Speranza

Lesedauer 3 Minuten

Tutti hanno bisogno di speranza. La speranza è ciò che guida la nostra vita. La speranza è la motivazione per muoversi e fare qualcosa. Ci dà un focus interiore fiducioso e ci fa aspettare cose buone per il futuro. Niente ha senso senza speranza. Quando siamo senza speranza ci disperiamo, viviamo nella preoccupazione e nella paura. Ne possono derivare disperazione, rassegnazione e depressione.

Su cosa costruisci la tua speranza?

Soprattutto nelle situazioni difficili, ti aggrappi a tutto che promette speranza. Chi è malato ha bisogno di speranza per una cura. Qualcuno che è in difficoltà finanziarie ha bisogno di speranza di un lavoro. Chi si sente solo ha bisogno della speranza di trovare il partner giusto. Chi ha una famiglia ha bisogno di speranza per i figli. Qualcuno che ha bisogno emotivo ha bisogno di speranza per l’aiuto.

Chi può darti una speranza vera e viva?

Dove posso trovare la speranza in ogni situazione, una speranza che non muore mai e mi fa rialzare ancora e ancora. Ho solo sperimentato una tale speranza nella mia vita in Gesù Cristo. Una speranza che porta sempre con sé, in ogni circostanza difficile, in ogni malattia, in ogni fallimento. Lui stesso è la mia speranza, colui su cui rivolgo il mio sguardo ed è lui che mi rialza. È la fonte di ogni speranza, mantiene ciò che promette. Gesù dona sempre nuova speranza, anche dopo la morte. La fede in Gesù mi dà più della speranza, mi dà certezza.

“Ma la fede è una ferma fiducia in ciò che si spera e un non dubitare di ciò che non si vede.” Ebrei 11:1

La fede è la ragione principale di ciò che si spera: la fiducia mostra ciò che non si ha ancora (speranza per tutte le traduzioni) Gesù è la speranza più grande che ci sia. Le delusioni nella vita lasciano un vuoto in noi, ma c’è speranza. Gesù può riempire questo vuoto. Trovo viva la speranza in Gesù. Solo lui può soddisfare i miei desideri.

“Attraverso il potente potere che opera dentro di noi, Dio può fare infinitamente più di quanto potremmo mai chiedere o sperare” Efesini 3:20

Posso avere la certezza che nessun problema è troppo grande per Dio, i miei pensieri ei miei sentimenti si fermano nelle situazioni difficili.

“C’è ancora speranza in un albero, anche dopo che è stato abbattuto; germogli freschi ricrescono dal ceppo. Anche se le sue radici muoiono nel terreno e il ceppo si secca lentamente nel terreno, si risveglia a nuova vita non appena riceve l’acqua. Nuovi germogli spuntano come una giovane pianta “Giobbe 14,7”

Non importa in quale situazione ci troviamo, possiamo sperare Non importa quanto disperata sembri la situazione, possiamo sperare Non importa quali possano essere le circostanze esterne, possiamo sperare Qualunque cosa accada nel mondo, possiamo guardare al futuro con speranza Abbiamo un Dio di speranza Niente è finalmente perduto, nessun percorso bloccato per sempre. Possiamo avere pace. Possiamo credere che Dio è al di sopra di tutto e tiene tutto in mano.

“Perché so bene quali pensieri ho di te, dice il Signore: Pensieri di pace e non di dolore, per darti futuro e speranza” Geremia 29:11

“Felice colui il cui aiuto è il Dio di Giacobbe, che ripone la sua speranza nel Signore suo Dio” Salmo 146: 5

Possiamo andare avanti con coraggio, la paura ha perso il suo potere. Nonostante le situazioni spaventose, possiamo ancora andare avanti. Dio è con noi. La nostra speranza è Gesù Cristo stesso, che è risorto dai morti. Egli vive – e quindi anche la nostra speranza è viva. Abbiamo bisogno di speranza in tutti gli ambiti della vita. Dio vuole darci questa speranza. Nelle relazioni interrotte e nei litigi, dà speranza per la riconciliazione attraverso il perdono. In caso di malattia o dolore, la sua speranza ci dà la forza per sopportare la sofferenza. Quando siamo soli e abbandonati, abbiamo speranza nell’amore di Dio, che non ci lascia mai soli, quando muore una persona a noi cara possiamo avere speranza che sarà con Dio e che potremo rivederla un giorno. Possiamo sperare, anche se non vediamo.

Riconcilazione

Lesedauer 2 Minuten

In ogni buona amicizia o relazione c’è anche un litigio. È importante tornare alla riconciliazione dopo. Nel mio lavoro di ho visto spesso come i bambini litigano, ma anche quanto velocemente si riconciliano e non provano affatto risentimento. Si incontrano come se nulla fosse successo.

Di solito è diverso tra gli adulti. Conosco storie in cui famiglie o amici si alienano a causa di una discussione, interrompono i contatti, spesso smettono di parlarsi per anni e si evitano a vicenda. Le conseguenze dell’inconciliabilità sono amarezza, odio, conflitto, relazioni interrotte e rotture. Penso che sia molto brutto e un peccato, perché non deve essere così. La riconciliazione è possibile. Le storie di riconciliazione sono meravigliose. Ho visto un’amica fare pace con sua suocera dopo anni. Insieme ad un’amica, l’abbiamo incoraggiata a fare il primo passo, a perdonare ea fare alla suocera un’offerta di riconciliazione. Abbiamo pregato per loro e con l’aiuto di Dio è riuscitia a ristabilire il rapporto.

Gli ostacoli alla riconciliazione sono principalmente l’orgoglio, l’arroganza e il non arrendersi, il voler avere ragione. Ma invece è meglio cercare di vedere tutti con gli occhi di Dio, non solo guardare i loro difetti e le loro debolezze.

“Non fare nulla per polemica o ambizione, ma sii umile e rispetta gli altri più di te stesso!” Filippesi 2: 3

Il perdono viene prima della riconciliazione. Il perdono libera il nostro cuore, possiamo lasciar andare i sentimenti negativi e mettere situazioni e persone nelle mani di Dio in modo che non siamo più gravati. Se abbiamo perdonato, possiamo fare all’altra persona un’offerta di riconciliazione e, nel migliore dei casi, ci sarà un lieto fine: la riconciliazione.

La più bella storia di riconciliazione che io conosca è quella tra Dio e l’uomo. Gesù è venuto sulla terra per riconciliarci con Dio. Per amore di noi umani, fa il primo passo verso di noi. Ci ha amato per primo. Perché c’è qualcosa che ci separa da Dio: il peccato. Gesù è morto per i nostri peccati sulla croce e così ha restaurato l’accesso, la connessione con Dio. Se crediamo nel suo sacrificio per noi, siamo riconciliati con Dio e il rapporto con Dio è ripristinato.

“Attraverso la sua morte in croce in forma umana, vi ha riconciliati a sé per ricondurvi alla presenza di Dio e per rendervi santi e perfetti davanti a lui. Colossesi 1:22

“Cristo è l’espiazione per i nostri peccati, non solo per i nostri, ma anche per quelli del mondo intero”. 1.Giovanni 2,2

“In questo è l’amore, non che noi abbiamo amato Dio, ma che egli ha amato noi e ha mandato suo Figlio a espiare i nostri peccati.” 1 Giovanni 4:10

“Ma siate cordiali e amichevoli gli uni con gli altri e perdonatevi gli uni gli altri, come anche Dio ha perdonato a voi in Cristo”. Efesini 4,32

“Quindi ora siamo ambasciatori in nome di Cristo, perché Dio ammonisce attraverso di noi: quindi ora chiediamo a nome di Cristo: riconciliatevi con Dio”. 2.Cor,5,20

Il desiderio di Gesù era unico. Voleva riportare a casa i suoi figli. La Bibbia ha una parola per questo desiderio: riconciliazione. (Max Lucado) La riconciliazione è la guarigione interiore dei nostri cuori attraverso l’amore di Gesù. Non sono gli atti esteriori del battesimo, della cresima o della comunione che riconciliano una persona con Dio. La riconciliazione sta unicamente nel pentimento e nella conversione a Gesù Cristo. (Walter Mauerhofer). Ora tra Dio e l’uomo si stabilisce un’eterna amicizia, eterna riconciliazione, eterna pace e eterno amore. Se Dio ci guarda nel suo Figlio, non può fare a meno di essere misericordioso con noi. (Johann Friedrich Starck)

Autostima – sei prezioso/a

Lesedauer 5 Minuten

In Wikipedia, l’autostima è definita come segue: “L’autostima (anche: autostima, fiducia in se stessi,) è intesa in psicologia come la valutazione che si ha di se stessi”. una miscela di predisposizioni genetiche e ambiente sociale. Ma come mi valuto, in base a quali criteri? Come mi sento con me stesso? L’immagine che ho di me stessa si è sviluppata nel corso della vita, sulla base delle mie esperienze, sulla base di ciò che altre persone hanno parlato nella mia vita ed è stata definita anche confrontandomi con altre persone. Ma confrontarsi ha fatto più male che bene alla mia immagine di me stessa, perché c’è sempre qualcuno che ha più successo, più bello, più coraggioso, più intelligente, più divertente, più creativo, ecc. di me. Questo aumenta l’insoddisfazione, la tensione e la sensazione di non essere abbastanza bravi. C’era pressione per esibirsi, perché il valore che mi davo dipendeva dal riconoscimento delle persone. Ho sempre voluto accontentare tutti e trovavo sempre più difficile dire “no”, anche quando qualcosa era travolgente. Quando ho conosciuto Gesù e l’ho invitato nella mia vita , la mia autostima è cambiata quando gli ho permesso di darmi il mio valore. L’amore di Dio per me è indescrivibile, incomprensibile e travolgente. Sono stato creata in modo unico, una meraviglia di Dio.

Isaia 53: 4: Sei prezioso ai miei occhi e io ti amo! “

Ti ringrazio per essere stato realizzato meravigliosamente; Le tue opere sono meravigliose e l’anima mia lo sa bene. “Salmo 139:14

Posso “essere”. Dio mi ama come sono. Lui conosce il mio cuore. Conosce anche i miei limiti, i miei errori, le mie debolezze. Il suo amore è incondizionato e costante. Pensa molto di più a me di quanto non mi pensi io. Si fida di me più di quanto io mi fidi di me stesso. Mi trova prezioso, indipendentemente da quello che faccio. Dio mi ha dato doni e capacità che solo io ho. Ecco perché non ho bisogno di confrontarmi o misurarmi con gli altri.

Il mio obiettivo è riconoscere come Dio mi ha inteso e vivere nel suo destino per la mia vita. Posso solo riconoscermi come Dio mi ha inteso quando apro il mio cuore e lo incontro, quando gli chiedo nella preghiera e lui mette una risposta nel mio cuore. Non voglio più vivere per compiacere gli altri, ma per compiacere Dio. Le mie domande di identità: “Chi sono io? Perché io sono? Da dove vengo? Dove sto andando? ”Ho ricevuto una risposta in Gesù Cristo. Sono un’amata figlia di Dio, sono stata creata per essere in comunione con Dio, per vivere in relazione (questo è il mio destino), Dio è il mio Creatore e dopo la mia morte tornerò a casa da Dio Padre. La mia identità è in Cristo. Sei nostro padre.

Noi siamo l’argilla, tu sei il vasaio e noi siamo l’opera delle tue mani, Isaia 64: 7

Dio ci mostra il suo amore nella sua parola, lì posso incontrarlo, conoscere il cuore di suo padre. La parola di Dio, la Bibbia, è una lettera d’amore di Dio per noi umani.

Dio non ti ama perché sei così prezioso, ma sei prezioso, perché Dio ti ama così. Dietrich Bonhoeffer

Che valgo ai tuoi occhi supera il mio sentimento e la mia comprensione, ma le tue promesse sono più affidabili dei miei sentimenti volubili. E se può essere una lunga strada finché non imparo a vedermi, so ancora: Hai innumerevoli possibilità per condividere i tuoi buoni pensieri su di me. (Preghiera di Antje Sabine Naegeli)

La mia autostima oggi è determinata dalle verità che Dio stesso parla della mia vita. A poco a poco, in un processo costante, Dio mi mostra le bugie della vita in cui credevo, espone la valutazione negativa, i pensieri che il nemico cerca di persuadermi e li sostituisce con la verità liberatrice di Dio.

So tutto di te. (La Bibbia, Salmo 139: 1) So quando sedermi e quando alzarmi. (Salmo 139,2) Tutte le tue vie mi sono note. (Salmo 139:3) Anche i capelli sulla tua testa sono numerati. (Matteo 10:29-31) Perché ti ho creato a mia immagine. (Genesi 1:27) Ti conoscevo ancor prima che fossi ricevuto. (Geremia 1: 4-5) Ho scelto te quando ho pianificato la creazione. (Efesini 1: 4, 11) Non sei stato un errore. (Salmo 139:15) Ho deciso quando saresti nato e dove avresti vissuto. Atti 17:26) Sei fatto meravigliosamente. (Salmo 139:14) Ti ho formato nel grembo di tua madre. (Salmo 139:13) Vi sono stato travisato da coloro che non mi conoscono. (Giovanni 8:41) Non sono lontano e arrabbiato, ma l’espressione perfetta dell’amore. (1 Giovanni 4:16) È mio desiderio inondarti di amore. (1 Giovanni 3,1) Semplicemente perché tu sei mio figlio e io sono tuo padre. (1 Giovanni 3,1) Ti offro più di quanto tuo padre terreno potrebbe mai fare. (Matteo 7:11) Perché sono il padre perfetto. (Matteo 5:48) Ogni buon dono che ricevi viene dalla mia mano. (Giovanni 1:16) Perché mi prendo cura di te e ti incontro in ogni necessità. (Matteo 6: 31-32) Il mio piano per il tuo futuro è sempre la speranza. (Geremia 31,3) Perché ti amo di amore eterno. (Geremia 31,3) I miei pensieri su di te sono innumerevoli, come la sabbia in riva al mare. (Salmo 139: 17-18) Canto di te di gioia. (Zefania 3.17) Non smetterò di farti del bene. (Geremia 32:40) Perché sei il mio bene più prezioso. (Esodo 19:5) Godimi ed esaudirò i desideri del tuo cuore. (Salmo 37:4) Perché sono io che ho messo in te questi desideri. (Filippesi 2:13) Posso fare per te più di quanto tu possa immaginare. (Efesini 3:20) Puoi fare tutto tramite me, che ti rende forte. (Filippesi 4:13) Poiché io sono il vostro più grande incoraggiatore. (2 Tessalonicesi 2:16-17) Ti do capacità. (2 Corinzi 3:5) Ti do forza e prudenza. (2 Timoteo 1,7) Io sono anche il padre che ti consola in tutte le tribolazioni. (2 Corinzi 1: 3) Puoi contare su di me in ogni esigenza. Quando il tuo cuore è spezzato, io sono vicino a te (Salmo 34:19) Come un pastore porta la sua asta, io ti ho portato dal mio cuore. (Isaia 40:11) Un giorno asciugherò ogni lacrima dai tuoi occhi. (Apocalisse 21:4) Io sono al tuo fianco. La mia abbondanza è incommensurabile. (139.17) Soddisferò il tuo desiderio più profondo. Ti dono l’amore che allontana la paura. (1 Giovanni 4:18) Ti rispondo e ti libero da ogni tuo affanno. (Salmo 34:5) Io sono tuo padre e ti amo tanto quanto amo mio figlio Gesù. (Giovanni 17:23) Perché in Gesù si rivela il mio amore per te. (Giovanni 17:26) Egli è l’immagine perfetta del mio essere (Ebrei 1,3) Ed è venuto per dimostrarti che io sono per te e non contro di te. (Romani 8:31) Io sono l’acqua per l’assetato. E per dirti che non ti biasimo per i tuoi peccati. (2 Corinzi 5:19) Gesù è morto affinché tu ed io potessimo riconciliarci gli uni con gli altri. (2 Corinzi 5:18) Tramite Gesù i tuoi debiti sono perdonati. (Efesini 1:7) Tu sei abbastanza buono tramite Gesù. (2 Corinzi 5:21) La morte di Gesù è stata l’espressione più profonda del mio amore per te (1 Giovanni 4:9-10) Ho dato tutto ciò che amo per conquistare il tuo amore. (Romani 8:32) Non voglio mai più pensare ai tuoi peccati e alle tue cattive azioni. (Ebrei 10:17) Se accetti il ​​dono di mio figlio, accetti me. (1 Giovanni 2:23) Io sono il tuo consolatore. Chi si attacca a mio figlio non sarà condannato. (Giovanni 3:18) Ti ho chiamato per nome. E niente potrà mai più separarti dal mio amore. (Romani 8,38-39) Troverai protezione con me. (Salmo 32) Io sono la luce nelle tenebre. Le tue preghiere sono nella mia mente. (Atti 10:5) Per amore ho deciso che sei mio figlio. (Efesini 1: 5-6) Accettami e ospiterò la più grande celebrazione. (Luca 15: 4-7) Sono sempre stato un padre e sempre sarò un padre. (Efesini 3:14-15) Ti do una speranza viva. Ti chiedo: vuoi essere mio figlio? (Giovanni 1:12) Seguimi, io ti salverò. Ti sto aspettando! (Luca 15: 11-32

Sotto la protezione di dio

Lesedauer 2 Minuten

Un ombrello è una buona cosa. Ci protegge dalla pioggia e anche dal caldo. Le gocce di pioggia gli rimbalzano addosso e restiamo asciutti. Nelle giornate calde troviamo un’ombra rilassante sotto l’ombrellone. Per proteggerci dobbiamo stare sotto l’ombrellone.

Nella nostra vita di tutti i giorni ci ritroviamo in situazioni in cui cerchiamo e abbiamo bisogno di protezione. Quando sorgono difficoltà e sfide, siamo felici di trovare un luogo sicuro dove trovare sicurezza e rifugio. Come attraversi le tempeste della vita? Hai un ombrello con te che puoi aprire e stare sotto? . Se camminiamo sotto la pioggia senza ombrello, ci bagniamo. Se ci stendiamo al sole senza ombrellone, ci ustioniamo. Allo stesso modo, quando attraversiamo la vita senza un ombrello protettivo, siamo esposti a vari pericoli. Un ombrello non può fermare la pioggia, il sole, le sfide e le difficoltà, ma ci sentiamo al sicuro e protetti sotto di esso.

Il mio rifugio, protezione e scudo che ho sempre con me è Dio. Mi affido a lui come è scritto nel Salmo 91:1:

“Chi siede sotto l’ombrello dell’Altissimo e rimane all’ombra dell’Onnipotente, dice al Signore: Mia fiducia e mio castello, mio ​​Dio in cui spero”.

Sto bene sotto l’ombrello di Dio, riesco a stare calma anche quando intorno a me infuria il temporale, perché so che Dio mi avvolge nella sua mano protettiva.

“Mi circondi da ogni parte e tieni su di me la tua mano protettiva.” Salmo 139,5

L’ombrello di Dio è infinitamente grande e c’è posto per tutti. Chi affida la sua vita a Dio si mette sotto il suo patrocinio. Coloro che decidono di sedersi sotto il suo ombrellone e stare sotto la sua ombra., sono al sicuro. Chiunque sta nella presenza di Dio, gli sta vicino, sta in contatto e in relazione con Dio, trova rifugio.

“Con te sono al sicuro, protetto in ogni pericolo e circondato dall’esultanza della salvezza.” Salmo 32: 7

“Signore mio Dio, a te guardo con fiducia, da te cerco protezione” Salmo 141: 8

“Tu sei la mia protezione e il mio scudo, confido nella tua promessa” Salmo 119:14

“Sì, Dio la sua via è perfetta, la parola di Yahweh è genuina. È uno scudo per tutti coloro che cercano protezione da lui. “Salmo 18:31

“Lui ti protegge con le sue ali, tu trovi protezione sotto le sue ali. La sua lealtà è una difesa e uno scudo. “Salmo 91: 4

“Yahweh è buono, un rifugio sicuro nel momento del bisogno. Conosce coloro che cercano protezione da lui. ”Naum 1,2

Dio dice: mi ama, per questo voglio salvarlo. Conosce il mio nome, quindi lo proteggerò. “Salmo 91:14

Pensieri positivi?! La battaglia nella mente

Lesedauer 6 Minuten

Ogni giorno ci troviamo di fronte a una marea di pensieri. Pensiamo ogni secondo, ci occupiamo del futuro, del passato, del qui e ora, pensiamo a noi stessi e agli altri, al positivo e al negativo. Pensiamo consapevolmente, ma spesso i pensieri ci rotolano addosso. Nella Bibbia ho letto il seguente versetto sul potere del pensiero:

“Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita.” Sprüche 4,23

Quindi i nostri pensieri influenzano la nostra vita. I pensieri determinano i nostri sentimenti, guidano le nostre azioni, controllano il nostro comportamento. Ecco perché è così importante prestare attenzione a ciò a cui pensiamo, con cosa abbiamo a che fare, quali pensieri permettiamo e lasciamo entrare in noi. Perché non arrivano solo i pensieri buoni, ma anche quelli cattivi. pensieri negativi su di me sui miei simili a proposito del futuro sul passato Non tutti i pensieri vengono da Dio.

Da dove vengono questi pensieri negativi?

Possono nascere da esperienze passate. Possono essere impronte o credenze che abbiamo appreso. Può anche essere che dobbiamo lottare con problemi, ad esempio sul lavoro, nella famiglia o che siamo colpiti da una malattia. La Bibbia parla spesso di una battaglia spirituale che dobbiamo combattere. Oltre al mondo visibile, sono convinta che esista anche un mondo spirituale, invisibile, in cui si combatte tra il bene e il male, tra le potenze del diavolo e le potenze di Dio. Questo è un altro motivo per cui lottiamo così spesso con i pensieri negativi. Il nemico vuole derubarci di tutto il bene che Dio ci dona.

“Siate sobri e vigili! Il tuo avversario, il diavolo, va in giro come un leone ruggente cercando qualcuno da divorare” (1 Pietro capitolo 5, versetto 8)

L’unico potere che il nemico ha su di noi è di gridare nelle nostre menti, di confondere le nostre menti in modo che non possiamo vedere la verità di Dio.

Cosa fanno i pensieri negativi?

I pensieri negativi ci fanno stare male. Se lasciamo che i nostri pensieri facciano il loro corso e non li controlliamo, si possono costruire schemi di pensiero negativi, come la Bibbia parla di fortezze. Le conseguenze sono preoccupazioni, paure, depressione, cattiva autostima (immagine di sé), ruolo di vittima (lagnarsi continuamente o voler incolpare gli altri).

Come posso superare i pensieri negativi, quali strumenti ricevo da Dio?

Nella Parola di Dio si dice che abbiamo bisogno di rinnovare il nostro modo di pensare, un atteggiamento centrato su Dio cambia la nostra vita.

“Lasciati cambiare nel tuo pensiero e riorientarti completamente interiormente” Efesini 4:23

Il rinnovamento dei miei pensieri non avviene dall’oggi al domani, è un processo. Può succedere che ricadiamo nei vecchi schemi di pensiero che abbiamo costruito nel corso degli anni. Passo dopo passo insieme a Gesù possiamo far crollare questi muri di pensiero e decidere ogni giorno per i pensieri di Dio, s esprimendo i suoi buoni pensieri sulla nostra vita.

Al contrario, la psicologia odierna dice: “Conosci te stesso, acquisisci una nuova fiducia in te stesso e imparerai a pensare di nuovo”.C’è qualcosa di vero, però per conoscere noi stessi dobbiamo conoscere perché è il nostro creatore.

Anche l’esoterismo non mi porta oltre. Nel pensiero positivo dell’area esoterica New Age, il focus è sul sé. L’uomo creerebbe la realtà attraverso il suo pensiero positivo. Nella fede biblica, invece, Dio Onnipotente è al centro. Non stiamo creandonoi, ma Dio. Confidiamo in Dio e non nel nostro pensiero positivo.

Possiamo conoscere Dio leggendo la Bibbia, studiare come ha agito Gesù nelle rispettive situazioni. Abbiamo bisogno della relazione personale e viva con Gesù e ci riempiamo dei suoi pensieri di gioia, pace, speranza, fiducia, grazia, perdono. In questo modo possiamo lasciare andare il passato e portarlo a Gesù sotto la croce. Brutte esperienze, crisi che abbiamo vissuto, l’inconscio non deve più appesantire la nostra vita.

“Non pensare più a ciò che era prima, a ciò che è passato, a cui non dovresti prestare attenzione. Guarda qui, ora sto facendo qualcosa di nuovo. Sta già emergendo, non te ne accorgi?” (Dio in Isaia capitolo 43, versetti 18-19) “

“La parola di Dio è viva ed efficace. È più affilata della spada più affilata e penetra nei nostri pensieri e desideri più intimi. Rivela chi siamo veramente e rivela il nostro cuore a Dio” Ebrei 4,12

Utensili

  • preghiera

Nella preghiera possiamo dirigere i nostri pensieri a Dio, dare a lui tutti i pensieri negativi, tutto ciò che ci pesa e ricevere pace e buoni pensieri.

  • Lodare e ringraziare
  • Quando adottiamo un atteggiamento grato, dirigiamo i nostri pensieri verso il bene della nostra vita, i pensieri negativi perdono il loro potere.
  • Parola di Dio, la Bibbia
  • La verità della parola di Dio ha il potere di distruggere le bugie in cui crediamo.

Quando abbiamo una scarsa autostima, pensiamo a ciò che non possiamo e non siamo, leggiamo i seguenti versetti e li accettiamo per noi stessi nella fede:

“Signore, grazie per avermi reso così meraviglioso e unico! Tutto quello che hai creato è fantastico – posso dirlo! “Salmo 139:14 “

Quanto sono grandi i tuoi pensieri per me, o Dio, sono tanti!” Salmo 139:17 ”

Quando ci preoccupiamo, rispondiamo ai nostri pensieri con la seguente verità:

“Per questo ti dico: non preoccuparti della tua vita, se hai qualcosa da mangiare o da bere, e del tuo corpo, se hai qualcosa da indossare! La vita è più del cibo e delle bevande, e il corpo è più del vestito! Guarda gli uccelli! Non seminano, non raccolgono, non raccolgono provviste, ma il vostro Padre Celeste si prende cura di loro. E tu per lui vali molto di più degli uccelli! Quanti di voi possono preoccuparsi di aggiungere un giorno alla propria vita? E perché ti preoccupi di cosa indossare? Guarda come crescono i fiori nei campi! Non lavorano né si vestono da soli, ma vi dico che nemmeno Salomone, con tutte le sue ricchezze, era vestito splendidamente come nessuno di loro. Se Dio equipaggia anche i fiori selvatici che sbocciano oggi e saranno bruciati domani, non si preoccuperà di te di più? Hai così poca fiducia? Quindi non preoccuparti! Non chiedete: “Cosa dovremmo mangiare?” “Cosa dovremmo bere?” “Cosa dovremmo indossare?” Le persone che non conoscono Dio affliggono tutto questo. Il tuo Padre celeste sa che hai bisogno di tutto questo. Assicurati di sottometterti prima alla sua regola e fai ciò che ti chiede, quindi ti fornirà tutto il resto. Quindi non tormentatevi con pensieri di domani; domani si prenderà cura di sé. Basta che ogni giorno abbia il suo fardello.”“ Matteo 6:25-34

Quando abbiamo paura, Dio parla nella sua parola:

“Dio non ci ha dato uno spirito di paura, ma uno spirito di forza, amore e prudenza” 2 Timoteo 1:7

Non temere perché io sono con te. Non cercare con ansia aiuto, perché io sono il tuo Dio “Isaia 41:10

Se siamo giù, tristi, abbiamo sempre una nuova speranza, perché:

“La gioia del Signore è la mia forza” Neemia 8:10

“Essere vicino a Dio è la mia felicità” Salmo 73:28

Quando siamo malati:

“In effetti, ha portato la nostra malattia e ci ha gravato dei nostri dolori. Siamo guariti per le sue ferite “Isaia 53: 4-5

Quando ci prendiamo cura dei nostri figli:

“Beati i figli dei giusti (quelli che credono in Dio)” Salmo 112: 2

Se siamo d’accordo con i pensieri di Dio e pensiamo sempre di più come lui pensa, più può lavorare in noi, rispondere alle nostre preghiere e cambiarci.

“Non conformarti agli pensieri di questo mondo, ma lascia che Dio ti cambi in modo che tutto il tuo pensiero sia riallineato. Solo allora puoi giudicare qual è la volontà di Dio, ciò che è buono e perfetto e ciò che gli piace ”Romani 12: 2

“Usiamo le potenti armi di Dio e non le armi mondane per distruggere le strutture del pensiero umano.” 2 Corinzi 10:4

Ad ogni pensiero sbagliato opponiamo la verità di Dio, non è facile, è una lotta quotidiana e ancora e ancora una decisione. Fermare i pensieri, non permettere a tutti i pensieri che ci vengono in mente e anche prestare attenzione a ciò che stiamo facendo, ciò che stiamo guardando, ciò che stiamo leggendo, a quali pensieri diamo spazio e lasciamo andare ciò per cui non va bene noi. Quando i nostri pensieri ruotano costantemente intorno a noi stessi, a ciò che ci manca, a ciò che vogliamo, ecc., possiamo chiedere a Dio delle persone per le quali possiamo fare qualcosa di buono. Pensare agli altri, aiutare qualcuno, avere una buona parola per i nostri simili ci libera da noi stessi ed essere lì per gli altri e fare del bene cambia in meglio i nostri pensieri.

“Ama il tuo prossimo come te stesso” Marco 12:31

Focalizza i tuoi pensieri interamente su quelle cose che sono vere e degne, giuste, pure e indecenti, e meritano l’approvazione generale; trattare con ciò che è esemplare e giustamente lodato. In tutto ciò che fai, conserva il messaggio che ti è stato dato e che hai accettato; vivi come ti ho detto e come ho vissuto io. Allora sarà con te il Dio della pace. “Filippesi 4: 8-9

Pensare positivo?! – mondo del pensiero

Lesedauer 6 Minuten

Ogni giorno ci troviamo di fronte a una marea di pensieri. Pensiamo ogni secondo, ci occupiamo del futuro, del passato, del qui e ora, pensiamo a noi stessi e agli altri, al positivo e al negativo. Pensiamo consapevolmente, ma spesso i pensieri ci rotolano addosso. Nella Bibbia ho letto il seguente versetto sul potere del pensiero:

“Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita.” Sprüche 4,23

Quindi i nostri pensieri influenzano la nostra vita. I pensieri determinano i nostri sentimenti, guidano le nostre azioni, controllano il nostro comportamento. Ecco perché è così importante prestare attenzione a ciò a cui pensiamo, con cosa abbiamo a che fare, quali pensieri permettiamo e lasciamo entrare in noi. Perché non arrivano solo i pensieri buoni, ma anche quelli cattivi. pensieri negativi su di me sui miei simili a proposito del futuro sul passato Non tutti i pensieri vengono da Dio.

Da dove vengono questi pensieri negativi?

Possono nascere da esperienze passate. Possono essere impronte o credenze che abbiamo appreso. Può anche essere che dobbiamo lottare con problemi, ad esempio sul lavoro, nella famiglia o che siamo colpiti da una malattia. La Bibbia parla spesso di una battaglia spirituale che dobbiamo combattere. Oltre al mondo visibile, sono convinta che esista anche un mondo spirituale, invisibile, in cui si combatte tra il bene e il male, tra le potenze del diavolo e le potenze di Dio. Questo è un altro motivo per cui lottiamo così spesso con i pensieri negativi. Il nemico vuole derubarci di tutto il bene che Dio ci dona.

“Siate sobri e vigili! Il tuo avversario, il diavolo, va in giro come un leone ruggente cercando qualcuno da divorare” (1 Pietro capitolo 5, versetto 8)

L’unico potere che il nemico ha su di noi è di gridare nelle nostre menti, di confondere le nostre menti in modo che non possiamo vedere la verità di Dio.

Cosa fanno i pensieri negativi?

I pensieri negativi ci fanno stare male. Se lasciamo che i nostri pensieri facciano il loro corso e non li controlliamo, si possono costruire schemi di pensiero negativi, come la Bibbia parla di fortezze. Le conseguenze sono preoccupazioni, paure, depressione, cattiva autostima (immagine di sé), ruolo di vittima (lagnarsi continuamente o voler incolpare gli altri).

Come posso superare i pensieri negativi, quali strumenti ricevo da Dio?

Nella Parola di Dio si dice che abbiamo bisogno di rinnovare il nostro modo di pensare, un atteggiamento centrato su Dio cambia la nostra vita.

“Lasciati cambiare nel tuo pensiero e riorientarti completamente interiormente” Efesini 4:23

Il rinnovamento dei miei pensieri non avviene dall’oggi al domani, è un processo. Può succedere che ricadiamo nei vecchi schemi di pensiero che abbiamo costruito nel corso degli anni. Passo dopo passo insieme a Gesù possiamo far crollare questi muri di pensiero e decidere ogni giorno per i pensieri di Dio, s esprimendo i suoi buoni pensieri sulla nostra vita.

Al contrario, la psicologia odierna dice: “Conosci te stesso, acquisisci una nuova fiducia in te stesso e imparerai a pensare di nuovo”.C’è qualcosa di vero, però per conoscere noi stessi dobbiamo conoscere perché è il nostro creatore.

Anche l’esoterismo non mi porta oltre. Nel pensiero positivo dell’area esoterica New Age, il focus è sul sé. L’uomo creerebbe la realtà attraverso il suo pensiero positivo. Nella fede biblica, invece, Dio Onnipotente è al centro. Non stiamo creandonoi, ma Dio. Confidiamo in Dio e non nel nostro pensiero positivo.

Possiamo conoscere Dio leggendo la Bibbia, studiare come ha agito Gesù nelle rispettive situazioni. Abbiamo bisogno della relazione personale e viva con Gesù e ci riempiamo dei suoi pensieri di gioia, pace, speranza, fiducia, grazia, perdono. In questo modo possiamo lasciare andare il passato e portarlo a Gesù sotto la croce. Brutte esperienze, crisi che abbiamo vissuto, l’inconscio non deve più appesantire la nostra vita.

“Non pensare più a ciò che era prima, a ciò che è passato, a cui non dovresti prestare attenzione. Guarda qui, ora sto facendo qualcosa di nuovo. Sta già emergendo, non te ne accorgi?” (Dio in Isaia capitolo 43, versetti 18-19) “

“La parola di Dio è viva ed efficace. È più affilata della spada più affilata e penetra nei nostri pensieri e desideri più intimi. Rivela chi siamo veramente e rivela il nostro cuore a Dio” Ebrei 4,12

Utensili

  • preghiera

Nella preghiera possiamo dirigere i nostri pensieri a Dio, dare a lui tutti i pensieri negativi, tutto ciò che ci pesa e ricevere pace e buoni pensieri.

  • Lodare e ringraziare
  • Quando adottiamo un atteggiamento grato, dirigiamo i nostri pensieri verso il bene della nostra vita, i pensieri negativi perdono il loro potere.
  • Parola di Dio, la Bibbia
  • La verità della parola di Dio ha il potere di distruggere le bugie in cui crediamo.

Quando abbiamo una scarsa autostima, pensiamo a ciò che non possiamo e non siamo, leggiamo i seguenti versetti e li accettiamo per noi stessi nella fede:

“Signore, grazie per avermi reso così meraviglioso e unico! Tutto quello che hai creato è fantastico – posso dirlo! “Salmo 139:14 “

Quanto sono grandi i tuoi pensieri per me, o Dio, sono tanti!” Salmo 139:17 ”

Quando ci preoccupiamo, rispondiamo ai nostri pensieri con la seguente verità:

“Per questo ti dico: non preoccuparti della tua vita, se hai qualcosa da mangiare o da bere, e del tuo corpo, se hai qualcosa da indossare! La vita è più del cibo e delle bevande, e il corpo è più del vestito! Guarda gli uccelli! Non seminano, non raccolgono, non raccolgono provviste, ma il vostro Padre Celeste si prende cura di loro. E tu per lui vali molto di più degli uccelli! Quanti di voi possono preoccuparsi di aggiungere un giorno alla propria vita? E perché ti preoccupi di cosa indossare? Guarda come crescono i fiori nei campi! Non lavorano né si vestono da soli, ma vi dico che nemmeno Salomone, con tutte le sue ricchezze, era vestito splendidamente come nessuno di loro. Se Dio equipaggia anche i fiori selvatici che sbocciano oggi e saranno bruciati domani, non si preoccuperà di te di più? Hai così poca fiducia? Quindi non preoccuparti! Non chiedete: “Cosa dovremmo mangiare?” “Cosa dovremmo bere?” “Cosa dovremmo indossare?” Le persone che non conoscono Dio affliggono tutto questo. Il tuo Padre celeste sa che hai bisogno di tutto questo. Assicurati di sottometterti prima alla sua regola e fai ciò che ti chiede, quindi ti fornirà tutto il resto. Quindi non tormentatevi con pensieri di domani; domani si prenderà cura di sé. Basta che ogni giorno abbia il suo fardello.”“ Matteo 6:25-34

Quando abbiamo paura, Dio parla nella sua parola:

“Dio non ci ha dato uno spirito di paura, ma uno spirito di forza, amore e prudenza” 2 Timoteo 1:7

Non temere perché io sono con te. Non cercare con ansia aiuto, perché io sono il tuo Dio “Isaia 41:10

Se siamo giù, tristi, abbiamo sempre una nuova speranza, perché:

“La gioia del Signore è la mia forza” Neemia 8:10

“Essere vicino a Dio è la mia felicità” Salmo 73:28

Quando siamo malati:

“In effetti, ha portato la nostra malattia e ci ha gravato dei nostri dolori. Siamo guariti per le sue ferite “Isaia 53: 4-5

Quando ci prendiamo cura dei nostri figli:

“Beati i figli dei giusti (quelli che credono in Dio)” Salmo 112: 2

Se siamo d’accordo con i pensieri di Dio e pensiamo sempre di più come lui pensa, più può lavorare in noi, rispondere alle nostre preghiere e cambiarci.

“Non conformarti agli pensieri di questo mondo, ma lascia che Dio ti cambi in modo che tutto il tuo pensiero sia riallineato. Solo allora puoi giudicare qual è la volontà di Dio, ciò che è buono e perfetto e ciò che gli piace ”Romani 12: 2

“Usiamo le potenti armi di Dio e non le armi mondane per distruggere le strutture del pensiero umano.” 2 Corinzi 10:4

Ad ogni pensiero sbagliato opponiamo la verità di Dio, non è facile, è una lotta quotidiana e ancora e ancora una decisione. Fermare i pensieri, non permettere a tutti i pensieri che ci vengono in mente e anche prestare attenzione a ciò che stiamo facendo, ciò che stiamo guardando, ciò che stiamo leggendo, a quali pensieri diamo spazio e lasciamo andare ciò per cui non va bene noi. Quando i nostri pensieri ruotano costantemente intorno a noi stessi, a ciò che ci manca, a ciò che vogliamo, ecc., possiamo chiedere a Dio delle persone per le quali possiamo fare qualcosa di buono. Pensare agli altri, aiutare qualcuno, avere una buona parola per i nostri simili ci libera da noi stessi ed essere lì per gli altri e fare del bene cambia in meglio i nostri pensieri.

“Ama il tuo prossimo come te stesso” Marco 12:31

Focalizza i tuoi pensieri interamente su quelle cose che sono vere e degne, giuste, pure e indecenti, e meritano l’approvazione generale; trattare con ciò che è esemplare e giustamente lodato. In tutto ciò che fai, conserva il messaggio che ti è stato dato e che hai accettato; vivi come ti ho detto e come ho vissuto io. Allora sarà con te il Dio della pace. “Filippesi 4: 8-9

Sale della terra

Lesedauer 4 Minuten

C’era una volta un re che aveva tre figlie, amava tutte moltissimo, ma di più la figlia giovane. Voleva sapere se le figlie avrebbero ricambiato il suo amore e ha chiesto loro un segno del loro amore. Il giorno dopo vennero da lui. La maggiore aveva in mano una ciotola di zucchero e gli disse: ti amo quanto questo zucchero. Il padre ne era molto contento. Quella di mezzo aveva in mano un vasetto di miele e gli disse: Ti amo come questo miele. Il padre ne fu felice e poi guardò con aspettativa la figlia più giovane. Aveva in mano una tavola con sopra un po’ di sale e disse a suo padre: Ti amo tanto quanto questo sale. Papà non se lo aspettava. Se questo è il tuo amore per me, non sei più mia figlia, disse con rabbia. Ha dovuto lasciare la corte reale e andare nel mondo. Dopo aver vagato a lungo, riuscì finalmente a lavorare come semplice sguattera in un’altra corte reale. Nessuno la conosceva lì, e lei doveva fare il più basso dei servizi. Ma attraverso la sua natura gentile e amabile e la sua grazia, ottenne l’affetto di tutti coloro con cui aveva a che fare, e infine anche l’amore del figlio del re. Voleva sposarla, come in una fiaba. Molti re, incluso il padre della sposa, furono invitati al matrimonio. Ma nessuno sapeva chi fosse veramente la sposa, nemmeno il figlio del re, e di certo non suo padre. I piatti serviti avevano un sapore meraviglioso. Ma quando il padre della sposa prese il primo boccone dal piatto, dovette sputarlo subito; aveva un sapore così cattivo. Ha chiesto ai suoi vicini di tavola di poter assaggiare i loro piatti – e il loro cibo era delizioso. Allora il re balzò in piedi con rabbia e gridò che erano stati ingannati e volevano lasciare il matrimonio. Il padre dello sposo si avvicinò sgomento e quando assaggiò il cibo dovette sputarlo anche lui. Allora esclamò con rabbia: Chiunque avrà fatto questo, sarà punito con la morte per questo. Allora la sposa si è alzata e ha detto: ho preparato il piatto e invece di condirlo con sale ho condito con zucchero e miele, e ha raccontato tutta la storia… Questa favola parla dell’importanza del sale per la nostra vita.

Il sale è un minerale importante e prezioso per il nostro organismo. Dà sapore e ha un effetto curativo e purificante Sale disinfetta. Il sale è un conservante, rende il cibo durevole Il sale è vitale. Il sale fa venire sete. Quindi il sale fa una differenza cruciale.

Nella Bibbia nel Vangelo di Matteo, capitolo 5:13, Gesù disse ai suoi discepoli:

“Siete il sale della terra.”

Quindi dice loro: potete fare una differenza, diffondere spezie e gusto, preservare la vita, portare un messaggio di guarigione nel mondo. Dice che loro sono il sale della terra, non lo saranno. In tal modo, dà loro un’identità e una missione. Gesù non dice queste parole a tutti, ma a chi crede in lui, lo segue, lo conosce, chi ha una relazione con lui. La fede è molto più che credere semplicemente che Dio esiste. La vera fede porta a una relazione con Dio. È proprio questo rapporto che fa la differenza, è il sale nella zuppa.

“A quanti l’hanno accolto e hanno creduto nel suo nome ha dato il diritto di diventare figli di Dio.” Giovanni 1:12 1:

In una relazione ci si conosce, si mantiene un contatto regolare, si trascorre del tempo insieme, ci si interessa uno dell’altro, si scambiano idee, si parla e si comunica, si ha il desiderio di fare qualcosa per l’altro, si lascia l’altro partecipare alla propria vita, si e’ vicini e la fiducia nell’altro c’è. È la stessa cosa nel rapporto con Dio. La comunione con Gesù influenzò e plasmò i discepoli e ciò era evidente anche al mondo esterno.

“Ciò che coltivi dentro di te sarà visibile.” Johannes Hartl

Quindi, quando abbiamo una relazione viva con Dio, diventiamo figli di Dio e siamo il sale della terra. Attraverso la connessione con Dio, quando Dio vive in noi, portiamo in noi le proprietà del sale.

“Il sale è buono per insaporire. Ma se perde il suo sapore, come puoi renderlo di nuovo salato? Devi avere in te la qualità del sale e vivere in pace gli uni con gli altri ”Marco 9:50

E così possiamo fare la differenza nel nostro ambiente. Come figli di Dio, siamo benedetti e possiamo essere una benedizione per gli altri. L’amore di Dio per noi ci rende importanti e preziosi e quindi possiamo amare anche gli altri. Siamo guariti attraverso Gesù e possiamo anche pregare per la guarigione per i nostri vicini. Attraverso Gesù siamo liberi dalla colpa e puri e possiamo anche perdonare. Credendo in Gesù abbiamo il messaggio salvifico in noi e lo possiamo dividere. Essendo il sale della terra, possiamo far assetare gli altri attraverso il nostro essere. Assetarli dell’acqua della vita. Basta un po’ di sale per fare un cambiamento, non ci vogliono grandi parole o fatti, basta essere consapevoli che Cristo vive in noi e che la sua potenza è all’opera in noi.

“La tua parola sia sempre dolce e condita con sale, affinché tu sappia rispondere a ciascuno.” Colossesi 4:6

“Siete il sale della terra. Se il sale non sala più, cosa dovresti usare per salare? Non serve più che essere buttato via e lasciare che la gente lo schiacci. Sei la luce del mondo. La città su una collina non può essere nascosta. Né accendi una luce e la metti sotto il moggio, ma sopra un candelabro; così risplende per tutti coloro che sono in casa. Lascia che la tua luce risplenda davanti alle persone affinché possano vedere le tue buone opere e lodare il tuo Padre celeste. “Matteo 5: 13-16

Empatia

Lesedauer 2 Minuten

L’empatia descrive la capacità e la volontà di riconoscere, comprendere ed entrare in empatia con le sensazioni, le emozioni, i pensieri, le motivazioni e i tratti della personalità di un’altra persona. È bello quando incontriamo persone che mostrano compassione e possono entrare in empatia con gli altri, gioire con noi nei momenti buoni e simpatizzare con noi nei momenti difficili. Di conseguenza, la gioia diventa più grande, come è noto, la gioia condivisa è doppia gioia e la tristezza diventa più leggera. La compassione è molto importante in tutte le nostre relazioni e incontri. L’empatia ci aiuta ad affrontare i conflitti e le persone che la pensano diversamente da noi stessi.

Gli scienziati hanno scoperto che le persone empatiche vivono vite più lunghe e più felici. Poiché l’empatia non è sempre una cosa ovvia nella nostra vita quotidiana, dobbiamo decidere di liberarci del nostro egocentrismo e di essere coinvolti con altre persone.

“Tratta le persone come vorresti che trattassero te” Luca 6:31

Per me, il miglior modello di empatia è Gesù. Aveva compassione e amore per tutte le persone. Ad esempio, prese da parte un sordo e lo guarì lontano dalla folla. Non voleva esporlo o rendersi grande. Nella Bibbia, nel capitolo 7 di Luca, leggiamo la storia di quando Gesù incontrò una vedova il cui unico figlio era appena morto. Nel versetto 13 possiamo leggere:

“Quando il Signore Gesù vide la donna, fu profondamente commosso dalla sua sofferenza. “Non piangere!” La consolò. “Luca 7:13

Un altro episodio è la storia di Lazzaro. Nelle scritture leggiamo:

“Gesù amava Marta, sua sorella [Maria] e [suo fratello] Lazzaro.” Quando Lazzaro si ammalò, mandarono a chiamare Gesù, ma quando arrivò, Lazzaro era già morto. Maria andò incontro a Gesù, cadde ai suoi piedi e pianse. Quando Gesù vide Maria piangere, “era profondamente commosso e scosso [e] pianse” Giovanni 11: 33-35

Così Dio è con noi anche oggi, pieno di amore, misericordia, compassione, è con noi nella gioia e nel dolore. Conosce i nostri sentimenti. Gesù può entrare in empatia con noi, ha vissuto ogni emozione che possiamo solo immaginare quando viveva su questa terra. Conosce gioia, tristezza, paura, coraggio, disperazione, rifiuto, impotenza, sofferenza, debolezza, forza, rabbia, rabbia, disperazione, sicurezza, sicurezza, ecc. Il nostro Dio è un Dio compassionevole che ci comprende. La sua compassione per noi è più grande di qualsiasi cosa possa mai accaderci. Si è umiliato, ha deposto la sua gloria ed è nato uomo per starci vicino.

“Anche se era uguale a Dio in ogni modo, non si aggrappava egoisticamente a essere come Dio. No, vi rinunciò e divenne come uno schiavo: nacque come qualsiasi altra persona ed era in tutto una persona come noi” Fil 2, 6-7

Gesù, il Figlio di Dio, si sentiva come noi e piangeva come noi. Eppure ha dato la sua vita sulla croce per salvare le nostre. Gesù è la nostra guida per trattare con le altre persone. Proprio come ci aspettiamo empatia e compassione dagli altri, possiamo anche trasmetterla ai nostri simili, specialmente quando diventiamo consapevoli di ciò che Dio ha fatto per noi. Invece di criticare, giudicare o dire cose cattive l’uno sull’altro, possiamo imparare a entrare in empatia con l’altro, capire le sue emozioni ed essere compassionevoli.

La vera saggezza

Lesedauer 3 Minuten

La saggezza descrive principalmente una profonda comprensione delle interrelazioni nella natura, nella vita e nella società, nonché la capacità di identificare la linea d’azione più coerente e significativa in caso di problemi e sfide. Vale la pena lottare per la saggezza, ne abbiamo bisogno nelle decisioni che prendiamo nella nostra vita e anche nei rapporti con le altre persone.

“Acquisire sapienza è meglio dell’oro, acquistare perspicacia è più nobile dell’argento.” Proverbi 16:16

Ma da dove viene la saggezza e come si acquisisce la saggezza? La saggezza deve essere identificata con molta conoscenza, una buona laurea/istruzione o con la nostra esperienza di vita? In situazioni in cui non sappiamo cosa fare dopo, possiamo acquisire conoscenze o chiedere consiglio a buoni amici che potrebbero aver avuto più esperienza in questa materia. Tutto questo ci aiuta, ma non è tutto. La vera saggezza viene da Dio, è un dono di Dio. La nostra saggezza umana è limitata, la saggezza di Dio è infinita.

“Poiché il Signore dà sapienza e dalla sua bocca escono conoscenza e intelligenza.” Proverbi 2:6

Nella Parola di Dio, nella Bibbia, possiamo leggere che la saggezza di Dio cè sempre stata. Anche prima che il mondo fosse creato.

“Io, la sapienza sono stata stabilita dall’eternità, dal principio, dalle origini della terra.” Proverbi 8:23

La nostra intera creazione è nata attraverso la saggezza di Dio, l’intero universo con tutti i pianeti, le stelle, così come la vita delle persone e degli animali sulla nostra terra. Quando guardo la creazione a come Dio ha creato meravigliosamente ogni cosa, posso solo essere stupita. La diversità, la bellezza e l’ordine in tutte le cose mi fanno realizzare la saggezza di Dio.

“Oh che profonda ricchezza, sapienza e conoscenza di Dio.” Romani 11:33

La grandezza, la potenza e la saggezza di Dio rendono il mio cuore umile e timorato di Dio. “L’inizio della sapienza è il timore del Signore” Proverbi 9:10

Oltre alla creazione, trovo anche la saggezza di Dio nella sua parola nella Bibbia. Quando medito sulle Scritture, le faccio entrare nel mio cuore e le applico nella mia vita, i pensieri di Dio mi aiutano a prendere buone decisioni nella vita di tutti i giorni, ad agire con saggezza in situazioni difficili ea trattare gli altri con il favore di Dio. La parola di Dio è piena di verità e saggezza che rinnovano i miei pensieri e mi danno una nuova prospettiva. Posso leggere la Bibbia ancora e ancora e ogni volta scoprirò qualcosa di nuovo in essa, riconoscerò nuove connessioni e lasciarmi cambiare di nuovo. La saggezza di Dio in questo è così profonda e infinita che non riesco mai a scandagliarla completamente nella mia vita, rimane frammentaria.

“La Bibbia è una fonte di pensieri positivi. Chi si lascia plasmare da essa troverà in essa saggezza, fiducia e speranza. “Citazione da John Graz

Troviamo tutta la pienezza della sapienza in Gesù Cristo. In lui sono nascosti tutti i tesori della saggezza e della conoscenza.

“Sono ricco in Gesù Cristo e cresciuto nella sua abbondanza. Egli è diventato per me sapienza, giustizia, santità e redenzione. ”1 Corinzi 1:30

In Gesù la sapienza di Dio diventa visibile nel mondo. Ha vissuto la sua vita sulla terra piena della sapienza di Dio, in tutte le situazioni e con tutte le persone ha agito con saggezza e prudenza, sempre con lo sguardo rivolto a Dio Padre. Non era guidato dai suoi sentimenti, pensieri o desideri, ma dalla saggezza di Dio.

“Ma la sapienza che viene da Dio è anzitutto sincera; inoltre, cerca la pace, è amichevole, pronta a cedere e lascia che si dica qualcosa. Ha compassione per gli altri e fa del bene; è imparziale, senza pregiudizi e senza alcuna ipocrisia. “Giacomo 3:17

Voglio allineare sempre di più la mia vita alla saggezza di Dio, fidarmi di lui e allineare i miei pensieri con i suoi pensieri.

“Poiché i miei pensieri non sono i vostri pensieri e le vostre vie non sono le mie vie, dice il Signore. Isaia 55: 8

Rimanere aperta e curiosa riguardo alle parole di Dio e dirigere il mio comportamento secondo le intuizioni acquisite, e continuare a crescere in saggezza e conoscenza e chiedere a Dio di aiutarmi.

“Ma se qualcuno di voi manca di sapienza, la chieda a Dio, che dona a tutti con gioia e senza biasimo, e gli sarà data.” Giacomo 1:15

“La definizione biblica di saggezza è vedere le cose come le vede Dio. Una persona è saggia quando può vedere ogni circostanza della vita con gli occhi di Dio. Ma per poter vedere in questo modo, Dio deve rinnovare il nostro pensiero. ”Citazione di Hans-Peter-Royer

“Quindi la saggezza fa bene alla tua anima. Se la trovi, alla fine starai bene e la tua speranza non sarà vana. Proverbi 24:14

Pazienza

Lesedauer 2 Minuten

La parola pazienza descrive la capacità di aspettare o di sopportare qualcosa. Colui che è disposto a vivere con desideri insoddisfatti o a metterli consapevolmente in attesa dimostra di essere paziente. Questa capacità è strettamente correlata alla capacità di sperare. Pazienti sono anche coloro che sopportano difficoltà, sofferenze o situazioni fastidiose con serenità e fermezza).

La pazienza è una qualità di cui ognuno di noi ha bisogno ripetutamente nelle varie situazioni e circostanze della nostra vita. Hai bisogno di pazienza quando aspetti qualcosa, pazienza nelle difficoltà, pazienza con te stesso e pazienza con chi ti circonda. Le cose non sempre accadono così velocemente come te lo aspetti. Molte cose richiedono solo tempo. Proprio come è in natura, è anche con noi umani.

“La pazienza è la capacità di dare a qualcosa di il tempo per crescere. Non posso urlare alla piantina e biasimarla per non essere una bella pianta che rifiuta di rivelare la sua piena gloria. Dagli spazio, annaffiala nella giusta quantità di tanto in tanto e goditi i piccoli passi in cui prospera, per diventare ciò che è stato messo in esso – il suo destino “. Jan Dobutowitsch

Il destino dato da Dio di una pianta è fiorire. Quindi credo che Dio abbia un buon piano anche per te e per la tua vita. Se credi in questo, hai speranza e la speranza è associata alla pazienza.

“Ma la pazienza approfondisce e rafforza la nostra fede, e questo a sua volta rafforza la nostra speranza. Ma questa speranza non si risolve in nulla. Perché lo Spirito Santo ci è stato dato e per mezzo di lui Dio ha riempito i nostri cuori del suo amore “.

La fede in Dio rafforza la mia pazienza. Credo che tutto accadrà nel “suo” tempo e vivo nella fiducia che il suo buon piano si realizzerà nella mia vita. Questa certezza mi dà serenità e pace, anche nei tempi di attesa e nelle situazioni difficili.

“Dal conoscere Dio deriva l’autocontrollo. La pazienza nasce dall’autocontrollo e da una vita di fede nella gloria di Dio dalla pazienza. “2. Pietro 1,6

“Ma se speriamo in qualcosa che non abbiamo ancora visto, dobbiamo aspettare con pazienza e fiducia”. Romani 8:25

Non è sempre facile essere pazienti. Può darsi che preghi per una causa da molto tempo, ma non è cambiato nulla. Non dovresti perdere coraggio e fede, ma rimanere saldo nella preghiera e mettere tutto nelle mani di Dio. Puoi fare affidamento su Dio che ti dà la pazienza. La pazienza è un frutto dello Spirito Santo che vive in te da quando hai invitato Gesù nel tuo cuore (Galati 5:22).

Se non hai mai invitato Gesù nel tuo cuore, dai un’occhiata a questa pagina:

Diventare figlio di Dio

Dio di dà pazienza con te stesso e con i tuoi simili.

“Dio, che dà questa pazienza e incoraggiamento, dovrebbe aiutarvi a essere uniti e a vivere in pace gli uni con gli altri. Trattatevi l’un l’altro come Cristo esemplificato. “Romani 15,5

In tutto questo puoi essere sicuro che Dio ti conosce ed è con te in tutte le situazioni che devi affrontare. Ti ama ed è felice di ogni piccolo passo che fai e del tuo prosperare e crescere nella fede.

“Conosco tutto quello che fai – conosco il tuo amore, la tua fede, il tuo servizio e la tua pazienza. E vedo che continui a fare progressi in questo ”. Apocalisse 2:19 “

E attraverso la pazienza resisterai fino alla fine, perché allora la tua fede raggiungerà la piena maturità e sarà perfetta e non ti mancherà nulla” Giacomo 1: 4