Sale della terra

Sprachen de en

Lesedauer 4 Minuten

C’era una volta un re che aveva tre figlie, amava tutte moltissimo, ma di più la figlia giovane. Voleva sapere se le figlie avrebbero ricambiato il suo amore e ha chiesto loro un segno del loro amore. Il giorno dopo vennero da lui. La maggiore aveva in mano una ciotola di zucchero e gli disse: ti amo quanto questo zucchero. Il padre ne era molto contento. Quella di mezzo aveva in mano un vasetto di miele e gli disse: Ti amo come questo miele. Il padre ne fu felice e poi guardò con aspettativa la figlia più giovane. Aveva in mano una tavola con sopra un po’ di sale e disse a suo padre: Ti amo tanto quanto questo sale. Papà non se lo aspettava. Se questo è il tuo amore per me, non sei più mia figlia, disse con rabbia. Ha dovuto lasciare la corte reale e andare nel mondo. Dopo aver vagato a lungo, riuscì finalmente a lavorare come semplice sguattera in un’altra corte reale. Nessuno la conosceva lì, e lei doveva fare il più basso dei servizi. Ma attraverso la sua natura gentile e amabile e la sua grazia, ottenne l’affetto di tutti coloro con cui aveva a che fare, e infine anche l’amore del figlio del re. Voleva sposarla, come in una fiaba. Molti re, incluso il padre della sposa, furono invitati al matrimonio. Ma nessuno sapeva chi fosse veramente la sposa, nemmeno il figlio del re, e di certo non suo padre. I piatti serviti avevano un sapore meraviglioso. Ma quando il padre della sposa prese il primo boccone dal piatto, dovette sputarlo subito; aveva un sapore così cattivo. Ha chiesto ai suoi vicini di tavola di poter assaggiare i loro piatti – e il loro cibo era delizioso. Allora il re balzò in piedi con rabbia e gridò che erano stati ingannati e volevano lasciare il matrimonio. Il padre dello sposo si avvicinò sgomento e quando assaggiò il cibo dovette sputarlo anche lui. Allora esclamò con rabbia: Chiunque avrà fatto questo, sarà punito con la morte per questo. Allora la sposa si è alzata e ha detto: ho preparato il piatto e invece di condirlo con sale ho condito con zucchero e miele, e ha raccontato tutta la storia… Questa favola parla dell’importanza del sale per la nostra vita.

Il sale è un minerale importante e prezioso per il nostro organismo. Dà sapore e ha un effetto curativo e purificante Sale disinfetta. Il sale è un conservante, rende il cibo durevole Il sale è vitale. Il sale fa venire sete. Quindi il sale fa una differenza cruciale.

Nella Bibbia nel Vangelo di Matteo, capitolo 5:13, Gesù disse ai suoi discepoli:

“Siete il sale della terra.”

Quindi dice loro: potete fare una differenza, diffondere spezie e gusto, preservare la vita, portare un messaggio di guarigione nel mondo. Dice che loro sono il sale della terra, non lo saranno. In tal modo, dà loro un’identità e una missione. Gesù non dice queste parole a tutti, ma a chi crede in lui, lo segue, lo conosce, chi ha una relazione con lui. La fede è molto più che credere semplicemente che Dio esiste. La vera fede porta a una relazione con Dio. È proprio questo rapporto che fa la differenza, è il sale nella zuppa.

“A quanti l’hanno accolto e hanno creduto nel suo nome ha dato il diritto di diventare figli di Dio.” Giovanni 1:12 1:

In una relazione ci si conosce, si mantiene un contatto regolare, si trascorre del tempo insieme, ci si interessa uno dell’altro, si scambiano idee, si parla e si comunica, si ha il desiderio di fare qualcosa per l’altro, si lascia l’altro partecipare alla propria vita, si e’ vicini e la fiducia nell’altro c’è. È la stessa cosa nel rapporto con Dio. La comunione con Gesù influenzò e plasmò i discepoli e ciò era evidente anche al mondo esterno.

“Ciò che coltivi dentro di te sarà visibile.” Johannes Hartl

Quindi, quando abbiamo una relazione viva con Dio, diventiamo figli di Dio e siamo il sale della terra. Attraverso la connessione con Dio, quando Dio vive in noi, portiamo in noi le proprietà del sale.

“Il sale è buono per insaporire. Ma se perde il suo sapore, come puoi renderlo di nuovo salato? Devi avere in te la qualità del sale e vivere in pace gli uni con gli altri ”Marco 9:50

E così possiamo fare la differenza nel nostro ambiente. Come figli di Dio, siamo benedetti e possiamo essere una benedizione per gli altri. L’amore di Dio per noi ci rende importanti e preziosi e quindi possiamo amare anche gli altri. Siamo guariti attraverso Gesù e possiamo anche pregare per la guarigione per i nostri vicini. Attraverso Gesù siamo liberi dalla colpa e puri e possiamo anche perdonare. Credendo in Gesù abbiamo il messaggio salvifico in noi e lo possiamo dividere. Essendo il sale della terra, possiamo far assetare gli altri attraverso il nostro essere. Assetarli dell’acqua della vita. Basta un po’ di sale per fare un cambiamento, non ci vogliono grandi parole o fatti, basta essere consapevoli che Cristo vive in noi e che la sua potenza è all’opera in noi.

“La tua parola sia sempre dolce e condita con sale, affinché tu sappia rispondere a ciascuno.” Colossesi 4:6

“Siete il sale della terra. Se il sale non sala più, cosa dovresti usare per salare? Non serve più che essere buttato via e lasciare che la gente lo schiacci. Sei la luce del mondo. La città su una collina non può essere nascosta. Né accendi una luce e la metti sotto il moggio, ma sopra un candelabro; così risplende per tutti coloro che sono in casa. Lascia che la tua luce risplenda davanti alle persone affinché possano vedere le tue buone opere e lodare il tuo Padre celeste. “Matteo 5: 13-16

Rispondi