Pulizie di primavera

Lesedauer 2 Minuten

Ho iniziato le pulizie di primavera questa settimana. Vorrei ora usare il tempo per creare nuovamente un ordine completo. Stanza per stanza, armadio per armadio, cassetto per cassetto devo prima togliere ciò che non è più necessario. Nel tempo, si accumula molto che posso smaltire e mettere via.

Voglio fare questa azione non solo nella mia casa, ma soprattutto nel mio essere interiore, nel mio cuore, nella mia anima, nel mio spirito. Molto può accumularsi anche lì, che deve essere smaltito. Queste possono essere cattive abitudini, schemi, pensieri / sentimenti negativi o convinzioni che non vanno bene per me. Brutte esperienze, ferite, sensi di colpa: tutte queste sono cose che mi gravano e che non voglio più portare con me.

“Proverbi 4: 23-24:” Proteggi il tuo cuore più di ogni altra cosa; perché la fonte della vita ne deriva. “

Ma dove andare con tutti i carichi? Nuove cose possono emergere solo se lascio andare tutti i pesi dell’anima. C’è qualcuno che vuole che io sia libero e scaricato.

“Cristo ci ha liberati per la libertà” Galati 5: 1

Posso lasciar andare, portare i miei pesi da Gesù alla croce. È così che mi libero. In modo che possa emergere qualcosa di nuovo. Pensieri negativi sono abbattuti. Dio vuole rinnovare i miei pensieri con la sua verità, con il suo amore incondizionato, con la sua pace.

Non devo aggrapparmi a ciò che non è buono per me, ma metterlo nelle mani di Dio e riallineare i miei pensieri: ripensare. Lasciami riempire con i buoni pensieri di Dio su di me. Gesù è colui che salva, libera, ripristina, guarisce.

Guarda; Sto facendo qualcosa di nuovo; sta già germogliando. Non lo vedi? Mi faccio strada attraverso il deserto e creo fiumi nelle terre desolate. Isaia 43:19

Con lui posso riversare il mio cuore e lasciarmi riempire di nuova speranza.


Lancia tutti i tuoi pesi su Dio, perché si prende cura di te 1 Pietro 5: 7

Venite da me tutti voi che siete stanchi e che sopportate pesi grandi, vi darò riposo Matteo 11:28

Ogni giorno voglio dare a Dio nuovo spazio per vivere in me e avere lo sguardo su di lui. Gesú deve avere il primo posto nel mio cuore. Più forte è il rapporto con Dio, più sono nella sua presenza, più pace e tranquillità provo e più mi dà un cuore puro e costante.

“Sperimenterai la pace di Dio che è più grande di quanto la tua mente umana possa mai capire. La sua pace manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri nella fede in Gesù Cristo ”(Filippesi 4: 7)

Crisi come opportunità

Lesedauer 3 Minuten

Ci sono crisi in ogni vita, che possono essere crisi personali o colpire anche interi gruppi di popolazione. Attualmente sta colpendo il mondo intero attraverso il virus corona. L’economia, il turismo e la vita sociale si sono fermi in molti paesi. Le nostre vite sono cambiate molto al momento. Dobbiamo evitare i contatti sociali per impedire la diffusione del virus. Incontri con amici, incontri, sport, festival, teatro, cinema, servizi ecc. Non sono possibili. Possiamo uscire di casa solo se è necessario, per motivi di lavoro, per lo shopping o per motivi di salute.

C’è incertezza tra le persone, nessuno sa quanto durerà la situazione e come andrà a finire. Cos’altro dovremo fare, il sistema sanitario sarà in grado di resistere, come si svilupperà la situazione economica?

Tuttavia, questo tempo rallentato ti dà anche la possibilità di mettere in pausa e riflettere su ciò che conta davvero nella vita. Possiamo concentrarci sull’essenziale, stabilire nuove priorità, ripensare. Ora i valori della nostra società delle prestazioni non contano più – più alti, più veloci, più lontano -. Perfezionismo e pressione prestazionale. Ora conta disponibilità, coesione, solidarietà, rinunciare, prendersi cura gli uni degli altri e incoraggiarsi a vicenda .

“Prendiamoci cura gli uni degli altri! Vogliamo incoraggiarci a vicenda ad amarci e incoraggiarci a fare del bene ”. Ebrei 10:24

In tempi come questi, ci rendiamo anche conto di quanto possiamo essere soddisfatti e grati per tutto ciò che abbiamo e possiamo anche pensare al nostro comportamento da consumatori. Ora che la maggior parte dei negozi sono chiusi e possiamo acquistare solo ciò di cui abbiamo veramente bisogno, molte cose non sono più necessarie. Quindi notiamo in quale abbondanza viviamo effettivamente e quanto poco effettivamente abbiamo bisogno.

“Sii grato in ogni cosa” 1. Salonicchi 5:18

Ora che non possiamo più visitare i nostri amici, coltivare una comunità, i servizi non sono più disponibili, riconosciamo ancora di più il valore di buoni rapporti e amicizie che ci costruiscono e ci fanno bene.

“L’amicizia è un dono di Dio”

Ora che tutte le scuole sono chiuse e, a seconda del lavoro, alcuni genitori non vanno al lavoro, abbiamo molto tempo per coltivare la comunità nelle nostre famiglie e pensare ad attività comuni a casa.

Con il traffico a un punto morto, possiamo già vedere un miglioramento dei valori dell’aria, la natura può rigenerarsi, a Venezia le persone sono felici per l’acqua cristallina nei canali a causa del fatto che non ci sono più navi che navigano. A Trieste i delfini nuotano fino alla riva.

Possiamo anche vedere questa crisi come un’opportunità per pensare a ciò che alla fine ci dà davvero stabilità nella vita. Su cosa stiamo costruendo le nostre fondamenta, su chi o cosa ci dà sicurezza? Cosa rimane quando si perdono cose materiali, ricchezza, finanze, salute ecc. Chi è il nostro fornitore? Tutte queste cose sono impermanenti e non hanno presa.

“Ma sappiamo che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio” Romani 8:28:

Possiamo ricordare Dio Onnipotente, che ha creato il cielo e la terra, per lui nulla è impossibile, che è lo stesso ieri, oggi e per sempre. In tutte le nostre incertezze e preoccupazioni, possiamo fidarci di lui. È in questo momento in cui la nostra fede viene messa alla prova che vogliamo aggrapparci a Dio e confessare che Egli governa. Possiamo usare il tempo per pregare, leggere e proclamare la sua parola.

“La mia grazia è tutto ciò di cui hai bisogno. La mia forza si manifesta nella tua debolezza ”2 Corinzi 12: 9

Infine, un testo adatto che ho trovato su Internet (autore sconosciuto):

Il mondo si ferma e improvvisamente tutti abbiamo l’opportunità di ripensare le nostre vite, scoprire nuove parti in se stessi, prendere decisioni difficili e affrontare le paure … Improvvisamente le cose diventano importanti che abbiamo dato per scontato abbastanza a lungo: manca la vicinanza fisica alle persone, i contatti sociali, il privilegio di muoversi liberamente, viaggiare, una vita spensierata, sicurezza finanziaria e normalità … C’è un motivo per cui tutto è capovolto? È un grido di aiuto dalla natura che ha bisogno di una pausa da noi? Abbiamo perso il valore della vita? Devo solo ricordare ancora una volta l’importanza della nostra vita? In questa situazione eccezionale, ci conosciamo meglio e abbiamo l’opportunità di diventare un po ‘”migliori”, stabilire le priorità in modo diverso, trattare i nostri simili con rispetto e amore e, nella migliore delle ipotesi, riportare indietro i nostri bisogni …

In cerca di riconoscimento

Lesedauer 3 Minuten

La necessità di riconoscimento è uno dei bisogni umani fondamentali. Tutti vogliono essere visti, “riconosciuti” così come sono. La ricerca del riconoscimento è la ricerca di apprezzamento, rispetto, e amore. Riconoscimento coinvolge “conoscere o riconoscere”.

Chi può soddisfare questo desiderio in noi?

Se cerchiamo il riconoscimento dalle persone, accadrà sempre che saremo delusi. Questo riconoscimento è spesso collegato a determinate condizioni.

Sarò preso in considerazione se:

    Mi comporto in un certo modo
    Faccio quello che ci si aspetta da me
    se mi adeguo
    più faccio
    più possiedo

La società di oggi funziona secondo il principio della prestazione. Le persone sono valutate in base alla loro prestazione e questo giá inizia all’asilo e a scuola. Ecco perché i bambini si stanno già chiedendo: cosa devo fare per essere visto?

Spesso dobbiamo, indossare maschere e non possiamo essere ciò che siamo realmente. L’intero sistema porta al pensiero prestazionale, a fare sempre di più per ottenere il riconoscimento. Ci confrontiamo con gli altri.

L’impegno per essere visti può anche portarci al perfezionismo. Quindi siamo guidati, vogliamo rendere tutto perfetto, vogliamo sempre essere migliori e non vogliamo più fare errori.

È così che rendiamo la nostra immagine di noi stessi, la nostra autostima dipendente dalle opinioni e dalle valutazioni delle persone. Diventiamo una palla da gioco, siamo manipolabili e facilmente vulnerabili.

Conosco molto bene il pensiero prestazionale e il perfezionismo. Per molti anni nella mia vita, ho vissuto secondo questo principio. Ho sempre voluto piacere a tutti ed è stato difficile per me dire “no”.

Nel corso del tempo sono diventata sempre più insoddisfatta, internamente vuota e intrappolata perché mi sono resa conto che non è mai abbastanza e non sarà mai abbastanza.

Quando sono arrivata alla fede e ho conosciuto Gesù, mi sono resa conto che stavo cercando sempre il riconoscimento nel posto sbagliato.
Ciò che Dio pensa di te è molto più importante di ciò che gli altri pensano di te-

Dio mi conduce alla libertà, l’amore di Dio per me è incondizionato. Sono preziosa, unica e non ho bisogno di confrontarmi con nessuno. Sono un figlio di Dio, creata a sua immagine. Dio mi ama così come sono, indipendentemente da ciò che faccio o non faccio. Dio non mi lascia mai sola, è sempre con me. Lui è lì, in ogni circostanza posso venire da lui. Mi guarda con uno sguardo amorevole, anche se faccio errori.

Dio è colui che “mi conosce” meglio perché è il mio creatore. In sua presenza posso essere quella che sono veramente. Mi vede e sa tutto di me. Mi ama con i miei errori e debolezze.



“Signore, mi vedi,
    mi conosci fino in fondo.
2 Che io sia seduto o in piedi, lo sai
    da lontano puoi vedere cosa penso.
3 Che vada o menti, mi vedi
    tutta la mia vita ti è conosciuta
4 Anche prima di iniziare a parlare
    sai cosa voglio dire
5 Mi circondi da tutti i lati
    e tieni la tua mano protettiva su di me
6 Che mi conosci così bene va oltre la mia comprensione;
    è troppo alto per me, non riesco a capirlo! Salmo 139: 1-6

“Mi hai creato con il mio cuore più intimo,
    Mi hai formato nel grembo di mia madre.
14 Signore, grazie per quello
    che mi hai reso così meraviglioso e unico!
Tutto ciò che hai creato è fantastico –
    Lo riconosco!
15 Appena ho preso la copertura in segreto,
ancora invisibile, formata ad arte nel grembo di mia madre [b],
    Non ero nascosto da te comunque.
16 Quando stavo appena iniziando
    mi hai già visto “Salmo 139: 13-16

“Quanto sono schiaccianti i tuoi pensieri per me, o Dio,
    ce ne sono così tanti!
18 Sono più numerosi della sabbia sul mare;
    se volessi contarli tutti, non finirei mai ”Salmo 139: 17-18


Con Dio, il mio bisogno di riconoscimento, apprezzamento, amore si adempie in un modo che nessuno potrebbe mai soddisfare.

Questa conoscenza di essere accettata incondizionatamente da lui, avendo tutto ciò di cui ho bisogno in lui, rafforza la mia autostima e la mia immagine di me. Con questa certezza voglio uscire nel mondo, togliermi le maschere e vivere nell’identità di figlia di Dio. Non devo più adattarmi, andare ovunque e fare tutto solo per essere riconosciuta, posso autenticamente sostenere i miei valori indipendentemente da ciò che gli altri dicono o pensano.

Non voglio più vivere per piacere alla gente, ma per piacere a Dio. In tal modo il perfezionismo e il pensiero performativo devono cedere e al posto di loro serenità e pace entrano nella mia vita.

“Io e Dio” – siamo sempre la maggioranza .

Citazione di Debora Sommer: “Sono grato di apprendere che non sono definito dalla mia prestazione ma dalla mia relazione con il Creatore”


Cos’altro puoi dire? Se Dio è per noi, chi può essere ancora contro di noi?” Romani 8.31

Radici

Lesedauer 3 Minuten

Le radici di un albero non si vedono, ma sono della massima importanza per la crescita e la prosperità. Le radici sono il solido fondamento dell’albero, il fondamento. Si forma un’intera rete che si diffonde sempre più in profondità in diverse direzioni sotterranee. , Quando vado a fare una passeggiata nella foresta vedo molti alberi enormi e grandi. Molti sono forti e saldi in ogni condizione atmosferica. Tempesta, maltempo, caldo o freddo non possono danneggiarli, nulla può spazzarli via così rapidamente. Per diventare così forte, l’albero ha bisogno di radici profonde che si estendono in profondità nella terra. Attraverso queste radici, assorbe i nutrienti e l’acqua di cui ha bisogno per crescere. ,

Trasferendo sulla mia vita, mi rendo conto dell’importanza delle radici in cui sono fondata. Proprio come le radici dell’albero formano sempre più rami nel tempo, così è nella mia vita.

Dove sone le mie radici?

  • L’ambiente: il luogo in cui sono cresciuta e il luogo in cui vivo oggi
  • la casa dei miei genitori, i valori della mia famiglia che ho imparato, esperienze positive e negative
  • la mia famiglia, marito, figli
  • relazioni
  • Esperienze che ho avuto
  • fede in Dio – essere a casa in Dio
  • famiglia spirituale

È importante, molto utile e istruttivo per me dare un’occhiata più da vicino a dove ho messo radici nella mia vita. In questo modo posso conoscere meglio me stessa, comprendere meglio il mio comportamento e i miei schemi di pensiero, lasciare ciò che non è buono e allungarmi e andare di nuovo in profondità, come le radici dell’albero, e quindi continuare a crescere e produrre nuovi frutti.

Personalmente voglio avere le mie radici sempre più nell’amore di Dio, un amore che supera ogni cosa. Un amore così profondo che posso approfondirlo per tutta la vita e tuttavia non lo capirò mai del tutto. Sono protetta e ancorata nel suo amore. Mi guida attraverso ogni tempesta . Voglio continuare a crescere verso di lui, la sua presenza è la mia casa, dove sono al sicuro. Non sono un’unica radice, ma una rete di radici insieme ai miei fratelli e sorelle. Nel suo amore siamo una comunità e insieme siamo forti. Come una foresta è formata da più alberi che si rafforzano a vicenda, anche noi abbiamo bisogno l’uno dell’altro.

Ulrike Nägele

Versetti della Bibbia:

Ed ora, come avete ricevuto Gesù Cristo, il Signore, così pure vivete con lui. 7 Tenete le vostre radici in lui, finché sia lui a costruire la vostra vita e a fortificarvi nella fede esattamente come vi è stato insegnato. E siate grati a Dio per ogni cosa.

“. affinché Cristo abiti nei vostri cuori per mezzo della fede, perché siate profondamente radicati e fondati nell’amore. 18 Così voi, insieme con tutti i santi, potrete conoscere e capire l’ampiezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità 19 dell’amore di Cristo, che supera qualsiasi conoscenza umana. Allora, finalmente, sarete ripieni di Dio stesso. 20 Sia gloria a Dio che tramite la sua straordinaria potenza che agisce dentro di noi, puo fare infinitamente di più di cio che noi domandiamo o pensiamo. 21 A lui sia la gloria nella chiesa e in Gesù Cristo, per tutte le generazioni in ogni tempo. Ame Epheser 3,17-21

Poesia di Herrmann Traub:

Voglio essere forte come un albero.
  Niente dovrebbe abbattermi così in fretta
  cosa mi ostacola
  Voglio essere fermo come un albero.
  Niente dovrebbe rimandarmi così in fretta
  dalle mie decisioni.
  Molto più forte di un albero
  può essere la tua fiducia.
  Molto più solido di un albero
  possono essere le tue decisioni
  se fai affidamento sul Signore
  che ha fatto il cielo e la terra.

Ti auguro

Non che tu sia l’albero più bello che si erge su questa terra.
 Non che brilli anno dopo anno dai fiori di ogni ramo.
 Ma che ogni tanto si apre un ramo,
 che ogni tanto qualcosa di bello abbia successo, una parola d’amore trova un cuore,
 Ti auguro questo.
 Non che tu cresca alto come un albero, così forte e immobile.
 Ma che guardi di tanto in tanto dove sono le corone e il cielo.
 Che ti fermi e smetti di correre.
 Che impari a stare in piedi e crescere come un albero.
 Perché tu non ci sei.
 Hai la forza in te che è anche nell’albero:
 Il potere di crescere.
 Sei ancora chiamato a qualcosa.
 Stai fermo. Guarda in alto
 e senti il ​​potere di Dio
 che vuole crescere in te.
 Non ti auguro
 che sei “libero” e senza persone sole in tutto il paese.
 Vi auguro amici, utili e inquietanti,
 quelli di cui hai bisogno e quelli che hanno bisogno di te.
 Ti auguro
 che trovi una presa come un’edera, su un tronco solido,
 e hai la forza di essere una tribù per coloro che dovresti portare

Buon natale

Lesedauer < 1 Minute

Cari amici e lettori

Auguro a tutti un felice Natale

Gesù è nato, il Salvatore e Redentore del mondo, per ogni persona che accetta questo dono nel suo cuore per se stesso .

Auguro a tutti noi di essere stupiti dal miracolo della nascita di Gesù e di dargli spazio nei nostri cuori, di riconoscere gli effetti del suo arrivo per il mondo e per noi personalmente. Possa Gesù trovare un posto nel nostro cuore in cui viverci e illuminarci con la sua luce

” Sono venuto nel mondo come una luce che chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre” John 12,46

Io auguro a noi tutti di essere felici per il dono del suo amore, della sua grazia, della sua pace. La gioia dovrebbe riempirci perché Dio ci ama così tanto .

“E l’angelo disse loro: Non abbiate paura! Ecco, vi proclamo una grande gioia che accadrà a tutti.” Luke 2,10

“Poiché un bambino è nato per noi, un figlio ci è stato dato e il regno si basa sulla sua spalla e il suo nome è chiamato : Consigliere meraviglioso, Dio forte, padre dell’eternità, principe della pace ” Luke 2,14

Spero che la nostra fede diventerà sempre più forte e cresceremo nella conoscenza dell’amore di Dio per noi.

” Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare al figlio unigenito in modo che chiunque credesse in lui non avrebbe perso va, ma ha la vita eterna ” John 3,16

Zitat von Angelus Silesius

Angelus Siselius E sarebbe nato Cristo mille volte a Betlemme e non in te: te saresti perso per sempre.

Dio fa cose straordinarie attraverso la gente comune

Lesedauer 5 Minuten

Leggendo la storia di Natale nella Bibbia, quest’anno in particolare Maria, la madre di Gesù, mi ha commosso e ho pensato alla sua persona e al suo ruolo nel grande piano di Dio.

Cosa leggiamo di Maria nella Bibbia?

Maria era una ragazza normale di Nazareth. Era una casalinga ed era fidanzata con il falegname Josef. Era cresciuta in cattive condizioni. Aveva sogni e progetti come molte altre ragazze di quell’età. Un giorno l’angelo del Signore le apparve con un saluto e le disse che sarebbe rimasta incinta e avrebbe dato alla luce un figlio a cui avrebbe dovuto dare il nome di Gesù. Questo Gesù sarà grande e sarà chiamato il Figlio dell’Altissimo e il suo regno non perirà mai. Possiamo immaginare quanto Maria debba aver paura. Probabilmente era molto spaventata. L’angelo le disse:

“Non aver paura, perché hai trovato grazia in Dio.” Luca 1:30

Dato che Maria era ancora vergine, chiese all’angelo come potesse accadere tutto ciò. Rispose l’angelo

“Lo Spirito Santo verrà su di te e il potere dell’Altissimo ti adombrerà. Perciò il bambino che partorirai sarà santo e sarà chiamato il Figlio di Dio ”Luca 1,35

Le raccontò di Elisabeth, che era incinta nella sua vecchiaia ed era ora al sesto mese.

“Perché con Dio nulla è impossibile” Luca 1,37

Quando leggo la storia, sono particolarmente commosso dalla risposta di Maria. Lei rispose:

“Sono la serva del Signore e mi inchino alla sua volontà. Possa tutto ciò che hai detto diventare realtà e succedere a me. ”Luca 1:38

Maria fu scelta da Dio, sebbene non avesse nulla di speciale da mostrare, agli occhi della società in quel momento sembrava certamente inadatta a svolgere un compito importante per Dio. Era giovane, povera e una donna.

Quali sono le caratteristiche di Maria che hanno portato Dio ad attuare il suo piano attraverso di lei?

    Maria era una credente, conosceva e viveva le scritture dell’Antico Testamento e conosceva le predizioni dei profeti sulla nascita di Gesù.

“Perciò il Signore stesso ti darà un segno: ecco, una vergine è incinta e darà alla luce un figlio, che chiamerà Emmanuele. “Isaia 7.14

Quando Gesù nacque nella stalla di Betlemme e i pastori vennero da Maria e Giuseppe e dissero che avevano ricevuto il messaggio dall’angelo che questo bambino era il promesso Salvatore e Messia, Maria non aveva dubbi.

“Ma Maria ha tenuto tutte queste cose nel suo cuore e spesso ci ha pensato” Luca 2:19

    Maria si fidava di Dio
    Maria era disposta a rendersi disponibile a Dio
    Maria aveva amore per Dio
    Maria era obbediente
    Maria aveva un sì al piano di Dio per la sua vita
    Maria era una serva di Dio
    Maria era piena di sacrificio e devozione
    Maria era leale
    Maria aveva paura di Dio
    Maria era umile

Maria si rese conto che Dio avrebbe fatto grandi cose per tutta la vita, eppure non era orgogliosa o arrogante. Maria sapeva che questa storia non riguardava lei, ma qualcosa di molto più grande. Non si considerava speciale, non aveva una speciale posizione onoraria, era consapevole che anche lei era una persona che aveva bisogno di un Salvatore. Maria stessa dà ogni onore, adorazione, ammirazione, lode, adorazione al suo Dio. Questo è espresso nel suo canto di lode a Dio:

“La mia anima elogia la grandezza del Signore / e il mio spirito si rallegra di Dio mio Salvatore. / Perché guardava la padrona della sua domestica. / Ecco, d’ora in poi tutti i sessi mi loderanno benedetti. / Perché il potente mi ha fatto grandi cose e il suo nome è sacro. / Ha compassione di genere in genere per tutti coloro che lo temono. / Esegue potenti azioni con il braccio: / disperde che sono arroganti nel cuore; / rovescia il potente e accresce il basso. / Fa regali agli affamati e lascia i ricchi a mani vuote. / Si prende cura del suo servitore Israele e pensa alla sua misericordia / / che ha promesso per sempre ai nostri padri, Abramo e i suoi discendenti. “Luca 1, 46-55

Posso imparare da Maria che Dio vuole usare ognuno di noi e ha un compito speciale per tutti. Maria era una persona come noi, sentì il discorso di Dio e agì di conseguenza. La tua volontà era importante per far diventare realtà la chiamata di Dio per la tua vita. Oltre a lei, Dio ha chiamato molte persone comuni per realizzare cose straordinarie. Maria era importante, ma tutti sono importanti per Dio.

“Mentre stava ancora parlando, una donna in mezzo alla folla chiamò:” Felice è tua madre che ti ha dato alla luce e nutrito il tuo seno! “Ma lei rispose:” Sì, ma felici sono tutti quelli che sentono la parola di dio e ci credono”

“Quando stava ancora parlando con la gente, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori, volendo parlare con lui. Allora uno gli disse: Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e vogliono parlarti. Ma lui rispose e gli disse chi gli disse: chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? E stese la mano sui discepoli e disse: Ecco, questa è mia madre e questi sono i miei fratelli! Chiunque compie la volontà di mio Padre celeste è mio fratello, mia sorella e mia madre.” Matteo 12.46-50

Ciò che possiamo ancora imparare da Maria è la preghiera. Nella storia del matrimonio a Canaa. Quando il vino finì, Maria si rivolse a Gesù perché sapeva che poteva aiutare.

“Gesù le rispose: Donna, questa è la MIA cosa, non la tua. La mia ora non è ancora arrivata ”Giovanni 2: 4

Maria stessa non poteva fare miracoli, erano affari di Dio, ma Maria si aspettava il miracolo da Gesù:

“Parla con i servi: fa quello che ti dice” Giovanni 2: 5

Per me, Maria è un modello nella sua fede, nella sua umiltà, nella sua devozione, nella sua lealtà, nel suo sacrificio, nella sua fiducia, nella sua obbedienza, nel suo amore, nella sua volontà, nella sua umiltà, nel suo timore di Dio e nel suo sì a Dio. Niente di più e niente di meno. Mi mostra che solo Dio merita ogni culto e onore per quello che può fare in noi umani. Questo è il motivo per cui non la adoro e per me non è un intermediario o un sostenitore di Dio. Il mio mediatore e avvocato con il Padre è solo Gesù.

“Perché c’è un Dio e un intermediario tra Dio e l’uomo, vale a dire l’uomo Cristo Gesù” 1 Timoteo 2: 5

Oggi possiamo chiederci:

    Siamo pronti ad ascoltare il discorso di Dio, darci a Lui, abbiamo un sì al SUO piano nella nostra vita?
    Crediamo anche che Dio possa fare grandi cose nella nostra vita?
    Siamo pronti a renderci disponibili a Dio e ad essere obbedienti?
    Crediamo e confidiamo anche nei miracoli di Dio?
    Il nostro cuore è aperto anche all’amore di Dio?
    Siamo anche umili per fare sacrifici per Dio?
    Siamo disposti a servire fedelmente?
    Siamo pronti a sottometterci a Dio, adorarlo e lodarlo per quello che è e fa?

Dio vuole usare te e me per rendere visibile la sua gloria nel mondo.

Infine, un testo di Peter Reid:

Ogni volta che dico “Gesù, non posso farlo”, Gesù dice: “Lo so, ma io posso”. Ogni volta che dico “Gesù, non sono capace”, dice: “E allora? Io sono capace. “E ogni volta che dici:” Gesù, non sono io “, allora Gesù dice:” Non preoccuparti! Io sono “. Non dipende da te. Dipende tutto da Gesù! E la prossima volta che pensi di avere una scusa per cui Dio non può usarti, pensa alle seguenti persone che sto elencando ora: Noah si è ubriacato. Abramo era troppo vecchio. Isaac era un sognatore ad occhi aperti. Jakob era un bugiardo. Lea era brutta. Josef fu maltrattato. Mosè era un assassino – come David e Paul. Deborah era una donna giudice. Gideon era spaventato. Sansone aveva anche i capelli lunghi. Rahab era una prostituta. David era troppo giovane – a proposito, come Geremia e Timoteo. David fece finta di essere pazzo – ebbe una relazione e fuggì da suo figlio, Elia era un candidato suicida. Geremia era depresso. Isaia predicò nudo. Giona fuggì da Dio e Naomi era vedova. Giobbe perse tutto, Giovanni Battista mangiò le cavallette. Peter era arrabbiato. Johannes era giusto. I discepoli dormivano mentre pregavano. Matthew era un ladro. Simeon era fanatico. Martha si è presa cura di tutto. Maria era pigra, Maria Magdalena era ossessionata dai demoni. Il ragazzo con il pesce e il pane era sconosciuto – fino ad oggi. Il samaritano dormiva con diversi uomini. Zaccheo era troppo piccolo. Paul era solo. Markus si arrese. Timoteo aveva un’ulcera e Lazzaro era morto. Qual è la tua scusa? Per favore, dammi un’altra ragione per cui Dio non può usarti? Dio ti vuole e può usarti! Certamente non perché sei così grande. Ma perché ti ha dato una nuova vita: E questo è Cristo in te. E dalla sua forza puoi imparare a vivere.

Fede – una relazione che può essere vissuta

Lesedauer 3 Minuten

Per me, la fede non ha nulla a che fare con l’obbedienza alle regole, la coltivazione di tradizioni e doveri religiosi, piuttosto è una relazione con Dio. Non ho a che fare con un dio che mi guarda da lontano dal cielo o il quale frequento una volta alla settimana in chiesa. L’ho vissuto come un Dio vivo nel mio cuore. Lui è con me ogni giorno, in ogni situazione. Un Dio che mi ama incondizionatamente, che mi ha guarito e mi ha liberato da ogni colpa. È la mia fonte di forza, con la quale posso fare rifornimento, l’acqua viva che spegne la mia sete e il mio desiderio più profondo, il pane che mi nutre.

Ogni relazione ha bisogno di cure e nutrimento per sopravvivere. Non è diverso nel rapporto con Dio. Ogni giorno voglio prendere una nuova decisione per vivere la relazione e crescere in essa. Più cresco nel mio rapporto con lui, meglio conosco me stessa, perché Dio è il mio creatore. Più approfondisco il suo amore e mi permetto di essere adempiuto da lei, più cresco nelle mie relazioni con i miei simili e riesco a incontrarli con questo amore. Vorrei condividere con voi alcuni punti che mi aiutano a coltivare e rafforzare la mia fede.


Tempo tranquillo con Dio:

Prendo una certa quantità di tempo al giorno in cui posso essere indisturbata e leggere la Bibbia e pregare. Dio mi parla attraverso la sua parola e riempie i miei pensieri di amore e verità.

“Proprio come la pioggia e la neve cadono dal cielo e non ritornano lì, ma idratano la terra e la rendono fertile e lascia che cresca seminando e mangiando pane, così la parola che viene dalla mia bocca dovrebbe inoltre: non tornerà vuoto a me, ma farà ciò che mi piace e riuscirà a ciò a cui lo invio. Perché dovresti uscire con gioia ed essere guidato in pace ”. Isaia 55.10

la preghiera:

Parlo con Dio ogni giorno. Lo lodo, lo ringrazio per tutto ciò che fa per me, posso affidargli tutto: i miei desideri, la mia gioia e anche le mie preoccupazioni e paure. Prego con le mie stesse parole, proprio come sono nel mio cuore. Non ho bisogno di una lingua speciale. Se non ho le parole, prego per esempio i salmi o il padrenostro, la preghiera che il Signore ci ha insegnato.

E questa è la fiducia che abbiamo in Dio: se chiediamo qualcosa secondo la sua volontà, ci ascolta. Filippesi 4: 6-7

lode:

La lode è un ottimo modo per venire alla presenza di Dio. La lode non è solo musica. La lode è comunicazione con Dio. Lodo Dio per quello che è e per quello che ha fatto per noi umani. Quindi distolgo lo sguardo dalle preoccupazioni e dalla vita di tutti i giorni e guardo la gloria e la grandezza di Dio.

Le mie labbra e la mia anima, che hai redento, dovrebbero essere felici e cantarti lodi. Salmo 63, 4-5

communitá cristiana

La communitá è importante per me ricevere insegnamenti, ma soprattutto a causa dello stare insieme e dello scambio con i miei fratelli e sorelle.


Perché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono tra questi. Matt. 18.20

gratitudine:

Essere grati in ogni situazione, anche vedere il buono in situazioni difficili, mi aiuta a mantenere la pace. C’è sempre qualcosa per cui posso essere grata, anche se ciò che potrei desiderare non sempre accade. Ciò che mi aiuta è un diario di preghiera in cui scrivo le risposte alla preghiera e le esperienze con Dio. Quindi ricordo ancora molte cose dopo che altrimenti avrei dimenticato.

“Loda il Signore, anima mia, e ciò che è in me, il suo santo nome! Lodate il Signore, anima mia, e non dimenticate ciò che vi ha fatto del bene ”Salmo 103, 1-2


Servire, fare del bene:

Se posso aiutare qualcuno con i miei soldi o il tempo che investo, mi rende sempre più felice. Se posso essere coinvolto nella comunità in ciò che mi diverte, per esempio. al servizio dei bambini, mi avvantaggio e continuo a imparare.

Dare è più felice che prendere. ”(Atti 20:35)

Un’altra cosa che mi piace fare è fare una passeggiata con Dio, mi godo la natura meravigliosa, mi riposo e parlo solo con Dio.
Cosa ti aiuta a nutrire la tua fede? Gradirei commenti con le tue esperienze!
Dio ti benedica!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: