Trattare con persone difficili

Lesedauer 4 Minuten

Incontriamo un’ampia varietà di persone nel nostro viaggio nella la vita. Ognuno è unico, ognuno ha le proprie peculiarità, i propri valori, le proprie esperienze di vita, i propri comportamenti. A volte è facile per noi costruire una relazione, il sentimento è giusto fin dall’inizio, proviamo simpatia e connessione con l’altro. Ci capiamo quando abbiamo interessi simili, abbiamo sperimentato cose simili, quando troviamo caratteristiche di noi stessi nell’altro. Spesso sono anche gli opposti che ci attraggono, riconosciamo qualità positive nelle persone che non abbiamo, e viceversa in noi, in modo da completarci perfettamente nella relazione.

Tuttavia, ci sono anche incontri con persone che ci sembrano difficili, dove spesso non sappiamo esattamente come affrontarle. Queste possono essere persone che ci feriscono, persone che si lamentano e piagnucolano tutto il tempo, persone a cui piace bestemmiare o colpire gli altri, che rendono gli altri piccoli, possono diventare irascibili o arrabbiati, persone che rubano la nostra energia, ecc. Queste persone hanno dei comportamenti che ci causano problemi e che troviamo difficile da affrontare.

Come affrontare senza lasciarci condurre ad azioni negative, senza esserne influenzati, senza renderci vulnerabili e aperti agli attacchi?

Il metodo e la strategia migliore e più efficace che abbiamo come figli di Dio è l’amore di Dio dentro di noi. La Parola di Dio ci sfida a incontrare ogni essere umano, amico o nemico, con questo amore.

“Accettatevi gli uni gli altri come Cristo vi ha accolti” Romani 15: 7

“Hai sentito che la Legge di Mosè dice:” Ama il tuo prossimo “[14] e odi il tuo nemico. 44 Ma io dico: Amate i vostri nemici [15] Pregate per coloro che vi perseguitano. 45 Quindi agite come veri figli del vostro Padre celeste. Perché fa sorgere il sole nel bene e nel male e fa piovere per i giusti come per gli ingiusti. 46 Se ami solo chi ti ama, cosa ha di speciale? Anche gli esattori delle tasse corrotti lo fanno. 47 Se sei gentile solo con i tuoi amici, come ti distingui dalle altre persone? Anche quelli che non conoscono Dio lo fanno. 48 Ma tu sarai perfetto, proprio come è perfetto il tuo Padre celeste ”. Matteo 5: 43-46


Possiamo provare e imparare a vedere tutti con gli occhi di Dio, senza giudicare. Dobbiamo essere consapevoli che tutti sono creature di Dio e che Dio ama tutti. Dio fa sempre una distinzione tra l’uomo stesso e il suo comportamento. Dio odia il peccato, ma ama il peccatore.

“Ma Dio dimostra il suo grande amore per noi proprio per il fatto che Cristo è morto per noi quando eravamo ancora peccatori” Romani 5: 8

Se incontriamo persone difficili in modo amichevole e amorevole, con un sorriso, possiamo irradiare l’amore di Dio dentro di noi e far riflettere l’altro sul suo comportamento.

Vedere le altre persone attraverso gli occhi di Dio significa interessarsi di loro, mettere in discussione le origini del suo comportamento. Perché l’uomo ha reagito in un modo o nell’altro, perché si è comportato così? Dovremmo cercare di metterci nei panni dell’altra persona e capirla prima di giudicare. L’altro potrebbe aver avuto lui stesso esperienze negative, potrebbe essere stato trattato male o semplicemente avere una brutta giornata, ecc. Niente giustifica il fatto che sminuisca o insulti altre persone per questo, ma conoscere le motivazioni ci aiuta a non prendere il comportamento dell’altra persona personalmente. Spesso il comportamento dell’altro non ha nulla a che fare con noi.

Le persone ferite feriscono le persone

Quello che possiamo ancora fare quando incontriamo persone difficili ai nostri occhi è chiederci cosa possiamo imparare da loro e cosa la rispettiva situazione vuole mostrarci. È anche possibile che l’altra persona rispecchi un comportamento che non mi piace di me stesso e che dovrei cambiare.

“Come uno macina il ferro attraverso il ferro, così un uomo macina il carattere di un altro” Proverbi 27:17


Noi stessi abbiamo difetti e debolezze che possono essere difficili per gli altri.

“Perché vedi ogni piccola scheggia negli occhi del tuo prossimo, ma non noti la sbarra nei tuoi occhi? 4 Come puoi dirgli: ‘Vieni qui! Voglio toglierti la scheggia dall’occhio! ”E anche tu hai una trave nell’occhio! 5 Ipocrita! Prima rimuovi la sbarra dall’occhio, poi puoi vedere chiaramente per estrarre anche la scheggia dall’occhio del tuo prossimo. “Matteo 7: 3-5

Possiamo imparare da Gesù ad amare le persone e ad accettarle così come sono. Non dovremmo classificare le persone o dividerle in diverse categorie in base al loro comportamento. Perché se diciamo fin dall’inizio che questa persona è in questo modo e in quello, abbiamo un’opinione su una persona di cui è difficile liberarsi. Formiamo un’immagine da cui difficilmente possiamo liberarci, anche se la persona si sforza. Ecco perché è così importante lasciar andare i comportamenti inappropriati, perdonare e non essere risentiti, non sempre guardare gli errori dell’altro, ma guardare i suoi tratti positivi che scoprono tesori nell’altro.

“L’amore è sempre pronto a credere il meglio di tutti”. 1 Corinzi 13: 5

“Miei amici! Amiamoci gli uni gli altri perché l’amore viene da Dio. Chi ama è un figlio di Dio e conosce Dio ”. 1. Giovanni 4: 7


Non dovremmo mai ripagare il male per il male, ma piuttosto

pregate per l’altro “Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano!” Matteo 5:44
perdonati “Piuttosto, siate gentili e misericordiosi e perdonatevi a vicenda, proprio come Dio vi ha perdonato tramite Gesù Cristo. Efesini 4.32
Non dare credito alla colpa “Soprattutto, non smettere di amarti l’un l’altro. Perché “l’amore trascura gli errori” 1 Pietro 4: 8
non parlare male dell’altra persona, fallo male con gli altri “Chi fa pettegolezzi sugli altri, condivide segreti; ma coloro che sono affidabili tengono un segreto per se stessi “Proverbi 11:13” Non parlate male gli uni degli altri, ma abbiate una buona parola per tutti coloro che ne hanno bisogno. Quello che dici dovrebbe essere utile e incoraggiante, un beneficio per tutti Efesini 4:29
aiuto “ma voi che mi ascoltate veramente dico: amate i vostri nemici e fate del bene a quelli che vi odiano” Luca 6:27
Non gioire “Non gioire per la sfortuna del tuo nemico; non gioire per la sua caduta! ”Proverbi 24:17
Tratta sempre le persone come vorresti che trattassero te” Matteo 7:12


Attuare tutti questi propositi e trattare con le persone come descritto in questi versetti è impossibile per la propria forza e forza di volontà. Per poter agire in questo modo, dobbiamo essere pieni della potenza di Dio e vivere del suo amore. La nostra natura è debole, ma lo Spirito di Dio dentro di noi rende possibile l’impossibile se solo confidiamo e crediamo.

Togliere le maschere

Lesedauer 3 Minuten

Come stai nella situazione attuale con un obbligo maschera. Mi capita spesso, quando vado al negozio per fare shopping, che a prima vista non riconosco le persone sotto la maschera. Devo sempre guardare due volte. Incontrare le persone con le maschere è diverso, sembra più distante, non riconosco le espressioni. Le maschere servono come protezione, ma sono come una barriera tra le persone.

Oggi, tuttavia, vorrei parlare di quelle maschere che indossiamo anche al di fuori dei tempi delle maschere obbligatorie. Conosciamo tutti situazioni in cui indossavamo una maschera invisibile. Situazioni in cui non mostriamo ciò che siamo realmente, fingiamo e non siamo autentici. Ma perché vogliamo nasconderci dietro le maschere?

  • vogliamo proteggerci
  • abbiamo paura di mostrare la nostra faccia vera
  • pensiamo a ciò che gli altri pensano o dicono di noi
  • cerchiamo il riconoscimento dalle persone
  • vogliamo solo mostrare il nostro lato migliore
  • abbiamo paura di essere feriti se mostriamo i nostri errori e debolezze
  • temiamo il giudizio di altre persone


Di conseguenza, ci piace assumere ruoli che non siamo. Facciamo finta e ci nascondiamo sotto una maschera che mostra l’immagine di noi che vogliamo mostrare.

Ma non stiamo davvero bene, tutti desideriamo poter essere esattamente come siamo. Ci sentiamo a nostro agio in un ambiente e con le persone dove siamo accettati e amati, con tutti i nostri errori, inadeguatezze e debolezze, nella nostra imperfezione.

Dove e con chi possiamo togliere le nostre maschere?

Ho sperimentato un amore così incondizionato principalmente con Dio. Non devo fingere di fronte a lui, mi conosce meglio di quanto io conosca me stesso. Conosce il mio cuore.

“Signore, hai messo alla prova il mio cuore e sai tutto di me” Salmo 139: 1

Conosce tutti i miei pensieri.

“Quando mi siedo o quando mi alzo, lo sai. Conosci tutti i miei pensieri ”Salmo 139.2

Conosce tutte le mie intenzioni e azioni.

“Quando vado o quando mi riposo, lo vedi e hai familiarità con tutto ciò che faccio” Salmo 139.3

Lui conosce le mie parole.

“E tu, Signore, sappi cosa voglio dire prima di dirlo” Salmo 139: 4


Non posso nascondermi da Dio perché è ovunque.

“Dove dovrei fuggire dalla tua mente e dove posso sfuggire alla tua presenza? Se volo in cielo, ci sei; se scendessi nel regno dei morti [1], ci sei anche tu Se prendessi le ali dell’alba o vivessi nel mare più esterno, anche la tua mano mi condurrebbe lì e il tuo braccio forte mi stringerebbe. Se avessi chiesto all’oscurità di nascondermi e la luce intorno a me diventasse notte, non avrei potuto nasconderti comunque; poiché la notte brilla come il giorno e l’oscurità come la luce “Salmo 139,7-12


Dio mi ama così come sono. Il suo amore è incondizionato. Ha dei buoni pensieri su di me.

“Quanto sono preziosi i tuoi pensieri su di me [3], Dio! C’è un numero infinito. Se volessi contarli, sono più numerosi della sabbia! ”Salmo 139: 17-18


Più sono consapevole del suo amore e riconosco chi sono negli occhi di Dio, più posso accettare me stessa come sono e anche essere autentica con il mondo esterno.
Più so come Dio pensa di me, meno importante ottengo ciò che gli altri pensano di me. La paura di Dio sconfigge la paura dell’uomo.
Più mi rendo conto che Dio è potente nella mia debolezza, più è facile per me mostrare le mie debolezze ed essere meno vulnerabile.
Più so che sono consapevole di essere una figlia di dio e di appartenere a lui, meno devo appartenere ovunque.
Più maschere mi tolgo, più posso diventare quella che sono, proprio come Dio mi ha creata.
“Hai creato tutto in me e mi hai plasmato nel grembo di mia madre. Grazie per avermi reso così meraviglioso ed eccellente! I tuoi lavori sono meravigliosi, lo so. Hai visto come sono stato fatto in segreto, come sono stato formato nell’oscurità dell’utero [2]. Mi hai visto prima che io nascessi. Ogni giorno della mia vita è stato scritto nel tuo libro. Ogni momento era certo prima dell’inizio del primo giorno ”Salmo 139: 13-16

Voglio continuare a crescere vedendomi con gli occhi di Dio. Sono un’amata figlia di Dio, unica e preziosa e voglio vivere sempre di più in questa mia identità. Perché vivere senza maschere porta libertà, trasforma la distanza in prossimità, è reale e onesto.

E oltre a Dio, ci saranno sicuramente persone che apprezzano questa apertura e onestà e che mi capiscono e mi amano, non perché indosso una maschera, ma proprio perché l’ho tolta.

E allo stesso modo voglio incontrare gli altri e creare spazio per incontri reali, dove le maschere possono cadere e l’altro può essere come è, sentirsi apprezzato e accettato. In modo che il vero sé possa apparire sotto la maschera.

Una persona vede ciò che è davanti ai loro occhi; ma Dio guarda il cuore. 1 Samuele 16.7

Parole hanno potere

Lesedauer 4 Minuten

“Prima di parlare, lascia che le tue parole passino attraverso 3 porte: sono vere? Sono necessari? Sei amichevole? ”

Ciò che diciamo ha un grande impatto. Le nostre parole e le parole che ascoltiamo dagli altri influenzano la nostra vita.

Le parole possono:

costruire o posare
incoraggiare o spaventare
guarire o ferire
benedire o maledire
Sottovalutiamo spesso l’impatto e il potere delle nostre parole. Ecco perché è così importante prestare attenzione a ciò che diciamo di noi stessi, di ciò che diciamo agli altri o di loro e di ciò che diciamo delle nostre circostanze.

In Proverbi 18 versetto 21 leggiamo: “Le parole hanno potere: puoi scegliere tra vita e morte

Tutti abbiamo bisogno di parole di incoraggiamento, accettazione, conferma, riconoscimento. Tali parole ci fanno crescere e aumentare la nostra autostima. Le parole negative e critiche fanno il contrario, la nostra autostima diminuisce. Se nella scuola materna e in età scolare veniamo confrontati in maggior parte con i nostri difetti, non ci possiamo sviluppare in base al nostro potenziale. Le parole negative ci bloccano. Il nostro sistema sociale è in gran parte programmato sugli aspetti negativi e difettosi. Anche in situazioni di conflitto, è facile per noi dare giudizi rapidi, fare accuse e insultare le nostre controparti.
Quando ho letto il racconto della creazione in Genesi 1: 1-25 la scorsa settimana, il potere delle parole, specialmente la parola di Dio, ha attirato la mia attenzione. Qui cè scritto che l’intera creazione (cosmo, terra, piante, animali e persone) è stata creata dalla Parola di Dio. Ho letto un totale di 6 volte:

Dio ha parlato
Ed è successo
E Dio vide che era buono

Dio parla e succede e ciò che Dio crea è buono.

“Ciò che Dio dice è vero e affidabile” Proverbi 3.5


“Dio le ha promesso e ciò che Dio dice accadrà!” Luca 1:37


Solo una parola dalla bocca di Dio può fare grandi cose.


“All’inizio era la Parola. La Parola era con Dio e la Parola era Dio. Era con Dio all’inizio. Ha creato tutto ciò che è. Non c’è nulla che la Parola non abbia creato. La vita stessa era in lui e questa vita dà luce a tutte le persone ”Giovanni 1: 1-


La Parola di Dio è la verità e quando la diciamo sulla nostra vita, sui nostri simili e sulle nostre circostanze, ha il potere di , incoraggiarci, guarirci e benedirci.

Signore, non sono degno che tu vada sotto il mio tetto, ma pronunci una sola parola, così la mia anima sarà guarita (Matteo 8: 8)


Da quando siamo stati creati a immagine di Dio, anche le nostre parole hanno forza. Quindi diciamo parole positive, incoraggianti e vere.


Lascia che ci incoraggiamo!
Usiamo le parole che danno vita!
Diamo reciprocamente valore e dignità!
Incontriamoci nell’amore e nella misericordia!
Diamo complimenti più spesso!
In situazioni di conflitto prestiamo attenzione alla nostra scelta di parole, facciamo la differenza nel modo in cui diciamo qualcosa!
Invece di voler cambiare gli altri, iniziamo da noi stessi incoraggiando invece di criticare!

Cosa dice la Bibbia sulle parole:



Giacomo 1, 19
Ricordate, cari fratelli e sorelle: siate sempre pronti ad ascoltare qualcuno subito; ma pensa attentamente prima di parlare da solo.

1 Corinzi 1, 10
Parla in modo che le tue parole non ti turbino e non lasciare che sorgano divisioni tra di te.

Matteo 6, 7-8
Quando preghi, non dovresti mettere insieme parole vuote come i pagani, “che non conoscono Dio”. Pensano che saranno ascoltati se dicono molte parole. Non farlo come lei, perché tuo padre sa di cosa hai bisogno, anche prima che tu glielo chieda.

Efesini 4:29
Nessuna parolaccia può venire dalle tue labbra. Piuttosto, ciò che dici dovrebbe essere buono, ragionevole e utile; allora le tue parole faranno del bene a coloro a cui sono indirizzate.

Efesini 5, 3
Non dovresti nemmeno impegnarti a parole con l’immoralità sessuale e la spudoratezza di qualsiasi tipo, ma anche con l’avidità, perché non è appropriato che i santi di Dio affrontino tali cose.

Colossesi 4, 6
Le tue parole dovrebbero essere sempre gentili e aromatizzate con il sale della “saggezza”. Quindi capirai anche come dare una risposta adeguata a tutti quelli che ti stanno parlando.

Giacomo 3, 2-12
[…] Spesso siamo indebitati spesso e per molti aspetti, ma soprattutto con ciò che diciamo. […] Se mettiamo la briglia nella bocca di un cavallo, rendiamo l’intero animale conforme e possiamo guidarlo come lo vogliamo. O pensa a una nave: grande quanto è e forte come i venti a cui è esposta, è tenuta sulla rotta da un minuscolo remo che il timoniere determina. È lo stesso con la lingua: è solo un piccolo organo del nostro corpo e può comunque vantarsi di compiere grandi cose … […] nessuno può controllare la lingua. È una costante fonte di problemi, una birichina, piena di veleno mortale. Con lei lodiamo colui che è nostro Signore e Padre, e con lei malediamo le persone che sono create a immagine di Dio. Benedizioni e maledizione provengono dalla stessa bocca. Quello, fratelli miei, non deve essere! […]

Proverbi 11, 12-13
Chi parla con disprezzo degli altri non ha idea; I capaci stanno zitti. Una persona che porta avanti qualsiasi voce parla anche di segreti; una persona affidabile li tratta in modo confidenziale.

Proverbi 12, 18
Le parole di alcune persone sono come bastoncini di coltello; le parole dei saggi portano guarigione.

Proverbi 13, 3
Coloro che possono stare zitti mantengono la vita; chi lo strappa troppo porta alla rovina.

Proverbi 14, 23
Ogni lavoro porta salari; ma le chiacchiere sono solo uno svantaggio.

Proverbi 15, 1 e 26
Una risposta conciliante raffredda la rabbia, una parola offensiva la alimenta.

Il Signore detesta i piani malvagi, ma le parole gentili sono proprio davanti a lui.

Proverbi 16, 24
Le parole amichevoli sono come il miele: dolce per il palato e salutare per tutto il corpo.

Proverbi 18, 20-21
Ciò che qualcuno ottiene con le sue parole determina la sua soddisfazione. La lingua ha potere sulla vita e sulla morte. Se ti piace la lingua, puoi ottenere molto attraverso di essa.

Proverbi 20, 15
Ci sono tonnellate d’oro e pietre preziose, ma le parole perspicaci sono una rarità.

Custodisci il tuo cuore

Lesedauer 4 Minuten

Presta attenzione ai tuoi pensieri, perché diventano sentimenti.
Presta attenzione ai tuoi sentimenti perché diventano parole.
Guarda le tue parole, perché si stanno rivolgendo alle azioni.
Guarda le tue azioni, perché diventano abitudini.
Guarda le tue abitudini, perché diventano il tuo personaggio.
Guarda il tuo personaggio, perché diventa il tuo destino. (Proverbio cinese)

Il cuore è la sede del nostro più profondo essere interiore, emozioni, personalità e volontà. La Bibbia menziona più volte quanto sia importante proteggere, mantenere pulito il nostro cuore. Il nostro stato d’animo attuale si riflette nei nostri cuori, ciò che pensiamo, ciò che sentiamo, ciò che vogliamo.

“Come stai?” – “Come ti senti?” Sono domande che spesso ascoltiamo, ma per lo più superficialmente rispondiamo con “Bene grazie!” Ma come stiamo davvero? Siamo tristi, arrabbiati, ansiosi, arrabbiati, offesi, felici, stanchi, eccitati, rilassati, calmi, ecc. O siamo attualmente nel caos delle emozioni, cambiando le emozioni?

Con quali pensieri abbiamo a che fare? Cosa pensiamo di noi stessi, dei nostri simili, delle nostre situazioni e circostanze?

Ciò che pensiamo e sentiamo è coerente con la verità? Possiamo sempre fidarci dei nostri pensieri e sentimenti?

Dio ci ha creati con sentimenti e hanno anche compiti importanti. I sentimenti ci rendono vivi, creano vicinanza ai nostri simili umani empatizzando con loro, possono motivarci e ispirarci e farci sentire la vita. Oltre ai sentimenti positivi, ci sono anche sentimenti negativi che possono drenare e deprimerci. Può succedere che ci sentiamo depressi e deboli e spesso non sappiamo davvero perché. È quindi importante prestare attenzione ai nostri pensieri e sentimenti, poiché questi influenzano la nostra vita. I sentimenti negativi derivano da pensieri negativi o sbagliati che abbiamo precedentemente lasciato entrare nei nostri cuori. Pertanto non aiuta a sopprimerli, è meglio accettare questi sentimenti e osservare quali fonti hanno.

La scorsa settimana ho scritto di come diventiamo una nuova persona attraverso Cristo, acquisiamo una nuova identità. Se accettiamo il Suo amore, diventiamo figli di Dio e lo Spirito Santo dimora in noi. Come figli di Dio, non abbiamo più bisogno che i nostri sentimenti ci determinino, ma siamo guidati dallo Spirito Santo e viviamo per fede.

La Parola di Dio è più vera di tutti i miei sentimenti.
La Parola di Dio è più vera di tutte le mie esperienze.
La Parola di Dio è più vera di qualsiasi altra condizione di vita in cui possa entrare.
La Parola di Dio è più vera di qualsiasi altra cosa al mondo.

Perché i nostri sentimenti possono ingannarci. Sono volatili, mutevoli, vanno e vengono. I nostri sentimenti spesso non sono veri. I sentimenti non sono una buona guida. Dipendono da molti fattori e circostanze esterne. Il tempo, la cattiva alimentazione, il sonno insufficiente, il comportamento di altre persone possono influenzare il nostro stato emotivo. Quindi dobbiamo scegliere di fare la cosa giusta, non importa come ci sentiamo.

Anche Gesù provava dei sentimenti. Era arrabbiato quando i mercanti si radunarono nel tempio e trasformarono la sua casa di preghiera in una grotta per rapinatori. Era arrabbiato quando parlava con i farisei e gli scribi che vivevano nella legge. Era triste quando il suo amico Lazzaro morì e deluso dall’incredulità dei suoi successori. Quando il suo pioniere Giovanni Battista fu decapitato, colpì Gesù nel cuore. Nel giardino del Getsemani, poco prima della sua crocifissione, Gesù ebbe paura e si rattristò a morte. Possiamo solo immaginare come si deve aver sentito Gesù quando fu calunniato da Pietro e tradito da Giuda. In tutto ciò, aveva sempre guardato il suo Padre celeste e goduto della comunione con Dio. La mattina presto saliva da solo la montagna per pregare. Quando lo Spirito Santo riempì Gesù, fu gioioso. Esultò nello spirito. Ha trovato gioia alla presenza di Dio. Gli piaceva servire le persone e compiere la sua missione.

Se Gesù avesse sempre fatto affidamento sul suo sentimento, non sarebbe stato in grado di eseguire il piano di Dio, ma poiché era guidato dallo Spirito di Dio e guardava la volontà del Padre, poteva prendere le giuste decisioni.

“Padre, se vuoi, prendi questo calice da me; ma non mio, ma la tua volontà sarà fatta! ”Luca 22:42


Ci sentiamo meglio quando i nostri pensieri concordano con la volontà di Dio, quando mettiamo alla prova i nostri pensieri contro la Parola di Dio.

“Ma se viene, lo spirito della verità, ti condurrà in tutta la verità” Giovanni 16:13

“Il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, gentilezza, fede, mansuetudine, castità”


Lo Spirito Santo dà fede e guarisce il mondo emotivo. Siamo felici delle cose che rendono felice Dio e siamo tristi per tutto ciò che rende Dio triste.

Contrariamente ai nostri sentimenti, la Parola di Dio è costante. Possiamo sempre contare su questo.

Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
“… ma la parola del Signore rimane per sempre.” Matteo 24:35

“L’erba appassisce, il fiore svanisce, ma la parola del nostro Dio rimane per sempre.” Isaia 40: 8

La verità di Dio non cambia mai. Possiamo scegliere di parlare dei pensieri di Dio sulla nostra vita, i nostri simili e le nostre circostanze e di credere e confidare nelle sue promesse più dei nostri sentimenti.

“Perché so bene quali pensieri ho di te, dice il Signore: pensieri di pace e non sofferenza per darti futuro e speranza.” Geremia 29:11


Possiamo permettere ai nostri pensieri e sentimenti, identificarli, portarli a Dio e viverli secondo la sua volontà. Dio conosce il nostro cuore e ogni pensiero.

“Esplora me, Dio, e riconosci il mio cuore, mettimi alla prova e riconosci i miei pensieri.
Mostrami se sbaglio e guidami alla vita eterna ”. Salmo 139: 23-24

“Le tue istruzioni sono mia cara, mi riempiono il cuore di gioia. Sono determinato a mantenere i tuoi ordini fino alla fine della mia vita. ”Salmo 119,111-112

“Dovreste togliervi la vita vecchia come vecchi vestiti. Non seguire le tue passioni che ti fuorviano e ti distruggono. Lasciati cambiare nel tuo modo di pensare e riallineati internamente. Attrae nuova vita mentre indossi nuovi vestiti. Ora sei diventato una nuova creatura, che Dio stesso ha creato a sua immagine. Fai sapere a tutti che ora appartieni a Dio e vivi come piace a lui ”Efesini 4: 22-24


La fede non è un sentimento, ma una decisione.


“Ma la fede è una ferma fiducia in ciò che si spera e un non dubitare in ciò che non si vede” Ebrei 11: 1


Non dobbiamo seguire i nostri sentimenti, i nostri sentimenti devono seguire la nostra fede.



Affidati al Signore con tutto il tuo cuore e non fare affidamento sulla tua comprensione, ma ricordalo in tutti i tuoi modi, ti guiderà correttamente ”. Proverbi 3: 5-6

“E la pace di Dio, che supera tutta la mente, manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri in Cristo Gesù!” Filippesi 4: 7

Una persona nuova

Lesedauer 3 Minuten

Sbarazzarsi del passato non è così facile. Ognuno di noi è modellato dal suo passato. Le esperienze che abbiamo fatto influenzano il nostro comportamento. Sviluppiamo modelli e abitudini di pensieri, sia positivi che negativi. Se il passato ci raggiunge ancora e ancora, può anche essere un enorme fardello perché ci impedisce di vivere nel presente e pensare il nostro futuro. Ma come possiamo essere liberi?

Nella Bibbia leggiamo più volte che Gesù vuole liberarci e darci nuova vita.

“Ma ciò significa che chiunque vive con Cristo diventa una persona nuova. Non è più lo stesso perché la sua vecchia vita è finita. È iniziata una nuova vita! ”2 Corinti 5:17

“Non pensare al passato e non prestare attenzione al precedente! Perché guarda, voglio crearne uno nuovo, ora cresce, non lo riconosci? Faccio un sentiero nel deserto e l’acqua scorre nel deserto. “Isaia 43: 18-19

Ma come può essere, come può Gesù farci diventare una persona nuova da un momento all’altro, cancellare il passato?

Ci ho pensato e riflettuto su come Gesù ha agito nella mia vita. Quando ho incontrato Gesù, ho creduto in lui e ho deciso di vivere con lui, sono stato liberata dall’ansia immediatamente e posso dire che la paura non influisce più sulla mia vita oggi. In altre aree della mia vita, sono in un processo di cambiamento e di apprendimento, dove gradualmente lascio andare le vecchie strutture di pensiero che non mi stanno facendo del bene e faccio rinnovare i miei pensieri da dio.

“Lasciati cambiare nel tuo pensiero e riallineati internamente. Mettiti la nuova vita come ti metti nuovi vestiti ”Efesini 4: 23–24

Il rinnovamento dei nostri pensieri non avviene dall’oggi al domani, è un processo permanente. Continuo a notare che ricado nei vecchi schemi di pensiero che ho sviluppato nel corso degli anni. Passo dopo passo insieme a Gesù, posso far crollare queste pareti di pensieri e scegliere ogni giorno i pensieri di Dio, esprimere i suoi buoni pensieri sulla mia vita.

Con la decisione per Cristo ottengo una nuova identità. Sono una figlia di Dio e il suo spirito santo vive in me. Sono spiritualmente una persona nuova, lavata e pulita davanti a Dio. La Bibbia parla di rinascita.

Gesù rispose e gli disse: In verità, in verità, io ti dico: se qualcuno non è nato di nuovo, non può vedere il Regno di Dio.” Giovanni 3: 3

Sia lode a Dio, il Padre di nostro Signore Gesù Cristo, che dopo la sua grande misericordia ci rinasce in una speranza viva attraverso la risurrezione di Gesù Cristo dai morti”

Perché tutto ciò che nasce da Dio vince il mondo; e la nostra fede è la vittoria che ha vinto il mondo ”. 1 Giovanni 5: 4

Perché non sei nato di nuovo da un transitorio, ma da un seme imperituro, vale a dire dalla Parola di Dio vivente che rimane lì. 1. Pietro 1,23

Ciò che nasce dalla carne è carne; e ciò che nasce dallo spirito è lo spirito. Giovanni 3.6

Quindi con Cristo siamo una persona nuova eppure c’è anche la nostra persona vecchia, il nostro passato e il nostro carattere, la nostra vecchia natura, che vuole influenzare i nostri pensieri.

Mi piace il versetto nella lettera agli Efesini, che dice che dovremmo vestirci con nuovi vestiti. Quando compriamo vestiti nuovi e li appendiamo nel nostro armadio, decidiamo cosa indossare ogni giorno. Possiamo scegliere: prendiamo un vestito vecchio o quello nuovo? Quanto è difficile smaltire i nostri vecchi vestiti. E quindi spetta anche a noi prendere coscienza della nostra nuova identità ogni giorno, scegliere la nuova vita che Cristo ci ha dato e lasciare andare quella vecchia. La nuova vita è un dono che possiamo accettare.

Quando scegliamo una nuova vita, Gesù ci offre una prospettiva e strategie diverse su come affrontare il nostro passato. Cambia la nostra prospettiva. Può lasciare lavore per il nostro bene tutto ciò che ci è successo nella vita, comprese le cose negative , e in revisione riconosciamo come le brutte esperienze ci hanno fatto crescere e maturare e ciò che abbiamo imparato da esse.

Sappiamo, tuttavia, che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio ”Romani 8:28

In questo modo possiamo anche riconciliarci con un passato difficile, perdonare noi stessi e gli altri e usare il presente per riempirci dei pensieri e dell’amore di Dio, guardare le sue verità e promesse e affidare il nostro futuro alle sue cure.

Nuova energia nella presenza di dio

Lesedauer 2 Minuten

Mercoledì scorso ho scritto dell’importanza degli obiettivi nella vita, tenendo d’occhio l’obiettivo e avvicinandoci. Per raggiungere il nostro obiettivo, non dobbiamo dimenticare una cosa: fermarsi e fare nuovamente rifornimento, altrimenti ci fermeremo a metà strada. Se viaggiamo in auto e vogliamo raggiungere la nostra destinazione di vacanza, ad esempio, abbiamo bisogno di un serbatoio pieno e se si accende la spia che siamo in riserva, dobbiamo riempire.
Ci sono momenti in cui sono in viaggio con il mio serbatoio di riserva. Se voglio raggiungere il mio obiettivo attraverso l’azionismo facendo il più possibile, noto come le mie batterie si scaricano, mi sento stancha e debole e non riesco ad andare oltre.
Un atleta, ad esempio, non può allenarsi costantemente, ha anche bisogno di pause e rigenerazione, riposo e una dieta sana in modo che il suo corpo possa ricostituire i nutrienti.
Stanchezza, mancanza di forza, mancanza di gioia, umore depresso sono segnali di avvertimento per me e un segno che sto correndo sul bruciatore posteriore e che ho dimenticato la cosa più importante: fare rifornimento.
Anche nella vita spirituale c’è il pericolo che vogliamo raggiungere i nostri obiettivi attraverso il maggior sforzo possibile e dimenticare che si tratta principalmente del nostro essere e della nostra relazione con Dio.
Ecco perché le nostre stazioni di servizio sono così importanti nella vita. Le nostre stazioni di servizio sono fermate che ci ricostruiscono e ci danno nuova energia.
Quali sono le tue stazioni di servizio?


Una buona conversazione
Un incontro con gli amici
abbastanza sonno
Mossa
mangiare sano
musica
natura
Dio ci ha dato un’oasi per fare rifornimento, che è lì per tutte le situazioni e per tutte le persone: nel Salmo 36 lo troviamo:


Con te è la fonte della vita e nella tua luce vediamo la luce. Salmo 36:10


Con Dio posso fare rifornimento, riposare nella sua presenza ed essere riempita.

Voglio dare gratuitamente agli assetati la fonte vivente di acqua Offenbarung 21,6

Gesù mi offre di venire da lui con la mia sete, mi dà quest’acqua gratis. Ho bisogno di quest’acqua della vita non solo in situazioni di emergenza, ma ogni giorno nelle sfide più piccole della vita di tutti i giorni, perché non sono perfetta e non faccio sempre tutto nel modo giusto. Gesù mi conosce con tutti i miei errori e debolezze. Sa tutto e in tutto ciò mi dà il suo amore incondizionato.


In Matteo 11:28, Gesù disse: Venite tutti da me che siete stanchi e che sopportate pesanti fardelli, vi darò riposo.

Giovanni 4:14 Ma chi beve dell’acqua che gli do non avrà mai più sete per sempre, ma l’acqua che gli darò diventerà in lui una fonte d’acqua che dá vita eterna


Se viviamo dalla sua forza e non facciamo affidamento esclusivamente sulla nostra forza, ci condurrà all’obiettivo.


“Ti porterà a destinazione, ti darà forza e forza e ti assicurerà di rimanere saldo e sicuro” 1 Pietro 5:10


Il tempo con Dio, nella sua presenza, leggendo la Bibbia – la sua parola, rinnova i nostri pensieri, ci dà forza, forza, calma, pace e gioia. Proprio come la batteria viene ricaricata ogni giorno per un telefono cellulare, possiamo anche ricaricare le nostre batterie, ricaricare le nostre batterie e lasciarci soddisfare ogni giorno dal nostro rapporto con Dio.

Obiettivi

Lesedauer 3 Minuten

Avere obiettivi è importante. Nella vita ci poniamo sempre nuovi obiettivi, grandi e piccoli. Laurea, lavoro, iniziare una famiglia, obiettivi sportivi, costruire una casa o un appartamento – comprare – affittare, scalare una montagna, mangiare in modo sano ecc. Non importa quale sia, stabilire obiettivi in ​​tutte le aree della nostra vita ci dà orientamento e direzione. Dove voglio andare? Cosa voglio ottenere? L’obiettivo è la guida. Concentrarsi su un obiettivo mi aiuta a non distrarmi, a rimanere sintonizzato e a fare tutto il possibile per raggiungerlo.

Soprattutto, mi motiva ad avere un obiettivo in vista, perché poi so esattamente perché sto facendo qualcosa. Se uno studente ha fissato l’obiettivo di apprendere una determinata professione, sa perché deve andare a scuola e imparare ogni giorno. Se un athleta si è prefissato l’obiettivo di correre una maratona, sa perché deve allenarsi duramente. Se intendo essere in forma , so perché dovrei cambiare la mia dieta e muovermi.

Un chiaro obiettivo in mente ci aiuta a percorrere il sentiero. Questo ci facilita il superamento di difficoltà e ostacoli, la nostra motivazione è maggiore, agiamo in modo orientato agli obiettivi. I desideri e i sogni aumentano la nostra gioia di vivere, la mancanza di meta spesso porta all’insoddisfazione.

Oltre agli obiettivi mondani che l’uomo pone, esiste tuttavia un obiettivo più elevato, un obiettivo imperituro. Dio Padre, il nostro Creatore ci dà questo obiettivo. Ogni persona è creata da Dio e ha uno scopo dato da Dio, uno scopo specifico. Dio ci ha creati a sua somiglianza e Dio è essenzialmente una relazione. Dio è padre, figlio e spirito santo, legati l’uno all’altro. Ecco perche le persone sono fatte per le relazioni.

“Ancora prima della creazione del mondo , Dio ci ha fatto per amore per essere santi davanti a lui e ci ha liberati dalla colpa. Fin dall’inizio era il suo piano immutabile di accoglierci attraverso Gesù Cristo come suoi figli, e aveva una grande gioia in questa decisione ”Efesini 1: 4

L’obiettivo è la comunione con Dio, ecco perché siamo nel mondo. Il peccato ha causato la separazione da Dio. Peccato significa anche perdere l’obiettivo. L’uomo si allontanò da Dio e andò per la sua strada, perseguendo i propri obiettivi invece di vivere nel suo destino divino. Attraverso Gesù, che accettammo il peccato per noi umani e lo pagammo con la morte sulla croce, ognuno ha l’opportunità di riconciliarsi con Dio e di andare verso l’obiettivo della comunione con Dio. Paolo descrive questo obiettivo nei Filippesi:

“Mi è chiaro che non ho ancora raggiunto tutto questo e che non ci sono ancora. Ma faccio tutto il possibile per prenderlo perché sono toccato da Gesù Cristo. Come ho detto, miei cari fratelli e sorelle, so esattamente: non ho ancora raggiunto il mio obiettivo. Ma una cosa è certa: voglio dimenticare cosa c’è dietro di me e guardare l’obiettivo davanti a me. Corro con tutte le mie forze per vincere il prezzo della vittoria, la vita nella gloria di Dio. Perché Dio ci ha chiamato a fare questo tramite Gesù Cristo ”. Filippesi 3,12-14

Dio diede a Paolo un nuovo obiettivo nella sua vita: una vita nella presenza amorevole di Dio. Questo gli ha permesso di riallineare la sua vita e vivere per la gloria di Dio.

” Con (Gesù) Cristo l’obiettivo raggiunto dalla legge è stato raggiunto: tutti coloro che credono in lui sono dichiarati giusti. “(La Bibbia, Romani 10: 4)

E così posso impostare le mie priorità. Riallineare i miei obiettivi. Dove voglio andare, a cosa mi oriento? Tengo rivilti gli occhi su Gesù e toglio tutto ciò che mi distrae dal mio obiettivo. Vivere per lóbiettivo per il quale sono stato creata , riempie il mio cuore di una gioia interiore che nessuno può togliere da me e che non dipende da circostanze esterne,

“Rallegrati sempre di appartenere al Signore. E ancora una volta voglio dirlo: rallegrati! “Filippesi 4: 4

e con una pace che il mondo non conosce.

“La pace di Dio, che supera ogni nostra comprensione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti perché siete connessi con Gesù Cristo” Filippesi 4: 7

Dio scrive diritto su linee storte

Lesedauer 7 Minuten

Sappiamo, tuttavia, che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio, coloro che sono chiamati dopo la Sua decisione sono Romani 8:28


Soprattutto in situazioni difficili, spesso non sappiamo quale sia il piano di Dio per la nostra vita. Non capiamo il perché o il come, ma possiamo sapere che ci guida. Possiamo fidarci che Dio conosce la situazione e vede il tutto. Vediamo solo la piccola parte in cui ci troviamo. Dio vede oltre e ha una visione d’insieme.

Corrie ten Boom: “La nostra vita è come un enorme tappeto. È costantemente tessuto e lavorato. Colori e fili sono uniti in uno schema. Tuttavia, il problema è che vediamo questo tappeto solo da dietro. E non sta bene lì. I colori spesso non corrispondono, il modello non sembra essere giusto, ci sono alcuni nodi e fili appesi ovunque. Un tappeto da dietro: nessuno avrebbe messo una copia del genere nell’appartamento.
Fino al nostro limite di morte, possiamo solo vedere il nostro tappeto della vita da dietro. Ma poi, alla luce dell’eternità, diventa visibile al contrario. E all’improvviso cade dai nostri occhi come squame: è uno schema colorato, meravigliosamente sensibile. La schiena potrebbe averci confuso così tanto. All’improvviso, abbiamo un tutto che ha un senso “.

Per coloro che amano Dio, tutto funziona per il bene. Penso che amare Dio significhi voltarsi, venire alla sua presenza, fidarsi di lui, essere guidato da lui, vivere in connessione con lui. La fede riguarda una relazione con Dio. Ecco perché siamo stati creati, l’amicizia con Dio è il nostro destino principale. Possiamo amare Dio perché ci ha amato per primo. Il suo amore è mostrato in Gesù, che ha accettato la nostra colpa e ci ha dato il perdono per grazia e si è riconciliato con Dio. Se accettiamo questo dono per noi stessi, ameremo Dio con tutto il nostro cuore, con tutta la nostra anima, con tutta la nostra mente e con tutte le nostre forze.

Senza sperimentare il suo amore, la nostra fede diventa una religione. Quindi si tratta solo di osservare i comandamenti e le regole per elaborare l’amore di Dio.

Non possiamo fare questo incontro con Dio noi stessi, ma possiamo cercarlo, chiederlo e prenderci del tempo nella vita di tutti i giorni per venire alla sua presenza.

Se mi cerchi, mi troverai; si, se mi chiedi sinceramente e con tutto il cuore, ti lascerò trovarmi “, dice Geremia 29, 13-14

Posso solo piegare le ginocchia davanti a Dio, al Padre, al Padre di tutto ciò che è nei cieli e sulla terra. Prego che ti dia la forza della sua grande ricchezza per diventare forte internamente attraverso il suo spirito. E prego che Cristo viva sempre di più nei vostri cuori attraverso la fede e che sia saldamente radicato nell’amore di Dio. Quindi puoi vedere l’intera estensione del suo amore con tutti i credenti. E puoi anche vedere l’amore che Cristo ha per noi; un amore più grande di quanto tu possa mai capire (Efesini 3: 14-19)

Ognuno ha le proprie opportunità ed esperienze, che li aiuta a concentrarsi su Dio.

Per me la fede non ha nulla a che fare con l’osservanza delle regole, la coltivazione di tradizioni e doveri religiosi, piuttosto è una relazione con Dio, il padre. Non ho a che fare con un dio che mi guarda in lontananza in cielo o che frequento una volta alla settimana in adorazione. L’ho vissuto come un Dio vivente che vive nel mio cuore ed è con me ogni giorno, in ogni situazione di tutti i giorni. Un Dio che mi ama incondizionatamente, che mi ha guarito e mi ha liberato da ogni colpa.

Ogni relazione ha bisogno di cure e nutrimento per sopravvivere. Non è diverso nel rapporto con Dio. Ogni giorno prendo nuove decisioni per vivere la relazione e crescere in essa. Vorrei condividere con voi alcuni punti che mi aiutano a coltivare e rafforzare la mia fede.

Tempo tranquillo con Dio e preghiera: dedico una certa quantità di tempo al giorno in cui posso essere indisturbato e leggere la Bibbia e pregare. Dio mi parla attraverso la sua parola e riempie i miei pensieri di amore e verità.

“Proprio come la pioggia e la neve cadono dal cielo e non ritornano lì, ma idratano la terra e la rendono fertile e lascia che cresca seminando e mangiando pane, così la parola che viene dalla mia bocca dovrebbe anche: non tornerà vuoto a me, ma farà quello che mi piace e riuscirà in quello a cui lo mando. Perché dovresti uscire con gioia ed essere guidato in pace ”. Isaia 55.10
Cammina con Gesù:

Sperimento particolarmente la presenza di Dio nella natura e nella creazione. Sono stupito dalla diversità e dalla bellezza che Dio ha creato e si è fermato. La creazione testimonia la gloria di Dio.

Lode: la lode è un’ottima opportunità per me di venire alla presenza di Dio. La lode non è solo musica. La lode è comunicazione con Dio. Lodo e lodo Dio per quello che è e per quello che ha fatto per noi umani, distolgo lo sguardo dalle preoccupazioni e dalla vita quotidiana e mi rivolgo alla gloria e alla grandezza di Dio. Adoro.

Le mie labbra e la mia anima che hai redento
dovresti essere felice e cantare lodi a te. Salmo 63, 4-5
Culto: il culto è importante per me ricevere insegnamenti, ma soprattutto a causa della comunità e dello scambio con i miei fratelli e sorelle. I circoli della casa, la partecipazione a eventi cristiani, i fine settimana della festa delle donne sono sempre molto costruttivi.

Perché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro. Matt. 18.20
Gratitudine: essere grato in ogni situazione, vedere il buono anche in situazioni difficili, mi aiuta a mantenere la pace. C’è sempre qualcosa per cui posso essere grato, anche se ciò che potrei desiderare non sempre accade. Ciò che mi aiuta è un diario di preghiera, in cui scrivo le risposte alla preghiera e alle esperienze con Dio. Quindi ricordo ancora molte cose dopo che altrimenti avrei dimenticato.

“Loda il Signore, anima mia, e ciò che è in me, il suo santo nome! Loda il Signore, anima mia, e non dimenticare ciò che ti ha fatto del bene ”Salmo 103, 1-2
Servi, fai del bene:
Dare è meglio che prendere. ”(Atti 20:35)
Se posso aiutare qualcuno con i miei soldi o il tempo che investo, mi rende sempre più felice. Se riesco a essere coinvolto nella comunità in ciò che mi diverte, mi avvantaggio e continuo ad imparare.

Come un tappeto tessuto (poesia di Astrid v. Knebel Doeberitz):
Come un grande tappeto
è così che Dio Padre tesse la mia vita.
I colori chiari e scuri sono in esso
Chiedo il significato di alcuni degli eventi. Triste, felice – gioia e dolore,
tutto è lì ai suoi tempi.
Vedo solo pezzi, fili intrecciati dal basso,
Corrie ten Boom si sentiva così anni fa, confrontando tappeto e vita, non mi lascia andare,
Penso che sia fantastico, semplicemente fantastico.
Un tappeto dal basso, sembra aggrovigliato
ma Dio guarda dall’alto e lo fa bene. Un giorno vedremo
perché abbiamo dovuto farlo. I nostri pensieri non ci credono quasi
ciò che Dio ha inventato per noi.
Quindi do con fiducia la mia vita nella sua mano,
sa meglio cosa vuole dare. Matureremo per necessità e difficoltà,
non attraverso la sicurezza umana.
Per cose gratificanti, posso essere tanto più grato
Non sono mai solo nella vita, quindi quando possiamo vedere il suo lavoro dall’alto,
sarà meraviglioso e non essere disprezzato.
Ogni tappeto è unico, incomparabilmente bello –
sarà costituito da fili chiari e scuri.
Allora capiremo
perché abbiamo dovuto farlo proprio ora, quindi non voglio più fare affidamento su me stesso ma su Dio ma fidarmi dell’amore di Dio completamente in Gesù Cristo.
Se considero:
Lui stesso ci dà il dono più grande.
Tutta la gloria è passata nella gloria di Dio
perché l’eternità con lui allora è iniziata.

Senza eccezioni, tutto funziona per il bene: il bullismo sul lavoro, il vaso rotto, la chiave della macchina fuori posto, la malattia inaspettatamente grave o l’aiuto amichevole del nostro vicino. Qualunque cosa incontriamo. In mezzo a tutte le aberrazioni ed errori umani, Dio ha un piano, un buon piano.

Puoi capire la vita all’indietro; ma devi viverlo in avanti.
Vogliamo fidarci di questa verità e dire della nostra vita:

Tu sei buono e fai del bene ”(Sal 119,68)


Esempi dell’Antico Testamento:
Fonte: www.bibelstudium.de

Joseph

Joseph fu venduto in Egitto dai suoi fratelli. Lì divenne il secondo uomo più potente, che anni dopo fornì con cura anche i suoi fratelli affamati e un posto dove stare. Quando il padre di Jakob morì, i fratelli temevano che Joseph potesse vendicarsi. Ma Joseph disse loro: “Avevi in ​​mente il male contro di me; Ma Dio aveva in mente di farlo bene, così da fare come è quel giorno per mantenere in vita un grande popolo ”(Gen. 50:20, 21). Giuseppe non vide il peccato dei suoi fratelli, ma pensò alla buona mano di Dio che ha funzionato dietro ogni cosa. Ciò gli ha dato la pace interiore e la forza per fare del bene.

Giobbe

Quando Dio diede Giobbe a se stesso e alle mani di Satana, Giobbe ebbe ore molto difficili (Giobbe 1:12; 2: 6). Si lamentava ora che il diavolo avesse distrutto la sua vita? No, gridò: “Il Signore ha dato e l’Eterno ha preso, il nome del Signore è lodato!” (Giobbe 1:21). E disse a sua moglie: “Dovremmo accettare il bene da Dio e non dovremmo accettare anche il male?” (Giobbe 2:10). Giobbe si rese conto che tutto ciò che lo aveva colpito aveva “superato” Dio stesso. Quindi in quel momento fu in grado di lodare Dio anche nel più grande bisogno.

Esther

Il libro di Ester è l’unico libro biblico in cui Dio non è menzionato. Ma è proprio lì che diventa chiaro come Dio lavora in segreto. L’incredulità vede una catena di coincidenze nella storia del libro di Ester, ma il credente sa che Dio guida tutto per il bene del suo popolo: il rifiuto di Vasti e la scelta di Ester da parte della moglie di Assuero (Est 1-2); La scoperta di Mordokai di un intrigo contro il monarca (Est 2); Los Hamans, che “pose fine” all’annientamento degli ebrei alla fine dell’anno (Est 3); il grande favore che Ester ottenne davanti al re (Est 4 – 5); la lettura appropriata quando il re non poteva dormire con Ester prima del decisivo secondo banchetto (Est 6); l’apparizione dell’orgoglioso Haman il giorno successivo (Est 6) … Come è conosciuta la storia. Il male Haman dovette onorare Mordokai e finì per appendere la forca che aveva raccolto per Mordokai. Mordokai venne in onore e il popolo degli ebrei ricevette luce, gioia, felicità e onore. Possiamo essere certi che Mordokai ed Esther hanno visto Dio dietro ogni cosa e lo hanno ringraziato con tutto il cuore.

Video: accetta ogni fase della tua vita (1)

Video: accetta ogni fase della tua vita (2)

Come incontri Dio nella vita di tutti i giorni, cosa ti aiuta a sperimentare la sua presenza?

Dio ha cambiato le circostanze della tua vita, a posteriori per il positivo?

La cosa piú importante é la salute!?

Lesedauer 5 Minuten

Definizione di salute:

La definizione più nota di salute è stata descritta dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS): “La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo l’assenza di malattie e disturbi”.

Allo stesso tempo, ci sono varie altre definizioni di salute. Ecco alcuni esempi:

• Secondo T. Parson (sociologo medico): “La salute è uno stato di prestazione ottimale di un individuo, per l’adempimento efficace dei ruoli e dei compiti per i quali è stato socializzato (socializzazione = processo di classificazione nella società, adozione di norme e valori)”.

• Hurrelmann (1990) definisce la salute come: “Stato dello stato oggettivo e soggettivo dell’essere di una persona, che viene dato quando questa persona si trova nelle aree fisiche, psicologiche e sociali del suo sviluppo in conformità con le proprie possibilità e obiettivi e la data Condizioni di vita “.

• “La salute è un’abilità di risoluzione dei problemi e di regolazione emotiva che mantiene o ripristina una condizione mentale e fisica positiva – in particolare l’autostima positiva – e una rete di supporto delle relazioni sociali.”

La salute è molto importante ed è il più grande bene per molte persone. “La cosa principale è salutare”, “Resta sano”, “La salute è la cosa più importante” sono affermazioni che ascolti spesso, ad esempio quando nasce un bambino, alle feste di compleanno o nell’attuale crisi della corona.

Ma la salute è davvero la cosa principale? Diciamo che un gruppo di persone è seduto insieme e queste dichiarazioni sono ascoltate da qualcuno che non è sano. Come si sentirà questa persona? Manca la cosa principale, per così dire. Allora quanto vale la sua vita, qual è il suo significato? In quel momento, la persona interessata si sentirà probabilmente inferiore.

Nella Bibbia, nei Vangeli, leggiamo di molte delle guarigioni che Gesù fece. Possiamo leggere una storia del Vangelo di Marco che mi ha mostrato di cosa si tratta veramente nei capitoli 2.1-12:

Gesù guarisce un paralitico

 Pochi giorni dopo, Gesù tornò a Cafarnao. La notizia del suo arrivo si diffuse rapidamente in tutta la città. [1] 2 Non passò molto tempo prima che la casa in cui viveva fosse sovraffollata di visitatori, in modo che nessuno avesse più spazio, nemmeno fuori dalla porta. E annunciò la parola di Dio per loro. 3 Vi furono quattro uomini che trasportavano un uomo paralizzato su una stuoia. 4 Non potevano attraversare la folla verso Gesù, quindi coprirono il tetto sopra di lui. Quindi hanno lasciato il paziente sul suo tappetino attraverso l’apertura. 5 Quando Gesù vide la loro fede, disse all’uomo paralizzato: “Figlio mio, i tuoi peccati sono perdonati”. 6 Ma alcuni scribi che sedevano lì pensarono: 7 “Come può dire una cosa simile? È una bestemmia! Solo Dio solo può perdonare i peccati! ”8 Gesù sapeva cosa stava succedendo in loro e disse:“ Perché hai pensieri simili nel tuo cuore? 9 È più facile dire ai paralizzati: i tuoi peccati sono perdonati o si alzano, prendi il tappetino e vai? 10 Ti dimostrerò che il Figlio dell’Uomo ha l’autorità di perdonare i peccati sulla terra. “E si rivolse all’uomo paralizzato e gli disse: 11” Alzati, prendi la tua stuoia e vai a casa, perché sei guarito ! ”12 L’uomo balzò in piedi, prese il tappetino e si fece strada attraverso la folla stupita. Quindi tutti lodarono Dio. “Non abbiamo mai visto niente del genere!” Gridarono.

L’uomo nella storia era paralizzato e quindi limitato, non era capace, non poteva fare molte cose. Gli mancava la cosa principale? Era malato, ma aveva qualcosa di più importante. Aveva relazioni. Aveva quattro amici, ottimi amici. Non è solo. Lo portano da Gesù perché sapevano che solo Gesù poteva guarire. Superano tutti gli ostacoli e non possono essere fermati dalla folla, trovano una via per Gesù. Avevano una forte convinzione. Fantastico quando hai amici così.

Cosa fece Gesù quando ebbe il paralizzato davanti a sé? Vide la fede degli amici paralizzati. Gesù non guarì immediatamente la malattia, il danno fisico del paralizzato. La prima cosa che fece Gesù fu di perdonare il suo peccato. Il peccato significa separazione da Dio, e quindi il perdono ha ripristinato il rapporto tra Dio e il paralizzato. Molto più importante della malattia o della salute è la questione di essere o non essere sani per Gesù. La riconciliazione con Dio guarisce di nuovo il paralitico, anche se i suoi sintomi fisici sono ancora lì. La comunione con Dio viene ripristinata, e niente puo separare il paralizzato dall´amore di dio. Neanche malattia o morte. La malattia e la morte sono entrate nel nostro mondo attraverso il peccato, ma Gesù è morto sulla croce per il peccato umano e noi siamo guariti attraverso le sue ferite, anche se c’è ancora malattia e peccato. La fede nella sua opera di salvezza ci libera. La malattia e la morte non possono più farci del male, sappiamo che rimarremo collegati con Dio per sempre. Per Dio, la salute non è la cosa principale, vuole persone sane che hanno una relazione con lui. Sapere di essere amati incondizionatamente, di riconoscerlo, di essere salvato rende la vita di una persona preziosa e significativa, sia essa sana o malata.

Alla fine, Gesù libera il paralitico dalla sua malattia, fa un miracolo e lo guarisce. Quindi lo ha reso completamente sano. Possiamo aspettarci tutto da Gesù, ha il potere di perdonare e curare i peccati. In ogni caso, sperimentiamo la salvezza quando incontriamo Gesù, anche quando incontriamo la malattia e la sofferenza, la sua presenza ci rende salvezza. Non dobbiamo aver paura della malattia, anche se la malattia ci colpisce e moriamo nel peggiore dei casi, abbiamo la certezza che saremo insieme a Dio per sempre, cosa potrebbe essere più bello?

Vorrei mostrarvi la vita di Nick Vujicic dall’Australia come esempio. È nato senza braccia e gambe. Ha lottato contro la sua identità fino all’adolescenza e ha voluto suicidarsi più volte. Un incontro con Dio ha cambiato tutto e lo ha guarito. Non nel senso che lo ha guarito fisicamente, ma il rapporto con Dio significa molto più per lui della salute. Nick Vujicic dice:

“Un miracolo ha rivelato la forza di Dio nella mia debolezza. Perché è più potente vedere un uomo con le braccia e le gambe sorridere di qualcuno che è stato miracolosamente guarito ”.

“Se Dio mi desse la scelta di nascere senza braccia e gambe per salvare anche solo un’anima, direi: fallo!”

Nick Vujicic conduce oggi una vita profondamente riconoscente, felice e significativa ed è diventato una benedizione per molte persone attraverso le sue lezioni in cui racconta della sua vita e di Dio.

In conclusione, vorrei riassumere di nuovo: non la salute é la cosa principale, ma

L’importante è essere amati e amare
La cosa principale è essere riconciliati con Dio
La cosa principale é la relazione con Dio
La cosa principale é essere salvati


Ed é importante quando siamo riconciliati con dio, viviamo in relazione con lui, di non dimenticare i nostri simili. Diventiamo come gli amici del paralizzato che conducono il loro amico a Gesù. Nel nostro ambiente ci sono molte persone che non conoscono Gesù, che non conoscono la strada da lui, persone che non possono più credere a causa di brutte esperienze o che pensano di non aver bisogno di Dio. Ma hanno anche bisogno di guarigione e Gesù può guarirli. Possiamo pregare per loro, parlare di Gesù e portarli da Gesù.

“Perché prima eri morto a causa della tua colpa e perché il tuo vecchio io ti determinava [2]. Ma Dio ti ha reso vivo con Cristo. Ci ha perdonato tutti ”Colossesi 2:13

“Sono convinto che nulla può separarci dal suo amore. Né la morte né la vita, né gli angeli né i poteri, né le nostre paure nel presente né le nostre preoccupazioni per il futuro [8], nemmeno i poteri dell’inferno possono separarci dall’amore di Dio. 39 E se fossimo in alto sopra il cielo o se fossimo nelle profondità più profonde dell’oceano [9], nulla e nessuno in tutta la creazione può separarci dall’amore di Dio che è apparso in Cristo Gesù, nostro Signore. ”Romani 8 , 38-39

“Sul suo stesso corpo, ha portato i nostri peccati fino alla croce in modo che siamo morti per il peccato e che possiamo vivere per la giustizia. Sei stato guarito attraverso le sue ferite! ”1 Pietro 2:24

“Le asciugherà tutte le lacrime e non ci sarà morte, dolore, pianto, dolore. Perché il primo mondo con tutta la sua calamità è passato per sempre ”.“ Rivelazione 21: 4

Versare il cuore

Lesedauer 2 Minuten

ll cuore è considerato la sede delle emozioni e della mente. Chiunque lo apra, da agli altri l’accesso ai suoi sentimenti e pensieri e li lascia partecipare, il che è anche un segno dell’affetto e della fiducia che mostri in loro. Ad esempio, quando riversiamo i nostri cuori su un amico o un coniuge, condividiamo le nostre emozioni, le nostre preoccupazioni, i nostri problemi, diciamo cosa ci muove, ciò che ci deprime. Versiamo il nostro cuore solo alle persone che ci sono molto vicine, di cui ci fidiamo e con cui intratteniamo buoni rapporti.

Essere in grado di fidarsi di qualcuno ci aiuta a sentirci meglio dopo, ci libera e ci offre una prospettiva diversa. Ci sentiamo sollevati e non più lunatici, possiamo lasciare pensieri negativi , è un bene per noi.

C’è qualcuno da cui possiamo venire in qualsiasi momento, che ci conosce meglio di tutti e di cui possiamo sempre fidarci. È il nostro Padre celeste che ci sta solo aspettando come suoi figli che veniamo da lui in preghiera e dirgli tutto ciò che ci commuove. Ascolta sempre e ha sempre tempo per noi. Non vuole che ci lamentiamo di emozioni e oneri che non ci fanno del bene e ci deprimono, se li trasciniamo in giro con noi per troppo tempo. Tutto ciò che ci grava – paure, preoccupazioni, sensi di colpa, tristezza, insoddisfazione, solitudine, dubbi, ecc. – possiamo portarlo e darlo via in preghiera e ricevere la sua pace e tranquillità.

“Vieni da me, tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesanti fardelli, voglio darvi riposo.” Matteo 11:28

Dio ci libera e ci dà facilità, buoni pensieri e una prospettiva diversa.

È positivo se continuiamo a riversare i nostri cuori davanti a lui e a lasciarci ripulire da lui in modo da poter proteggere e preservare i nostri cuori. Spesso non possiamo evitare che le cose negative entrino nei nostri cuori, attraverso difficoltà, circostanze, attraverso ciò che ascoltiamo e sperimentiamo, ma dobbiamo fare attenzione a mantenere il cuore e a disporre sempre di tutto ciò che non dovrebbe essere in esso con l’aiuto di Dio ,

“Soprattutto, tieni il tuo cuore al sicuro, perché il tuo cuore influenza tutta la tua vita” Proverbi 4:23