Sii grato in tutte le cose

Lesedauer 4 Minuten

Gratitudine cambia la prospettiva della vita. La gratitudine è uno stile di vita che possiamo praticare e allenare. C’è sempre, in ogni situazione, in ogni circostanza, in ogni crisi, almeno una ragione per cui possiamo essere grati. Possiamo prendere coscienza di ciò per cui tutti possiamo essere grati. Nulla può essere dato per scontato, tutto è un dono.

La gratitudine è abbastanza umile da ricevere qualcosa. L’orgoglioso prende solo ciò che gli è dovuto. Si rifiuta di ricevere un regalo. (Dietrich Bonhoeffer)

La Bibbia ci insegna ad essere grati, non solo quando sperimentiamo cose buone, ma anche in difficoltà . Un simile atteggiamento ci aiuta a gestire meglio le crisi e ad emergere più forti da esse. Quindi non circondiamo più il problema con i nostri pensieri, ma cerchiamo un significato per ciò che può derivare da questa situazione. Quindi ci sono diversi modi per gestire ciò che ci accade. Possiamo lamentarci, essere insoddisfatti, sentirci vittime e sprofondare nell’autocommiserazione. L’altra possibilità che abbiamo è di porsi le seguenti domande:

    Cosa vuole mostrarmi questa situazione?
    Cosa posso imparare da essa?
    Per cosa sono grato in queste circostanze?
    Cosa mi dà speranza?
    Cosa può essere buono, quali sono le opportunità?

Mi piace la storia nella Bibbia di Paolo e Sila in prigione:

“Dopo essere stati picchiati molte volte, i colonnelli li hanno mandati in prigione e hanno ordinato alla guardia di tenerli al sicuro. A questo comando, bloccò entrambi nella cella più interna e chiuse i piedi nel blocco.

Era circa mezzanotte quando Paolo e Sila pregarono e lodarono Dio. Gli altri prigionieri ascoltarono. All’improvviso la terra tremò così violentemente che persino le basi della prigione furono scosse. Allo stesso tempo, tutte le porte si aprirono e le catene caddero da tutti i prigionieri.
La guardia carceraria si è svegliata dal sonno. E quando vide aprire le porte della prigione, estrasse la spada e voleva uccidersi, pensando che i prigionieri fossero fuggiti.
Ma Paulo gridò più forte che poté: “Non farti del male! Siamo ancora tutti qui! ”La guardia chiese la luce, precipitò in prigione e tremò a terra davanti a Paolo e Sila.
Poi li condusse fuori e chiese: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Dissero: “Credi in Gesù, il Signore! Allora sarai salvato e tutta la tua famiglia con te. “
E proclamarono il messaggio del Signore a lui e a tutti coloro che vivevano nella sua casa. La guardia carceraria prese Paulo e Silas la stessa notte e lavò le loro strisce di sangue. Quindi fu battezzato con tutti coloro che vivevano nella sua casa. Quindi condusse i due a casa sua e fece sistemare il tavolo per loro. Lui e tutti coloro che gli appartenevano erano felicissimi di aver trovato fede in Dio. “Atti 16: 23-40


Paulo e Silas erano in prigione buia e avevano tutte le ragioni per essere disperati, lamentarsi, lamentarsi e perdere la speranza. Invece, hanno elogiato e ringraziato Dio e gli hanno cantato delle canzoni. Non guardarono alle loro circostanze, ma a Dio. Probabilmente hanno ringraziato Dio per quello che aveva fatto nella loro vita e hanno ricordato le sue promesse. Grazie alla loro gratitudine e lode, i loro cuori erano vicini a Dio e quindi avevano pace e fiducia. Dio stesso era la ragione della loro gioia. Erano fortemente collegati a Dio, avevano fiducia. La sua convinzione era così grande che un forte terremoto liberò persino i legami dai suoi piedi. La fede ha quindi cambiato non solo il loro atteggiamento, ma anche le circostanze. Sei stato rilasciato. E quello che penso sia la cosa migliore della storia è che Paulo e Silas non solo si sono aiutati attraverso i loro atteggiamenti, ma hanno anche toccato la guardia carceraria. Sperimentò la salvezza attraverso la testimonianza dei due e arrivò a credere in Gesù.

Nei momenti difficili, sono particolarmente grata di avere Gesù al mio fianco, di non dover affrontare le situazioni da sola. Essere una figlia di Dio e poter vivere in relazione con lui è il dono più grande della mia vita. Mi dà sostegno, conforto e il coraggio di andare avanti. Il suo amore mi porta e non mi lascia mai sola. Dà speranza in ogni situazione.
Quando guardo indietro, sono grata per i momenti difficili. Perché proprio in questi tempi Dio mi è stato molto vicino e il rapporto con lui è cresciuto.
Quindi non vedo più la crisi come una minaccia, no, è un’opportunità. La possibilità di prendere la mano amorevole di Dio e andare avanti con lui …

Sii sempre felice, prega incessantemente, sii grato in ogni cosa; poiché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per te. 1. Tessalonicesi 5, 16-18
Non preoccuparti di nulla, ma in ogni caso lascia che le tue richieste nella preghiera e nella supplica siano espresse con ringraziamento a Dio! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù Filippesi 4, 6-7
Sii persistente nella preghiera e guarda con ringraziamento! Colossesi 4.2
Ringrazio il Signore con tutto il cuore
e racconta tutti i tuoi miracoli. Salmo 9.2

La gratitudine cerca il donatore per il dono. Dietrich Bonhoeffer

Salmo di gratitudine (scritto personalmente)

Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il creatore del cielo e della terra, per te posso vivere. Mi hai dato la vita e posso essere tua figlia per vivere con te. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, il tuo amore mi avvolge, la tua luce mi circonda, il tuo potere mi protegge e la tua presenza veglia su di me. Mi hai creato a tua immagine per relazioni , mi hai messo di fianco persone preziose. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il donatore di tutti i buoni doni. Mi hai dato talenti per usarli per te e per i miei simili. Sei generoso e ricco. Sei il mio fornitore in ogni momento, ti prendi cura per me sempre. Sei un Signore gentile e potente, una roccia irremovibile per sempre. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio per la tua parola, che è la verità e mi mostra la via della vita e mi riempie il cuore di gioia. Sei fedele e sei la speranza del mondo. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, attraverso Gesù Cristo mi hai donato una nuova vita che non finirá per sempre e vincerà la morte. Gesù vive in me e lo Spirito Santo mi aiuta. Ti ringrazio mio signore e mio dio, hai pagato il mio debito, grazie a te sono libera. Nel mio bisogno più profondo eri con me e mi hai liberata dalla paura e dalla preoccupazione. Nelle sfide e nelle difficoltà sei qui e lasci che tutto si trasforma in bene. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio che salva, redime e libera. Beato chi ha le radici nel Signore, l’Eterno Dio, perché è al sicuro con te. Alleluia, loderò sempre il Signore!

Crisi come opportunità

Lesedauer 3 Minuten

Ci sono crisi in ogni vita, che possono essere crisi personali o colpire anche interi gruppi di popolazione. Attualmente sta colpendo il mondo intero attraverso il virus corona. L’economia, il turismo e la vita sociale si sono fermi in molti paesi. Le nostre vite sono cambiate molto al momento. Dobbiamo evitare i contatti sociali per impedire la diffusione del virus. Incontri con amici, incontri, sport, festival, teatro, cinema, servizi ecc. Non sono possibili. Possiamo uscire di casa solo se è necessario, per motivi di lavoro, per lo shopping o per motivi di salute.

C’è incertezza tra le persone, nessuno sa quanto durerà la situazione e come andrà a finire. Cos’altro dovremo fare, il sistema sanitario sarà in grado di resistere, come si svilupperà la situazione economica?

Tuttavia, questo tempo rallentato ti dà anche la possibilità di mettere in pausa e riflettere su ciò che conta davvero nella vita. Possiamo concentrarci sull’essenziale, stabilire nuove priorità, ripensare. Ora i valori della nostra società delle prestazioni non contano più – più alti, più veloci, più lontano -. Perfezionismo e pressione prestazionale. Ora conta disponibilità, coesione, solidarietà, rinunciare, prendersi cura gli uni degli altri e incoraggiarsi a vicenda .

“Prendiamoci cura gli uni degli altri! Vogliamo incoraggiarci a vicenda ad amarci e incoraggiarci a fare del bene ”. Ebrei 10:24

In tempi come questi, ci rendiamo anche conto di quanto possiamo essere soddisfatti e grati per tutto ciò che abbiamo e possiamo anche pensare al nostro comportamento da consumatori. Ora che la maggior parte dei negozi sono chiusi e possiamo acquistare solo ciò di cui abbiamo veramente bisogno, molte cose non sono più necessarie. Quindi notiamo in quale abbondanza viviamo effettivamente e quanto poco effettivamente abbiamo bisogno.

“Sii grato in ogni cosa” 1. Salonicchi 5:18

Ora che non possiamo più visitare i nostri amici, coltivare una comunità, i servizi non sono più disponibili, riconosciamo ancora di più il valore di buoni rapporti e amicizie che ci costruiscono e ci fanno bene.

“L’amicizia è un dono di Dio”

Ora che tutte le scuole sono chiuse e, a seconda del lavoro, alcuni genitori non vanno al lavoro, abbiamo molto tempo per coltivare la comunità nelle nostre famiglie e pensare ad attività comuni a casa.

Con il traffico a un punto morto, possiamo già vedere un miglioramento dei valori dell’aria, la natura può rigenerarsi, a Venezia le persone sono felici per l’acqua cristallina nei canali a causa del fatto che non ci sono più navi che navigano. A Trieste i delfini nuotano fino alla riva.

Possiamo anche vedere questa crisi come un’opportunità per pensare a ciò che alla fine ci dà davvero stabilità nella vita. Su cosa stiamo costruendo le nostre fondamenta, su chi o cosa ci dà sicurezza? Cosa rimane quando si perdono cose materiali, ricchezza, finanze, salute ecc. Chi è il nostro fornitore? Tutte queste cose sono impermanenti e non hanno presa.

“Ma sappiamo che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio” Romani 8:28:

Possiamo ricordare Dio Onnipotente, che ha creato il cielo e la terra, per lui nulla è impossibile, che è lo stesso ieri, oggi e per sempre. In tutte le nostre incertezze e preoccupazioni, possiamo fidarci di lui. È in questo momento in cui la nostra fede viene messa alla prova che vogliamo aggrapparci a Dio e confessare che Egli governa. Possiamo usare il tempo per pregare, leggere e proclamare la sua parola.

“La mia grazia è tutto ciò di cui hai bisogno. La mia forza si manifesta nella tua debolezza ”2 Corinzi 12: 9

Infine, un testo adatto che ho trovato su Internet (autore sconosciuto):

Il mondo si ferma e improvvisamente tutti abbiamo l’opportunità di ripensare le nostre vite, scoprire nuove parti in se stessi, prendere decisioni difficili e affrontare le paure … Improvvisamente le cose diventano importanti che abbiamo dato per scontato abbastanza a lungo: manca la vicinanza fisica alle persone, i contatti sociali, il privilegio di muoversi liberamente, viaggiare, una vita spensierata, sicurezza finanziaria e normalità … C’è un motivo per cui tutto è capovolto? È un grido di aiuto dalla natura che ha bisogno di una pausa da noi? Abbiamo perso il valore della vita? Devo solo ricordare ancora una volta l’importanza della nostra vita? In questa situazione eccezionale, ci conosciamo meglio e abbiamo l’opportunità di diventare un po ‘”migliori”, stabilire le priorità in modo diverso, trattare i nostri simili con rispetto e amore e, nella migliore delle ipotesi, riportare indietro i nostri bisogni …

Generositá

Lesedauer 2 Minuten

Questo versetto della Bibbia mi ha fatto tornare in mente quanto è buono e generoso il nostro Dio.

Tutto ciò che ho, tutto ciò che sono mi è stato donato da Dio, non è una cosa ovvia e non un mio merito.

Tutto ciò che vedo, la creazione, la diversità della natura con i suoi colori e forme, sole-luna e stelle, il mondo animale – tutto è fatto meraviglioso e unico da Dio e io posso vivere circondata da questa bellezza.

Tutto ciò che sento, assaporo, testimonia della generosità di Dio. Posso odorare e saporire tanti profumi diversi, il cibo è anche piacevole con i tanti sapori diversi che posso assaggiare . Dio è un generoso donatore e ama fare regali ai suoi figli.

Un giorno ci verrà sicuramente presentato il conto (poesia di Lothar Zanetti)

per il sole
  e il fruscio delle foglie,
  il gentile mughetto
  e gli abeti scuri,
  per la neve e il vento,
  volo degli uccelli ed erba
  e le farfalle,
  per l’aria che
  ho respirato, e per le stelle
  e per tutti i giorni
  le serate e le notti.
 
  Una volta sará il tempo di pagare,
  per favore la fattura.
 
  Ma abbiamo fatto la fattura senza il capo:
  Ti ho invitato
  dice e ride,
  attraverso tutto il mondo.
  È stato un piacere per me!

La natura di Dio é dare. Mi fornisce tutto ciò di cui ho bisogno dalla sua abbondanza. Lui è il mio fornitore. Lui conosce i miei bisogni. Dio dà e dà senza aspettative, incondizionatamente.

“Perché lui lascia che il suo sole sorga sul male e sul bene e piova sui giusti e gli ingiusti” Matteo 5.45

Garantisce che possiamo vivere tutti. Dio dà volontariamente perché è buono. È l’amore di persona. È misericordioso, paziente e gentile.

Gesù venne sulla terra e rivelò la generosità del Padre.

“Io peró sono venuto per dare loro la vita in pieno” Giovanni 10:10

Trascorse il suo tempo con i peccatori e le persone ai margini della società ed era pronto a perdonare i loro peccati. Era un incoraggiatore e aveva sempre parole buone per le persone parlando del Regno di Dio. Si è preso cura della gente, ha trasformato l’acqua in vino, ha saturato 5000 persone con 5 pani e 2 pesci e ha guarito le persone dalle loro malattie e disturbi. Alla fine era pronto a dare la sua vita per noi in modo che potessimo avere la vita eterna con il padre.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico figlio in modo tale che chiunque crede in lui non sia perso, ma abbia la vita eterna” Giovanni 3:16

Quando penso a ciò che Dio ha già fatto per me, a tutto ciò che ha fatto e lavorato nella mia vita, il mio cuore è pieno di gratitudine e gioia,

“Loda il signore, anima mia, e non dimenticare il bene che ti ha dato” Salmo 103: 2

e voglio imparare da Dio ad essere generoso me stessa:

  • a essere generosa con il mio tempo: regalare tempo ai miei amici
  • Essere generosa nelle mie parole: incoraggiare gli altri
  • Essere generosa in questioni materiali: dare a qualcuno un regalo , aiutare quando qualcuno ha un bisogno finanziario di donare parte dei miei soldi.
  • essere generosa per gioia e gratitudine

“Quindi tutti dovrebbero decidere da soli quanto vogliono dare, volontariamente e non per senso del dovere. Perché Dio ama chi dà felicemente” 2 Corinzi 9: 7

Fede – una relazione che può essere vissuta

Lesedauer 3 Minuten

Per me, la fede non ha nulla a che fare con l’obbedienza alle regole, la coltivazione di tradizioni e doveri religiosi, piuttosto è una relazione con Dio. Non ho a che fare con un dio che mi guarda da lontano dal cielo o il quale frequento una volta alla settimana in chiesa. L’ho vissuto come un Dio vivo nel mio cuore. Lui è con me ogni giorno, in ogni situazione. Un Dio che mi ama incondizionatamente, che mi ha guarito e mi ha liberato da ogni colpa. È la mia fonte di forza, con la quale posso fare rifornimento, l’acqua viva che spegne la mia sete e il mio desiderio più profondo, il pane che mi nutre.

Ogni relazione ha bisogno di cure e nutrimento per sopravvivere. Non è diverso nel rapporto con Dio. Ogni giorno voglio prendere una nuova decisione per vivere la relazione e crescere in essa. Più cresco nel mio rapporto con lui, meglio conosco me stessa, perché Dio è il mio creatore. Più approfondisco il suo amore e mi permetto di essere adempiuto da lei, più cresco nelle mie relazioni con i miei simili e riesco a incontrarli con questo amore. Vorrei condividere con voi alcuni punti che mi aiutano a coltivare e rafforzare la mia fede.


Tempo tranquillo con Dio:

Prendo una certa quantità di tempo al giorno in cui posso essere indisturbata e leggere la Bibbia e pregare. Dio mi parla attraverso la sua parola e riempie i miei pensieri di amore e verità.

“Proprio come la pioggia e la neve cadono dal cielo e non ritornano lì, ma idratano la terra e la rendono fertile e lascia che cresca seminando e mangiando pane, così la parola che viene dalla mia bocca dovrebbe inoltre: non tornerà vuoto a me, ma farà ciò che mi piace e riuscirà a ciò a cui lo invio. Perché dovresti uscire con gioia ed essere guidato in pace ”. Isaia 55.10

la preghiera:

Parlo con Dio ogni giorno. Lo lodo, lo ringrazio per tutto ciò che fa per me, posso affidargli tutto: i miei desideri, la mia gioia e anche le mie preoccupazioni e paure. Prego con le mie stesse parole, proprio come sono nel mio cuore. Non ho bisogno di una lingua speciale. Se non ho le parole, prego per esempio i salmi o il padrenostro, la preghiera che il Signore ci ha insegnato.

E questa è la fiducia che abbiamo in Dio: se chiediamo qualcosa secondo la sua volontà, ci ascolta. Filippesi 4: 6-7

lode:

La lode è un ottimo modo per venire alla presenza di Dio. La lode non è solo musica. La lode è comunicazione con Dio. Lodo Dio per quello che è e per quello che ha fatto per noi umani. Quindi distolgo lo sguardo dalle preoccupazioni e dalla vita di tutti i giorni e guardo la gloria e la grandezza di Dio.

Le mie labbra e la mia anima, che hai redento, dovrebbero essere felici e cantarti lodi. Salmo 63, 4-5

communitá cristiana

La communitá è importante per me ricevere insegnamenti, ma soprattutto a causa dello stare insieme e dello scambio con i miei fratelli e sorelle.


Perché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono tra questi. Matt. 18.20

gratitudine:

Essere grati in ogni situazione, anche vedere il buono in situazioni difficili, mi aiuta a mantenere la pace. C’è sempre qualcosa per cui posso essere grata, anche se ciò che potrei desiderare non sempre accade. Ciò che mi aiuta è un diario di preghiera in cui scrivo le risposte alla preghiera e le esperienze con Dio. Quindi ricordo ancora molte cose dopo che altrimenti avrei dimenticato.

“Loda il Signore, anima mia, e ciò che è in me, il suo santo nome! Lodate il Signore, anima mia, e non dimenticate ciò che vi ha fatto del bene ”Salmo 103, 1-2


Servire, fare del bene:

Se posso aiutare qualcuno con i miei soldi o il tempo che investo, mi rende sempre più felice. Se posso essere coinvolto nella comunità in ciò che mi diverte, per esempio. al servizio dei bambini, mi avvantaggio e continuo a imparare.

Dare è più felice che prendere. ”(Atti 20:35)

Un’altra cosa che mi piace fare è fare una passeggiata con Dio, mi godo la natura meravigliosa, mi riposo e parlo solo con Dio.
Cosa ti aiuta a nutrire la tua fede? Gradirei commenti con le tue esperienze!
Dio ti benedica!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: