Cambio di prospettiva

Lesedauer 3 Minuten

Nella nostra vita guardiamo a diverse circostanze, situazioni dalla nostra prospettiva. A volte le nostre opinioni sono impantanate, siamo convinti di qualcosa e il nostro punto di vista è solo unidirezionale. Ma spesso abbiamo bisogno di una nuova prospettiva, qualcosa che ci aiuti a vedere le cose sotto una luce diversa.

Pochi giorni fa abbiamo celebrato la Pasqua, la risurrezione di Gesù. Questo evento è stato un tale cambio di prospettiva. Quel giorno l’oscurità divenne luce, la sconfitta divenne vittoria e la morte divenne vita. Dopo la sua risurrezione, Gesù apparve e incontrò diverse persone. L’incontro con il risorto ha rivelato la prospettiva di Dio su ciò che stava accadendo loro.

C’erano Maria Maddalena e Maria, la madre di Giacomo, che piangevano presso la tomba vuota. Erano pieni di tristezza e paura. Pensavano che Gesù fosse morto finché non lo incontrarono nelle sembianze di un giardiniere.

Leggiamo anche dei due discepoli Cleopa e il suo amico, che stavano tornando a casa da Gerusalemme a Emmaus quando incontrarono Gesù nella loro delusione e disperazione. Fu solo quando spezzò il pane con loro che lo riconobbero. Allo stesso modo è apparso ai suoi 11 discepoli, che hanno lasciato la tomba inorriditi e terrorizzati (Marco 16.8). Si è mostrato loro nel mezzo della loro disperazione.

Tommaso, uno dei discepoli, era in una prospettiva di dubbio e incredulità. Fu solo quando pose le mani sulle ferite di Gesù che poté credere.

Anche Pietro ha avuto un incontro con Gesù. Aveva calunniato Gesù tre volte e si sentiva un fallito. Nonostante la sua debolezza, Gesù gli si avvicinò e gli fece la stessa domanda tre volte: “Simon Pietro, mi ami?”

Anche Saul ha sperimentato un cambio di prospettiva sulla strada per Damasco. Era un acerrimo nemico e persecutore dei cristiani finché all’improvviso una luce brillò intorno a lui e udì la voce di Gesù, che stava perseguitando. È stato un evento che ha cambiato la sua vita. Divenne Paolo, che con grande zelo predicava la buona notizia tra il popolo e divenne un credente dei cristiani.

Un incontro con Gesù trasforma e ti dà una nuova prospettiva. Non solo allora, anche oggi, Gesù vuole incontrare me e te, nella nostra quotidianità, nelle nostre circostanze e situazioni di vita. Gesù è risorto, vive. Ci ha amati per primo e fa sempre il primo passo verso di noi umani. Vuole starci vicino, incontrarci. Dimostra il suo amore quando è morto sulla croce per il nostro peccato. Tramite il suo sacrificio siamo riconciliati con Dio e tramite la sua risurrezione abbiamo la vita eterna. Dio dà una nuova prospettiva. Tristezza e delusione diventano gioia, dove la disperazione regna la speranza sorge. Il dubbio e l’incredulità devono cedere, nasce una nuova convinzione. Nel fallimento e nella debolezza Dio porta nuova forza, l’odio è vinto dall’amore.

Possiamo porci le seguenti domande:

  • Dove o in quale area della mia vita provo delusione o tristezza, dove ho bisogno di nuova gioia?
  • Dove vivo in disperazione, dove ho bisogno di una nuova speranza? Dove sono bloccata nel dubbio o nell’incredulità e ho bisogno di una nuova fede?
  • Dove mi sento debole e fallita e ho bisogno di nuova forza?
  • Dove ho bisogno di un amore che vinca tutto l’odio?
  • Dove è morto qualcosa in me e ha bisogno di essere riportato in vita?
  • Dove vedo la fine e ho bisogno di un nuovo inizio?
  • Non importa cosa sia e di cosa abbiamo bisogno, è esattamente dove Gesù vuole incontrarci e darci una nuova prospettiva, la prospettiva di dio.

Questa nuova prospettiva, questo amore di Dio nei nostri cuori trasforma la notte in giorno, porta luce in ogni oscurità, dà un nuovo inizio a ogni situazione senza speranza. Un incontro con Gesù cambia i nostri cuori. Credendo in lui diventiamo figli di Dio e il suo spirito vive e opera in noi. In tal modo diventiamo portatori del suo amore e come figli della luce possiamo trasmettere il suo amore e la sua luce ai nostri simili. Possiamo parlare di Gesù, pregare per le persone, vivere la carità in modo che molte più persone possano incontrare Gesù.

Citazione: “Ma quando Gesù si alzò presto il primo giorno della settimana, apparve per la prima volta a Maria Maddalena, dalla quale aveva scacciato sette spiriti maligni” (Marco 16: 9); Un altro passaggio biblico in Giovanni 20: 11-18

Citazione: “Ed essi vennero da lui, gli presero i piedi e caddero davanti a lui.” (Matteo 28: 1-10)

Citazione: “Mentre parlavano e discutevano l’un l’altro, Gesù si avvicinò e andò con loro” (Luca 24: 13-35)

Citazione: “I discepoli furono contenti di aver visto il Signore” (Giovanni 20: 19-23)

Citazione: “Perché mi hai visto, Tommaso, ecco perché credi” (Giovanni 20: 24-29)

Citazione: “Quando era già mattina, Gesù stava sulla riva” (Giovanni 21)

Citazione: “Alla fine anche lui fu visto da me come una nascita prematura” (1 Corinzi 15: 1-8); Un altro passaggio di Atti 9: 1-19

Il buon pastore

Lesedauer 3 Minuten

Un pastore si prende cura delle sue pecore. Conosce tutti i suoi animali. Si prende cura di loro e li custodisce, e se ne ha perso uno lo segue finché non lo ritrova. In tal modo, spesso rischia la vita. Prende in spalla la pecora smarrita e la porta a casa, al sicuro . Conduce i suoi greggi di pecore su prati rigogliosi e verso l’acqua dolce, li precede. Pascola le sue pecore e non le lascia sole. Con il suo bastone da pastore li protegge dai pericoli e dagli animali selvatici. Si prende cura delle pecore ammalate e deboli. Il pastore sa di cosa hanno bisogno le sue pecore.

Le pecore conoscono il loro pastore e lo seguono. Le pecore che hanno perso il pastore vagano disorientate. Cercano protezione, guida e direzione. Le pecore hanno bisogno di un pastore e possono contare su di lui. Con il loro pastore e nel gregge di pecore, hanno tutto ciò di cui hanno bisogno.

Ci sono pastori buoni e pessimi. Un buon pastore ama gli animali e fa bene il suo lavoro. Ogni singola pecora è importante per lui e se ne perde una, la cerca finché non la ritrova. Un cattivo pastore lavora principalmente per ottenere il suo salario; le pecore sono meno importanti per lui. Non rischia di ritrovare una sola pecora smarrita perché ne ha ancora tante nel suo gregge.

Anche noi esseri umani abbiamo bisogno di un tale buon pastore che ci conosca e che conosciamo. Ci sono situazioni, circostanze della vita in cui girovagiamo come le pecore, in cui ci sentiamo smarriti e disorientati e esposti al pericolo. Non possiamo andare oltre da soli e desideriamo ardentemente sicurezza, protezione, cura, orientamento, guida e direzione.

Ma chi è questo buon pastore e come possiamo distinguere un buon pastore da molti cattivi pastori? Nella Bibbia in Giovanni 10, 11-16, Gesù dice:

Io sono il buon pastore. Il buon pastore sacrifica la sua vita per le pecore. Un pastore che lavora solo per salario fugge quando vede arrivare un lupo. Abbandonerà le pecore perché non gli appartengono e lui non è il loro pastore. E così il lupo li attacca e disperde il branco. L’operaio pagato scappa perché è stato solo reclutato e le pecore non gli stanno davvero a cuore. Sono il buon pastore; Conosco le mie pecore e loro mi conoscono, così come mio padre conosce me e io conosco il padre. Do la mia vita per le pecore. Ho altre pecore che non sono in questo recinto. Devo portarli qui anche io e ascolteranno la mia voce; e tutto sarà un solo gregge con un solo pastore ”

Gesù è il buon pastore che si prende cura di noi e sa di cosa abbiamo bisogno. Ci conosce e ama ognuno di noi. Ognuno è prezioso e importante per lui. È il nostro fornitore che ci dà tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Lui si prende cura di noi e insegue tutti quelli che si sono persi, che non conoscono più la strada e hanno perso l’orientamento, e stanno cercando. LUI è la fonte della vita che disseta tutta la sete e la fame. Vuole sempre stare con noi. LUI è la nostra protezione dai pericoli del mondo, la nostra sicurezza, la nostra casa. E LUI lascia la sua vita per noi in modo che non ci perdiamo, ma siamo salvati.

Ci sono molti pessimi pastori nel mondo che ci portano fuori strada e non mantengono le loro promesse. Da chi vuoi essere guidato, chi vuoi seguire? Vi invito ad aprire il vostro cuore al vero buon pastore e a conoscerlo. Quindi ti fornirà tutto ciò di cui hai bisogno. Ti dà amore, sicurezza, sicurezza, protezione, cura, guida, orientamento, guida e direzione.

Il buon pastore Una canzone di David. Il Signore è il mio pastore, non mi mancherà nulla. Mi sfiora su prati rigogliosi e mi conduce a fresche sorgenti. Mi dà nuova forza. Mi guida in sicurezza e tiene fede al suo nome. Anche se attraverso valli oscure, non temo sventure, perché tu, Signore, sei con me. Il tuo bastone mi dà protezione e conforto. Mi inviti e prepari la tavola per me davanti ai miei nemici. Mi saluti come un padrone di casa suo ospite e riempi il mio boccale fino all’orlo. La tua gentilezza e il tuo amore mi accompagnano giorno dopo giorno; Posso restare a casa tua tutta la vita. Salmo 23

Custodisci il tuo cuore

Lesedauer 4 Minuten

Presta attenzione ai tuoi pensieri, perché diventano sentimenti.
Presta attenzione ai tuoi sentimenti perché diventano parole.
Guarda le tue parole, perché si stanno rivolgendo alle azioni.
Guarda le tue azioni, perché diventano abitudini.
Guarda le tue abitudini, perché diventano il tuo personaggio.
Guarda il tuo personaggio, perché diventa il tuo destino. (Proverbio cinese)

Il cuore è la sede del nostro più profondo essere interiore, emozioni, personalità e volontà. La Bibbia menziona più volte quanto sia importante proteggere, mantenere pulito il nostro cuore. Il nostro stato d’animo attuale si riflette nei nostri cuori, ciò che pensiamo, ciò che sentiamo, ciò che vogliamo.

“Come stai?” – “Come ti senti?” Sono domande che spesso ascoltiamo, ma per lo più superficialmente rispondiamo con “Bene grazie!” Ma come stiamo davvero? Siamo tristi, arrabbiati, ansiosi, arrabbiati, offesi, felici, stanchi, eccitati, rilassati, calmi, ecc. O siamo attualmente nel caos delle emozioni, cambiando le emozioni?

Con quali pensieri abbiamo a che fare? Cosa pensiamo di noi stessi, dei nostri simili, delle nostre situazioni e circostanze?

Ciò che pensiamo e sentiamo è coerente con la verità? Possiamo sempre fidarci dei nostri pensieri e sentimenti?

Dio ci ha creati con sentimenti e hanno anche compiti importanti. I sentimenti ci rendono vivi, creano vicinanza ai nostri simili umani empatizzando con loro, possono motivarci e ispirarci e farci sentire la vita. Oltre ai sentimenti positivi, ci sono anche sentimenti negativi che possono drenare e deprimerci. Può succedere che ci sentiamo depressi e deboli e spesso non sappiamo davvero perché. È quindi importante prestare attenzione ai nostri pensieri e sentimenti, poiché questi influenzano la nostra vita. I sentimenti negativi derivano da pensieri negativi o sbagliati che abbiamo precedentemente lasciato entrare nei nostri cuori. Pertanto non aiuta a sopprimerli, è meglio accettare questi sentimenti e osservare quali fonti hanno.

La scorsa settimana ho scritto di come diventiamo una nuova persona attraverso Cristo, acquisiamo una nuova identità. Se accettiamo il Suo amore, diventiamo figli di Dio e lo Spirito Santo dimora in noi. Come figli di Dio, non abbiamo più bisogno che i nostri sentimenti ci determinino, ma siamo guidati dallo Spirito Santo e viviamo per fede.

La Parola di Dio è più vera di tutti i miei sentimenti.
La Parola di Dio è più vera di tutte le mie esperienze.
La Parola di Dio è più vera di qualsiasi altra condizione di vita in cui possa entrare.
La Parola di Dio è più vera di qualsiasi altra cosa al mondo.

Perché i nostri sentimenti possono ingannarci. Sono volatili, mutevoli, vanno e vengono. I nostri sentimenti spesso non sono veri. I sentimenti non sono una buona guida. Dipendono da molti fattori e circostanze esterne. Il tempo, la cattiva alimentazione, il sonno insufficiente, il comportamento di altre persone possono influenzare il nostro stato emotivo. Quindi dobbiamo scegliere di fare la cosa giusta, non importa come ci sentiamo.

Anche Gesù provava dei sentimenti. Era arrabbiato quando i mercanti si radunarono nel tempio e trasformarono la sua casa di preghiera in una grotta per rapinatori. Era arrabbiato quando parlava con i farisei e gli scribi che vivevano nella legge. Era triste quando il suo amico Lazzaro morì e deluso dall’incredulità dei suoi successori. Quando il suo pioniere Giovanni Battista fu decapitato, colpì Gesù nel cuore. Nel giardino del Getsemani, poco prima della sua crocifissione, Gesù ebbe paura e si rattristò a morte. Possiamo solo immaginare come si deve aver sentito Gesù quando fu calunniato da Pietro e tradito da Giuda. In tutto ciò, aveva sempre guardato il suo Padre celeste e goduto della comunione con Dio. La mattina presto saliva da solo la montagna per pregare. Quando lo Spirito Santo riempì Gesù, fu gioioso. Esultò nello spirito. Ha trovato gioia alla presenza di Dio. Gli piaceva servire le persone e compiere la sua missione.

Se Gesù avesse sempre fatto affidamento sul suo sentimento, non sarebbe stato in grado di eseguire il piano di Dio, ma poiché era guidato dallo Spirito di Dio e guardava la volontà del Padre, poteva prendere le giuste decisioni.

“Padre, se vuoi, prendi questo calice da me; ma non mio, ma la tua volontà sarà fatta! ”Luca 22:42


Ci sentiamo meglio quando i nostri pensieri concordano con la volontà di Dio, quando mettiamo alla prova i nostri pensieri contro la Parola di Dio.

“Ma se viene, lo spirito della verità, ti condurrà in tutta la verità” Giovanni 16:13

“Il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, gentilezza, fede, mansuetudine, castità”


Lo Spirito Santo dà fede e guarisce il mondo emotivo. Siamo felici delle cose che rendono felice Dio e siamo tristi per tutto ciò che rende Dio triste.

Contrariamente ai nostri sentimenti, la Parola di Dio è costante. Possiamo sempre contare su questo.

Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
“… ma la parola del Signore rimane per sempre.” Matteo 24:35

“L’erba appassisce, il fiore svanisce, ma la parola del nostro Dio rimane per sempre.” Isaia 40: 8

La verità di Dio non cambia mai. Possiamo scegliere di parlare dei pensieri di Dio sulla nostra vita, i nostri simili e le nostre circostanze e di credere e confidare nelle sue promesse più dei nostri sentimenti.

“Perché so bene quali pensieri ho di te, dice il Signore: pensieri di pace e non sofferenza per darti futuro e speranza.” Geremia 29:11


Possiamo permettere ai nostri pensieri e sentimenti, identificarli, portarli a Dio e viverli secondo la sua volontà. Dio conosce il nostro cuore e ogni pensiero.

“Esplora me, Dio, e riconosci il mio cuore, mettimi alla prova e riconosci i miei pensieri.
Mostrami se sbaglio e guidami alla vita eterna ”. Salmo 139: 23-24

“Le tue istruzioni sono mia cara, mi riempiono il cuore di gioia. Sono determinato a mantenere i tuoi ordini fino alla fine della mia vita. ”Salmo 119,111-112

“Dovreste togliervi la vita vecchia come vecchi vestiti. Non seguire le tue passioni che ti fuorviano e ti distruggono. Lasciati cambiare nel tuo modo di pensare e riallineati internamente. Attrae nuova vita mentre indossi nuovi vestiti. Ora sei diventato una nuova creatura, che Dio stesso ha creato a sua immagine. Fai sapere a tutti che ora appartieni a Dio e vivi come piace a lui ”Efesini 4: 22-24


La fede non è un sentimento, ma una decisione.


“Ma la fede è una ferma fiducia in ciò che si spera e un non dubitare in ciò che non si vede” Ebrei 11: 1


Non dobbiamo seguire i nostri sentimenti, i nostri sentimenti devono seguire la nostra fede.



Affidati al Signore con tutto il tuo cuore e non fare affidamento sulla tua comprensione, ma ricordalo in tutti i tuoi modi, ti guiderà correttamente ”. Proverbi 3: 5-6

“E la pace di Dio, che supera tutta la mente, manterrà il tuo cuore e i tuoi pensieri in Cristo Gesù!” Filippesi 4: 7

Pasqua

Lesedauer < 1 Minute

La notte si trasforma in giorno

l’oscurità in luce,

la tomba è vuota,

Gesù dice:

“Sono la risurrezione e la vita. Chiunque crede in me vivrà anche se muore. ”Giovanni 11:25


La disperazione si trasforma in speranza

la debolezza diventa forza,

Gesù ci porta perdono e riconciliazione,

parla sulla croce:


“Tutto é compiuto” Giovanni 19:28

Il dolore si trasforma in gioia

la fine in un nuovo inizio,

la sua morte porta vita

Il piano di Dio fin dall’inizio.

“Poiché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita in Cristo Gesù, nostro Signore.” Romani 6:23

La via è chiara perché Gesù vive

in sua presenza e amore

tutta la nostra sofferenza passa

ha portato tutti i nostri pesi e malattie,

pieno di umiltà e senza lamentele.

“Il Padre ci ha salvato dal regno delle tenebre e ci ha messo nel regno di suo figlio, il suo amore, in cui abbiamo redenzione, attraverso il suo sangue il perdono dei peccati.” 1 Colossesi 1, 13-14

La via è chiara alla presenza di Dio,

il suo amore ha vinto.

Il potere del nemico si spezzò in due,

Gesù ha vinto il male.

Niente e nessuno può separarci dal suo amore adesso

la relazione ripristinata.

Se crediamo in lui nella fede,

superiamo il mondo insieme a lui.

Il suo regno rimane per sempre.

Volgiamo i nostri cuori a lui

L’amore di Dio non finirà mai

e trasformerà tutto per il bene.

Ha fatto tutto questo per grazia,

per tutti coloro che accettano il dono dal cuore con fede.

“Perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo figlio unigenito in modo tale che chiunque crede in lui non sia perduto, ma abbia la vita eterna. Giovanni 3:16

Sii grato in tutte le cose

Lesedauer 4 Minuten

Gratitudine cambia la prospettiva della vita. La gratitudine è uno stile di vita che possiamo praticare e allenare. C’è sempre, in ogni situazione, in ogni circostanza, in ogni crisi, almeno una ragione per cui possiamo essere grati. Possiamo prendere coscienza di ciò per cui tutti possiamo essere grati. Nulla può essere dato per scontato, tutto è un dono.

La gratitudine è abbastanza umile da ricevere qualcosa. L’orgoglioso prende solo ciò che gli è dovuto. Si rifiuta di ricevere un regalo. (Dietrich Bonhoeffer)

La Bibbia ci insegna ad essere grati, non solo quando sperimentiamo cose buone, ma anche in difficoltà . Un simile atteggiamento ci aiuta a gestire meglio le crisi e ad emergere più forti da esse. Quindi non circondiamo più il problema con i nostri pensieri, ma cerchiamo un significato per ciò che può derivare da questa situazione. Quindi ci sono diversi modi per gestire ciò che ci accade. Possiamo lamentarci, essere insoddisfatti, sentirci vittime e sprofondare nell’autocommiserazione. L’altra possibilità che abbiamo è di porsi le seguenti domande:

    Cosa vuole mostrarmi questa situazione?
    Cosa posso imparare da essa?
    Per cosa sono grato in queste circostanze?
    Cosa mi dà speranza?
    Cosa può essere buono, quali sono le opportunità?

Mi piace la storia nella Bibbia di Paolo e Sila in prigione:

“Dopo essere stati picchiati molte volte, i colonnelli li hanno mandati in prigione e hanno ordinato alla guardia di tenerli al sicuro. A questo comando, bloccò entrambi nella cella più interna e chiuse i piedi nel blocco.

Era circa mezzanotte quando Paolo e Sila pregarono e lodarono Dio. Gli altri prigionieri ascoltarono. All’improvviso la terra tremò così violentemente che persino le basi della prigione furono scosse. Allo stesso tempo, tutte le porte si aprirono e le catene caddero da tutti i prigionieri.
La guardia carceraria si è svegliata dal sonno. E quando vide aprire le porte della prigione, estrasse la spada e voleva uccidersi, pensando che i prigionieri fossero fuggiti.
Ma Paulo gridò più forte che poté: “Non farti del male! Siamo ancora tutti qui! ”La guardia chiese la luce, precipitò in prigione e tremò a terra davanti a Paolo e Sila.
Poi li condusse fuori e chiese: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Dissero: “Credi in Gesù, il Signore! Allora sarai salvato e tutta la tua famiglia con te. “
E proclamarono il messaggio del Signore a lui e a tutti coloro che vivevano nella sua casa. La guardia carceraria prese Paulo e Silas la stessa notte e lavò le loro strisce di sangue. Quindi fu battezzato con tutti coloro che vivevano nella sua casa. Quindi condusse i due a casa sua e fece sistemare il tavolo per loro. Lui e tutti coloro che gli appartenevano erano felicissimi di aver trovato fede in Dio. “Atti 16: 23-40


Paulo e Silas erano in prigione buia e avevano tutte le ragioni per essere disperati, lamentarsi, lamentarsi e perdere la speranza. Invece, hanno elogiato e ringraziato Dio e gli hanno cantato delle canzoni. Non guardarono alle loro circostanze, ma a Dio. Probabilmente hanno ringraziato Dio per quello che aveva fatto nella loro vita e hanno ricordato le sue promesse. Grazie alla loro gratitudine e lode, i loro cuori erano vicini a Dio e quindi avevano pace e fiducia. Dio stesso era la ragione della loro gioia. Erano fortemente collegati a Dio, avevano fiducia. La sua convinzione era così grande che un forte terremoto liberò persino i legami dai suoi piedi. La fede ha quindi cambiato non solo il loro atteggiamento, ma anche le circostanze. Sei stato rilasciato. E quello che penso sia la cosa migliore della storia è che Paulo e Silas non solo si sono aiutati attraverso i loro atteggiamenti, ma hanno anche toccato la guardia carceraria. Sperimentò la salvezza attraverso la testimonianza dei due e arrivò a credere in Gesù.

Nei momenti difficili, sono particolarmente grata di avere Gesù al mio fianco, di non dover affrontare le situazioni da sola. Essere una figlia di Dio e poter vivere in relazione con lui è il dono più grande della mia vita. Mi dà sostegno, conforto e il coraggio di andare avanti. Il suo amore mi porta e non mi lascia mai sola. Dà speranza in ogni situazione.
Quando guardo indietro, sono grata per i momenti difficili. Perché proprio in questi tempi Dio mi è stato molto vicino e il rapporto con lui è cresciuto.
Quindi non vedo più la crisi come una minaccia, no, è un’opportunità. La possibilità di prendere la mano amorevole di Dio e andare avanti con lui …

Sii sempre felice, prega incessantemente, sii grato in ogni cosa; poiché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù per te. 1. Tessalonicesi 5, 16-18
Non preoccuparti di nulla, ma in ogni caso lascia che le tue richieste nella preghiera e nella supplica siano espresse con ringraziamento a Dio! E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, manterrà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù Filippesi 4, 6-7
Sii persistente nella preghiera e guarda con ringraziamento! Colossesi 4.2
Ringrazio il Signore con tutto il cuore
e racconta tutti i tuoi miracoli. Salmo 9.2

La gratitudine cerca il donatore per il dono. Dietrich Bonhoeffer

Salmo di gratitudine (scritto personalmente)

Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il creatore del cielo e della terra, per te posso vivere. Mi hai dato la vita e posso essere tua figlia per vivere con te. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, il tuo amore mi avvolge, la tua luce mi circonda, il tuo potere mi protegge e la tua presenza veglia su di me. Mi hai creato a tua immagine per relazioni , mi hai messo di fianco persone preziose. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, tu sei il donatore di tutti i buoni doni. Mi hai dato talenti per usarli per te e per i miei simili. Sei generoso e ricco. Sei il mio fornitore in ogni momento, ti prendi cura per me sempre. Sei un Signore gentile e potente, una roccia irremovibile per sempre. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio per la tua parola, che è la verità e mi mostra la via della vita e mi riempie il cuore di gioia. Sei fedele e sei la speranza del mondo. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio, attraverso Gesù Cristo mi hai donato una nuova vita che non finirá per sempre e vincerà la morte. Gesù vive in me e lo Spirito Santo mi aiuta. Ti ringrazio mio signore e mio dio, hai pagato il mio debito, grazie a te sono libera. Nel mio bisogno più profondo eri con me e mi hai liberata dalla paura e dalla preoccupazione. Nelle sfide e nelle difficoltà sei qui e lasci che tutto si trasforma in bene. Ti ringrazio mio Signore e mio Dio che salva, redime e libera. Beato chi ha le radici nel Signore, l’Eterno Dio, perché è al sicuro con te. Alleluia, loderò sempre il Signore!

Crisi come opportunità

Lesedauer 3 Minuten

Ci sono crisi in ogni vita, che possono essere crisi personali o colpire anche interi gruppi di popolazione. Attualmente sta colpendo il mondo intero attraverso il virus corona. L’economia, il turismo e la vita sociale si sono fermi in molti paesi. Le nostre vite sono cambiate molto al momento. Dobbiamo evitare i contatti sociali per impedire la diffusione del virus. Incontri con amici, incontri, sport, festival, teatro, cinema, servizi ecc. Non sono possibili. Possiamo uscire di casa solo se è necessario, per motivi di lavoro, per lo shopping o per motivi di salute.

C’è incertezza tra le persone, nessuno sa quanto durerà la situazione e come andrà a finire. Cos’altro dovremo fare, il sistema sanitario sarà in grado di resistere, come si svilupperà la situazione economica?

Tuttavia, questo tempo rallentato ti dà anche la possibilità di mettere in pausa e riflettere su ciò che conta davvero nella vita. Possiamo concentrarci sull’essenziale, stabilire nuove priorità, ripensare. Ora i valori della nostra società delle prestazioni non contano più – più alti, più veloci, più lontano -. Perfezionismo e pressione prestazionale. Ora conta disponibilità, coesione, solidarietà, rinunciare, prendersi cura gli uni degli altri e incoraggiarsi a vicenda .

“Prendiamoci cura gli uni degli altri! Vogliamo incoraggiarci a vicenda ad amarci e incoraggiarci a fare del bene ”. Ebrei 10:24

In tempi come questi, ci rendiamo anche conto di quanto possiamo essere soddisfatti e grati per tutto ciò che abbiamo e possiamo anche pensare al nostro comportamento da consumatori. Ora che la maggior parte dei negozi sono chiusi e possiamo acquistare solo ciò di cui abbiamo veramente bisogno, molte cose non sono più necessarie. Quindi notiamo in quale abbondanza viviamo effettivamente e quanto poco effettivamente abbiamo bisogno.

“Sii grato in ogni cosa” 1. Salonicchi 5:18

Ora che non possiamo più visitare i nostri amici, coltivare una comunità, i servizi non sono più disponibili, riconosciamo ancora di più il valore di buoni rapporti e amicizie che ci costruiscono e ci fanno bene.

“L’amicizia è un dono di Dio”

Ora che tutte le scuole sono chiuse e, a seconda del lavoro, alcuni genitori non vanno al lavoro, abbiamo molto tempo per coltivare la comunità nelle nostre famiglie e pensare ad attività comuni a casa.

Con il traffico a un punto morto, possiamo già vedere un miglioramento dei valori dell’aria, la natura può rigenerarsi, a Venezia le persone sono felici per l’acqua cristallina nei canali a causa del fatto che non ci sono più navi che navigano. A Trieste i delfini nuotano fino alla riva.

Possiamo anche vedere questa crisi come un’opportunità per pensare a ciò che alla fine ci dà davvero stabilità nella vita. Su cosa stiamo costruendo le nostre fondamenta, su chi o cosa ci dà sicurezza? Cosa rimane quando si perdono cose materiali, ricchezza, finanze, salute ecc. Chi è il nostro fornitore? Tutte queste cose sono impermanenti e non hanno presa.

“Ma sappiamo che per coloro che amano Dio, tutte le cose servono al meglio” Romani 8:28:

Possiamo ricordare Dio Onnipotente, che ha creato il cielo e la terra, per lui nulla è impossibile, che è lo stesso ieri, oggi e per sempre. In tutte le nostre incertezze e preoccupazioni, possiamo fidarci di lui. È in questo momento in cui la nostra fede viene messa alla prova che vogliamo aggrapparci a Dio e confessare che Egli governa. Possiamo usare il tempo per pregare, leggere e proclamare la sua parola.

“La mia grazia è tutto ciò di cui hai bisogno. La mia forza si manifesta nella tua debolezza ”2 Corinzi 12: 9

Infine, un testo adatto che ho trovato su Internet (autore sconosciuto):

Il mondo si ferma e improvvisamente tutti abbiamo l’opportunità di ripensare le nostre vite, scoprire nuove parti in se stessi, prendere decisioni difficili e affrontare le paure … Improvvisamente le cose diventano importanti che abbiamo dato per scontato abbastanza a lungo: manca la vicinanza fisica alle persone, i contatti sociali, il privilegio di muoversi liberamente, viaggiare, una vita spensierata, sicurezza finanziaria e normalità … C’è un motivo per cui tutto è capovolto? È un grido di aiuto dalla natura che ha bisogno di una pausa da noi? Abbiamo perso il valore della vita? Devo solo ricordare ancora una volta l’importanza della nostra vita? In questa situazione eccezionale, ci conosciamo meglio e abbiamo l’opportunità di diventare un po ‘”migliori”, stabilire le priorità in modo diverso, trattare i nostri simili con rispetto e amore e, nella migliore delle ipotesi, riportare indietro i nostri bisogni …