Intervista a dio

Sprachen de en

Lesedauer 2 Minuten

Intervista a Dio (di Beth Alves)

Ho sognato di avere un colloquio con Dio. “Entra”, disse Dio. “Quindi vuoi chiedermi qualcosa?” “Solo se hai tempo per me”, dissi. Dio rise e disse: “Il mio tempo è l’eternità ed è abbastanza per tutto. – Quali domande vorresti farmi? “E io ho chiesto:” Qual è la cosa più sorprendente delle persone? “Dio rispose:” …

che trovano così noioso essere bambini e vogliono crescere e quindi desiderare di nuovo essere bambini ……

che rovinano la loro salute per fare un sacco di soldi e poi investono tutti i loro soldi per guarire di nuovo ……

che si preoccupano così tanto del futuro che dimenticano il presente e quindi non vivono adeguatamente nel presente né nel futuro …

che vivono come se non morissero mai e che morissero come se non fossero mai vissuti … ”Poi Dio mi prese la mano e rimasero in silenzio per un po ‘. –

poi ho chiesto: “Cosa intendi come padre, quali lezioni dovrebbero sicuramente imparare i tuoi figli per la vita?” Dio rispose con un sorriso: “Dovresti imparare che non possono costringere nessuno ad amarli, ma cosa possono fare, è essere amato …

che la cosa più preziosa non è ciò che hanno nella vita, ma chi hanno nella loro vita ……

che confrontarsi con gli altri non è abbastanza. Ognuno sarà valutato individualmente in base alle proprie opere e non rispetto a un gruppo …

che una persona ricca non è quella che possiede di più, ma che ha bisogno di meno …

dovrebbero imparare che una persona che ami può essere ferita molto profondamente in pochi secondi, ma che ci vogliono molti anni per guarirla di nuovo …

a perdonare praticando il perdono … che sono profondamente amati da alcune persone che non sanno come mostrare o esprimere i propri sentimenti ……

che con un sacco di soldi puoi comprare tutto tranne la felicità …

che due persone guardano la stessa cosa e possono vederle in modo completamente diverso …

che un vero amico è qualcuno che sa tutto di te –

e ti ama ancora …

che non è sempre sufficiente ricevere il perdono dagli altri, ma che devono anche perdonare se stessi … ”Rimasi seduto lì per un po ‘e mi godetti il ​​momento. L’ho ringraziato per il tempo e per tutto quello che ha fatto per me e la mia famiglia, e ha risposto: “Ogni volta che sono qui, ventiquattro ore al giorno. Tutto quello che devi fare è chiedere di me e io risponderò “.

Rispondi