In cerca di riconoscimento

Lesedauer 3 Minuten

La necessità di riconoscimento è uno dei bisogni umani fondamentali. Tutti vogliono essere visti, “riconosciuti” così come sono. La ricerca del riconoscimento è la ricerca di apprezzamento, rispetto, e amore. Riconoscimento coinvolge “conoscere o riconoscere”.

Chi può soddisfare questo desiderio in noi?

Se cerchiamo il riconoscimento dalle persone, accadrà sempre che saremo delusi. Questo riconoscimento è spesso collegato a determinate condizioni.

Sarò preso in considerazione se:

    Mi comporto in un certo modo
    Faccio quello che ci si aspetta da me
    se mi adeguo
    più faccio
    più possiedo

La società di oggi funziona secondo il principio della prestazione. Le persone sono valutate in base alla loro prestazione e questo giá inizia all’asilo e a scuola. Ecco perché i bambini si stanno già chiedendo: cosa devo fare per essere visto?

Spesso dobbiamo, indossare maschere e non possiamo essere ciò che siamo realmente. L’intero sistema porta al pensiero prestazionale, a fare sempre di più per ottenere il riconoscimento. Ci confrontiamo con gli altri.

L’impegno per essere visti può anche portarci al perfezionismo. Quindi siamo guidati, vogliamo rendere tutto perfetto, vogliamo sempre essere migliori e non vogliamo più fare errori.

È così che rendiamo la nostra immagine di noi stessi, la nostra autostima dipendente dalle opinioni e dalle valutazioni delle persone. Diventiamo una palla da gioco, siamo manipolabili e facilmente vulnerabili.

Conosco molto bene il pensiero prestazionale e il perfezionismo. Per molti anni nella mia vita, ho vissuto secondo questo principio. Ho sempre voluto piacere a tutti ed è stato difficile per me dire “no”.

Nel corso del tempo sono diventata sempre più insoddisfatta, internamente vuota e intrappolata perché mi sono resa conto che non è mai abbastanza e non sarà mai abbastanza.

Quando sono arrivata alla fede e ho conosciuto Gesù, mi sono resa conto che stavo cercando sempre il riconoscimento nel posto sbagliato.
Ciò che Dio pensa di te è molto più importante di ciò che gli altri pensano di te-

Dio mi conduce alla libertà, l’amore di Dio per me è incondizionato. Sono preziosa, unica e non ho bisogno di confrontarmi con nessuno. Sono un figlio di Dio, creata a sua immagine. Dio mi ama così come sono, indipendentemente da ciò che faccio o non faccio. Dio non mi lascia mai sola, è sempre con me. Lui è lì, in ogni circostanza posso venire da lui. Mi guarda con uno sguardo amorevole, anche se faccio errori.

Dio è colui che “mi conosce” meglio perché è il mio creatore. In sua presenza posso essere quella che sono veramente. Mi vede e sa tutto di me. Mi ama con i miei errori e debolezze.



“Signore, mi vedi,
    mi conosci fino in fondo.
2 Che io sia seduto o in piedi, lo sai
    da lontano puoi vedere cosa penso.
3 Che vada o menti, mi vedi
    tutta la mia vita ti è conosciuta
4 Anche prima di iniziare a parlare
    sai cosa voglio dire
5 Mi circondi da tutti i lati
    e tieni la tua mano protettiva su di me
6 Che mi conosci così bene va oltre la mia comprensione;
    è troppo alto per me, non riesco a capirlo! Salmo 139: 1-6

“Mi hai creato con il mio cuore più intimo,
    Mi hai formato nel grembo di mia madre.
14 Signore, grazie per quello
    che mi hai reso così meraviglioso e unico!
Tutto ciò che hai creato è fantastico –
    Lo riconosco!
15 Appena ho preso la copertura in segreto,
ancora invisibile, formata ad arte nel grembo di mia madre [b],
    Non ero nascosto da te comunque.
16 Quando stavo appena iniziando
    mi hai già visto “Salmo 139: 13-16

“Quanto sono schiaccianti i tuoi pensieri per me, o Dio,
    ce ne sono così tanti!
18 Sono più numerosi della sabbia sul mare;
    se volessi contarli tutti, non finirei mai ”Salmo 139: 17-18


Con Dio, il mio bisogno di riconoscimento, apprezzamento, amore si adempie in un modo che nessuno potrebbe mai soddisfare.

Questa conoscenza di essere accettata incondizionatamente da lui, avendo tutto ciò di cui ho bisogno in lui, rafforza la mia autostima e la mia immagine di me. Con questa certezza voglio uscire nel mondo, togliermi le maschere e vivere nell’identità di figlia di Dio. Non devo più adattarmi, andare ovunque e fare tutto solo per essere riconosciuta, posso autenticamente sostenere i miei valori indipendentemente da ciò che gli altri dicono o pensano.

Non voglio più vivere per piacere alla gente, ma per piacere a Dio. In tal modo il perfezionismo e il pensiero performativo devono cedere e al posto di loro serenità e pace entrano nella mia vita.

“Io e Dio” – siamo sempre la maggioranza .

Citazione di Debora Sommer: “Sono grato di apprendere che non sono definito dalla mia prestazione ma dalla mia relazione con il Creatore”


Cos’altro puoi dire? Se Dio è per noi, chi può essere ancora contro di noi?” Romani 8.31

Buon natale

Lesedauer < 1 Minute

Cari amici e lettori

Auguro a tutti un felice Natale

Gesù è nato, il Salvatore e Redentore del mondo, per ogni persona che accetta questo dono nel suo cuore per se stesso .

Auguro a tutti noi di essere stupiti dal miracolo della nascita di Gesù e di dargli spazio nei nostri cuori, di riconoscere gli effetti del suo arrivo per il mondo e per noi personalmente. Possa Gesù trovare un posto nel nostro cuore in cui viverci e illuminarci con la sua luce

” Sono venuto nel mondo come una luce che chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre” John 12,46

Io auguro a noi tutti di essere felici per il dono del suo amore, della sua grazia, della sua pace. La gioia dovrebbe riempirci perché Dio ci ama così tanto .

“E l’angelo disse loro: Non abbiate paura! Ecco, vi proclamo una grande gioia che accadrà a tutti.” Luke 2,10

“Poiché un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato dato e il regno si basa sulla sua spalla e il suo nome è chiamato : Consigliere meraviglioso, Dio forte, padre dell’eternità, principe della pace ” Luke 2,14

Spero che la nostra fede diventerà sempre più forte e cresceremo nella conoscenza dell’amore di Dio per noi.

” Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare al figlio unigenito in modo che chiunque credesse in lui non avrebbe perso va, ma ha la vita eterna ” John 3,16

Zitat von Angelus Silesius

Angelus Siselius E sarebbe nato Cristo mille volte a Betlemme e non in te: te saresti perso per sempre.

Dio fa cose straordinarie attraverso la gente comune

Lesedauer 5 Minuten

Leggendo la storia di Natale nella Bibbia, quest’anno in particolare Maria, la madre di Gesù, mi ha commosso e ho pensato alla sua persona e al suo ruolo nel grande piano di Dio.

Cosa leggiamo di Maria nella Bibbia?

Maria era una ragazza normale di Nazareth. Era una casalinga ed era fidanzata con il falegname Josef. Era cresciuta in cattive condizioni. Aveva sogni e progetti come molte altre ragazze di quell’età. Un giorno l’angelo del Signore le apparve con un saluto e le disse che sarebbe rimasta incinta e avrebbe dato alla luce un figlio a cui avrebbe dovuto dare il nome di Gesù. Questo Gesù sarà grande e sarà chiamato il Figlio dell’Altissimo e il suo regno non perirà mai. Possiamo immaginare quanto Maria debba aver paura. Probabilmente era molto spaventata. L’angelo le disse:

“Non aver paura, perché hai trovato grazia in Dio.” Luca 1:30

Dato che Maria era ancora vergine, chiese all’angelo come potesse accadere tutto ciò. Rispose l’angelo

“Lo Spirito Santo verrà su di te e il potere dell’Altissimo ti adombrerà. Perciò il bambino che partorirai sarà santo e sarà chiamato il Figlio di Dio ”Luca 1,35

Le raccontò di Elisabeth, che era incinta nella sua vecchiaia ed era ora al sesto mese.

“Perché con Dio nulla è impossibile” Luca 1,37

Quando leggo la storia, sono particolarmente commosso dalla risposta di Maria. Lei rispose:

“Sono la serva del Signore e mi inchino alla sua volontà. Possa tutto ciò che hai detto diventare realtà e succedere a me. ”Luca 1:38

Maria fu scelta da Dio, sebbene non avesse nulla di speciale da mostrare, agli occhi della società in quel momento sembrava certamente inadatta a svolgere un compito importante per Dio. Era giovane, povera e una donna.

Quali sono le caratteristiche di Maria che hanno portato Dio ad attuare il suo piano attraverso di lei?

    Maria era una credente, conosceva e viveva le scritture dell’Antico Testamento e conosceva le predizioni dei profeti sulla nascita di Gesù.

“Perciò il Signore stesso ti darà un segno: ecco, una vergine è incinta e darà alla luce un figlio, che chiamerà Emmanuele. “Isaia 7.14

Quando Gesù nacque nella stalla di Betlemme e i pastori vennero da Maria e Giuseppe e dissero che avevano ricevuto il messaggio dall’angelo che questo bambino era il promesso Salvatore e Messia, Maria non aveva dubbi.

“Ma Maria ha tenuto tutte queste cose nel suo cuore e spesso ci ha pensato” Luca 2:19

    Maria si fidava di Dio
    Maria era disposta a rendersi disponibile a Dio
    Maria aveva amore per Dio
    Maria era obbediente
    Maria aveva un sì al piano di Dio per la sua vita
    Maria era una serva di Dio
    Maria era piena di sacrificio e devozione
    Maria era leale
    Maria aveva paura di Dio
    Maria era umile

Maria si rese conto che Dio avrebbe fatto grandi cose per tutta la vita, eppure non era orgogliosa o arrogante. Maria sapeva che questa storia non riguardava lei, ma qualcosa di molto più grande. Non si considerava speciale, non aveva una speciale posizione onoraria, era consapevole che anche lei era una persona che aveva bisogno di un Salvatore. Maria stessa dà ogni onore, adorazione, ammirazione, lode, adorazione al suo Dio. Questo è espresso nel suo canto di lode a Dio:

“La mia anima elogia la grandezza del Signore / e il mio spirito si rallegra di Dio mio Salvatore. / Perché guardava la padrona della sua domestica. / Ecco, d’ora in poi tutti i sessi mi loderanno benedetti. / Perché il potente mi ha fatto grandi cose e il suo nome è sacro. / Ha compassione di genere in genere per tutti coloro che lo temono. / Esegue potenti azioni con il braccio: / disperde che sono arroganti nel cuore; / rovescia il potente e accresce il basso. / Fa regali agli affamati e lascia i ricchi a mani vuote. / Si prende cura del suo servitore Israele e pensa alla sua misericordia / / che ha promesso per sempre ai nostri padri, Abramo e i suoi discendenti. “Luca 1, 46-55

Posso imparare da Maria che Dio vuole usare ognuno di noi e ha un compito speciale per tutti. Maria era una persona come noi, sentì il discorso di Dio e agì di conseguenza. La tua volontà era importante per far diventare realtà la chiamata di Dio per la tua vita. Oltre a lei, Dio ha chiamato molte persone comuni per realizzare cose straordinarie. Maria era importante, ma tutti sono importanti per Dio.

“Mentre stava ancora parlando, una donna in mezzo alla folla chiamò:” Felice è tua madre che ti ha dato alla luce e nutrito il tuo seno! “Ma lei rispose:” Sì, ma felici sono tutti quelli che sentono la parola di dio e ci credono”

“Quando stava ancora parlando con la gente, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori, volendo parlare con lui. Allora uno gli disse: Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e vogliono parlarti. Ma lui rispose e gli disse chi gli disse: chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? E stese la mano sui discepoli e disse: Ecco, questa è mia madre e questi sono i miei fratelli! Chiunque compie la volontà di mio Padre celeste è mio fratello, mia sorella e mia madre.” Matteo 12.46-50

Ciò che possiamo ancora imparare da Maria è la preghiera. Nella storia del matrimonio a Canaa. Quando il vino finì, Maria si rivolse a Gesù perché sapeva che poteva aiutare.

“Gesù le rispose: Donna, questa è la MIA cosa, non la tua. La mia ora non è ancora arrivata ”Giovanni 2: 4

Maria stessa non poteva fare miracoli, erano affari di Dio, ma Maria si aspettava il miracolo da Gesù:

“Parla con i servi: fa quello che ti dice” Giovanni 2: 5

Per me, Maria è un modello nella sua fede, nella sua umiltà, nella sua devozione, nella sua lealtà, nel suo sacrificio, nella sua fiducia, nella sua obbedienza, nel suo amore, nella sua volontà, nella sua umiltà, nel suo timore di Dio e nel suo sì a Dio. Niente di più e niente di meno. Mi mostra che solo Dio merita ogni culto e onore per quello che può fare in noi umani. Questo è il motivo per cui non la adoro e per me non è un intermediario o un sostenitore di Dio. Il mio mediatore e avvocato con il Padre è solo Gesù.

“Perché c’è un Dio e un intermediario tra Dio e l’uomo, vale a dire l’uomo Cristo Gesù” 1 Timoteo 2: 5

Oggi possiamo chiederci:

    Siamo pronti ad ascoltare il discorso di Dio, darci a Lui, abbiamo un sì al SUO piano nella nostra vita?
    Crediamo anche che Dio possa fare grandi cose nella nostra vita?
    Siamo pronti a renderci disponibili a Dio e ad essere obbedienti?
    Crediamo e confidiamo anche nei miracoli di Dio?
    Il nostro cuore è aperto anche all’amore di Dio?
    Siamo anche umili per fare sacrifici per Dio?
    Siamo disposti a servire fedelmente?
    Siamo pronti a sottometterci a Dio, adorarlo e lodarlo per quello che è e fa?

Dio vuole usare te e me per rendere visibile la sua gloria nel mondo.

Infine, un testo di Peter Reid:

Ogni volta che dico “Gesù, non posso farlo”, Gesù dice: “Lo so, ma io posso”. Ogni volta che dico “Gesù, non sono capace”, dice: “E allora? Io sono capace. “E ogni volta che dici:” Gesù, non sono io “, allora Gesù dice:” Non preoccuparti! Io sono “. Non dipende da te. Dipende tutto da Gesù! E la prossima volta che pensi di avere una scusa per cui Dio non può usarti, pensa alle seguenti persone che sto elencando ora: Noah si è ubriacato. Abramo era troppo vecchio. Isaac era un sognatore ad occhi aperti. Jakob era un bugiardo. Lea era brutta. Josef fu maltrattato. Mosè era un assassino – come David e Paul. Deborah era una donna giudice. Gideon era spaventato. Sansone aveva anche i capelli lunghi. Rahab era una prostituta. David era troppo giovane – a proposito, come Geremia e Timoteo. David fece finta di essere pazzo – ebbe una relazione e fuggì da suo figlio, Elia era un candidato suicida. Geremia era depresso. Isaia predicò nudo. Giona fuggì da Dio e Naomi era vedova. Giobbe perse tutto, Giovanni Battista mangiò le cavallette. Peter era arrabbiato. Johannes era giusto. I discepoli dormivano mentre pregavano. Matthew era un ladro. Simeon era fanatico. Martha si è presa cura di tutto. Maria era pigra, Maria Magdalena era ossessionata dai demoni. Il ragazzo con il pesce e il pane era sconosciuto – fino ad oggi. Il samaritano dormiva con diversi uomini. Zaccheo era troppo piccolo. Paul era solo. Markus si arrese. Timoteo aveva un’ulcera e Lazzaro era morto. Qual è la tua scusa? Per favore, dammi un’altra ragione per cui Dio non può usarti? Dio ti vuole e può usarti! Certamente non perché sei così grande. Ma perché ti ha dato una nuova vita: E questo è Cristo in te. E dalla sua forza puoi imparare a vivere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: