Essere luce

Sprachen de en

Lesedauer 3 Minuten

Accendere luci è una delle tradizioni prenatalizie. Le nostre strade e le nostre case sono illuminate e piene di luci. Ogni settimana accendiamo una nuova candela sulla corona dell’Avvento e anche l’albero di Natale è decorato con luci scintillanti.

Non dovremmo dimenticare qual è il significato dietro di esso ed essere consapevoli di ciò che la luce ci ricorda. Tutte le luci che accendiamo per Natale testimoniano Gesù, che è venuto nel mondo come luce. È la fonte della luce, la luce stessa, la luce del mondo che illumina le nostre tenebre. La sua luce risplende più brillante del sole e illumina il nostro cammino.

“La tua parola è una lampada ai miei piedi e una luce sulla mia strada. Salmo 119: 105

C’è luce in lui e non c’è oscurità in lui. Dio si fa uomo, si dona e riempie la nostra vita con la sua luce, il suo amore, la sua speranza, la sua pace. Pieni della sua luce, risplendiamo e possiamo diventare noi stessi luci.

“Eri l’oscurità; ma ora sei luce nel Signore. Camminate come figli della luce ”. Efesini 5: 8

In relazione con lui, se rimaniamo in lui, possiamo trasmettere la luce perché Dio ci fornisce in abbondanza. Nella sua presenza le nostre luci non si spegneranno, ma si accenderanno ancora e ancora. Se proviamo a essere e a dare luce per conto nostro, dopo un po ‘ci stancheremo, ci esauriremo e non avremo più energia. Proprio come una lampada deve essere collegata alla fonte di energia per brillare, così dobbiamo essere collegati alla fonte di luce di Dio. Quanto è importante questa connessione per noi, Gesù descrive nella parabola della vite e del tralcio:

Gesù disse ai suoi discepoli: “Io sono la vera vite. Resta in me, poi io resto in te. Come il tralcio da se stesso non può portare frutto, ma solo se rimane sulla vite, così neanche voi potete portare frutto se non rimanete in me; io sono la vite, voi siete i tralci. Chi rimane in me e nel quale io resto porta frutti ricchi; perché a parte me non puoi fare niente. Se rimani in me e se le mie parole rimangono in te, allora chiedi quello che vuoi: lo riceverai ”. E poi Gesù dice:“ Come il Padre ha amato me, anch’io ho amato te. Resta nel mio amore! Vi chiedo questo: amatevi l’un l’altro! “

Rimanere nel suo amore e trasmettere il suo amore è la missione che Gesù ci dà. Non nascondere la nostra luce, ma metterla su un candeliere in modo che tutti possano vederla. Come possiamo essere luce per gli altri? Possiamo essere luce donandoci come fece Gesù. Ecco una breve storia:

Storia di una candela “Adesso mi hai acceso e guardato nella mia luce. Ti rallegri della mia luminosità, del calore che ti do. E sono felice di poter bruciare per te. In caso contrario, potrei essere sdraiato in una vecchia scatola, inutile. Ottengo significato solo bruciando. Ma – lo so fin troppo bene – più a lungo brucio, più divento breve, più sono incline al mio fine. Dirai “bruciato” e getti via ciò che è rimasto di me. So che ci sono sempre queste due opzioni per me: o rimango nella scatola – intatta, dimenticata, al buio – oppure sto bruciando, diventando più corta, dando tutto ciò che ho a favore della luce e del calore. Quindi sto portando la mia fine. Eppure, penso che sia più bello e più sensato essere in grado di regalare qualcosa che stare al freddo e sdraiarsi nella scatola buia …

Con questo in mente, auguro a tutti un sereno Natale e auguro a tutti noi di diventare sempre più consapevoli che la luce di Gesù vive in noi. Quindi facciamola brillare anche per gli altri:

  • facciamo regali
  • offriamo un aiuto pratico
  • pregiamo l’uno per l’altro
  • beneditevi a vicenda
  • trasmettiamo buoni pensieri
  • incoraggiamo gli altri
  • regaliamo il nostro sorriso
  • offriamo il ​​nostro tempo
  • scriviamo una lettera / cartolina
  • visitiamo persone sole e malate
  • ci ascoltiamo a vicenda
  • Invitiamo qualcuno
  • parliamo di Gesù, la luce del mondo

“Alzati, sii luce; perché la tua luce sta arrivando e la gloria del Signore è su di te! ”Isaia 60: 1

“Sei la luce del mondo. La città su una collina non può essere nascosta. Matteo 5:14 “

“Poiché questo è il modo in cui il Signore ci ha comandato:” Ti ho fatto luce dei pagani, affinché tu sia la salvezza fino all’estremità della terra. ” Atti 13:47

“Ma tu sei una generazione eletta, un sacerdozio regale, un popolo santo, un popolo posseduto, che dovresti proclamare i benefici di colui che ti ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa.” 1 Pietro 2: 9

Rispondi