere Gesù al mio fianco, di non dover affrontare le situazioni da sola. Essere una figlia di Dio e poter vivere in relazione con lui è il dono più grande della mia vita. Mi dà sostegno, conforto e il coraggio di andare avanti. Il suo amore mi porta e non mi lascia mai sola. Dà speranza in ogni situazione.
Quando guardo indietro, sono grata per i momenti difficili. Perché proprio in questi tempi Dio mi è stato molto vicino e il rapporto con lui è cresciuto.
Quindi non vedo più la crisi come una minaccia, no, è un’opportunità. La possibilità di prendere la mano amorevole di Dio e andare avanti con lui …

Sii sempre felice, prega incessantemente, sii grato in ogni cosa; poiché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per te. 1. Tessalonicesi 5, 16-18
Non preoccuparti di nulla, ma in ogni caso lascia che le tue richieste nella preghiera e nella supplica siano espresse con ringraziamento a Dio! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù Filippesi 4, 6-7
Sii persistente nella preghiera e guarda con ringraziamento! Colossesi 4.2
Ringrazio il Signore con tutto il cuore
e racconta tutti i tuoi miracoli. Salmo 9.2

La gratitudine cerca il donatore per il dono. Dietrich Bonhoeffer

Salmo di gratitudine (scritto personalmente)

Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il creatore del cielo e della terra, per te posso vivere. Mi hai dato la vita e posso essere tua figlia per vivere con te. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, il tuo amore mi avvolge, la tua luce mi circonda, il tuo potere mi protegge e la tua presenza veglia su di me. Mi hai creato a tua immagine per relazioni , mi hai messo di fianco persone preziose. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il donatore di tutti i buoni doni. Mi hai dato talenti per usarli per te e per i miei simili. Sei generoso e ricco. Sei il mio fornitore in ogni momento, ti prendi cura per me sempre. Sei un Signore gentile e potente, una roccia irremovibile per sempre. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio per la tua parola, che è la verità e mi mostra la via della vita e mi riempie il cuore di gioia. Sei fedele e sei la speranza del mondo. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, attraverso Gesù Cristo mi hai donato una nuova vita che non finirá per sempre e vincerà la morte. Gesù vive in me e lo Spirito Santo mi aiuta. Ti ringrazio mio signore e mio dio, hai pagato il mio debito, grazie a te sono libera. Nel mio bisogno più profondo eri con me e mi hai liberata dalla paura e dalla preoccupazione. Nelle sfide e nelle difficoltà sei qui e lasci che tutto si trasforma in bene. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio che salva, redime e libera. Beato chi ha le radici nel Signore, l’Eterno Dio, perché è al sicuro con te. Alleluia, loderò sempre il Signore!

Pulizie di primavera

Lesedauer 2 Minuten

Ho iniziato le pulizie di primavera questa settimana. Vorrei ora usare il tempo per creare nuovamente un ordine completo. Stanza per stanza, armadio per armadio, cassetto per cassetto devo prima togliere ciò che non è più necessario. Nel tempo, si accumula molto che posso smaltire e mettere via.

Voglio fare questa azione non solo nella mia casa, ma soprattutto nel mio essere interiore, nel mio cuore, nella mia anima, nel mio spirito. Molto può accumularsi anche lì, che deve essere smaltito. Queste possono essere cattive abitudini, schemi, pensieri / sentimenti negativi o convinzioni che non vanno bene per me. Brutte esperienze, ferite, sensi di colpa: tutte queste sono cose che mi gravano e che non voglio più portare con me.

“Proverbi 4: 23-24:” Proteggi il tuo cuore più di ogni altra cosa; perché la fonte della vita ne deriva. “

Ma dove andare con tutti i carichi? Nuove cose possono emergere solo se lascio andare tutti i pesi dell’anima. C’è qualcuno che vuole che io sia libero e scaricato.

“Cristo ci ha liberati per la libertà” Galati 5: 1

Posso lasciar andare, portare i miei pesi da Gesù alla croce. È così che mi libero. In modo che possa emergere qualcosa di nuovo. Pensieri negativi sono abbattuti. Dio vuole rinnovare i miei pensieri con la sua verità, con il suo amore incondizionato, con la sua pace.

Non devo aggrapparmi a ciò che non è buono per me, ma metterlo nelle mani di Dio e riallineare i miei pensieri: ripensare. Lasciami riempire con i buoni pensieri di Dio su di me. Gesù è colui che salva, libera, ripristina, guarisce.

Guarda; Sto facendo qualcosa di nuovo; sta già germogliando. Non lo vedi? Mi faccio strada attraverso il deserto e creo fiumi nelle terre desolate. Isaia 43:19

Con lui posso riversare il mio cuore e lasciarmi riempire di nuova speranza.


Lancia tutti i tuoi pesi su Dio, perché si prende cura di te 1 Pietro 5: 7

Venite da me tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesi grandi, vi darò riposo Matteo 11:28

Ogni giorno voglio dare a Dio nuovo spazio per vivere in me e avere lo sguardo su di lui. Gesú deve avere il primo posto nel mio cuore. Più forte è il rapporto con Dio, più sono nella sua presenza, più pace e tranquillità provo e più mi dà un cuore puro e costante.

“Sperimenterai la pace di Dio che è più grande di quanto la tua mente umana possa mai capire. La sua pace manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri nella fede in Gesù Cristo ”(Filippesi 4: 7)

Io vi dissi: “Non vi spaventate e non abbiate paura

Lesedauer 6 Minuten

Un virus sta attualmente mantenendo tutto il mondo sotto il suo controllo, tutti ne parlano,  i notiziari raccontano nuove notizie ogni ora. La malattia si è diffusa dalla Cina e ora ci ha raggiunto. Sempre più persone sono infette.

Ciò che si diffonde con questo virus è soprattutto la preoccupazione, la paura e il terrore e penso che questo sia molto peggio del virus stesso: il pericolo non è il virus, ma il panico che crea nelle persone. Il cibo viene accumulato a causa della paura e gli scaffali dei supermercati sono parzialmente vuoti. Maschere protettive e disinfettanti vengono acquistati in grandi quantità. Il tutto è alimentato dai media e, secondo me, presentato molto peggio di quello che è in realtà. Chi segue regolarmente le notizie può facilmente avere paura. Dubito che tutto sia vero. I politici adottano tutte le misure possibili per frenare la diffusione della malattia: scuole, asili nido, strutture per l’infanzia sono chiuse, eventi pubblici annullati, misure di sicurezza adottate. C’è molto che ha senso per  proteggere la popolazione, specialmente i malati e gli anziani. Penso che sia positivo per noi essere attenti e  rispettare le regole, ma non dovremmo lasciare che il panico e la paura ci infettino.

Ad esempio, la situazione qui in Alto Adige. Giovedì scorso, l’Alto Adige è stata classificata dal Robert Koch Institute come una zona a rischio di estinzione, a causa del fatto che ci sono stati solo due casi di due turisti dichiarati infetti in questo paese. Questo messaggio è stato poi ampiamente diffuso sui giornali, in modo che causerà sicuramente un grave danno economico, in particolare il turismo ne risentirà.

In uno dei giorni peggiori dallo scoppio del virus della corona, il 10 febbraio, 108 persone sono morte in Cina a causa della malattia. Certo, è terribile.

Ma … lo stesso giorno …

63.000 vite non ancora nate furono abortite, oltre 26.000 persone morirono di cancro,
24.000 di malattie cardiache,
circa 2200 persone si sono suicidate in questo giorno.
circa 3.600 persone furono uccise e 2.300 uccise da una puntura di zanzara.
E circa 3500 persone sono morte quel giorno a causa dell’eccessivo consumo di alcol. Potresti andare avanti con l’elenco, basti pensare alle molte persone che muoiono di fame e necessità, a innumerevoli persone che muoiono di guerre, incidenti, ecc.

Inoltre, va detto che il 95% delle persone colpite si è ripreso e il decorso della malattia è innocuo, con sintomi di naso che cola e febbre. Le persone che muoiono per il virus di solito hanno un sistema immunitario indebolito a causa di una malattia esistente. Le persone muoiono anche di normale influenza ogni anno.

Il pericolo rappresentato dal virus corona non è stato finora correlato. Naturalmente, non sappiamo tutti come si svilupperà la situazione in futuro e questo è esattamente ciò che penso crei incertezza.

    Paura dell’ignoto
    Paura di perdere il controllo
    Paura della malattia
    Paura della morte

Ciò che si può osservare è in primo luogo l’impotenza dell’uomo, quell’uomo, come spesso pensa, non può controllare tutto e avere tutto sotto controllo e quanto velocemente può perdere il terreno sotto i suoi piedi e la sua sicurezza e in secondo luogo anche l’egoismo e l’avidità delle persone, ad esempio quando leggo che i disinfettanti e i respiratori vengono rubati negli ospedali e mettono così le persone a rischio di vita che sono prive di questi utensili salvavita.

Cosa mi aiuta a mantenere la calma?

Posso dire che qualche anno fa avrei sicuramente reagito a una situazione del genere con paura. Sarei stato preoccupata e sicuramente sarei stata influenzata dai media e dall’allarmismo tra le persone. Oggi, credere in Dio mi dà l’opportunità di reagire in modo diverso e di affrontarlo in modo diverso. Guardo meno ciò che sta accadendo intorno a me e le circostanze, e invece mi concentro su Gesù. È lo stesso ieri, oggi e per sempre. Non ho ancora comprato cibo per  casa, non ho ancora comprato maschere respiratorie e esco anche con le persone senza esitazione .Io non ho paura. Che bene mi farebbe? Preoccupazioni o paure non mi aiutano.

“Tutte le tue preoccupazioni possono aggiungere un solo momento alla tua vita? No “Matteo 6.25

Mi sento al sicuro perché so di essere in mano di dio, qualunque cosa accada. È la mia protezione e il mio scudo. So di non avere nulla sotto controllo, ma mi fido di lui e voglio fare affidamento sulle sue promesse di dire la sua parola sulla mia vita. Quello che dico ha potere nella mia vita, i pensieri e le parole sono potenti, possono causare la vita o la morte. I pensieri di preoccupazione e paura mi paralizzeranno, mi faranno star male, prevengono la vita. I pensieri di fiducia e convinzione rafforzeranno, incoraggeranno e mi daranno vita.

“Le parole hanno potere: puoi scegliere tra vita e morte” Proverbi 18:21

Cosa posso fare personalmente contro la diffusione del virus corona? Posso pregare, mantenere uno stile di vita sano (dieta, esercizio fisico, bere molto) per rafforzare il mio sistema immunitario, attenermi alle precauzioni del governo e vivere una vita senza ansia e senza stress. Posso superare la mia paura attraverso la fiducia in Dio.


Gesù dice molto chiaramente: sperimenteremo situazioni che ci mettono nella paura, ma non dobbiamo rimanere nella paura, ma guardare chi ha vinto il mondo. Con lui divento anche un vincitore. Con lui sono dalla parte dei vincitori. Più profonda è la mia relazione con lui, meno paura ho, perché il suo amore fa scomparire tutte le paure.
L’amore perfetto di Dio dissipa la paura

“La paura non è nel amore, ma l’amore perfetto scaccia la paura” 1 Giovanni 4:18

“Quindi cosa potrebbe separarci da Cristo e dal suo amore? Sofferenza e paura forse? Persecuzione? Fame? La povertà? Pericolo o morte violenta? ”Romani 8.35

“Perché sono abbastanza certo: né la morte né la vita, né gli angeli né i demoni [, né presente né futuro né alcun potere, né alto né basso né qualsiasi altra cosa al mondo possono separarci dall’amore di Dio, che ci dà in Gesù Cristo nostro Signore. ”Romani 8: 38-39

La paura non viene mai da Dio, ma sempre dal nemico, l’avversario di Dio. Viene per derubarci e distruggere ciò che Dio vuole darci. È bugiardo sin dall’inizio, la Bibbia dice che è il padre delle bugie.

“Era un assassino sin dall’inizio e odiava sempre la verità. Non c’è verità in esso. Mentire corrisponde alla sua natura, perché è bugiardo e padre di bugie. “Giovanni 8.44

Raramente mi occupo di notizie mondane, quindi ne ho abbastanza del fatto che passo molto tempo sui social media. Non voglio essere invasa da notizie negative che non mi fanno bene. Preferisco occuparmi della verità che è nella Parola di Dio. Posso usare la Parola di Dio in questa situazione per me stessa. La sua parola è viva e mi parla. Dove c’è incertezza e disordine intorno a me, posso sperimentare la pace, una pace che il mondo non conosce perché credo alla sua parola quando dice:

“Ti lascio un regalo – la mia pace. E la pace che do non è come la pace che il mondo dà. Quindi non preoccuparti e non aver paura. “Giovanni 14:27

Posso scaricare tutto ciò che mi preoccupa e mi preoccupa da lui. Ha portato tutto per me sulla croce in modo che io possa essere libera.

La mia preghiera quotidiana contro il virus della corona è il Salmo 91:

“Chi vive sotto la protezione del più alto trova la pace all’ombra dell’Onnipotente. Disse al Signore: Tu sei il mio rifugio e il mio castello, il mio Dio, di cui mi fido. Perché ti proteggerà da tutti i pericoli e ti proteggerà in gravi difficoltà. Ti coprirà con le sue ali e troverai rifugio con lui. La sua lealtà ti protegge come un grande scudo. Non abbiate paura degli attacchi di notte e non abbiate paura dei pericoli della giornata, della peste che si nasconde nel buio, della malattia che vi colpisce in una giornata luminosa. Se migliaia muoiono accanto a te, se decine di migliaia cadono intorno a te, non può succedere nulla a te. Lo vedrai con i tuoi occhi, vedrai come Dio punisce i malvagi. Se il Signore è il tuo rifugio, se cerchi la massima protezione, allora il male non ti farà del male e nessuna disgrazia raggiungerà la tua casa. Perché comanda ai suoi angeli di proteggerti ovunque tu vada. Ti portano sulle mani in modo da non colpire il piede contro una pietra. Calpesterai leoni e serpenti velenosi, calpesterai i leoni selvaggi e i serpenti con i tuoi piedi! Il Signore dice: »Voglio salvare chi mi ama. Voglio proteggere chi si fida del mio nome. Quando mi chiama, voglio rispondere. Voglio aiutarlo nel bisogno, salvarlo e onorarlo. Voglio dargli una lunga vita e lasciargli ottenere il mio aiuto. “”

Sono sicura che Dio protegge i suoi figli.

Ecco perché non dobbiamo avere paura e non preoccuparci.

“Quindi non preoccuparti e non chiedere: ‘Avremo abbastanza da mangiare? E cosa beviamo? Cosa dovremmo indossare? ‹Solo le persone che non conoscono Dio possono essere determinate da queste cose. Il tuo Padre celeste sa che hai bisogno di tutto questo ”Matteo 6: 31-32 In questo tempo incerto, noi come cristiani credenti, possiamo essere testimoni di fede e fiducia, portatori di speranza e indicazioni e rendere le persone intorno a noi consapevoli che c’è un Dio che tiene il mondo intero nelle sue mani.

Crisi come opportunità

Lesedauer 3 Minuten

Ci sono crisi in ogni vita, che possono essere crisi personali o colpire anche interi gruppi di popolazione. Attualmente sta colpendo il mondo intero attraverso il virus corona. L’economia, il turismo e la vita sociale si sono fermi in molti paesi. Le nostre vite sono cambiate molto al momento. Dobbiamo evitare i contatti sociali per impedire la diffusione del virus. Incontri con amici, incontri, sport, festival, teatro, cinema, servizi ecc. Non sono possibili. Possiamo uscire di casa solo se è necessario, per motivi di lavoro, per lo shopping o per motivi di salute.

C’è incertezza tra le persone, nessuno sa quanto durerà la situazione e come andrà a finire. Cos’altro dovremo fare, il sistema sanitario sarà in grado di resistere, come si svilupperà la situazione economica?

Tuttavia, questo tempo rallentato ti dà anche la possibilità di mettere in pausa e riflettere su ciò che conta davvero nella vita. Possiamo concentrarci sull’essenziale, stabilire nuove priorità, ripensare. Ora i valori della nostra società delle prestazioni non contano più – più alti, più veloci, più lontano -. Perfezionismo e pressione prestazionale. Ora conta disponibilità, coesione, solidarietà, rinunciare, prendersi cura gli uni degli altri e incoraggiarsi a vicenda .

“Prendiamoci cura gli uni degli altri! Vogliamo incoraggiarci a vicenda ad amarci e incoraggiarci a fare del bene ”. Ebrei 10:24

In tempi come questi, ci rendiamo anche conto di quanto possiamo essere soddisfatti e grati per tutto ciò che abbiamo e possiamo anche pensare al nostro comportamento da consumatori. Ora che la maggior parte dei negozi sono chiusi e possiamo acquistare solo ciò di cui abbiamo veramente bisogno, molte cose non sono più necessarie. Quindi notiamo in quale abbondanza viviamo effettivamente e quanto poco effettivamente abbiamo bisogno.

“Sii grato in ogni cosa” 1. Salonicchi 5:18

Ora che non possiamo più visitare i nostri amici, coltivare una comunità, i servizi non sono più disponibili, riconosciamo ancora di più il valore di buoni rapporti e amicizie che ci costruiscono e ci fanno bene.

“L’amicizia è un dono di Dio”

Ora che tutte le scuole sono chiuse e, a seconda del lavoro, alcuni genitori non vanno al lavoro, abbiamo molto tempo per coltivare la comunità nelle nostre famiglie e pensare ad attività comuni a casa.

Con il traffico a un punto morto, possiamo già vedere un miglioramento dei valori dell’aria, la natura può rigenerarsi, a Venezia le persone sono felici per l’acqua cristallina nei canali a causa del fatto che non ci sono più navi che navigano. A Trieste i delfini nuotano fino alla riva.

Possiamo anche vedere questa crisi come un’opportunità per pensare a ciò che alla fine ci dà davvero stabilità nella vita. Su cosa stiamo costruendo le nostre fondamenta, su chi o cosa ci dà sicurezza? Cosa rimane quando si perdono cose materiali, ricchezza, finanze, salute ecc. Chi è il nostro fornitore? Tutte queste cose sono impermanenti e non hanno presa.

“Ma sappiamo che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio” Romani 8:28:

Possiamo ricordare Dio Onnipotente, che ha creato il cielo e la terra, per lui nulla è impossibile, che è lo stesso ieri, oggi e per sempre. In tutte le nostre incertezze e preoccupazioni, possiamo fidarci di lui. È in questo momento in cui la nostra fede viene messa alla prova che vogliamo aggrapparci a Dio e confessare che Egli governa. Possiamo usare il tempo per pregare, leggere e proclamare la sua parola.

“La mia grazia è tutto ciò di cui hai bisogno. La mia forza si manifesta nella tua debolezza ”2 Corinzi 12: 9

Infine, un testo adatto che ho trovato su Internet (autore sconosciuto):

Il mondo si ferma e improvvisamente tutti abbiamo l’opportunità di ripensare le nostre vite, scoprire nuove parti in se stessi, prendere decisioni difficili e affrontare le paure … Improvvisamente le cose diventano importanti che abbiamo dato per scontato abbastanza a lungo: manca la vicinanza fisica alle persone, i contatti sociali, il privilegio di muoversi liberamente, viaggiare, una vita spensierata, sicurezza finanziaria e normalità … C’è un motivo per cui tutto è capovolto? È un grido di aiuto dalla natura che ha bisogno di una pausa da noi? Abbiamo perso il valore della vita? Devo solo ricordare ancora una volta l’importanza della nostra vita? In questa situazione eccezionale, ci conosciamo meglio e abbiamo l’opportunità di diventare un po ‘”migliori”, stabilire le priorità in modo diverso, trattare i nostri simili con rispetto e amore e, nella migliore delle ipotesi, riportare indietro i nostri bisogni …

In cerca di riconoscimento

Lesedauer 3 Minuten

La necessità di riconoscimento è uno dei bisogni umani fondamentali. Tutti vogliono essere visti, “riconosciuti” così come sono. La ricerca del riconoscimento è la ricerca di apprezzamento, rispetto, e amore. Riconoscimento coinvolge “conoscere o riconoscere”.

Chi può soddisfare questo desiderio in noi?

Se cerchiamo il riconoscimento dalle persone, accadrà sempre che saremo delusi. Questo riconoscimento è spesso collegato a determinate condizioni.

Sarò preso in considerazione se:

    Mi comporto in un certo modo
    Faccio quello che ci si aspetta da me
    se mi adeguo
    più faccio
    più possiedo

La società di oggi funziona secondo il principio della prestazione. Le persone sono valutate in base alla loro prestazione e questo giá inizia all’asilo e a scuola. Ecco perché i bambini si stanno già chiedendo: cosa devo fare per essere visto?

Spesso dobbiamo, indossare maschere e non possiamo essere ciò che siamo realmente. L’intero sistema porta al pensiero prestazionale, a fare sempre di più per ottenere il riconoscimento. Ci confrontiamo con gli altri.

L’impegno per essere visti può anche portarci al perfezionismo. Quindi siamo guidati, vogliamo rendere tutto perfetto, vogliamo sempre essere migliori e non vogliamo più fare errori.

È così che rendiamo la nostra immagine di noi stessi, la nostra autostima dipendente dalle opinioni e dalle valutazioni delle persone. Diventiamo una palla da gioco, siamo manipolabili e facilmente vulnerabili.

Conosco molto bene il pensiero prestazionale e il perfezionismo. Per molti anni nella mia vita, ho vissuto secondo questo principio. Ho sempre voluto piacere a tutti ed è stato difficile per me dire “no”.

Nel corso del tempo sono diventata sempre più insoddisfatta, internamente vuota e intrappolata perché mi sono resa conto che non è mai abbastanza e non sarà mai abbastanza.

Quando sono arrivata alla fede e ho conosciuto Gesù, mi sono resa conto che stavo cercando sempre il riconoscimento nel posto sbagliato.
Ciò che Dio pensa di te è molto più importante di ciò che gli altri pensano di te-

Dio mi conduce alla libertà, l’amore di Dio per me è incondizionato. Sono preziosa, unica e non ho bisogno di confrontarmi con nessuno. Sono un figlio di Dio, creata a sua immagine. Dio mi ama così come sono, indipendentemente da ciò che faccio o non faccio. Dio non mi lascia mai sola, è sempre con me. Lui è lì, in ogni circostanza posso venire da lui. Mi guarda con uno sguardo amorevole, anche se faccio errori.

Dio è colui che “mi conosce” meglio perché è il mio creatore. In sua presenza posso essere quella che sono veramente. Mi vede e sa tutto di me. Mi ama con i miei errori e debolezze.



“Signore, mi vedi,
    mi conosci fino in fondo.
2 Che io sia seduto o in piedi, lo sai
    da lontano puoi vedere cosa penso.
3 Che vada o menti, mi vedi
    tutta la mia vita ti è conosciuta
4 Anche prima di iniziare a parlare
    sai cosa voglio dire
5 Mi circondi da tutti i lati
    e tieni la tua mano protettiva su di me
6 Che mi conosci così bene va oltre la mia comprensione;
    è troppo alto per me, non riesco a capirlo! Salmo 139: 1-6

“Mi hai creato con il mio cuore più intimo,
    Mi hai formato nel grembo di mia madre.
14 Signore, grazie per quello
    che mi hai reso così meraviglioso e unico!
Tutto ciò che hai creato è fantastico –
    Lo riconosco!
15 Appena ho preso la copertura in segreto,
ancora invisibile, formata ad arte nel grembo di mia madre [b],
    Non ero nascosto da te comunque.
16 Quando stavo appena iniziando
    mi hai già visto “Salmo 139: 13-16

“Quanto sono schiaccianti i tuoi pensieri per me, o Dio,
    ce ne sono così tanti!
18 Sono più numerosi della sabbia sul mare;
    se volessi contarli tutti, non finirei mai ”Salmo 139: 17-18


Con Dio, il mio bisogno di riconoscimento, apprezzamento, amore si adempie in un modo che nessuno potrebbe mai soddisfare.

Questa conoscenza di essere accettata incondizionatamente da lui, avendo tutto ciò di cui ho bisogno in lui, rafforza la mia autostima e la mia immagine di me. Con questa certezza voglio uscire nel mondo, togliermi le maschere e vivere nell’identità di figlia di Dio. Non devo più adattarmi, andare ovunque e fare tutto solo per essere riconosciuta, posso autenticamente sostenere i miei valori indipendentemente da ciò che gli altri dicono o pensano.

Non voglio più vivere per piacere alla gente, ma per piacere a Dio. In tal modo il perfezionismo e il pensiero performativo devono cedere e al posto di loro serenità e pace entrano nella mia vita.

“Io e Dio” – siamo sempre la maggioranza .

Citazione di Debora Sommer: “Sono grato di apprendere che non sono definito dalla mia prestazione ma dalla mia relazione con il Creatore”


Cos’altro puoi dire? Se Dio è per noi, chi può essere ancora contro di noi?” Romani 8.31

Intervista a dio

Lesedauer 2 Minuten

Intervista a Dio (di Beth Alves)

Ho sognato di avere un colloquio con Dio. “Entra”, disse Dio. “Quindi vuoi chiedermi qualcosa?” “Solo se hai tempo per me”, dissi. Dio rise e disse: “Il mio tempo è l’eternità ed è abbastanza per tutto. – Quali domande vorresti farmi? “E io ho chiesto:” Qual è la cosa più sorprendente delle persone? “Dio rispose:” …

che trovano così noioso essere bambini e vogliono crescere e quindi desiderare di nuovo essere bambini ……

che rovinano la loro salute per fare un sacco di soldi e poi investono tutti i loro soldi per guarire di nuovo ……

che si preoccupano così tanto del futuro che dimenticano il presente e quindi non vivono adeguatamente nel presente né nel futuro …

che vivono come se non morissero mai e che morissero come se non fossero mai vissuti … ”Poi Dio mi prese la mano e rimasero in silenzio per un po ‘. –

poi ho chiesto: “Cosa intendi come padre, quali lezioni dovrebbero sicuramente imparare i tuoi figli per la vita?” Dio rispose con un sorriso: “Dovresti imparare che non possono costringere nessuno ad amarli, ma cosa possono fare, è essere amato …

che la cosa più preziosa non è ciò che hanno nella vita, ma chi hanno nella loro vita ……

che confrontarsi con gli altri non è abbastanza. Ognuno sarà valutato individualmente in base alle proprie opere e non rispetto a un gruppo …

che una persona ricca non è quella che possiede di più, ma che ha bisogno di meno …

dovrebbero imparare che una persona che ami può essere ferita molto profondamente in pochi secondi, ma che ci vogliono molti anni per guarirla di nuovo …

a perdonare praticando il perdono … che sono profondamente amati da alcune persone che non sanno come mostrare o esprimere i propri sentimenti ……

che con un sacco di soldi puoi comprare tutto tranne la felicità …

che due persone guardano la stessa cosa e possono vederle in modo completamente diverso …

che un vero amico è qualcuno che sa tutto di te –

e ti ama ancora …

che non è sempre sufficiente ricevere il perdono dagli altri, ma che devono anche perdonare se stessi … ”Rimasi seduto lì per un po ‘e mi godetti il ​​momento. L’ho ringraziato per il tempo e per tutto quello che ha fatto per me e la mia famiglia, e ha risposto: “Ogni volta che sono qui, ventiquattro ore al giorno. Tutto quello che devi fare è chiedere di me e io risponderò “.

Radici

Lesedauer 3 Minuten

Le radici di un albero non si vedono, ma sono della massima importanza per la crescita e la prosperità. Le radici sono il solido fondamento dell’albero, il fondamento. Si forma un’intera rete che si diffonde sempre più in profondità in diverse direzioni sotterranee. , Quando vado a fare una passeggiata nella foresta vedo molti alberi enormi e grandi. Molti sono forti e saldi in ogni condizione atmosferica. Tempesta, maltempo, caldo o freddo non possono danneggiarli, nulla può spazzarli via così rapidamente. Per diventare così forte, l’albero ha bisogno di radici profonde che si estendono in profondità nella terra. Attraverso queste radici, assorbe i nutrienti e l’acqua di cui ha bisogno per crescere. ,

Trasferendo sulla mia vita, mi rendo conto dell’importanza delle radici in cui sono fondata. Proprio come le radici dell’albero formano sempre più rami nel tempo, così è nella mia vita.

Dove sone le mie radici?

  • L’ambiente: il luogo in cui sono cresciuta e il luogo in cui vivo oggi
  • la casa dei miei genitori, i valori della mia famiglia che ho imparato, esperienze positive e negative
  • la mia famiglia, marito, figli
  • relazioni
  • Esperienze che ho avuto
  • fede in Dio – essere a casa in Dio
  • famiglia spirituale

È importante, molto utile e istruttivo per me dare un’occhiata più da vicino a dove ho messo radici nella mia vita. In questo modo posso conoscere meglio me stessa, comprendere meglio il mio comportamento e i miei schemi di pensiero, lasciare ciò che non è buono e allungarmi e andare di nuovo in profondità, come le radici dell’albero, e quindi continuare a crescere e produrre nuovi frutti.

Personalmente voglio avere le mie radici sempre più nell’amore di Dio, un amore che supera ogni cosa. Un amore così profondo che posso approfondirlo per tutta la vita e tuttavia non lo capirò mai del tutto. Sono protetta e ancorata nel suo amore. Mi guida attraverso ogni tempesta . Voglio continuare a crescere verso di lui, la sua presenza è la mia casa, dove sono al sicuro. Non sono un’unica radice, ma una rete di radici insieme ai miei fratelli e sorelle. Nel suo amore siamo una comunità e insieme siamo forti. Come una foresta è formata da più alberi che si rafforzano a vicenda, anche noi abbiamo bisogno l’uno dell’altro.

Ulrike Nägele

Versetti della Bibbia:

Ed ora, come avete ricevuto Gesù Cristo, il Signore, così pure vivete con lui. 7 Tenete le vostre radici in lui, finché sia lui a costruire la vostra vita e a fortificarvi nella fede esattamente come vi è stato insegnato. E siate grati a Dio per ogni cosa.

“. affinché Cristo abiti nei vostri cuori per mezzo della fede, perché siate profondamente radicati e fondati nell’amore. 18 Così voi, insieme con tutti i santi, potrete conoscere e capire l’ampiezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità 19 dell’amore di Cristo, che supera qualsiasi conoscenza umana. Allora, finalmente, sarete ripieni di Dio stesso. 20 Sia gloria a Dio che tramite la sua straordinaria potenza che agisce dentro di noi, puo fare infinitamente di più di cio che noi domandiamo o pensiamo. 21 A lui sia la gloria nella chiesa e in Gesù Cristo, per tutte le generazioni in ogni tempo. Ame Epheser 3,17-21

Poesia di Herrmann Traub:

Voglio essere forte come un albero.
  Niente dovrebbe abbattermi così in fretta
  cosa mi ostacola
  Voglio essere fermo come un albero.
  Niente dovrebbe rimandarmi così in fretta
  dalle mie decisioni.
  Molto più forte di un albero
  può essere la tua fiducia.
  Molto più solido di un albero
  possono essere le tue decisioni
  se fai affidamento sul Signore
  che ha fatto il cielo e la terra.

Ti auguro

Non che tu sia l’albero più bello che si erge su questa terra.
 Non che brilli anno dopo anno dai fiori di ogni ramo.
 Ma che ogni tanto si apre un ramo,
 che ogni tanto qualcosa di bello abbia successo, una parola d’amore trova un cuore,
 Ti auguro questo.
 Non che tu cresca alto come un albero, così forte e immobile.
 Ma che guardi di tanto in tanto dove sono le corone e il cielo.
 Che ti fermi e smetti di correre.
 Che impari a stare in piedi e crescere come un albero.
 Perché tu non ci sei.
 Hai la forza in te che è anche nell’albero:
 Il potere di crescere.
 Sei ancora chiamato a qualcosa.
 Stai fermo. Guarda in alto
 e senti il ​​potere di Dio
 che vuole crescere in te.
 Non ti auguro
 che sei “libero” e senza persone sole in tutto il paese.
 Vi auguro amici, utili e inquietanti,
 quelli di cui hai bisogno e quelli che hanno bisogno di te.
 Ti auguro
 che trovi una presa come un’edera, su un tronco solido,
 e hai la forza di essere una tribù per coloro che dovresti portare

Umiltá

Lesedauer 4 Minuten

Durante la scorsa settimana ho letto più volte la parola umiltà durante la mia lettura della Bibbia. Ecco perché ho approfondito questo argomento. Cosa significa essere umili e perché è così importante?

Il termine umiltà deriva dal vecchio diomuoti tedesco (“disposto a servire”, cioè in realtà “atteggiamento di un servo”). Nel contesto cristiano, l’umiltà denota l’atteggiamento della creatura verso il Creatore. Una persona umile riconosce e accetta volontariamente che c’è qualcosa di più alto e irraggiungibile per lui. (da Wikipedia).

I miei pensieri:

Una persona umile in senso cristiano mostra le seguenti caratteristiche:

  • crede che esiste un dio
  • si sottomette a questo dio
  • è pronto a servire
  • apprezza gli altri più di se stesso
  • riconosce i suoi punti deboli e li accetta
  • può accettare l’aiuto di Dio e di altre persone
  • può rilasciare
  • può tranquillamente mettere la sua vita nelle mani di Dio e rinunciare al controllo
  • non vive della sua stessa forza, Dio è la sua forza
  • non vive per il proprio onore, vuole dare gloria a Dio con la sua vita

L’opposto dell’umiltà è l’orgoglio / l’arroganza. Una persona orgogliosa / altera ha le seguenti caratteristiche:

  • non ha bisogno di un dio, non ha bisogno di credere in un dio
  • ha difficoltá a sottomettersi
  • pensa più a se stesso che agli altri
  • è orgoglioso dei suoi punti di forza e difficilmente può accettare i punti deboli
  • vuole fare tutto da solo, non può accettare aiuti esterni
  • vuole avere tutto sotto controllo e ha difficoltà a fidarsi di qualcuno
  • deve fare tutto con le proprie forze e sforzi
  • cerca il riconoscimento per i suoi successi e gli piace essere onorato dagli altri per questo

L’orgoglio [da: stolt = splendido, maestoso] è la sensazione di grande soddisfazione per se stessi o per gli altri, un rispetto per se stessi – sia esso la propria persona, sia in relazione a un “tutto” altamente rispettato o riverito. (da Wikipedia)

Avere un cuore umile è molto importante per Dio, quando leggo la Bibbia sulle donne e sugli uomini di Dio tutti hanno una cosa in comune: l’umiltà. Un esempio è Mosè, che nonostante la sua posizione, che ha ricevuto da Dio, non è mai diventato arrogante, ma ha sempre confidato in Dio, gli ha dato l’onore e non ha fatto affidamento sui propri punti di forza e abilità. La sua posizione non è mai stata più importante per lui del bene degli altri.

Penso che l’umiltà ci avvicini a Dio, l’orgoglio e l’arroganza ci tengono lontani da lui. Se sono umile, so che ho bisogno di Dio e chiederò il suo aiuto. Alla fine della mia forza sono pronto a vivere dalla sua forza. . Quindi Dio ha l’opportunità di lavorare prima in me. D’altra parte, se sono orgogliosa / altera, non chiederò nemmeno aiuto, cerco di essere forte da sola, voglio sempre fare tutto da sola per non dipendere da qualcun altro. Con un tale cuore, chiudo la porta a Dio e mi ritrovo sola.

Penso che credere in un Dio che ha tutto sotto controllo in modo da poter lasciarsi andare e lasciarmi cadere in mano, mi dá libertá. Non devo fare tutto da sola. Posso accettare i miei errori e le mie debolezze sapendo che un Dio forte vive in me e mi guida. Se so di non essere perfetta posso anche accettare errori e debolezze dei miei simili e non mettermi più in alto degli altri, sono pronto a sottomettermi e servire.

“L’umiltà è l’unico modo per imparare a rispettare le persone” Fred Ammon

Tuttavia, l’umiltà non significa renderti piccolo, pensare male a te stesso, svalutarti, sentirti inferiore.

. Significa sapere chi sei in Cristo e vivere dalla sua forza.

Versetti biblici che ho trovato sull’umiltà:

“Signore, il mio cuore non è orgoglioso e i miei occhi non guardano in basso gli altri. Non mi preoccupo di cose che sono troppo grandi o troppo meravigliose per me. Sono molto silenzioso e sicuro, come un bambino con sua madre. Sì “Come un bambino, la mia anima è in me” Salmo 131: 1

“In tutta umiltà e mansuetudine, in pazienza. L’uno sopporta l’altro con amore” Efesini 4: 2

“Non fare nulla per interesse personale o per amore di un vano onore, ma nell’umiltà rispettatevi l’un l’altro più in alto di voi.” Filippesi 2: 3

“Dove c’è arroganza c’è vergogna;
ma la saggezza è con gli umili. “Proverbi 11: 2

“Sii consapevole gli uni degli altri. Non cercare le cose alte, ma atteniti alle cose basse. Non pensare a te stesso saggio.” Romani 12:16

“Umiliati davanti al Signore, lui ti esalterà” Giacomo 4:10

“L’arroganza di un uomo lo umilia, ma l’umile riceve onore” Proverbi 29, 23

“La ricompensa dell’umiltà e della paura del Signore
è ricchezza, onore e vita “Proverbi 22.4

“Così umiliati sotto la potente mano di Dio in modo che possa esaltarti ai suoi tempi” 1 Pietro 5: 6

“Prendi il mio giogo su di te e impara da me; poiché io sono mite e umile di cuore; troverai riposo per la tua anima. Perché il mio giogo è gentile e il mio carico è leggero.” Matteo 11: 39-30

“Prima di una caduta, il cuore di un uomo è orgoglioso;
e prima di venire ad onorare devi essere umile “Proverbi 18:12

“E si sedette, chiamò i dodici e disse loro: Se qualcuno vuole essere il primo, deve essere l’ultimo di tutti e servo di tutti.” Marco 9:35

“E ciò che è piccolo di fronte al mondo e ciò che è disprezzato, Dio ha scelto ciò che non è nulla in modo che possa distruggere ciò che è qualcosa di cui nessun uomo può vantarsi davanti a Dio” 1 Corinzi 1: 28-29

“Confida nel Signore con tutto il tuo cuore e non fidarti della tua mente” Proverbi 3: 5

“Non vivo più, ma Cristo in me” Galati 3:20

“Gesù Cristo dice: ” La mia forza è potente nei deboli”. 2 Corinzi 12.9

“Posso fare tutto attraverso chi mi rende forte”. Filippesi 4:13