google-site-verification: google4292466f51cac220.htmlgoogle-site-verification: google4292466f51cac220.htmlgoogle-site-verification: google4292466f51cac220.htmlgoogle-site-verification: google4292466f51cac220.htmlgoogle-site-verification: google4292466f51cac220.html1 google-site-verification: google4292466f51cac220.html

Versetto Bibbia per 2022

Lesedauer 3 Minuten

Tutti desiderano accettazione e amore nella vita. Essere accettato così come sei. E certamente ognuno di noi conosce la sensazione di essere escluso, di non essere realmente accettato in un gruppo o in una comunità, o addirittura di essere rifiutato.

Coloro che nell’infanzia hanno fatto l’esperienza di non essere accettati per i propri errori e debolezze, di dover realizzare qualcosa per ottenere un riconoscimento o semplicemente di essere esclusi perché diversi, queste situazioni spesso modellano tutta la loro vita. Il pensiero di essere un estraneo non è facile da rompere.

C’è una via d’uscita, tuttavia. Tutti possono fare l’esperienza di essere amati incondizionatamente, di essere accettati con tutte le debolezze e i difetti. Gesù invita tutte le persone a venire a lui così come sono. Lui promette:

“Chi viene a me, non lo rifiuterò né lo scaccerò.” Giovanni 6:37

Gesù non giudica. Tutti possono venire. Dio ci accetta. Chi accoglie questo invito e viene da lui, sperimenta l’accoglienza e la vera appartenenza. Gesù stesso ha fatto il primo passo verso noi umani. È venuto sulla terra come essere umano per starci vicino e riconciliarci con Dio Padre. Chi viene da Gesù e crede che Egli è la via dal Padre, che ha pagato le nostre colpe e il nostro peccato con la sua morte, è accolto nella comunione eterna con Dio. Dio non rifiuterà nessuno che viene da lui, non importa quale sia il suo passato. Sperimentare questo amore incondizionato di Dio aiuta a sfondare e lasciare andare i pensieri negativi.

Inoltre, possiamo portare a Dio tutte le nostre ferite ed esperienze in cui ci siamo sentiti esclusi o rifiutati. Anche per questo Gesù è morto per liberarci da ogni peso. L’ha già portato sulla croce. Gesù libera e riempie i nostri cuori del suo amore e della sua accoglienza.

L’amore di Dio ci aiuta anche a perdonare ea fare un passo verso i nostri simili, così come Gesù ci è venuto incontro. Così possiamo vedere l’altro con gli occhi di Dio.

“Accoglietevi dunque gli uni gli altri, come Cristo ha accolto voi, affinché Dio sia onorato!” Romani 15:17 NIV

” Cari fratelli e sorelle, vogliamo amarci gli uni gli altri, perché l’amore viene da Dio. Chiunque ama è nato da Dio e conosce Dio. 8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. 9 L’amore di Dio per noi è evidente nel fatto che ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo per darci la vita in lui. 10 L’amore non è perché abbiamo amato Dio, ma perché Egli ha amato noi e ha mandato suo Figlio come espiazione per i nostri peccati. 11 Carissimi, se Dio ci ha amati così, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno lo ha mai visto di persona. Ma quando ci amiamo, Dio vive in noi e il suo amore ha raggiunto in noi la sua meta. 13 Possiamo dire che noi viviamo in lui ed egli in noi dal fatto che ci ha donato una parte del suo spirito. 14 Abbiamo anche visto con i nostri occhi e possiamo testimoniare che il Padre ha mandato il Figlio per essere il Salvatore del mondo. 15 E se uno confessa Gesù come Figlio di Dio, allora Dio abita in lui ed egli in Dio. 16 In ogni caso, abbiamo visto che Dio ci ama; e noi crediamo nel suo amore. Dio è amore, e chi vive nell’amore vive in Dio e Dio vive in lui. 17 Anche in questo l’amore ha raggiunto con noi il suo traguardo: possiamo attendere con fiducia il giorno del giudizio, perché così come Gesù è legato al Padre, anche noi viviamo in questo mondo. 18 Non c’è paura nell’amore, perché l’amore perfetto di Dio rimuove ogni paura. Chi ha ancora paura si aspetta di essere punito. Con lui l’amore non ha ancora raggiunto la sua meta. 19 Ma noi amiamo perché ci ha amati per primo. 20 Se qualcuno dice: “Io amo Dio!” Ma odia suo fratello o sua sorella, è bugiardo. Perché se non ami i tuoi fratelli, che puoi vedere, come puoi amare Dio, che non hai mai visto? 21 Ricordate il comandamento che Dio ci ha dato: Chi ama Dio ami anche i suoi fratelli e le sue sorelle. 1 Giovanni 4: 7-21 NIV

Autostima – sei prezioso/a

Lesedauer 5 Minuten

In Wikipedia, l’autostima è definita come segue: “L’autostima (anche: autostima, fiducia in se stessi,) è intesa in psicologia come la valutazione che si ha di se stessi”. una miscela di predisposizioni genetiche e ambiente sociale. Ma come mi valuto, in base a quali criteri? Come mi sento con me stesso? L’immagine che ho di me stessa si è sviluppata nel corso della vita, sulla base delle mie esperienze, sulla base di ciò che altre persone hanno parlato nella mia vita ed è stata definita anche confrontandomi con altre persone. Ma confrontarsi ha fatto più male che bene alla mia immagine di me stessa, perché c’è sempre qualcuno che ha più successo, più bello, più coraggioso, più intelligente, più divertente, più creativo, ecc. di me. Questo aumenta l’insoddisfazione, la tensione e la sensazione di non essere abbastanza bravi. C’era pressione per esibirsi, perché il valore che mi davo dipendeva dal riconoscimento delle persone. Ho sempre voluto accontentare tutti e trovavo sempre più difficile dire “no”, anche quando qualcosa era travolgente. Quando ho conosciuto Gesù e l’ho invitato nella mia vita , la mia autostima è cambiata quando gli ho permesso di darmi il mio valore. L’amore di Dio per me è indescrivibile, incomprensibile e travolgente. Sono stato creata in modo unico, una meraviglia di Dio.

Isaia 53: 4: Sei prezioso ai miei occhi e io ti amo! “

Ti ringrazio per essere stato realizzato meravigliosamente; Le tue opere sono meravigliose e l’anima mia lo sa bene. “Salmo 139:14

Posso “essere”. Dio mi ama come sono. Lui conosce il mio cuore. Conosce anche i miei limiti, i miei errori, le mie debolezze. Il suo amore è incondizionato e costante. Pensa molto di più a me di quanto non mi pensi io. Si fida di me più di quanto io mi fidi di me stesso. Mi trova prezioso, indipendentemente da quello che faccio. Dio mi ha dato doni e capacità che solo io ho. Ecco perché non ho bisogno di confrontarmi o misurarmi con gli altri.

Il mio obiettivo è riconoscere come Dio mi ha inteso e vivere nel suo destino per la mia vita. Posso solo riconoscermi come Dio mi ha inteso quando apro il mio cuore e lo incontro, quando gli chiedo nella preghiera e lui mette una risposta nel mio cuore. Non voglio più vivere per compiacere gli altri, ma per compiacere Dio. Le mie domande di identità: “Chi sono io? Perché io sono? Da dove vengo? Dove sto andando? ”Ho ricevuto una risposta in Gesù Cristo. Sono un’amata figlia di Dio, sono stata creata per essere in comunione con Dio, per vivere in relazione (questo è il mio destino), Dio è il mio Creatore e dopo la mia morte tornerò a casa da Dio Padre. La mia identità è in Cristo. Sei nostro padre.

Noi siamo l’argilla, tu sei il vasaio e noi siamo l’opera delle tue mani, Isaia 64: 7

Dio ci mostra il suo amore nella sua parola, lì posso incontrarlo, conoscere il cuore di suo padre. La parola di Dio, la Bibbia, è una lettera d’amore di Dio per noi umani.

Dio non ti ama perché sei così prezioso, ma sei prezioso, perché Dio ti ama così. Dietrich Bonhoeffer

Che valgo ai tuoi occhi supera il mio sentimento e la mia comprensione, ma le tue promesse sono più affidabili dei miei sentimenti volubili. E se può essere una lunga strada finché non imparo a vedermi, so ancora: Hai innumerevoli possibilità per condividere i tuoi buoni pensieri su di me. (Preghiera di Antje Sabine Naegeli)

La mia autostima oggi è determinata dalle verità che Dio stesso parla della mia vita. A poco a poco, in un processo costante, Dio mi mostra le bugie della vita in cui credevo, espone la valutazione negativa, i pensieri che il nemico cerca di persuadermi e li sostituisce con la verità liberatrice di Dio.

So tutto di te. (La Bibbia, Salmo 139: 1) So quando sedermi e quando alzarmi. (Salmo 139,2) Tutte le tue vie mi sono note. (Salmo 139:3) Anche i capelli sulla tua testa sono numerati. (Matteo 10:29-31) Perché ti ho creato a mia immagine. (Genesi 1:27) Ti conoscevo ancor prima che fossi ricevuto. (Geremia 1: 4-5) Ho scelto te quando ho pianificato la creazione. (Efesini 1: 4, 11) Non sei stato un errore. (Salmo 139:15) Ho deciso quando saresti nato e dove avresti vissuto. Atti 17:26) Sei fatto meravigliosamente. (Salmo 139:14) Ti ho formato nel grembo di tua madre. (Salmo 139:13) Vi sono stato travisato da coloro che non mi conoscono. (Giovanni 8:41) Non sono lontano e arrabbiato, ma l’espressione perfetta dell’amore. (1 Giovanni 4:16) È mio desiderio inondarti di amore. (1 Giovanni 3,1) Semplicemente perché tu sei mio figlio e io sono tuo padre. (1 Giovanni 3,1) Ti offro più di quanto tuo padre terreno potrebbe mai fare. (Matteo 7:11) Perché sono il padre perfetto. (Matteo 5:48) Ogni buon dono che ricevi viene dalla mia mano. (Giovanni 1:16) Perché mi prendo cura di te e ti incontro in ogni necessità. (Matteo 6: 31-32) Il mio piano per il tuo futuro è sempre la speranza. (Geremia 31,3) Perché ti amo di amore eterno. (Geremia 31,3) I miei pensieri su di te sono innumerevoli, come la sabbia in riva al mare. (Salmo 139: 17-18) Canto di te di gioia. (Zefania 3.17) Non smetterò di farti del bene. (Geremia 32:40) Perché sei il mio bene più prezioso. (Esodo 19:5) Godimi ed esaudirò i desideri del tuo cuore. (Salmo 37:4) Perché sono io che ho messo in te questi desideri. (Filippesi 2:13) Posso fare per te più di quanto tu possa immaginare. (Efesini 3:20) Puoi fare tutto tramite me, che ti rende forte. (Filippesi 4:13) Poiché io sono il vostro più grande incoraggiatore. (2 Tessalonicesi 2:16-17) Ti do capacità. (2 Corinzi 3:5) Ti do forza e prudenza. (2 Timoteo 1,7) Io sono anche il padre che ti consola in tutte le tribolazioni. (2 Corinzi 1: 3) Puoi contare su di me in ogni esigenza. Quando il tuo cuore è spezzato, io sono vicino a te (Salmo 34:19) Come un pastore porta la sua asta, io ti ho portato dal mio cuore. (Isaia 40:11) Un giorno asciugherò ogni lacrima dai tuoi occhi. (Apocalisse 21:4) Io sono al tuo fianco. La mia abbondanza è incommensurabile. (139.17) Soddisferò il tuo desiderio più profondo. Ti dono l’amore che allontana la paura. (1 Giovanni 4:18) Ti rispondo e ti libero da ogni tuo affanno. (Salmo 34:5) Io sono tuo padre e ti amo tanto quanto amo mio figlio Gesù. (Giovanni 17:23) Perché in Gesù si rivela il mio amore per te. (Giovanni 17:26) Egli è l’immagine perfetta del mio essere (Ebrei 1,3) Ed è venuto per dimostrarti che io sono per te e non contro di te. (Romani 8:31) Io sono l’acqua per l’assetato. E per dirti che non ti biasimo per i tuoi peccati. (2 Corinzi 5:19) Gesù è morto affinché tu ed io potessimo riconciliarci gli uni con gli altri. (2 Corinzi 5:18) Tramite Gesù i tuoi debiti sono perdonati. (Efesini 1:7) Tu sei abbastanza buono tramite Gesù. (2 Corinzi 5:21) La morte di Gesù è stata l’espressione più profonda del mio amore per te (1 Giovanni 4:9-10) Ho dato tutto ciò che amo per conquistare il tuo amore. (Romani 8:32) Non voglio mai più pensare ai tuoi peccati e alle tue cattive azioni. (Ebrei 10:17) Se accetti il ​​dono di mio figlio, accetti me. (1 Giovanni 2:23) Io sono il tuo consolatore. Chi si attacca a mio figlio non sarà condannato. (Giovanni 3:18) Ti ho chiamato per nome. E niente potrà mai più separarti dal mio amore. (Romani 8,38-39) Troverai protezione con me. (Salmo 32) Io sono la luce nelle tenebre. Le tue preghiere sono nella mia mente. (Atti 10:5) Per amore ho deciso che sei mio figlio. (Efesini 1: 5-6) Accettami e ospiterò la più grande celebrazione. (Luca 15: 4-7) Sono sempre stato un padre e sempre sarò un padre. (Efesini 3:14-15) Ti do una speranza viva. Ti chiedo: vuoi essere mio figlio? (Giovanni 1:12) Seguimi, io ti salverò. Ti sto aspettando! (Luca 15: 11-32

Togliere le maschere

Lesedauer 3 Minuten

Come stai nella situazione attuale con un obbligo maschera. Mi capita spesso, quando vado al negozio per fare shopping, che a prima vista non riconosco le persone sotto la maschera. Devo sempre guardare due volte. Incontrare le persone con le maschere è diverso, sembra più distante, non riconosco le espressioni. Le maschere servono come protezione, ma sono come una barriera tra le persone.

Oggi, tuttavia, vorrei parlare di quelle maschere che indossiamo anche al di fuori dei tempi delle maschere obbligatorie. Conosciamo tutti situazioni in cui indossavamo una maschera invisibile. Situazioni in cui non mostriamo ciò che siamo realmente, fingiamo e non siamo autentici. Ma perché vogliamo nasconderci dietro le maschere?

  • vogliamo proteggerci
  • abbiamo paura di mostrare la nostra faccia vera
  • pensiamo a ciò che gli altri pensano o dicono di noi
  • cerchiamo il riconoscimento dalle persone
  • vogliamo solo mostrare il nostro lato migliore
  • abbiamo paura di essere feriti se mostriamo i nostri errori e debolezze
  • temiamo il giudizio di altre persone


Di conseguenza, ci piace assumere ruoli che non siamo. Facciamo finta e ci nascondiamo sotto una maschera che mostra l’immagine di noi che vogliamo mostrare.

Ma non stiamo davvero bene, tutti desideriamo poter essere esattamente come siamo. Ci sentiamo a nostro agio in un ambiente e con le persone dove siamo accettati e amati, con tutti i nostri errori, inadeguatezze e debolezze, nella nostra imperfezione.

Dove e con chi possiamo togliere le nostre maschere?

Ho sperimentato un amore così incondizionato principalmente con Dio. Non devo fingere di fronte a lui, mi conosce meglio di quanto io conosca me stesso. Conosce il mio cuore.

“Signore, hai messo alla prova il mio cuore e sai tutto di me” Salmo 139: 1

Conosce tutti i miei pensieri.

“Quando mi siedo o quando mi alzo, lo sai. Conosci tutti i miei pensieri ”Salmo 139.2

Conosce tutte le mie intenzioni e azioni.

“Quando vado o quando mi riposo, lo vedi e hai familiarità con tutto ciò che faccio” Salmo 139.3

Lui conosce le mie parole.

“E tu, Signore, sappi cosa voglio dire prima di dirlo” Salmo 139: 4


Non posso nascondermi da Dio perché è ovunque.

“Dove dovrei fuggire dalla tua mente e dove posso sfuggire alla tua presenza? Se volo in cielo, ci sei; se scendessi nel regno dei morti [1], ci sei anche tu Se prendessi le ali dell’alba o vivessi nel mare più esterno, anche la tua mano mi condurrebbe lì e il tuo braccio forte mi stringerebbe. Se avessi chiesto all’oscurità di nascondermi e la luce intorno a me diventasse notte, non avrei potuto nasconderti comunque; poiché la notte brilla come il giorno e l’oscurità come la luce “Salmo 139,7-12


Dio mi ama così come sono. Il suo amore è incondizionato. Ha dei buoni pensieri su di me.

“Quanto sono preziosi i tuoi pensieri su di me [3], Dio! C’è un numero infinito. Se volessi contarli, sono più numerosi della sabbia! ”Salmo 139: 17-18


Più sono consapevole del suo amore e riconosco chi sono negli occhi di Dio, più posso accettare me stessa come sono e anche essere autentica con il mondo esterno.
Più so come Dio pensa di me, meno importante ottengo ciò che gli altri pensano di me. La paura di Dio sconfigge la paura dell’uomo.
Più mi rendo conto che Dio è potente nella mia debolezza, più è facile per me mostrare le mie debolezze ed essere meno vulnerabile.
Più so che sono consapevole di essere una figlia di dio e di appartenere a lui, meno devo appartenere ovunque.
Più maschere mi tolgo, più posso diventare quella che sono, proprio come Dio mi ha creata.
“Hai creato tutto in me e mi hai plasmato nel grembo di mia madre. Grazie per avermi reso così meraviglioso ed eccellente! I tuoi lavori sono meravigliosi, lo so. Hai visto come sono stato fatto in segreto, come sono stato formato nell’oscurità dell’utero [2]. Mi hai visto prima che io nascessi. Ogni giorno della mia vita è stato scritto nel tuo libro. Ogni momento era certo prima dell’inizio del primo giorno ”Salmo 139: 13-16

Voglio continuare a crescere vedendomi con gli occhi di Dio. Sono un’amata figlia di Dio, unica e preziosa e voglio vivere sempre di più in questa mia identità. Perché vivere senza maschere porta libertà, trasforma la distanza in prossimità, è reale e onesto.

E oltre a Dio, ci saranno sicuramente persone che apprezzano questa apertura e onestà e che mi capiscono e mi amano, non perché indosso una maschera, ma proprio perché l’ho tolta.

E allo stesso modo voglio incontrare gli altri e creare spazio per incontri reali, dove le maschere possono cadere e l’altro può essere come è, sentirsi apprezzato e accettato. In modo che il vero sé possa apparire sotto la maschera.

Una persona vede ciò che è davanti ai loro occhi; ma Dio guarda il cuore. 1 Samuele 16.7

google-site-verification: google4292466f51cac220.html
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: