Credi nei miracoli?

Lesedauer 2 Minuten

Cosa sono i miracoli? I miracoli sono fenomeni inspiegabili ed eventi straordinari che ci stupiscono. Può essere una sorpresa, una svolta felice nella vita, un miracolo nella natura.

Riconoscere e percepire miracoli dipende dal nostro punto di vista e soprattutto dalla nostra fede. Quando ci manca la fede, prendiamo i miracoli come coincidenze o fortuna, oppure diamo per scontato, ciò che in realtà è un miracolo. Possiamo vivere come se niente fosse un miracolo o come se tutto fosse un miracolo. Erich Kästner scrive in una citazione:

“I miracoli sono vissuti da coloro che credono nei miracoli”

Quando guardo il mondo e penso alla mia vita, tutto è in realtà un miracolo per me. A partire dal fatto che c’è una galassia enorme con così tante stelle e pianeti, che c’è la terra e la vita su di essa, fino al miracolo dell’uomo, che è fatto geniale e unico. Penso che i testi della canzone di Alexa Feser “Wunderfinder” siano appropriati. Canta nel ritornello:

“Sei un bambino dei miracoli o cieco ai miracoli? Dimmi se hai capito che siamo un miracolo. Questo mondo sta diventando sempre più cieco ai miracoli. Se puoi vederli, sei un cercatore di meraviglie. “

Se tengo gli occhi aperti, posso scoprire miracoli ogni giorno. Per me, i miracoli sono segni della presenza di Dio e delle sue azioni. Dio si mostra in loro e mi dice “io sono qui”. I miracoli accadono, devo solo vederli. Nella Bibbia, nella Parola di Dio, sono riportati numerosi miracoli di Dio:

Passaggio del popolo d’Israele attraverso il Mar Rosso Esodo 16-22

Trasformazione dell’acqua in vino alle nozze di Cana Giovanni 2: 1-12

La tempesta Marco 4,35-41

Gesù cammina sul mare Giovanni 6: 16-21

Guarigione del cieco nato Giovanni 9: 1-7

Nutrizione dei 5000 Giovanni 6: 1-15

Risurrezione di Lazzaro dai morti Giovanni 11, 32-45

La risurrezione di Gesù Giovanni 20, 1-10

Segni e miracoli accadono ancora oggi.

“Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” Ebrei 13: 8

Dove finiscono le nostre possibilità, iniziano le possibilità di Dio. La nostra disperazione è il punto di partenza dell’opera di Dio. La fede è la chiave per sperimentare i miracoli. Dio è soprannaturale e risponde alle nostre convinzioni.

“Ogni cosa è possibile a chi crede” Marco 9:23

Pertanto, aspettiamoci miracoli e siamo grati per miracoli grandi e piccoli che Dio fa ogni giorno.

  • Ogni volta che sorge il sole accade un miracolo
  • Ogni volta che guardo la natura vedo un miracolo
  • Ogni volta che nasce un bambino accade un miracolo
  • Ogni volta che le persone si riconciliano, si perdonano a vicenda, accade un miracolo
  • Ogni volta che una preghiera viene esaudita, accade un miracolo
  • Ogni volta che sperimentiamo protezione accade un miracolo
  • Ogni volta che Dio ci dà la sua pace, accade un miracolo
  • Ogni volta che Dio ci libera da preoccupazioni e fardelli, accade un miracolo
  • Ogni volta che Dio ci apre nuove porte, ci mostra nuove possibilità, accade un miracolo
  • Ogni volta che le persone comprendono l’amore di Dio e accettano la sua grazia, accade un miracolo
  • È Dio che fa miracoli, innumerevoli, così grandi che non possiamo capirli

Mantenere la pace

Lesedauer 3 Minuten

Quando il mio cuore si fida di te
e guardo il tuo amore per me
trovo la pace, posso sconfiggere tempesta e onde.
In mezzo a tempi turbolenti
la tua presenza sarà sempre con me.
Anche nella più grande incertezza
con te c’è sempre la pace.
Il mio cuore turbato si ferma
perché il Dio che custodisce la mia pace sei tu.
(Ulrike Nägele)


A proposito della pace, ho letto di recente la seguente storia:

“C’era una volta un re che voleva dare un premio all’artista che gli aveva dipinto il quadro più appropriato della pace. Molti artisti ci hanno provato. Il re guardò tutte le immagini, ma ce n’erano solo due che gli piacevano veramente; doveva scegliere tra loro.

In una foto c’era un lago calmo, in cui il pacifico paesaggio montano che torreggiava intorno ad esso si rifletteva perfettamente. Sopra di esso si stendeva un cielo azzurro con soffici nuvole bianche. Chiunque abbia guardato questa foto deve aver pensato che fosse una pace perfetta.

Nell’altra immagine c’erano anche montagne, ma erano aspre e spoglie, e sopra di esse un cielo infuriato con lampi lampeggianti e forti piogge. Sul retro della foto è caduta una cascata spumeggiante. Non sembrava tutto molto tranquillo. Ma dietro la cascata il re scoprì un piccolo cespuglio che cresceva in una fessura. Una mamma uccello aveva costruito il suo nido nella boscaglia. Là, in mezzo all’acqua impetuosa, la madre uccello sedeva perfettamente pacificamente nel suo nido.

Cosa pensi? Quale foto ha vinto il premio? Il re ha scelto la seconda immagine.

“’Perché pace non significa’, disse il Re, profondamente commosso, ‘trovarsi in un luogo di perfetta calma, libero dalla rabbia e dal lavoro stressante, ma rimanere calmi in tutto questo. Questo è il vero significato della pace. ‹”

Mi piace questa storia perché spiega così bene il vero significato della pace. La pace non significa che le circostanze esterne siano buone, che non ci siano difficoltà e problemi da superare, che non abbiamo sfide, ma piuttosto trovare la pace interiore in mezzo a circostanze stressanti, incertezze, caos e tumulti.

Guardando a Gesù possiamo arrivare a questa pace. In sua presenza c’è pace, sì, lui stesso è pace. La pace non è assenza di guai, ma presenza di Dio.

Niente e nessun altro può darci questa pace. La fiducia in Dio è la chiave per quella pace.


“Sono inquieto, ma con te c’è pace” (Dietrich Bonhoeffer)


“Nella frenesia quotidiana, nel nostro lavoro, in tutte le situazioni della vita naturale, ci appartiene: l’incrollabile, inviolabile pace di Gesù.” (Dietrich Bonhoeffer)


Ho trovato questa pace nella presenza di Dio, in un rapporto con Gesù. Lo vivo nella comunità e l’incontro con lui quando dirigo i miei pensieri su di lui invece di guardare le mie preoccupazioni o problemi. E voglio inseguire questa pace ancora e ancora, perché prima di quanto pensassi, la pace mi verrà di nuovo rubata. Per restare nella sua pace, mi è permesso di tornare ogni giorno a Gesù, che mi regala il suo dono di pace e lo accetto per me. Ogni giorno posso prendere la decisione di fidarmi completamente di lui, di concentrare il mio cuore su di lui, di lasciar andare tutto ciò che è difficile e di credere che lui manterrà la mia pace.

“Ti ho detto tutto questo perché tu avessi pace in me. Qui sulla terra vivrai molte cose difficili. Ma abbi coraggio, perché ho vinto il mondo. ”Giovanni 16:33

“Non preoccuparti di nulla, ma in ogni cosa lascia che le tue richieste siano rese note a Dio in preghiera e supplica con rendimento di grazie! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù. “Filippesi 4: 6-7

Nuova energia nella presenza di dio

Lesedauer 2 Minuten

Mercoledì scorso ho scritto dell’importanza degli obiettivi nella vita, tenendo d’occhio l’obiettivo e avvicinandoci. Per raggiungere il nostro obiettivo, non dobbiamo dimenticare una cosa: fermarsi e fare nuovamente rifornimento, altrimenti ci fermeremo a metà strada. Se viaggiamo in auto e vogliamo raggiungere la nostra destinazione di vacanza, ad esempio, abbiamo bisogno di un serbatoio pieno e se si accende la spia che siamo in riserva, dobbiamo riempire.
Ci sono momenti in cui sono in viaggio con il mio serbatoio di riserva. Se voglio raggiungere il mio obiettivo attraverso l’azionismo facendo il più possibile, noto come le mie batterie si scaricano, mi sento stancha e debole e non riesco ad andare oltre.
Un atleta, ad esempio, non può allenarsi costantemente, ha anche bisogno di pause e rigenerazione, riposo e una dieta sana in modo che il suo corpo possa ricostituire i nutrienti.
Stanchezza, mancanza di forza, mancanza di gioia, umore depresso sono segnali di avvertimento per me e un segno che sto correndo sul bruciatore posteriore e che ho dimenticato la cosa più importante: fare rifornimento.
Anche nella vita spirituale c’è il pericolo che vogliamo raggiungere i nostri obiettivi attraverso il maggior sforzo possibile e dimenticare che si tratta principalmente del nostro essere e della nostra relazione con Dio.
Ecco perché le nostre stazioni di servizio sono così importanti nella vita. Le nostre stazioni di servizio sono fermate che ci ricostruiscono e ci danno nuova energia.
Quali sono le tue stazioni di servizio?


Una buona conversazione
Un incontro con gli amici
abbastanza sonno
Mossa
mangiare sano
musica
natura
Dio ci ha dato un’oasi per fare rifornimento, che è lì per tutte le situazioni e per tutte le persone: nel Salmo 36 lo troviamo:


Con te è la fonte della vita e nella tua luce vediamo la luce. Salmo 36:10


Con Dio posso fare rifornimento, riposare nella sua presenza ed essere riempita.

Voglio dare gratuitamente agli assetati la fonte vivente di acqua Offenbarung 21,6

Gesù mi offre di venire da lui con la mia sete, mi dà quest’acqua gratis. Ho bisogno di quest’acqua della vita non solo in situazioni di emergenza, ma ogni giorno nelle sfide più piccole della vita di tutti i giorni, perché non sono perfetta e non faccio sempre tutto nel modo giusto. Gesù mi conosce con tutti i miei errori e debolezze. Sa tutto e in tutto ciò mi dà il suo amore incondizionato.


In Matteo 11:28, Gesù disse: Venite tutti da me che siete stanchi e che sopportate pesanti fardelli, vi darò riposo.

Giovanni 4:14 Ma chi beve dell’acqua che gli do non avrà mai più sete per sempre, ma l’acqua che gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che dá vita eterna


Se viviamo dalla sua forza e non facciamo affidamento esclusivamente sulla nostra forza, ci condurrà all’obiettivo.


“Ti porterà a destinazione, ti darà forza e forza e ti assicurerà di rimanere saldo e sicuro” 1 Pietro 5:10


Il tempo con Dio, nella sua presenza, leggendo la Bibbia – la sua parola, rinnova i nostri pensieri, ci dà forza, forza, calma, pace e gioia. Proprio come la batteria viene ricaricata ogni giorno per un telefono cellulare, possiamo anche ricaricare le nostre batterie, ricaricare le nostre batterie e lasciarci soddisfare ogni giorno dal nostro rapporto con Dio.

Obiettivi

Lesedauer 3 Minuten

Avere obiettivi è importante. Nella vita ci poniamo sempre nuovi obiettivi, grandi e piccoli. Laurea, lavoro, iniziare una famiglia, obiettivi sportivi, costruire una casa o un appartamento – comprare – affittare, scalare una montagna, mangiare in modo sano ecc. Non importa quale sia, stabilire obiettivi in ​​tutte le aree della nostra vita ci dà orientamento e direzione. Dove voglio andare? Cosa voglio ottenere? L’obiettivo è la guida. Concentrarsi su un obiettivo mi aiuta a non distrarmi, a rimanere sintonizzato e a fare tutto il possibile per raggiungerlo.

Soprattutto, mi motiva ad avere un obiettivo in vista, perché poi so esattamente perché sto facendo qualcosa. Se uno studente ha fissato l’obiettivo di apprendere una determinata professione, sa perché deve andare a scuola e imparare ogni giorno. Se un athleta si è prefissato l’obiettivo di correre una maratona, sa perché deve allenarsi duramente. Se intendo essere in forma , so perché dovrei cambiare la mia dieta e muovermi.

Un chiaro obiettivo in mente ci aiuta a percorrere il sentiero. Questo ci facilita il superamento di difficoltà e ostacoli, la nostra motivazione è maggiore, agiamo in modo orientato agli obiettivi. I desideri e i sogni aumentano la nostra gioia di vivere, la mancanza di meta spesso porta all’insoddisfazione.

Oltre agli obiettivi mondani che l’uomo pone, esiste tuttavia un obiettivo più elevato, un obiettivo imperituro. Dio Padre, il nostro Creatore ci dà questo obiettivo. Ogni persona è creata da Dio e ha uno scopo dato da Dio, uno scopo specifico. Dio ci ha creati a sua somiglianza e Dio è essenzialmente una relazione. Dio è padre, figlio e spirito santo, legati l’uno all’altro. Ecco perche le persone sono fatte per le relazioni.

“Ancora prima della creazione del mondo , Dio ci ha fatto per amore per essere santi davanti a lui e ci ha liberati dalla colpa. Fin dall’inizio era il suo piano immutabile di accoglierci attraverso Gesù Cristo come suoi figli, e aveva una grande gioia in questa decisione ”Efesini 1: 4

L’obiettivo è la comunione con Dio, ecco perché siamo nel mondo. Il peccato ha causato la separazione da Dio. Peccato significa anche perdere l’obiettivo. L’uomo si allontanò da Dio e andò per la sua strada, perseguendo i propri obiettivi invece di vivere nel suo destino divino. Attraverso Gesù, che accettammo il peccato per noi umani e lo pagammo con la morte sulla croce, ognuno ha l’opportunità di riconciliarsi con Dio e di andare verso l’obiettivo della comunione con Dio. Paolo descrive questo obiettivo nei Filippesi:

“Mi è chiaro che non ho ancora raggiunto tutto questo e che non ci sono ancora. Ma faccio tutto il possibile per prenderlo perché sono toccato da Gesù Cristo. Come ho detto, miei cari fratelli e sorelle, so esattamente: non ho ancora raggiunto il mio obiettivo. Ma una cosa è certa: voglio dimenticare cosa c’è dietro di me e guardare l’obiettivo davanti a me. Corro con tutte le mie forze per vincere il prezzo della vittoria, la vita nella gloria di Dio. Perché Dio ci ha chiamato a fare questo tramite Gesù Cristo ”. Filippesi 3,12-14

Dio diede a Paolo un nuovo obiettivo nella sua vita: una vita nella presenza amorevole di Dio. Questo gli ha permesso di riallineare la sua vita e vivere per la gloria di Dio.

” Con (Gesù) Cristo l’obiettivo raggiunto dalla legge è stato raggiunto: tutti coloro che credono in lui sono dichiarati giusti. “(La Bibbia, Romani 10: 4)

E così posso impostare le mie priorità. Riallineare i miei obiettivi. Dove voglio andare, a cosa mi oriento? Tengo rivilti gli occhi su Gesù e toglio tutto ciò che mi distrae dal mio obiettivo. Vivere per lóbiettivo per il quale sono stato creata , riempie il mio cuore di una gioia interiore che nessuno può togliere da me e che non dipende da circostanze esterne,

“Rallegrati sempre di appartenere al Signore. E ancora una volta voglio dirlo: rallegrati! “Filippesi 4: 4

e con una pace che il mondo non conosce.

“La pace di Dio, che supera ogni nostra comprensione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti perché siete connessi con Gesù Cristo” Filippesi 4: 7

Pasqua

Lesedauer < 1 Minute

La notte si trasforma in giorno

l’oscurità in luce,

la tomba è vuota,

Gesù dice:

“Sono la risurrezione e la vita. Chiunque crede in me vivrà anche se muore. ”Giovanni 11:25


La disperazione si trasforma in speranza

la debolezza diventa forza,

Gesù ci porta perdono e riconciliazione,

parla sulla croce:


“Tutto é compiuto” Giovanni 19:28

Il dolore si trasforma in gioia

la fine in un nuovo inizio,

la sua morte porta vita

Il piano di Dio fin dall’inizio.

“Poiché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita in Cristo Gesù, nostro Signore.” Romani 6:23

La via è chiara perché Gesù vive

in sua presenza e amore

tutta la nostra sofferenza passa

ha portato tutti i nostri pesi e malattie,

pieno di umiltà e senza lamentele.

“Il Padre ci ha salvato dal regno delle tenebre e ci ha messo nel regno di suo figlio, il suo amore, in cui abbiamo redenzione, attraverso il suo sangue il perdono dei peccati.” 1 Colossesi 1, 13-14

La via è chiara alla presenza di Dio,

il suo amore ha vinto.

Il potere del nemico si spezzò in due,

Gesù ha vinto il male.

Niente e nessuno può separarci dal suo amore adesso

la relazione ripristinata.

Se crediamo in lui nella fede,

superiamo il mondo insieme a lui.

Il suo regno rimane per sempre.

Volgiamo i nostri cuori a lui

L’amore di Dio non finirà mai

e trasformerà tutto per il bene.

Ha fatto tutto questo per grazia,

per tutti coloro che accettano il dono dal cuore con fede.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo figlio unigenito in modo tale che chiunque crede in lui non sia perduto, ma abbia la vita eterna. Giovanni 3:16

Pulizie di primavera

Lesedauer 2 Minuten

Ho iniziato le pulizie di primavera questa settimana. Vorrei ora usare il tempo per creare nuovamente un ordine completo. Stanza per stanza, armadio per armadio, cassetto per cassetto devo prima togliere ciò che non è più necessario. Nel tempo, si accumula molto che posso smaltire e mettere via.

Voglio fare questa azione non solo nella mia casa, ma soprattutto nel mio essere interiore, nel mio cuore, nella mia anima, nel mio spirito. Molto può accumularsi anche lì, che deve essere smaltito. Queste possono essere cattive abitudini, schemi, pensieri / sentimenti negativi o convinzioni che non vanno bene per me. Brutte esperienze, ferite, sensi di colpa: tutte queste sono cose che mi gravano e che non voglio più portare con me.

“Proverbi 4: 23-24:” Proteggi il tuo cuore più di ogni altra cosa; perché la fonte della vita ne deriva. “

Ma dove andare con tutti i carichi? Nuove cose possono emergere solo se lascio andare tutti i pesi dell’anima. C’è qualcuno che vuole che io sia libero e scaricato.

“Cristo ci ha liberati per la libertà” Galati 5: 1

Posso lasciar andare, portare i miei pesi da Gesù alla croce. È così che mi libero. In modo che possa emergere qualcosa di nuovo. Pensieri negativi sono abbattuti. Dio vuole rinnovare i miei pensieri con la sua verità, con il suo amore incondizionato, con la sua pace.

Non devo aggrapparmi a ciò che non è buono per me, ma metterlo nelle mani di Dio e riallineare i miei pensieri: ripensare. Lasciami riempire con i buoni pensieri di Dio su di me. Gesù è colui che salva, libera, ripristina, guarisce.

Guarda; Sto facendo qualcosa di nuovo; sta già germogliando. Non lo vedi? Mi faccio strada attraverso il deserto e creo fiumi nelle terre desolate. Isaia 43:19

Con lui posso riversare il mio cuore e lasciarmi riempire di nuova speranza.


Lancia tutti i tuoi pesi su Dio, perché si prende cura di te 1 Pietro 5: 7

Venite da me tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesi grandi, vi darò riposo Matteo 11:28

Ogni giorno voglio dare a Dio nuovo spazio per vivere in me e avere lo sguardo su di lui. Gesú deve avere il primo posto nel mio cuore. Più forte è il rapporto con Dio, più sono nella sua presenza, più pace e tranquillità provo e più mi dà un cuore puro e costante.

“Sperimenterai la pace di Dio che è più grande di quanto la tua mente umana possa mai capire. La sua pace manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri nella fede in Gesù Cristo ”(Filippesi 4: 7)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: