Pulizie di primavera

Lesedauer 2 Minuten

Ho iniziato le pulizie di primavera questa settimana. Vorrei ora usare il tempo per creare nuovamente un ordine completo. Stanza per stanza, armadio per armadio, cassetto per cassetto devo prima togliere ciò che non è più necessario. Nel tempo, si accumula molto che posso smaltire e mettere via.

Voglio fare questa azione non solo nella mia casa, ma soprattutto nel mio essere interiore, nel mio cuore, nella mia anima, nel mio spirito. Molto può accumularsi anche lì, che deve essere smaltito. Queste possono essere cattive abitudini, schemi, pensieri / sentimenti negativi o convinzioni che non vanno bene per me. Brutte esperienze, ferite, sensi di colpa: tutte queste sono cose che mi gravano e che non voglio più portare con me.

“Proverbi 4: 23-24:” Proteggi il tuo cuore più di ogni altra cosa; perché la fonte della vita ne deriva. “

Ma dove andare con tutti i carichi? Nuove cose possono emergere solo se lascio andare tutti i pesi dell’anima. C’è qualcuno che vuole che io sia libero e scaricato.

“Cristo ci ha liberati per la libertà” Galati 5: 1

Posso lasciar andare, portare i miei pesi da Gesù alla croce. È così che mi libero. In modo che possa emergere qualcosa di nuovo. Pensieri negativi sono abbattuti. Dio vuole rinnovare i miei pensieri con la sua verità, con il suo amore incondizionato, con la sua pace.

Non devo aggrapparmi a ciò che non è buono per me, ma metterlo nelle mani di Dio e riallineare i miei pensieri: ripensare. Lasciami riempire con i buoni pensieri di Dio su di me. Gesù è colui che salva, libera, ripristina, guarisce.

Guarda; Sto facendo qualcosa di nuovo; sta già germogliando. Non lo vedi? Mi faccio strada attraverso il deserto e creo fiumi nelle terre desolate. Isaia 43:19

Con lui posso riversare il mio cuore e lasciarmi riempire di nuova speranza.


Lancia tutti i tuoi pesi su Dio, perché si prende cura di te 1 Pietro 5: 7

Venite da me tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesi grandi, vi darò riposo Matteo 11:28

Ogni giorno voglio dare a Dio nuovo spazio per vivere in me e avere lo sguardo su di lui. Gesú deve avere il primo posto nel mio cuore. Più forte è il rapporto con Dio, più sono nella sua presenza, più pace e tranquillità provo e più mi dà un cuore puro e costante.

“Sperimenterai la pace di Dio che è più grande di quanto la tua mente umana possa mai capire. La sua pace manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri nella fede in Gesù Cristo ”(Filippesi 4: 7)

In cerca di riconoscimento

Lesedauer 3 Minuten

La necessità di riconoscimento è uno dei bisogni umani fondamentali. Tutti vogliono essere visti, “riconosciuti” così come sono. La ricerca del riconoscimento è la ricerca di apprezzamento, rispetto, e amore. Riconoscimento coinvolge “conoscere o riconoscere”.

Chi può soddisfare questo desiderio in noi?

Se cerchiamo il riconoscimento dalle persone, accadrà sempre che saremo delusi. Questo riconoscimento è spesso collegato a determinate condizioni.

Sarò preso in considerazione se:

    Mi comporto in un certo modo
    Faccio quello che ci si aspetta da me
    se mi adeguo
    più faccio
    più possiedo

La società di oggi funziona secondo il principio della prestazione. Le persone sono valutate in base alla loro prestazione e questo giá inizia all’asilo e a scuola. Ecco perché i bambini si stanno già chiedendo: cosa devo fare per essere visto?

Spesso dobbiamo, indossare maschere e non possiamo essere ciò che siamo realmente. L’intero sistema porta al pensiero prestazionale, a fare sempre di più per ottenere il riconoscimento. Ci confrontiamo con gli altri.

L’impegno per essere visti può anche portarci al perfezionismo. Quindi siamo guidati, vogliamo rendere tutto perfetto, vogliamo sempre essere migliori e non vogliamo più fare errori.

È così che rendiamo la nostra immagine di noi stessi, la nostra autostima dipendente dalle opinioni e dalle valutazioni delle persone. Diventiamo una palla da gioco, siamo manipolabili e facilmente vulnerabili.

Conosco molto bene il pensiero prestazionale e il perfezionismo. Per molti anni nella mia vita, ho vissuto secondo questo principio. Ho sempre voluto piacere a tutti ed è stato difficile per me dire “no”.

Nel corso del tempo sono diventata sempre più insoddisfatta, internamente vuota e intrappolata perché mi sono resa conto che non è mai abbastanza e non sarà mai abbastanza.

Quando sono arrivata alla fede e ho conosciuto Gesù, mi sono resa conto che stavo cercando sempre il riconoscimento nel posto sbagliato.
Ciò che Dio pensa di te è molto più importante di ciò che gli altri pensano di te-

Dio mi conduce alla libertà, l’amore di Dio per me è incondizionato. Sono preziosa, unica e non ho bisogno di confrontarmi con nessuno. Sono un figlio di Dio, creata a sua immagine. Dio mi ama così come sono, indipendentemente da ciò che faccio o non faccio. Dio non mi lascia mai sola, è sempre con me. Lui è lì, in ogni circostanza posso venire da lui. Mi guarda con uno sguardo amorevole, anche se faccio errori.

Dio è colui che “mi conosce” meglio perché è il mio creatore. In sua presenza posso essere quella che sono veramente. Mi vede e sa tutto di me. Mi ama con i miei errori e debolezze.



“Signore, mi vedi,
    mi conosci fino in fondo.
2 Che io sia seduto o in piedi, lo sai
    da lontano puoi vedere cosa penso.
3 Che vada o menti, mi vedi
    tutta la mia vita ti è conosciuta
4 Anche prima di iniziare a parlare
    sai cosa voglio dire
5 Mi circondi da tutti i lati
    e tieni la tua mano protettiva su di me
6 Che mi conosci così bene va oltre la mia comprensione;
    è troppo alto per me, non riesco a capirlo! Salmo 139: 1-6

“Mi hai creato con il mio cuore più intimo,
    Mi hai formato nel grembo di mia madre.
14 Signore, grazie per quello
    che mi hai reso così meraviglioso e unico!
Tutto ciò che hai creato è fantastico –
    Lo riconosco!
15 Appena ho preso la copertura in segreto,
ancora invisibile, formata ad arte nel grembo di mia madre [b],
    Non ero nascosto da te comunque.
16 Quando stavo appena iniziando
    mi hai già visto “Salmo 139: 13-16

“Quanto sono schiaccianti i tuoi pensieri per me, o Dio,
    ce ne sono così tanti!
18 Sono più numerosi della sabbia sul mare;
    se volessi contarli tutti, non finirei mai ”Salmo 139: 17-18


Con Dio, il mio bisogno di riconoscimento, apprezzamento, amore si adempie in un modo che nessuno potrebbe mai soddisfare.

Questa conoscenza di essere accettata incondizionatamente da lui, avendo tutto ciò di cui ho bisogno in lui, rafforza la mia autostima e la mia immagine di me. Con questa certezza voglio uscire nel mondo, togliermi le maschere e vivere nell’identità di figlia di Dio. Non devo più adattarmi, andare ovunque e fare tutto solo per essere riconosciuta, posso autenticamente sostenere i miei valori indipendentemente da ciò che gli altri dicono o pensano.

Non voglio più vivere per piacere alla gente, ma per piacere a Dio. In tal modo il perfezionismo e il pensiero performativo devono cedere e al posto di loro serenità e pace entrano nella mia vita.

“Io e Dio” – siamo sempre la maggioranza .

Citazione di Debora Sommer: “Sono grato di apprendere che non sono definito dalla mia prestazione ma dalla mia relazione con il Creatore”


Cos’altro puoi dire? Se Dio è per noi, chi può essere ancora contro di noi?” Romani 8.31

Umiltá

Lesedauer 4 Minuten

Durante la scorsa settimana ho letto più volte la parola umiltà durante la mia lettura della Bibbia. Ecco perché ho approfondito questo argomento. Cosa significa essere umili e perché è così importante?

Il termine umiltà deriva dal vecchio diomuoti tedesco (“disposto a servire”, cioè in realtà “atteggiamento di un servo”). Nel contesto cristiano, l’umiltà denota l’atteggiamento della creatura verso il Creatore. Una persona umile riconosce e accetta volontariamente che c’è qualcosa di più alto e irraggiungibile per lui. (da Wikipedia).

I miei pensieri:

Una persona umile in senso cristiano mostra le seguenti caratteristiche:

  • crede che esiste un dio
  • si sottomette a questo dio
  • è pronto a servire
  • apprezza gli altri più di se stesso
  • riconosce i suoi punti deboli e li accetta
  • può accettare l’aiuto di Dio e di altre persone
  • può rilasciare
  • può tranquillamente mettere la sua vita nelle mani di Dio e rinunciare al controllo
  • non vive della sua stessa forza, Dio è la sua forza
  • non vive per il proprio onore, vuole dare gloria a Dio con la sua vita

L’opposto dell’umiltà è l’orgoglio / l’arroganza. Una persona orgogliosa / altera ha le seguenti caratteristiche:

  • non ha bisogno di un dio, non ha bisogno di credere in un dio
  • ha difficoltá a sottomettersi
  • pensa più a se stesso che agli altri
  • è orgoglioso dei suoi punti di forza e difficilmente può accettare i punti deboli
  • vuole fare tutto da solo, non può accettare aiuti esterni
  • vuole avere tutto sotto controllo e ha difficoltà a fidarsi di qualcuno
  • deve fare tutto con le proprie forze e sforzi
  • cerca il riconoscimento per i suoi successi e gli piace essere onorato dagli altri per questo

L’orgoglio [da: stolt = splendido, maestoso] è la sensazione di grande soddisfazione per se stessi o per gli altri, un rispetto per se stessi – sia esso la propria persona, sia in relazione a un “tutto” altamente rispettato o riverito. (da Wikipedia)

Avere un cuore umile è molto importante per Dio, quando leggo la Bibbia sulle donne e sugli uomini di Dio tutti hanno una cosa in comune: l’umiltà. Un esempio è Mosè, che nonostante la sua posizione, che ha ricevuto da Dio, non è mai diventato arrogante, ma ha sempre confidato in Dio, gli ha dato l’onore e non ha fatto affidamento sui propri punti di forza e abilità. La sua posizione non è mai stata più importante per lui del bene degli altri.

Penso che l’umiltà ci avvicini a Dio, l’orgoglio e l’arroganza ci tengono lontani da lui. Se sono umile, so che ho bisogno di Dio e chiederò il suo aiuto. Alla fine della mia forza sono pronto a vivere dalla sua forza. . Quindi Dio ha l’opportunità di lavorare prima in me. D’altra parte, se sono orgogliosa / altera, non chiederò nemmeno aiuto, cerco di essere forte da sola, voglio sempre fare tutto da sola per non dipendere da qualcun altro. Con un tale cuore, chiudo la porta a Dio e mi ritrovo sola.

Penso che credere in un Dio che ha tutto sotto controllo in modo da poter lasciarsi andare e lasciarmi cadere in mano, mi dá libertá. Non devo fare tutto da sola. Posso accettare i miei errori e le mie debolezze sapendo che un Dio forte vive in me e mi guida. Se so di non essere perfetta posso anche accettare errori e debolezze dei miei simili e non mettermi più in alto degli altri, sono pronto a sottomettermi e servire.

“L’umiltà è l’unico modo per imparare a rispettare le persone” Fred Ammon

Tuttavia, l’umiltà non significa renderti piccolo, pensare male a te stesso, svalutarti, sentirti inferiore.

. Significa sapere chi sei in Cristo e vivere dalla sua forza.

Versetti biblici che ho trovato sull’umiltà:

“Signore, il mio cuore non è orgoglioso e i miei occhi non guardano in basso gli altri. Non mi preoccupo di cose che sono troppo grandi o troppo meravigliose per me. Sono molto silenzioso e sicuro, come un bambino con sua madre. Sì “Come un bambino, la mia anima è in me” Salmo 131: 1

“In tutta umiltà e mansuetudine, in pazienza. L’uno sopporta l’altro con amore” Efesini 4: 2

“Non fare nulla per interesse personale o per amore di un vano onore, ma nell’umiltà rispettatevi l’un l’altro più in alto di voi.” Filippesi 2: 3

“Dove c’è arroganza c’è vergogna;
ma la saggezza è con gli umili. “Proverbi 11: 2

“Sii consapevole gli uni degli altri. Non cercare le cose alte, ma atteniti alle cose basse. Non pensare a te stesso saggio.” Romani 12:16

“Umiliati davanti al Signore, lui ti esalterà” Giacomo 4:10

“L’arroganza di un uomo lo umilia, ma l’umile riceve onore” Proverbi 29, 23

“La ricompensa dell’umiltà e della paura del Signore
è ricchezza, onore e vita “Proverbi 22.4

“Così umiliati sotto la potente mano di Dio in modo che possa esaltarti ai suoi tempi” 1 Pietro 5: 6

“Prendi il mio giogo su di te e impara da me; poiché io sono mite e umile di cuore; troverai riposo per la tua anima. Perché il mio giogo è gentile e il mio carico è leggero.” Matteo 11: 39-30

“Prima di una caduta, il cuore di un uomo è orgoglioso;
e prima di venire ad onorare devi essere umile “Proverbi 18:12

“E si sedette, chiamò i dodici e disse loro: Se qualcuno vuole essere il primo, deve essere l’ultimo di tutti e servo di tutti.” Marco 9:35

“E ciò che è piccolo di fronte al mondo e ciò che è disprezzato, Dio ha scelto ciò che non è nulla in modo che possa distruggere ciò che è qualcosa di cui nessun uomo può vantarsi davanti a Dio” 1 Corinzi 1: 28-29

“Confida nel Signore con tutto il tuo cuore e non fidarti della tua mente” Proverbi 3: 5

“Non vivo più, ma Cristo in me” Galati 3:20

“Gesù Cristo dice: ” La mia forza è potente nei deboli”. 2 Corinzi 12.9

“Posso fare tutto attraverso chi mi rende forte”. Filippesi 4:13