Portare frutta

Sprachen de en

Lesedauer 2 Minuten

Cosa significa portare frutta? A cosa pensiamo prima di tutto quando sentiamo queste parole? La maggior parte di noi probabilmente associa “portare frutta” alla performance. Portiamo frutta quando “portiamo” qualcosa, facciamo qualcosa, quando portiamo la nostra forza e qualcosa emerge da essa. Poiché le prestazioni sono importanti e previste in molte aree come la scuola, il lavoro, la casa, ecc., questo significato è spesso il primo che ci viene in mente. Nella nostra vita quotidiana siamo costantemente sfidati, gli studenti dovrebbero ottenere buoni voti, il lavoratore dovrebbe fare un buon lavoro e la casalinga dovrebbe portare il cibo in tavola in tempo.

Anche nella Bibbia Gesù parla di portare frutta e che siamo destinati a portare frutta. In Giovanni 15: 1-5 leggiamo:

“Io sono la vera vite e mio padre è il viticoltore. Ogni tralcio di me che non porta frutta, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutta, lo taglia e lo purifica perché porti ancora più frutta Tuttavia, sei già pulito perché hai ascoltato e accettato la mia parola. Rimani in me e io resto in te! Una vite non può portare frutto da sola; deve rimanere sulla vite. Neanche tu puoi portare frutta se non rimani connesso a me. Io sono la vite; voi siete le viti. Chi rimane in me e io in lui porta frutti abbondanti. Perché a parte me non potete fare niente “.

Come cresce la frutta in natura? Un seme viene seminato, una vite cresce e forma i tralci che sono collegati alla vite. Un tralcio non può produrre frutti da se stesso. Gesù fa un paragone. Lui è la vite, Dio Padre è il vignaiolo e ogni persona che ha ascoltato e accettato la parola di Dio è un tralcio. Come possiamo essere tralci che portano frutti? Nessun frutto può derivare dalla propria forza, dalle proprie prestazioni o azioni. Non siamo la radice che deve farsi strada attraverso pietre e rocce fino all’acqua e trattenere la pianta. Né siamo la tribù che deve procurarsi cibo e trasportare la pianta. Siamo i tralci che sono semplicemente attaccati alla vite e ricevono la linfa della pianta. È così che dovremmo rimanere in contatto con Gesù per portare frutta. Il rapporto con Gesù, rimanere in lui, è il presupposto perché il frutto cresca nella nostra vita.

I frutti che crescono su una vite hanno anche il loro scopo. L’uva è un alimento che rafforza le persone e porta anche i semi della vite e li trasmette. E così, se rimaniamo in contatto con Gesù, possiamo vivere nel nostro destino e sviluppare frutti che rafforzano e incoraggiano i nostri simili e trasmettono ciò che Gesù ci dà, il suo amore, la sua pace, la sua speranza, la sua luce. I frutti che derivano dalla connessione, il rapporto con Gesù sono scritti in Galati 5:22:

“Ma il frutto che lo spirito coltiva è: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, lealtà, dolcezza e autocontrollo”

Lo scopo di Dio per noi non sta nella prestazione e nel nostro “agire”, ma nell ‘”essere” figli di Dio e nel rendere Gesù, che vive in noi, visibile nelle nostre vite.

Rispondi